L’integrazione è una sfida che la
scuola deve affrontare, che non può
sottovalutare e che coinvolge tutti,
dirigente, doce...
•disponibilità affettiva e comunicativa
degli insegnanti;
•fiducia nell’ottenimento degli obiettivi
•coinvolgimento dei ge...
-presenza di alunni con disabilità nelle scuole comuni
- riconoscimento del diritto di ciascuna persona di sentirsi uguale...
ACCOGLIENZA
-non è disponibilità della “maggioranza” a
integrare una “minoranza”
-riconoscimento del diritto alla diversit...
“Si è integrati o inclusi in un
contesto quando si effettuano
esperienze e si attivano
apprendimenti insieme agli altri,
q...
• Compito della scuola è aiutare ogni
alunno della classe a sentirsi parte
integrante di un gruppo, ciascuno
con il propri...
La programmazione va realizzata da tutti i docenti
curriculari insieme all’insegnante di sostegno, con
obiettivi correlati...
DIDATTICA DELL'INCLUSIONE
• Non mette i contenuti scolastici al centro ma li considera

STIMOLO utilizzabile da tutti gli ...
Agenzia Europea per lo Sviluppo
dell’Istruzione degli Alunni Disabili
5 fattori necessari ad un’efficace integrazione.
•In...
ATTITUDINE DEGLI INSEGNANTI:
Se gli insegnanti di classe non accettano che
l’istruzione di tutti gli alunni è parte integr...
• Gli insegnanti necessitano del supporto dei
colleghi della scuola e dei professionisti
esterni e devono essere capaci di...
Gli studenti ottengono migliori risultati rispetto
all’insegnamento tradizionale
• sul piano cognitivo (memorizzano meglio...
• È utile soprattutto con alunni con problemi della
sfera sociale/comportamentale.
• Chiare regole di classe, stabilite co...
La formazione di gruppi eterogenei
permette di confrontarsi con la diversità
degli alunni.
Può esserci il rischio di focal...
- Insegnare agli studenti come
apprendere e come risolvere
problemi.
• Gli studenti imparano anche quale
metodo è il migli...
Comportamenti nei gruppi assertivi:
• Accettiamo il punto di vista altrui
• Non giudichiamo gli altri
• Non interiorizziam...
Marco,
8 anni, Disturbo Autistico
Frequenta la III elementare. E’ seguito da un’insegnante di
sostegno per 11 ore settiman...
A livello accademico lavora sempre sugli stessi argomenti
(pregrafismi, piccolo/grande, denominazioni di oggetti e
azioni)...
Occupa uno spazio ricavato con l’utilizzo di armadietti
per fare in modo che non si distragga.
Background familiare: secon...
Proposta di lavoro
Obiettivo /
punto su cui
lavorare

proposta

Verifica
Obiettivi:
􀁑 Chiari: vanno formulati in modo
comprensibile e preciso.
􀁑 Realistici: devono ragionevolmente poter
essere ra...
Se viene stimolata una conoscenza adeguata nei
compagni è più facile che si attivino azioni di aiuto.
È necessario che i c...
INSEGNANTE DI SOSTEGNO

_ Stimola l’alunno a prestare attenzione agli altri compagni
_ Utilizza il modello dei pari per ot...
Alcuni suggerimenti:
1)usare un linguaggio concreto
2) usare supporti visivi
3) saper gratificare. Tutti noi lavoriamo meg...
PER EVITARE LA FUGA DAL COMPITO:
1.Individuare ciò per cui lavorerà
2. Iniziare con istruzioni facili, per poi aumentare i...
- Usare programma della giornata e chiarezza dei materiali
- parole-chiave e linguaggio semplice
-ISTRUZIONI IN FORMA VERB...
CARTA DEI DIRITTI ALLA COMUNICAZIONE
Ogni persona indipendentemente dal grado di disabilità, ha il
diritto di influenzare,...
7. Il diritto di avere riconosciuta la propria
comunicazione e di ottenere una risposta anche nel caso
in cui non sia poss...
A scuola l’integrazione deve prevedere:
-un coinvolgimento di tutti, evitando di delegare tutto
all’insegnante di sostegno...
-non è una istruzione individuale, in un
rapporto uno a uno
-adeguare l’insegnamento alle caratteristiche
individuali degl...
L’obiettivo non si semplifica, viene curata solo l’accessibilità dei codici
linguistici (lingua dei segni, materiale in Br...
L’adattamento dei materiali permette di sperimentare il piacere del
successo e questo incrementa la motivazione e predispo...
•Conoscere, riconoscere e valorizzare le differenze individuali.
•far capire e stimolare l’apprendimento.
•Efficacia relaz...
Mettiamoci in discussione
• Che tipo di rapporti esistono fra l’alunno e i suoi compagni di
classe? L’insegnante? Il corpo...
Grazie per
l’attenzione!!!!
Buon lavoro!
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Corso CTRH - Presentazione Andolina

595 views

Published on

Published in: Education, Career
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
595
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
160
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Corso CTRH - Presentazione Andolina

  1. 1. L’integrazione è una sfida che la scuola deve affrontare, che non può sottovalutare e che coinvolge tutti, dirigente, docenti, psicopedagogisti, perché l’ obiettivo primario è che tutti gli studenti possano realizzare la propria identità.
  2. 2. •disponibilità affettiva e comunicativa degli insegnanti; •fiducia nell’ottenimento degli obiettivi •coinvolgimento dei genitori •lavoro di rete, di coordinamento e di integrazione degli interventi. L’insegnante NON è uno pseudoterapista
  3. 3. -presenza di alunni con disabilità nelle scuole comuni - riconoscimento del diritto di ciascuna persona di sentirsi uguale agli altri, quali che siano le condizioni bio-psico-fisiche, sociali e culturali - non basta inserire nelle classi per un’autentica accoglienza. -La scuola deve modificarsi per diventare capace di accoglienza - la scuola sa accogliere tutte le diversità e riformulare le proprie scelte organizzative, progettuali, metodologiche didattiche … -richiede collaborazioni e alleanze tra scuola, famiglia, servizi … -costituisce lo sfondo valoriale a priori
  4. 4. ACCOGLIENZA -non è disponibilità della “maggioranza” a integrare una “minoranza” -riconoscimento del diritto alla diversità La DIVERSITÀ non si identifica solo con la disabilità, ma comprende la molteplicità delle situazioni personali L’eterogeneità diventa normalità.
  5. 5. “Si è integrati o inclusi in un contesto quando si effettuano esperienze e si attivano apprendimenti insieme agli altri, quando si condividono obiettivi e strategie di lavoro e non quando si siede gli uni accanto agli altri”. (Linee guida per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità, Roma, 2009)
  6. 6. • Compito della scuola è aiutare ogni alunno della classe a sentirsi parte integrante di un gruppo, ciascuno con il proprio ruolo e con le proprie mansioni
  7. 7. La programmazione va realizzata da tutti i docenti curriculari insieme all’insegnante di sostegno, con obiettivi correlati a quelli della classe per una piena partecipazione alla vita di classe. Docente di sostegno = coordinatore per l’integrazione I docenti curricolari devono garantire la continuità in assenza dell’insegnante di sostegno. La famiglia è fonte di informazioni preziose, è continuità fra educazione formale e informale
  8. 8. DIDATTICA DELL'INCLUSIONE • Non mette i contenuti scolastici al centro ma li considera STIMOLO utilizzabile da tutti gli alunni. Le discipline di insegnamento diventano il MEZZO per promuovere la personalità dell’allievo. Chi è l’Insegnante di SOSTEGNO? • E’ un operatore di rete interno alla scuola (cura la comunicazione e la collaborazione con i colleghi di classe, col dirigente, con il personale ATA e con gli alunni) ed esterno alla scuola (cura la collaborazione con le famiglie, con il personale dei servizi sociosanitari, le associazioni e gli esperti)
  9. 9. Agenzia Europea per lo Sviluppo dell’Istruzione degli Alunni Disabili 5 fattori necessari ad un’efficace integrazione. •Insegnamento cooperativo •Apprendimento cooperativo •Problem-solving collaborativo •Eterogeneità del gruppo •Strategie alternative di apprendimento
  10. 10. ATTITUDINE DEGLI INSEGNANTI: Se gli insegnanti di classe non accettano che l’istruzione di tutti gli alunni è parte integrante del loro lavoro, cercheranno di assicurare che qualcuno si assuma la responsabilità degli alunni disabili e organizzeranno forme di differenziazione nella scuola. Insegnare agli alunni disabili nelle classi comuni comporta una modifica al curriculum standard. I disturbi del comportamento, della sfera sociale o emotiva rappresentano la maggiore sfida all’integrazione scolastica.
  11. 11. • Gli insegnanti necessitano del supporto dei colleghi della scuola e dei professionisti esterni e devono essere capaci di cooperare. • Austria: Il lavoro di gruppo richiede una certa capacità di gestione del conflitto e della comunicazione. Questa parte del lavoro è particolarmente pesante in termini di tempo. Tuttavia, il lavoro di gruppo e il relativo scambio di esperienze sono vissuti come immensamente importanti sul piano dell’arricchimento personale.
  12. 12. Gli studenti ottengono migliori risultati rispetto all’insegnamento tradizionale • sul piano cognitivo (memorizzano meglio, sviluppano una maggiore motivazione e livelli superiori di ragionamento) • sul piano relazionale (si creano rapporti di amicizia e la diversità viene rispettata) • sul piano psicologico (migliorano l’immagine di sé e il senso di autoefficacia e si sviluppa una maggiore capacità di affrontare le difficoltà e lo stress)
  13. 13. • È utile soprattutto con alunni con problemi della sfera sociale/comportamentale. • Chiare regole di classe, stabilite con gli alunni (su adeguati stimoli del docente) attraverso incentivi e scoraggiamenti, hanno dimostrato la loro efficacia. • Il regolamento della classe va negoziato con tutti gli alunni e deve essere chiaramente visibile. • È possibile inserire il regolamento in un contratto a firma degli studenti.
  14. 14. La formazione di gruppi eterogenei permette di confrontarsi con la diversità degli alunni. Può esserci il rischio di focalizzarsi troppo sull’individualità dell’alunno. I gruppi eterogenei permettono a tutti di raggiungere diversi obiettivi proponendo un metodo alternativo di apprendimento.
  15. 15. - Insegnare agli studenti come apprendere e come risolvere problemi. • Gli studenti imparano anche quale metodo è il migliore a seconda della situazione.
  16. 16. Comportamenti nei gruppi assertivi: • Accettiamo il punto di vista altrui • Non giudichiamo gli altri • Non interiorizziamo né colpevolizziamo gli altri • Siamo pronti a cambiare opinione • Non permettiamo che altri ci manipolino • Non pretendiamo che altri si comportino come vogliamo noi • Ricerchiamo la collaborazione altrui • Comunichiamo le nostre emozioni e stati d’animo
  17. 17. Marco, 8 anni, Disturbo Autistico Frequenta la III elementare. E’ seguito da un’insegnante di sostegno per 11 ore settimanali, una seconda insegnante per 3 ore e un’assistente alla comunicazione per 7 ore. L’orario non prevede ore in compresenza. Quando l’insegnante comune rimane da sola con la classe e con Marco, il bambino mette in atto comportamenti distruttivi verso l’ambiente e cerca di scappare dalla classe. Quando si avvicina alle insegnanti o ai compagni la reazione è quella di ritirare tutto per paura che possa essere toccato da Marco. Tuttavia i compagni e le maestre spesso gli sorridono, si lasciano baciare e abbracciare con tutta la forza che Marco possiede e gli permettono di sdraiarsi su di loro.
  18. 18. A livello accademico lavora sempre sugli stessi argomenti (pregrafismi, piccolo/grande, denominazioni di oggetti e azioni) con lentissimi miglioramenti. Per ciò che riguarda la cura della propria persona, lo studente possiede alcune autonomie di base (apparecchiare, aprire e chiudere lo zaino, mettere gli oggetti dentro lo zaino, mangiare da solo), ma viene completamente sostituito in tutte le abilità che concernono l’andare in bagno, il lavare le mani, lo sparecchiare per paura di possibili comportamenti inadeguati. È molto bravo nelle denominazioni ma l’uso del linguaggio spontaneo è pressocchè inesistente. Chiede solo se qualcuno dice “cosa vuoi?” La comprensione è molto buona.
  19. 19. Occupa uno spazio ricavato con l’utilizzo di armadietti per fare in modo che non si distragga. Background familiare: secondo figlio, ultimogenito. I genitori sono in fase di separazione. Il fratello maggiore ha anche lui una diagnosi di autismo ad alto funzionamento. La mamma lavora, passa il pomeriggio con i nonni, i quali gli permettono di fare tutto, senza alcuna regola (“Mischinu, u picciriddu…”) •Relazionalità: le insegnanti sostengono che non nutra alcun interesse nei confronti dei compagni, è attratto solo dagli oggetti. Ha un rapporto privilegiato con l’insegnante delle 11 ore. Non tollera che lei possa parlare con qualcun altro distogliendo la sua attenzione da lui. Cerca spesso l’assistente igienico personale con il quale sta molto volentieri.
  20. 20. Proposta di lavoro Obiettivo / punto su cui lavorare proposta Verifica
  21. 21. Obiettivi: 􀁑 Chiari: vanno formulati in modo comprensibile e preciso. 􀁑 Realistici: devono ragionevolmente poter essere raggiunti a partire dalla metodologia e dalle risorse a disposizione. 􀁑 Pertinenti: devono essere in relazione e rispettare la natura del problema in esame. 􀁑 Condivisi: assicurarsi che gli obiettivi siano riconosciuti e condivisi dal gruppo
  22. 22. Se viene stimolata una conoscenza adeguata nei compagni è più facile che si attivino azioni di aiuto. È necessario che i compagni capiscano che alcuni comportamenti (scarse relazioni sociali o eventuali atteggiamenti aggressivi) non sono dovuti a “cattiveria”, ma rappresentano le conseguenze di un deficit. -semplici spiegazioni degli aspetti principali della sindrome - visione di trasmissioni televisive o di film -lettura e commento di biografie di autistici di alto livello
  23. 23. INSEGNANTE DI SOSTEGNO _ Stimola l’alunno a prestare attenzione agli altri compagni _ Utilizza il modello dei pari per ottenere comportamenti adeguati _ Lo aiuta a chiedere ciò di cui ha bisogno _ Rinforza l’alunno ed i suoi compagni quando mettono in atto comportamenti appropriati _ Non permette all’alunno di utilizzare i comportamenti inappropriati per attirare la sua attenzione _ incoraggia le sue capacità
  24. 24. Alcuni suggerimenti: 1)usare un linguaggio concreto 2) usare supporti visivi 3) saper gratificare. Tutti noi lavoriamo meglio in un ambiente che ci fornisce possibilità di successo e nel quale i nostri sforzi sono apprezzati. 4) non prenderla sul personale. E’ importante non presumere che le persone autistiche capiscano come dovrebbero comportarsi, perché non sanno farlo da sole. 5) COERENZA. Coerenza tra l’azione delle diverse persone che si alternano con lui; coerenza nelle routine quotidiane, nei compiti, nell’uso delle ricompense, nel mantenere gli impegni, nel non cedere ai capricci, ecc.
  25. 25. PER EVITARE LA FUGA DAL COMPITO: 1.Individuare ciò per cui lavorerà 2. Iniziare con istruzioni facili, per poi aumentare il grado di complessità (bilanciare il grado di difficoltà per mantenere alto il livello di successo) STRATEGIE REATTIVE •Mantenimento dell’istruzione attuale (ciò che vuole evitare) •Ritorno ai rinforzi dopo aver ripreso il controllo sull’istruzione
  26. 26. - Usare programma della giornata e chiarezza dei materiali - parole-chiave e linguaggio semplice -ISTRUZIONI IN FORMA VERBALE POSITIVA (es. “si sta seduti”, “attenzione”, “colora” piuttosto che “non ti alzare”, “non ti distrarre”, “non fermarti” ….). perché? •Il nostro cervello è portato a memorizzare il verbo piuttosto che il “non” •Non gli suggeriremmo il comportamento appropriato - Aumentare la possibilità di fare scelte ed essere premiato - Ascoltare l’allievo - Mantenere la calma e ricordare di divertirsi
  27. 27. CARTA DEI DIRITTI ALLA COMUNICAZIONE Ogni persona indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto di influenzare, mediante la comunicazione, le condizioni della sua vita. 1. Il diritto di chiedere oggetti, azioni, persone e di esprimere preferenze e sentimenti. 2. il diritto di scegliere tra alternative diverse. 3. Il diritto di rifiutare oggetti, situazioni,azioni non desiderate. 4. Il diritto di chiedere e ottenere attenzione e di avere scambi con altre persone. 5. Il diritto di richiedere informazioni riguardo oggetti, persone o fatti che interessano. 6. Il diritto di attivare tutti gli interventi che rendano possibile comunicare .
  28. 28. 7. Il diritto di avere riconosciuta la propria comunicazione e di ottenere una risposta anche nel caso in cui non sia possibile soddisfare la richiesta. 8. Il diritto di avere accesso in qualsiasi momento ad ogni necessario ausilio di comunicazione e di averlo sempre in buone condizioni di funzionamento. 9. Il diritto a partecipare come partner comunicativo ai contesti della vita di ogni giorno. 10. Il diritto di essere informato riguardo a persone, cose e fatti relativi al proprio ambiente di vita. 11. Il diritto di ricevere messaggi in modo comprensibile e appropriato dal punto di vista culturale e linguistico. (National Committee for the Communication Needs of Persons with Severe Disabilities, 1992)
  29. 29. A scuola l’integrazione deve prevedere: -un coinvolgimento di tutti, evitando di delegare tutto all’insegnante di sostegno e usufruendo delle sue competenze; -un approccio che non sia centrato solo sugli obiettivi (i programmi), ma anche sulle relazioni; -un senso della misura nel fornire quel sostegno necessario con intensità, frequenza e durata commisurate al bisogno di ciascun alunno (e non solo dell’allievo con disabilità); -il potenziamento delle risorse residue o esistenti in ciascuno; - il perseguimento dell’autonomia dei soggetti da educare.
  30. 30. -non è una istruzione individuale, in un rapporto uno a uno -adeguare l’insegnamento alle caratteristiche individuali degli alunni (ritmi di apprendimento, capacità linguistiche, modalità di apprendimento, …), cercando di conseguire obiettivi comuni alla classe.
  31. 31. L’obiettivo non si semplifica, viene curata solo l’accessibilità dei codici linguistici (lingua dei segni, materiale in Braille, registrazioni audio). è sufficiente utilizzare tecnologie più motivanti (ad es. software didattici) e contesti didattici interattivi (apprendimento cooperativo, laboratori, ...). Si modifica il lessico, si riduce la complessità concettuale, si usa la calcolatrice, si modificano i criteri di esecuzione (consentendo più errori) Si identificano le attività fondanti della disciplina accessibili all’alunno L’alunno sperimenta, anche se solo da spettatore, la “cultura del compito” (il clima emotivo, i prodotti elaborati, ...).
  32. 32. L’adattamento dei materiali permette di sperimentare il piacere del successo e questo incrementa la motivazione e predispone a nuove esperienze di apprendimento con i compagni. Mediatore didattico: tutto ciò che l’insegnante mette in atto per favorire l’apprendimento. – esperienza diretta del ragazzo, ad es. esperimenti; •Mediatori iconici – immagini, fotografie, filmati, schemi e, quindi, si basano sulle abilità percettive dell'alunno; •Mediatori analogici – possibilità di apprendimento insite nel gioco e nella simulazione; •Mediatori simbolici – ad es. la lezione frontale, meno efficaci in quanto tendono a rendere passivo il ragazzo.
  33. 33. •Conoscere, riconoscere e valorizzare le differenze individuali. •far capire e stimolare l’apprendimento. •Efficacia relazionale: aiutare l’alunno a superare i comportamenti problema sostituendoli con altri più positivi. •Valorizzare la classe come risorsa: stimolare e privilegiare la collaborazione e la cooperazione tra compagni. •Rendere attivo il processo di apprendimento: tutti hanno qualche punto forte (interessi, competenze), perché non valorizzarlo? •Stimolare il lavoro di gruppo, dove ognuno, con la propria diversità, aggiunge un punto di vista e interviene con le proprie competenze •Alternare la didattica frontale con momenti di carattere pratico, internet, cd e dvd, enciclopedie multimediali …
  34. 34. Mettiamoci in discussione • Che tipo di rapporti esistono fra l’alunno e i suoi compagni di classe? L’insegnante? Il corpo docente della scuola? • Esistono dei rapporti sociali fra lo studente e i compagni al di fuori dell’aula? •Qual è l’atteggiamento complessivo della classe nei suoi riguardi? • Dove si siede il discente? La sua collocazione ha degli effetti sulla sua socializzazione e la sua accettazione da parte della classe? • Con quali modalità/frequenza mi rivolgo al ragazzo? Come mi presento a lui? • Come ho favorito un piano di inserimento? Quali gli effetti? Quali le carenze? • Sono capace di fare un insegnamento differenziato per accomodare le esigenze del ragazzo? Come farlo? • Come rendere comprensibile l’input all’alunno? • Quali sono le attività/materiali ai quali non risponde? • Quali sono le maggiori difficoltà che incontra nella mia materia? • Cosa pensa il discente del format delle lezioni?
  35. 35. Grazie per l’attenzione!!!! Buon lavoro!

×