Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Tipologie e metodi di agricoltura

539 views

Published on

Tipologie e metodi di agricoltura - costa

Published in: Food
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Tipologie e metodi di agricoltura

  1. 1. Tipologie e metodi di agricoltura
  2. 2. L'AGRICOLTURA BIOLOGICA L'agricoltura biologica è un metodo produttivo definito come "sistema globale di produzione agricola (vegetale e animale) che prililegia le pratiche di gestione piuttosto che il ricorso a fattori di origine esterna. In quest'ottica i metodi colturali, biologici e meccanici vengono impiegati di preferenza al posto di prodotti chimici di sintesi". Le attività dell'agricoltura biologica sono diverse perchè essa riguarda il miglior impatto ambientale, la salubrità, l'assenza di Organismi Geneticamente Modificati (OGM), e la garanzia del sistema di controllo e certificazione. Diverse ricerche dimostrano anche che il valore nutritivo dei prodotti biologici è spesso superiore a quello dei prodotti convenzionali.
  3. 3. L'AGRICOLTURA BIOLOGICA Il metodo di produzione biologica si applica anche all'allevamento e si basa sulla cura del benessere degli animali. Per questo motivo sono vietate pratiche invalidanti come la decornazione, la recisione della cosa, dei denti e la spuntatura del becco. L'azienda zootecnica biologica deve garantire all'animale adeguati spazi coperti che devono essere luminosi e ben areati. L'alimentazione generalmente è effettuata con foraggi freschi e conservati o con granaglie, generalmente prodotti nella stessa azienda. La filosofia deproduttiva di un'azienda biologica non è orientata alla massimizzazione produttiva e allo sfruttamento del terreno, semmai alla qualità del prodotto oltre che alla tutela e alla valorizzazione di piante autoctone e al recupero di produzioni tipiche in via d'estinzione
  4. 4. L'AGRICOLTURA CONVENZIONALE L'agricoltura convenzionale è un modello di sviluppo economico in evoluzione. Gli obbiettivi di questa agricoltura sono: l'aumentare i profitti e ridurre la manodopera. Per realizzare tali scopi quindi, si è puntato sull'aumento delle rese, cioè delle quantità prodotte per unità di superficie, e sul ricorso alla meccanizzazione. Si sono ottenuti risultati molto soddisfacenti in termini di quantità e qualità, con conseguenti vantaggi di tipo economico. Non sono però mancati i risvolti negativi per l'ecologia del sistema agricolo e dell'ambiente (come inquinamento del terreno e dell'acqua, eliminazione di insetti innocui ma sensibili ai veleni, induzione di resistenza agli antiparassitari e appiattimento della biodiversità).
  5. 5. L'AGRICOLTURA CONVENZIONALE Per contrastare e limitare tali inconvenienti, le tendenze più attuali dell'agricoltura convenzionale prevedono una generale razionalizzazione degli interventi, con riduzione del loro numero nell'arco del ciclo colturale. Nello stesso tempo vengono abbassate le dosi somministrate con un duplice scopo: ridurre i pericolosi accumuli di sostanze dannose nel terreno e nelle falde acquifere sottostanti e diminuire i danni sulla vegetazione circostante, sugli insetti e sull'ambiente.

×