IL PEI
 Dipartimento di Educazione Speciale
Raggruppamento scolastico di Lamaçães
SEGNALAZIONE


• L’educazione   speciale presuppone che la segnalazione dei
 bambini o ragazzi che ne hanno bisogno, debba...
IL PEI CONTIENE

•I     dati anagrafici dell’allievo

• Il   percorso pre - scolastico e scolastico

• Ladescrizione degli ...
PEI
• Definizione   delle misure educative da mettere in atto

• Discriminazione   dei contenuti, degli obiettivi generali ...
RESPONSABILI
 DELL’ELABORAZIONE DEL PEI
• Obbligatoriamente    e in équipe :

 • L’insegnante  del gruppo o della classe (...
MISURE EDUCATIVE

•   Sostegno pedagogico personalizzato

•   Adeguamento individuale del curriculum

•   Adeguamento dell...
CURRICULUM SPECIFICO
           INDIVIDUALE
• IlCEI contiene i contenuti che conducono all’autonomia
  personale e sociale...
REVISIONE DEL PEI

• Il   Pei deve essere rivisto obbligatoriamente:

   • dopo    ogni consiglio di classe

   • alla  fin...
PIT – PIANO INDIVIDUALE DI
          TRANSIZIONE

• IlPIT si indirizza agli alunni che hanno bisogni educativi speciali
  ...
L’EDUCAZIONE BILINGUE
        DEGLI ALUNNI SORDI

• L’educazione   dei bambini e dei giovani sordi deve svolgersi in
 un a...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Pei portogallo (it)

496 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
496
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide










  • Pei portogallo (it)

    1. 1. IL PEI Dipartimento di Educazione Speciale Raggruppamento scolastico di Lamaçães
    2. 2. SEGNALAZIONE • L’educazione speciale presuppone che la segnalazione dei bambini o ragazzi che ne hanno bisogno, debba essere fatta il più precocemente possibile, cercando i fattori di rischio associati alle limitazioni o incapacità
    3. 3. IL PEI CONTIENE •I dati anagrafici dell’allievo • Il percorso pre - scolastico e scolastico • Ladescrizione degli indicatori di funzionalità e del livello di apprendimento e delle difficoltà dell’allievo •I fattori ambientali che costituiscono un ostacolo o una opportunità per l’apprendimento
    4. 4. PEI • Definizione delle misure educative da mettere in atto • Discriminazione dei contenuti, degli obiettivi generali e specifici da raggiungere e delle strategie e delle risorse umane e materiali da utilizzare • Grado di partecipazione dell’allievo alle attività educative della scuola • Definizione dell’orario delle diverse attività previste • Identificazione degli specialisti responsabili
    5. 5. RESPONSABILI DELL’ELABORAZIONE DEL PEI • Obbligatoriamente e in équipe : • L’insegnante del gruppo o della classe (materna, primaria e secondaria) o il coordinatore • L’insegnante di sostegno • La famiglia • Altri specialisti che intervengono nel processo educativo
    6. 6. MISURE EDUCATIVE • Sostegno pedagogico personalizzato • Adeguamento individuale del curriculum • Adeguamento dell’iscrizione scolastica • Adeguamento del processo di valutazione • Curriculum specifico individuale • Tecnologie di sostegno
    7. 7. CURRICULUM SPECIFICO INDIVIDUALE • IlCEI contiene i contenuti che conducono all’autonomia personale e sociale dell’allievo e dà la priorità allo sviluppo delle attività funzionali incentrate sul contesto di vita, la comunicazione e l’organizzazione del processo di passaggio al lavoro. • La direzione della scuola e il rispettivo dipartimento di educazione speciale devono orientare e assicurarsi dell’applicazione del CEI.
    8. 8. REVISIONE DEL PEI • Il Pei deve essere rivisto obbligatoriamente: • dopo ogni consiglio di classe • alla fine di ogni anno scolastico o al termine di ogni ciclo scolastico • Il maestro o la maestra, l’insegnante o il coordinatore, coordinano il PEI
    9. 9. PIT – PIANO INDIVIDUALE DI TRANSIZIONE • IlPIT si indirizza agli alunni che hanno bisogni educativi speciali permanenti che impediscono di acquisire gli apprendimenti e le competenze definite nel curriculum; • IlPIT ha lo scopo di promuovere il passaggio alla vita professionale e, se possibile, all’esercizio di un’attività professionale inserita socialmente, o in una istituzione di carattere professionale.
    10. 10. L’EDUCAZIONE BILINGUE DEGLI ALUNNI SORDI • L’educazione dei bambini e dei giovani sordi deve svolgersi in un ambiente bilingue che renda possibile la conoscenza della lingua dei segni portoghese, il possesso del portoghese scritto e, eventualmente, parlato. E’ dovere della scuola contribuire alla crescita linguistica degli allievi sordi, all’adeguamento del processo di accesso al curriculum, e all’ inclusione scolastica e sociale.

    ×