Linfedema torino 4 e 5 marzo olivari monica

725 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
725
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Linfedema torino 4 e 5 marzo olivari monica

  1. 1. Chinesiterapia decongestiva edattivita’ fisica e sportiva nel linfedema: esperienze a confronto
  2. 2. • Densità• Pressione• Principio di Pascal• Galleggiamento  Principio di Archimede  Equilibrio  Assetto
  3. 3. peso: conseguenza della gravità che agisce sul corpo.massa: la quantità di materia presente in un oggettocostante indipendentemente dalla forza di gravità.
  4. 4.  Esprime la relazione tra massa e volume riferita ad un corpo omogeneo: d = m/V Il corpo umano: – Sistema Respiratorio a volume variabile – Insieme di tessuti disomogenei  Punti di affondamento – Fisiologici – Patologici
  5. 5.  Patologici Fisiologici  Alterazioni del tono  Testa basale – Sacro  Iper/ipotono – Talloni  Contratture – Alterazioni patologiche della densità dei tessuti
  6. 6. Una pressione esercitata in una regione qualsiasi di un fluido sitrasmette uniformemente a tutta la massa del fluido il quale a sua volta esercita quella stessa pressione in tutte le direzioni. Il nostro corpo, a profondità costante, è soggetto ad una pressione uniforme
  7. 7. Nel corpo umano la pressione esercitata dall’acqua avrà un diverso effetto su organi e apparati di densità differenti
  8. 8. Un corpo immerso in un liquido riceve una spinta dal basso verso l’alto pari al peso del volume dell’acqua spostata GALLEGGIAMENTO positivo DENSITA’ Massa/volumeMASSA / VOLUME Acqua dolce 1,000kg/lt PESO SPECIFICO Acqua salata 1.025kg/ltnegativo acqua 1 corpo umano 0,974
  9. 9. RESPIRAZIONE Soffiare sopra l’acqua Soffiare dentro l’acquaPROPULSIONE Trattenere il respiro sott’acqua Coordinazione respirazione- spostamenti EQUILIBRIO il centro di spinta (S) dove agisce la Spinta di Archimede FA ed il baricentro (B) dove agisce il peso del corpo devono coincidere o essere allineati in verticale
  10. 10. Stabile M si trova sopra B Il corpo torna nella posizione di partenzaInstabile M si trova sotto B Il corpo perde l’equilibrioIndifferente M si trova in prossimità di B Il corpo assume un nuovo equilibrio prossimo a quello precedente
  11. 11. – Parziale assenza di gravità – Effetto feedback– Temperatura propriocettivo dell’acqua– Tempi di recupero e rimessa in carico– Variazione del tono patologico (momentanea)
  12. 12. MISURE DEL VOLUME DELL’ARTOMISURA RANGE ARTICOLARI ( SE LIMITATI)VALUTAZIONE DELLA FORZA MUSCOLAREVALUTAZIONE TROFISMO MUSCOLAREVALUTAZIONE DEL DOLORE (SCALE SOGGETTIVE)FOTO (inizio e fine progetto)VALUTAZIONE DELL’AUTONOMIA indossare/togliere maglie indossare/togliere pantaloni/gonne mettere/togliere scarpe indossare/togliere calze/bracciali elastici lavarsi il corpo pettinarsi svolgere attività domestiche (stirare, lavare, etc..) Note: senza aiuto 0 punti con un minimo di aiuto 1 punto con notevole aiuto 2 punti totalmente aiutato da terzi 3 punti
  13. 13.  Possibilità di trattare tutte le aree alterate dall’edema sfruttando le proprieta’ fisiche dell’acqua
  14. 14. Un evento lesivo a qualunque livello, crea ripercussioni su tutto il sistemaNon è pensabile un recupero segmentale a prescindere dal recupero dello schema corporeo In acqua, per la mancanza di punti fissi, l’accezione di globalità è riferita all’amplificazione dei compensi ed alla possibilità di prenderne coscienza
  15. 15.  Drenaggio grazie alla pressione esercitata sulla superficie corporea (livelli pressori fisiologici): 76mmHg a 1 metro di profondità! Micromassaggio legato alla velocità di esecuzione
  16. 16. I CLASS : 18-21 mmHg0,24-0,28 meters of depth II CLASS : 23-32 mmHg0,31-0,43 meters of depth III CLASS : 34-46 mmHg0,46-0,62 meters of depth
  17. 17.  Rilassamento generale (riduzione del dolore) Recupero del trofismo muscolare Recupero della funzionalità muscolare Recupero del R.O.M. Riduzione delle retrazioni muscolari Lavoro propriocettivo
  18. 18.  La parziale assenza di gravità permette di evidenziare e correggere le alterazioni posturali legate alle dimensioni dell’arto edematoso e all’amputazione dell’organo mammario Permette al pz. di prendere coscienza, attraverso la posizione del corpo in acqua, dei propri squilibri

×