Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Presentazione pon scienze

4,799 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Presentazione pon scienze

  1. 1. PON "Competenze per lo Sviluppo" FSE La Dirigente Scolastica Madrilena Papalato L’esperta Prof.ssa Lucia Accogli Tutors - Docenti Maria Rosaria Rizzo Elisabetta Micocci
  2. 2. I ragazzi di IV scuola primaria <ul><li>Campa Laura Chiarillo Fabiana </li></ul><ul><li>Pennetta Giuseppe Leonardo Prete Rita </li></ul><ul><li>Riccardo Annachiara Rillo Samuele </li></ul><ul><li>Solidoro Sara Stefanelli Gabriel </li></ul><ul><li>Toma Elisa Traversa Alessia </li></ul><ul><li>Vergaro Dylan Vincenti Emanuele </li></ul><ul><li>Vincenti Giacomo Niccolò D'Amico Jody </li></ul><ul><li>De Benedetto Angelica Falcone William </li></ul><ul><li>Gravante Aurora Gravante Maria </li></ul><ul><li>Manco Fabio Massari Federico Riccardo </li></ul><ul><li>Negro Silvia Nuzzo Virginia </li></ul><ul><li>Orsi Niccolò Parisi Lorenzo </li></ul>
  3. 3. Bray Maria Grazia Colona Fabio De Donatis Gianluca De Marinis Francesca De Pasca Marco De Vitis Sofia Falcone Simone Falcone Francesca Ferraro Davide Greco Gioele Maruccia Erica Morello Vanessa Piceci Gabriele Piscopiello Andrea Placido Lorenzo Rizzello Iris Rizzo Marco Rizzo Gabriele Rizzo Aurora Santoro Kevin Scupola Francesco Solidoro Martina Andrea Toma Arianna Valentini Enrico I ragazzi di V scuola primaria
  4. 4. IL MONDO IN UN CLICK <ul><li>Osservare e toccare quello che appare ai nostri occhi </li></ul><ul><li>porta </li></ul><ul><li>a conoscere e comprendere cio’ che ci circonda... </li></ul>
  5. 5. È un errore capitale teorizzare prima di avere i dati. Senza volerlo si cominciano a distorcere i fatti per adattarli alle teorie, invece di adattare le teorie ai fatti …  La difficoltà consiste nel separare l’intelaiatura dei fatti – dei fatti assolutamente innegabili – dagli abbellimenti dei teorici.          Sherlock Holmes <ul><li>osservazione, </li></ul><ul><li>esperimenti, </li></ul><ul><li>dati sperimentali. </li></ul><ul><li>ipotesi </li></ul><ul><li>legge scientifica . </li></ul><ul><li>L'osservazione e l'esperimento rappresentano sia il momento iniziale sia quello finale del lavoro dello “scienziato .” </li></ul>IL METODO SCIENTIFICO (O METODO SPERIMENTALE)
  6. 6. Scoprendo il laboratorio scientifico, si sono sentiti subito pronti per “fare come gli scienziati”...
  7. 7. … . ma anche la classe è diventata laboratorio!
  8. 8. LA MATERIA STATO FISICO TEMPERATURA ED ENERGIA CRESCENTI Si è lavorato su:
  9. 9. COMPOSIZIONE è formata da particelle MISCUGLI Le particelle sono diverse SOSTANZE PURE Le particelle sono uguali LA MATERIA eterogenei omogenei zucchero Sale da cucina Acqua e olio
  10. 10. SOLUZIONI con SOLUTO SOLIDO <ul><li>Gli sciroppi sono soluzioni acquose in cui il soluto principale, lo zucchero, è un solido. </li></ul>SOLUZIONI con SOLUTO GASSOSO <ul><li>Ammoniaca e acido cloridrico , che vengono usati in soluzione acquosa, sono dei gas. </li></ul>MISCUGLI OMOGENEI: LE SOLUZIONI
  11. 11. SOLUZIONI con SOLUTO LIQUIDO <ul><li>Questi sistemi sono molto diffusi e vengono anche chiamati MISCELE . </li></ul><ul><li>L’esempio forse più noto è costituito dal carburante dei ciclomotori: il soluto è l’olio lubrificante che è sciolto nella benzina , il solvente. La benzina, a sua volta, è una miscela di liquidi chiamati idrocarburi. </li></ul><ul><li>Anche una bottiglia di vino è una miscela di acqua e alcool </li></ul>
  12. 12. MISCUGLI ETEROGENEI Nel caso dei miscugli eterogenei le porzioni di materia che sono sempre più o meno grossolane ed è possibile a occhio nudo o tramite l'utilizzo di un microscopio ottico riconoscere i componenti di partenza. Es. il latte è un miscuglio eterogeneo, sembra un miscuglio omogeneo , in realtà se osservato al microscopio, mostra distintamente i globuli di grasso immersi nel liquido. Miscuglio di zolfo e limatura di ferro separata con la calamita
  13. 13. ... E i ragazzi hanno fatto i loro miscugli!!!!
  14. 14. LA MATERIA SI CARATTERIZZA ACIDA Sapore aspro NEUTRA insapore BASICA Sapore amaro Abbiamo distinto le varie sostanze attraverso gli strumenti del laboratorio o anche “casalinghi ” <ul><li>Strumenti utilizzati </li></ul><ul><li>CARTINA TORNASOLE </li></ul><ul><li>“ L’INDICATORE CASALINGO”- l’acqua con cavolo rosso bollito </li></ul>SOSTANZE ACIDE – COLORAZIONE ROSSA SOSTANZE BASICHE – COLORAZIONE BLU INDAGINE QUALITATIVA
  15. 15. INDAGINE QUANITATIVA Strumenti utilizzati Phmetro Scala di riferimento il ph è una scala che indica il grado di acidita’ o basicita’ delle sostanze. la scala del ph va da 0 a 14 14 BASICO 13 12 11 10 9 8 7 NEUTRO 6 5 4 3 2 1 ACIDO Misure effettuate del ph: Latte 6.78 poco acido Yogurt 4.45 acido Limone 2.92 molto acido Acqua 7.57 poco basica zuccherata
  16. 16. LA MATERIA HA UNA FORZA FISICA capillarità– l’acqua sale sul tovaiolo superando la forza di gravita’ la forza dell’aria sul cartoncino del bicchiere rovesciato la tensione superfiale che sospende l’ago sulla superficie dell’acqua
  17. 17. LA MATERIA POSSIEDE E TRASPORTA ENERGIA hanno scoperto i corpi che si elettrizzano… … e come si forma un circuito elettrico.
  18. 18. LA GRANDE MOLECOLA :LA VITA CLASSIFICAZIONE DEI VIVENTI MONERE PROTISTI FUNGHI PIANTE ANIMALI … hanno osservato i microorganismi WOW!!!!
  19. 19. mmm…. diciamo che sono belli da vedere! foto al microscopio elettronico sulla flora batterica dentale
  20. 20. spugnola boletus Amanita muscaris Amanita pantherina trombetta … gli alunni non conoscevano il nome di questi funghi...
  21. 21. LA BIODIVERSITA’ VEGETALE: QUANTE SPECIE DI PIANTE SPONTANEE SONO PRESENTI SULLA NOSTRA TERRA? … andiamo a raccogliere!!!
  22. 22. … abbiamo determinato il: Nome scientifico della specie Località di raccolta Data di raccolta Nome del raccoglitore … abbiamo essiccato le piante raccolte … abbiamo allestito un erbario!! Sul foglio di cartoncino è stata fissata la pianta
  23. 23. CONCLUSIONI La fase progettuale non è stata una formazione delle conoscenze o valutazione in itinere degli argomenti I ragazzi possedevano già le conoscenze! La continua richiesta era di &quot;giocare con gli esperimenti” noi, esperta e tutors siamo stati a loro disposizione ma il “tempo” per loro è stato poco!!!

×