Prevenzione Incendi

2,518 views

Published on

Published in: Health & Medicine, Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,518
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15
Actions
Shares
0
Downloads
144
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Prevenzione Incendi

  1. 1. INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO
  2. 2. Obiettivi didattici <ul><li>Generali: - </li></ul><ul><li>Saper individuare le condizioni in cui si può manifestare il pericolo di incendio sul luogo di lavoro. </li></ul><ul><li>Acquisire le conoscenze di base sulle misure di prevenzione degli incendi sul luogo di lavoro. </li></ul><ul><li>Conoscere le misure di protezione disponibili in azienda e saper utilizzare i presidi antincendio elementari. </li></ul><ul><li>Saper utilizzare gli specifici dispositivi di protezione individuale per la difesa dagli effetti del fuoco. </li></ul>
  3. 3. Obiettivi didattici <ul><li>Specifici: </li></ul><ul><li>Apprendere i concetti base della combustione. </li></ul><ul><li>Conoscere i principali parametri chimici e fisici del fuoco. </li></ul><ul><li>Distinguere le diverse tipologie dei combustibili e degli incendi. </li></ul><ul><li>Individuare le possibili sorgenti di innesco e le modalità di propagazione di un incendio. </li></ul>
  4. 4. LA SICUREZZA SUL LAVORO <ul><li>Il Decreto Legislativo 626.94 prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro privati e pubblici mediante l’attuazione di direttive comunitarie. </li></ul><ul><li>Il D.Lgs 626 si prefigge la valutazione, la riduzione e il controllo dei rischi per la salute e per la sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro, mediante un’azione combinata di vari soggetti per ognuno dei quali prevede obblighi e sanzioni. </li></ul>
  5. 5. I soggetti del D.Lgs 626/94 <ul><li>A)Lavoratore : persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari, con rapporto di lavoro subordinato anche speciale </li></ul><ul><li>B) Datore di lavoro : qualsiasi persona fisica o giuridica o soggetto pubblico che è titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore e abbia la responsabilità dell' impresa ovvero dello stabilimento </li></ul><ul><li>C) Servizio di prevenzione e protezione dai rischi: insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali nell’azienda, ovvero unità produttiva </li></ul>
  6. 6. I soggetti del D.Lgs 626/94 <ul><li>D) Medico Competente : specializzato in medicina del lavoro o medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o equipollente </li></ul><ul><li>E) Responsabile del servizio prevenzione e protezione : persona designata dal datore di lavoro in possesso di attitudini e capacità </li></ul><ul><li>F) Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza : persona ovvero persone, designate per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e sicurezza durante il lavoro </li></ul>
  7. 7. I soggetti del D.Lgs 626/94 <ul><li>L’incaricato è la persona designata dal datore di lavoro per l’ attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza. </li></ul>
  8. 8. Obblighi dei lavoratori <ul><li>Art.5 - Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza, della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione ed alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. </li></ul>
  9. 9. DEFINIZIONI <ul><li>PERICOLO: Il pericolo è una fonte di possibile danno fisico alle persone </li></ul><ul><li>RISCHIO. Il rischio è la probabilità che si verifichino eventi che producono danni fisici alla salute </li></ul><ul><li>LA SICUREZZA: è l’attività finalizzata a rendere minimi i rischi </li></ul>
  10. 10. La combustione <ul><li>Per combustione si intende: una reazione chimica di ossidazione, relativamente veloce, a carattere esotermico (produzione di calore) che si svolge in fase gassosa od in fase eterogenea (gas-liquido, gas-solido ) </li></ul>
  11. 11. Cosa è necessario ? <ul><li>Un combustibile </li></ul><ul><li>Un comburente </li></ul><ul><li>Una sorgente di ignizione </li></ul>
  12. 12. Il combustibile <ul><li>Si può presentare in forma: </li></ul><ul><li>solida </li></ul><ul><li>liquida </li></ul><ul><li>gassosa </li></ul>
  13. 13. Il comburente <ul><li>E’ normalmente costituito dall’ossigeno che si trova nell’aria in percentuale di circa 21% ( 78% azoto 1% gas inerti ), oppure composti quali nitrati, clorati, perossidi dai quali l’ossigeno si libera facilmente </li></ul>
  14. 14. La sorgente di ignizione <ul><li>Serve a fornire alla miscela comburente-combustibile l’energia sufficiente ad attivare la reazione di combustione (ossidazione). Tale energia varia sia in funzione del tipo di combustibile, che della pressione del comburente-combustibile. Può essere costituita da una scintilla, un filo incandescente ecc. </li></ul>
  15. 15. Il triangolo della combustione Solo la contemporanea presenza di questi elementi dà luogo al fenomeno dell’incendio, e di conseguenza al mancare di uno di essi l’incendio si spegne. COMBUSTIBILE INNESCO COMBURENTE Per avere la combustione occorre che esistano: TEMPERATURA
  16. 16. Per ottenere lo spegnimento dell’incendio si può ricorrere a tre sistemi: <ul><li>Esaurimento del combustibile : allontanamento o separazione della sostanza combustibile dal focolaio d’incendio </li></ul><ul><li>Soffocamento : separazione del comburente dal combustibile o riduzione della concentrazione di comburente in aria </li></ul><ul><li>Raffreddamento : sottrazione di calore fino ad ottenere una temperatura inferiore a quella necessaria al mantenimento della combustione </li></ul>
  17. 17. LA CLASSIFICAZIONE DEGLI INCENDI: <ul><li>Classe A </li></ul><ul><li>Classe B </li></ul><ul><li>Classe C </li></ul><ul><li>Classe D </li></ul><ul><li>Classe E </li></ul><ul><li>Incendi di materiali solidi </li></ul><ul><li>Incendi di liquidi infiammabili </li></ul><ul><li>Incendi di gas infiammabili </li></ul><ul><li>Incendi di metalli combustibili </li></ul><ul><li>Incendi di apparecchiature elettriche sotto tensione </li></ul>
  18. 18. LE SORGENTI DI INNESCO: <ul><li>Accensione diretta : quando una fiamma o una scintilla o altro materiale incandescente entra in contatto con un materiale combustibile in presenza di ossigeno </li></ul><ul><li>Accensione indiretta . Quando il calore d’innesco avviene nelle forme della convezione, conduzione e irraggiamento termico </li></ul><ul><li>Attrito: quando il calore è prodotto dallo sfregamento di due materiali </li></ul><ul><li>Autocombustione : quando il calore viene prodotto dallo stesso combustibile (ossidazione, reazioni chimiche ecc.) </li></ul>
  19. 19. I prodotti della combustione Il calore <ul><li>E’ una energia termica che si trasmette per conduzione, convezione, irraggiamento. Passa dai corpi a temperatura più alta a quelli a temperatura più bassa. </li></ul>
  20. 20. I prodotti della combustione I fumi <ul><li>Sono costituiti da vapori, aerosoli e particelle solide incombuste ad elevata temperatura . Tra i vari effetti ha quello di diminuire la visibilità dell’ambiente e quindi rende più difficoltosa la fuga </li></ul>
  21. 21. I prodotti della combustione I gas <ul><li>Sono i prodotti finali della reazione chimica tra combustibile e comburente la cui tipologia dipende dal tipo di combustibile, dalla temperatura della sorgente di ignizione, dalla quantità di aria ecc. </li></ul>
  22. 22. I prodotti della combustione La fiamma <ul><li>E’ una reazione di combustione che si propaga attraverso lo spazio a velocità subsonica, accompagnata normalmente da emissioni nel campo del visibile. </li></ul>
  23. 23. I parametri fisici della combustione <ul><li>La combustione è caratterizzata da numerosi parametri fisici e chimici, tra cui ricordiamo: </li></ul><ul><li>temperatura di accensione </li></ul><ul><li>temperatura teorica di combustione </li></ul><ul><li>aria teorica di combustione </li></ul><ul><li>potere calorifico </li></ul><ul><li>temperatura di infiammabilità </li></ul><ul><li>limiti di infiammabilità ed esplodibilità </li></ul>
  24. 24. Temperatura di accensione e autoaccensione ( °C ) <ul><li>E’ la minima temperatura alla quale la miscela combustibile-comburente inizia a bruciare spontaneamente in modo continuo senza ulteriore apporto di calore o di energia dall’esterno. </li></ul>
  25. 25. Aria teorica di combustione <ul><li>E’ il più elevato valore di temperatura che è possibile raggiungere nei prodotti di combustione di una sostanza ( vedi tabella ). </li></ul>Temperatura teorica di combustione <ul><li>E’ la quantità di aria necessaria per raggiungere la combustione completa di tutti i materiali combustibili </li></ul>
  26. 26. Temperatura di infiammabilità <ul><li>E’ la quantità di calore prodotta dalla combustione completa dell’unità di massa o di volume di una determinata sostanza combustibile. </li></ul>Potere calorifico <ul><li>E’ la temperatura minima alla quale i liquidi combustibili emettono vapori in quantità tali da incendiarsi in caso di innesco. </li></ul>
  27. 27. Limiti di esplodibilità <ul><li>Tali limiti individuano il campo di infiammabilità all’interno del quale si ha, in caso di innesco, l’accensione e la propagazione della fiamma nella miscela. </li></ul>Limiti di infiammabilità (% volume) <ul><li>Sono la più bassa e la più alta concentrazione in volume di vapore della miscela al di sotto e al di sopra della quale non si ha esplosione in presenza di innesco. </li></ul>
  28. 28. <ul><li>Per bruciare in presenza di innesco un liquido infiammabile deve passare dallo stato liquido allo stato di vapore. L’indice della maggiore o minore combustibilità di un liquido è dato dalla temperatura di infiammabilità secondo la seguente classificazione: </li></ul><ul><li>CATEGORIA A Infiammabilità inferiore a 21 °C </li></ul><ul><li>CATEGORIA B Inf. compresa tra 21 °C e 65 °C </li></ul><ul><li>CATEGORIA C Inf. compresa tra 65 °C e 125 °C </li></ul>La combustione dei liquidi infiammabili

×