Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Consumer memorandum 2012 n.12 bis

176 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Consumer memorandum 2012 n.12 bis

  1. 1. CONSUMER MEMORANDUM Newsletter a cura di ASSOCIAZIONE CONSUMATORI PIEMONTE Anno 3° - Numero 12 bis- Dicembre 2012 NUMERO SPECIALE LA MEDIAZIONE CIVILECos’è la mediazione civileLa mediazione civile è un sistema di risoluzione delle controversie su diritti disponibili, introdottonel nostro ordinamento con il decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28, seguito dal Decreto Ministerodella Giustizia 18 ottobre 2010 n. 180 il quale ne ha dettato la disciplina secondaria di attuazione.La procedura di mediazione civile consiste nell’attività svolta da un terzo imparziale (il mediatoreappunto) il quale aiuta le parti a ricercare un accordo per porre fine a un contenzioso insorto tra diesse.Il Decreto Legislativo 28/2010 disciplina tre tipi di mediazione: a) Facoltativa; b) Delegata; c) Obbligatoria.È facoltativa quando le parti, o una di esse, decidono spontaneamente di ricorrervi.È delegata quella che viene avviata per invito del Giudice il quale può ritenerla opportuna in basealla natura della causa ed allo stato della stessa.
  2. 2. È obbligatoria, quando la controversia ha ad oggetto una delle seguenti materie: - Condominio; - Responsabilità medica; - Contratti di locazione; - Diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di pubblicità; - Divisione; - Successioni ereditarie; - Contratti di locazione; - Sinistri stradali; - Diritti reali (per esempio: proprietà, usucapione); - Patti di famiglia; - Contratti di comodato; - Affitto di azienda; - Contratti bancari, finanziarie e assicurativi.Come funziona la mediazione civileLa mediazione viene avviata su istanza di parte e si svolge presso uno degli Organismi, pubblici oprivati, iscritti in un apposito Albo presso il Ministero della Giustizia.Nella materia finanziaria e bancaria il procedimento di mediazione si può svolgere anche presso laCamera di Conciliazione della Consob (Decreto Legislativo 179/2007) e presso l’Arbitro Bancario eFinanziario costituito dalla Banca d’Italia (art. 128 bis, Decreto Legislativo 385/93).Il Decreto Legislativo n. 28/2010 non prevede criteri di competenza territoriale. Pertanto, salvodiverso accordo delle parti, l’istante può depositare la domanda presso l’Organismo che preferisce.Per l’intero procedimento (durante il quale le parti non hanno l’obbligo di essere assistite da unavvocato) sono garantite la riservatezza e l’imparzialità del mediatore. Esso si conclude con laredazione di un verbale di raggiunta o fallita conciliazione sottoscritto sia delle parti che dalmediatore, il quale certifica l’autografia delle parti ovvero l’impossibilità di sottoscrivere.Perché ricorrere alla mediazione civileLa mediazione civile ha come obiettivo principale quello di offrire al cittadino uno strumentosemplice e veloce di risoluzione del contenzioso giudiziario civile (la durata della procedura èfissata in quattro mesi), diminuendo così il numero delle cause giudiziarie.
  3. 3. L’intervento della Corte Costituzionale sulla mediazione civileLa Corte Costituzionale, con sentenza del 24/10/2012 (ancora in attesa di pubblicazione), hadichiarato l’illegittimità, per eccesso di delega legislativa, delle norme che hanno introdotto lamedia-conciliazione obbligatoria.Questo significa che dal giorno successivo in cui tale pronuncia verrà pubblicata in GazzettaUfficiale, la mediazione civile non sarà più condizione di procedibilità per alcuna delle materiesopra indicate, con conseguente libertà delle parti di ricorrere direttamente alla giustizia ordinaria. la newsletter sulla mediazione civile è realizzata con il contributo dellaCamera di commercio industria artigianato e agricoltura di Torino ASSOCIAZIONE CONSUMATORI PIEMONTE Torino (sede nazionale) Tel. 011 4366566 – (sede provinciale) Tel. 011 4544363 Associazione Consumatori Piemonte è anche presente in Liguria (Genova - Tel. 010 2464497) Lombardia (Pavia - Tel. 331 9358564) Marche (Macerata - Tel. 0733 283726) Piemonte (Alessandria - Tel. 0131 341120; Biella - Tel. 015 8461457; Asti - Tel. 0141 598007; Vercelli - Tel. 0161 211943) Sardegna (Sassari - Tel. 079 2028053) Trentino Alto Adige (Trento - Tel. 0461 914230) Valle dAosta (Aosta - Tel. 0165 230074) Veneto (Venezia Mestre - Tel. 041 5044268)

×