Project management elementi base

5,016 views

Published on

Published in: Business

Project management elementi base

  1. 1. PROJECT MANAGEMENT & TECNICHE DI PROGAMMAZIONE E CONTROLLO DEL PROGETTO Ing. Clarissa RETROSI - clarissa.retrosi@gmail.com Project e Project Management Cos’è un Progetto, che significa gestire un progetto e cosa è il Project Management
  2. 2. Ing. Clarissa RETROSI STRUTTURA CORSI APPROCCIO STRATEGICO • Definizioni ed Elementi base APPROCCIO TATTICO • Il Project Management in Azienda APPROCCIO TECNICO • Strumenti Operativi di PM PROJECT MANAGEMENT AZIENDALE FINANZIMENTI INTERANZIONALI • Opportunità di Finanziamento (UE) FINANZIAMENTI EUROPEI • Le opportunità per le aziende BANDO UE: CASO PRATICO • Esempio di bando e proposal PROJECT MANAGEMENT INTERNAZIONALE
  3. 3. 1400 1800 1900 1940 1950 1960 1990 PROJECT MANAGEMENT NELLA STORIA Gradi Opere Civili Logistica Milinare Gradi Impiantistica Ricerca e Sviluppo Nuove Teconologie Uso diffuso dei Progetti Costruzioni Rinascimentali Recupero Pogettazione Rivoluzione Industriale - Documentazione Progettazione - Evoluzione Organizzazione e Gestione - Ricerca Operativa - Concetto di Team e Gestione Risorse Umane - Primi Strumenti di Gestione (PERT,WBS) - Supporto Informatico agli Strumenti - Nuovi Concetti Leadership (Organizz. a Matrice) - Approccio Sistemico alla Gestione - Approccio per Processi ( PF, RM ) - Qualità Totale ( ISO 9000 ) Ing. Clarissa RETROSI
  4. 4. 6 ELEMENTI FONDAMENTALI 1. Cosa è un Progetto 2. Ciclo di Vita e Fasi di Progetto 3. I Vincoli di Progetto 4. Cosa è il Project Management 5. Il Project Manager 6. Framework e Approccio Integrato Ing. Clarissa RETROSI
  5. 5. - Un insieme di persone e di altre risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obiettivo, di solito con un budget predeterminato ed entro un periodo stabilito (Graham, 1990) - Uno sforzo complesso e temporaneo comportante compiti interrelati eseguiti da varie organizzazioni, con obiettivi, schedulazioni e budget ben definiti (Archibald, 1994) - Uno sforzo temporaneo intrapreso per creare un prodotto o un servizio o un risultato unico (Project Management Institute, 1996) - Un’attività non ripetitiva, finalizzata al raggiungimento di un obiettivo in un certo periodo di tempo, svolto utilizzando uno sforzo congiunto di un pool di risorse 1. COSA È UN PROGETTO Ing. Clarissa RETROSI
  6. 6. …… QUINDI: – Unicità: ogni progetto è un caso a sé – Finalità: è essenziale la definizione dell’obiettivo e dei risultati – Temporalità: un momento di inizio e un termine temporale – Pool di risorse: le persone, gli strumenti, le risorse economiche, il tempo – Professionalità Diversificate: necessità di skill trasversali Ing. Clarissa RETROSI 1. COSA È UN PROGETTO
  7. 7. CARATTERISTICHE CHE DISTINGUONO I PROGETTI: - Le attività non di “routine” - E’ comunque richiesta una pianificazione - Devono essere raggiunti degli obiettivi - Un obiettivo implicito è l’innovazione - Il raggiungimento degli obiettivi ha un vincolo temporale - Il lavoro esige delle professionalità (specializzazioni) - Il lavoro deve essere svolto in più fasi - Le risorse da impegnare hanno comunque dei vincoli - Il lavoro da svolgere è ampio e/o complesso Ing. Clarissa RETROSI 1. COSA È UN PROGETTO
  8. 8. Esplorazione Andare avanti all’infinito Una persona/team in lavoro solitario Creare la stessa cosa più volte Nessun vincolo di tempo, costo e prestazioni Cosa non è!!!!! 1. COSA È UN PROGETTO Ing. Clarissa RETROSI
  9. 9. ALLORA CHE COSA È UN PROGETTO ? ….. « Un insieme di attività tra loro correlate e interdipendenti, volte al raggiungimento di un obiettivo preciso, con un limite di tempo determinato, un budget di risorse stabilite, che vengono avviate alla ricerca di un aumento di valore per l’organizzazione o per il soddisfacimento delle esigenze del cliente ” Ing. Clarissa RETROSI 1. COSA È UN PROGETTO (SDA Bocconi - Div. Ricerche 1999)
  10. 10. 6 ELEMENTI FONDAMENTALI 1. Cosa è un Progetto 2. Ciclo di Vita e Fasi di Progetto 3. I Vincoli di Progetto 4. Cosa è il Project Management 5. Il Project Manager 6. Framework e Approccio Integrato Ing. Clarissa RETROSI
  11. 11. AVVIO RealizzazioneMonitoraggio Controllo Pianificazione CHIUSURA Ing. Clarissa RETROSI 2. CICLO DI VITA E FASI DI PROGETTO
  12. 12. Figure 1.1 Project Life Cycle (Gray & Larson, 2006, p6) Ing. Clarissa RETROSI 2. CICLO DI VITA E FASI DI PROGETTO
  13. 13. TEMPO • Esame critico dei risultati • Adeguamento degli standard • Storicizzazione - Obiettivi - Fattibilità - Analisi C/B - Lancio RILEVAZIONE • dei tempi effettivi • dei costi effettivi CONSOLIDAMENTO • Approvazione dati • Inserimento dati VERIFICA • Analisi degli scostamenti • Analisi delle cause RIPIANIFICAZIONE • Attuazione dei correttivi • Nuove stime a finire IDEAZIONE PROGETTAZIONE REALIZZAZIONE CONSEGNA CONCEZIONE PIANIFICAZIONE ESECUZIONE MONITORAGGIO-CONTROLLO CHIUSURA Ing. Clarissa RETROSI 2. CICLO DI VITA E FASI DI PROGETTO - Di Massima - Di dettaglio
  14. 14. 6 ELEMENTI FONDAMENTALI 1. Cosa è un Progetto 2. Ciclo di Vita e Fasi di Progetto 3. I Vincoli di Progetto 4. Cosa è il Project Management 5. Il Project Manager 6. Framework e Approccio Integrato Ing. Clarissa RETROSI
  15. 15. Ing. Clarissa RETROSI 3. VINCOLI DI PROGETTO UN PROGETTO È….. ….. « Un insieme di attività tra loro correlate e interdipendenti, volte al raggiungimento di un obiettivo preciso, con un limite di tempo determinato, un budget di risorse stabilite, che vengono avviate alla ricerca di un aumento di valore per l’organizzazione o per il soddisfacimento delle esigenze del cliente ” OBIETTIVO TEMPI COSTI
  16. 16. 3. VINCOLI DI PROGETTO Ing. Clarissa RETROSI OBIETTIVO TEMPO COSTO - Budget Disponibile - Materiali - Risorse Umane - Outsourcing - Rischi - Dipendenze tra le attività - Produttività Reale/Prevista - Disponibilità Risorse - PRODOTTO: specifiche da realizzare ( funzioni, qualità,… ) ovvero COSA OTTENERE - PROGETTO: lavoro necessario per realizzare il prodotto… ovvero COME OTTENERE
  17. 17. 3. VINCOLI DI PROGETTO Ing. Clarissa RETROSI OBIETTIVO TEMPO COSTO Equilibrare vincoli di tempo, costo e obiettivo – Se il Tempo diminuisce e si vuole mantenere intatto l’obiettivo, dovranno aumentare i costi, o per mantenere fermi i costi, si dovranno ridurre gli obiettivi – Le variazioni rilevanti si avranno soprattutto quando il progetto è già stato avviato. (più lungo è il progetto e più probabilmente si avranno variazioni) – Non è detto che debba restare fermo un lato del triangolo (aumento dell’obiettivo, e aumento sia del tempo che del costo)
  18. 18. Tempi, Costi e Obiettivo regolano il quarto vincolo…. La Qualità. Si hanno dunque tre variabili indipendenti, la quarta è derivata 3. VINCOLI DI PROGETTO Ing. Clarissa RETROSI OBIETTIVO TEMPI QUALITÀ COSTI
  19. 19. 6 ELEMENTI FONDAMENTALI 1. Cosa è un Progetto 2. Ciclo di Vita e Fasi di Progetto 3. I Vincoli di Progetto 4. Cosa è il Project Management 5. Il Project Manager 6. Framework e Approccio Integrato Ing. Clarissa RETROSI
  20. 20. COSA È IL “MANAGEMENT” ? - Pianificazione: scadenzare le cose da fare - Organizzazione: predisporre le attività da compiere - Team Building: selezionare il personale da impegnare - Direzione: fornire le istruzioni da eseguire (strade da percorrere) - Controllo: prendere le decisioni per “risolvere” i problemi - Monitoraggio: verificare (osservare) l’avanzamento - Innovazione: suggerire le soluzioni innovative - Rappresentazione: interfacciare con il “committente” - …e gestione del Rischio: valutare e governare possibili rischi Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  21. 21. LE FASI TECNICHE DI UN PROGETTO Definizione Realizzazione Esercizio Conclusione Idea & concezione Le Attività Gestionali di un Progetto PIANIFICAZIONE ORGANIZZAZIONE STAFFING CONTROLLO MONITORAGGIO Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  22. 22. Calendario Attività Controllare Tempi e Costi Gestire Progettazione Assegnazione Task/RU Gestire SW di Progetto Cosa non è!!!!! 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT Queste sono solo parti del Project Management Ing. Clarissa RETROSI
  23. 23. Il Project Management è una metodologia che si basa sull’applicazione di conoscenze, skill, tecniche di gestione e strumenti di lavoro con l’obiettivo di soddisfare nei tempi, nei costi e con la qualità attesa le esigenze del committente. Quindi il Project Management è una metodologia di conduzione dei progetti che richiede un mix di competenze interfunzionali prevalentemente di tipo gestionale ed organizzativo. Più grande e complesso è il progetto e più c’è bisogno di un processo standard, formale, strutturato per poterlo gestire. La gestione strutturata e formalizzata di un progetto costa, ma i benefici superano di gran lunga i costi. La metodologia del Project Management deve essere applicata in modo scalabile ai progetti: massimo rigore e strutture solide nei grandi progetti, strutture semplici e processi snelli nei progetti più piccoli Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  24. 24. IL PROJECT MANAGEMENT È UN SISTEMA GESTIONALE ORIENTATO PRINCIPALMENTE AI RISULTATI (MISCIA 1994) IN CUI È NECESSARIO: - Definire obiettivi, contenuti, vincoli e confini del progetto - Individuare la strategia più adatta per condurre il progetto - Verificare la fattibilità funzionale - Definire le priorità e pianificare le attività nel tempo - Stimare i costi - Pianificare i contenuti qualitativi del progetto - Controllare il progetto in tutte le sue fasi: Tempi, Costi e Qualità - Gestire le Risorse Umane assegnate - Gestire i rapporti con tutti gli enti interessati (Stakeholders) - Identificare e gestire i rischi - Gestire gli approvvigionamenti necessari al progetto - Gestire il processo di comunicazione - Condurre il progetto fino alla sua chiusura ed al rilascio operativo del prodotto/servizio realizzato Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  25. 25. PIANIFICAZIONE -DefinizioneObiettivi -Def.Par.diValutazione -Stesurapiani -StimadeitempiedelBudget ORGANIZZAZIONE -Strutturadelprogetto -Gruppodilavoro -Definizionedelleattività DIREZIONE - Gestione delle Risorse Umane - Gestione altre risorse - Gestione Riunioni CONTROLLO E MONITORAGGIO - Def. Sistema di monitoraggio - Controllo avanzamento (SAL) - Audintig del progetto - Controllo di Configurazione DEFINIZIONE, ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO Tempo Risorse Ideazione e Definizione del Progetto Realizzazione, in esercizio e Conclusione del Progetto Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  26. 26. QUALI SONO I FATTORI DI BASE PER LA VALUTAZIONE DEL RISULTATO DEL PROGETTO? - la qualità intrinseca del risultato raggiunto - il rispetto dei tempi previsti - l’adeguato utilizzo delle risorse economiche e finanziarie disponibili - un elevato grado di soddisfazione da parte delle persone che hanno partecipato - …. oltre il rispetto dei criteri di valutazione specifici definiti a priori Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  27. 27. ORGANIZZARE LE ATTIVITÀ DEL LAVORO PER PROGETTI HA QUINDI I SEGUENTI VANTAGGI: - Ottenere una forte motivazione delle persone a raggiungere obiettivi - Avere la possibilità di anticipare e controllare gli eventi per avviare azioni correttive - Promuovere l’apprendimento continuo e la diffusione dell’innovazione Ing. Clarissa RETROSI 4. COSA È IL PROJECT MANAGEMENT
  28. 28. 6 ELEMENTI FONDAMENTALI 1. Cosa è un Progetto 2. Ciclo di Vita e Fasi di Progetto 3. I Vincoli di Progetto 4. Cosa è il Project Management 5. Il Project Manager 6. Framework e Approccio Integrato Ing. Clarissa RETROSI
  29. 29. a. Definire l'architettura generale in termini di • Obiettivi del lavoro • Piano e schedulazione di progetto • Struttura organizzativa b. Mantenere sotto costante controllo tutte le variabili generate dal progetto durante la sua evoluzione, cercando di contenere le spinte deviazionistiche che fatalmente tendono a presentarsi in corso d’opera c. Assicurarsi che la fase realizzativa proceda regolarmente (e si discosti, dunque, il meno possibile dal modello operativo disegnato in sede di pianificazione iniziale), d. Assicurarsi che le risorse disponibili vengano sempre impiegate al meglio (uomini, macchinari, attrezzature, materiali, mezzi finanziari ecc.) e. Focus stabile sia sui processi, che sui risultati, con l'obiettivo dichiarato di pervenire, sempre e comunque, alla realizzazione dell'oggetto della fornitura. 5. PROJECT MANAGER Ing. Clarissa RETROSI
  30. 30. 1. IN FASE DI PIANIFICAZIONE - Pianificare il raggiungimento dell’obiettivo del progetto definendo specifiche tecniche, il budget ed i tempi. 2. IN FASE DI ATTUAZIONE - Guidare, motivare e assistere il gruppo di lavoro - Risolvere problemi e conflitti: tecnici, decisionali, risorse - Formare i project leader responsabili di parti di progetto - Attivare e gestire i rapporti interfunzionali 3. IN FASE DI CONTROLLO - Valutare lo stato di avanzamento fisico del progetto. - Valutare la stima a finire, gli eventuali ritardi e ripianificare il progetto. - Gestire i rischi di progetto rispetto ai quali sia necessario proporre delle varianti - Verificare la qualità dei risultati ottenuti - Produrre il reporting finale verso lo Steering Committee 5. PROJECT MANAGER Ing. Clarissa RETROSI
  31. 31. a. ORGANIZZATIVI - Assegnare le responsabilità e le deleghe - Progettare e gestire il sistema informativo a supporto - Scegliere gli strumenti informatici a supporto b. GESTIONALI - Problem solving / decision making - Communication management - Knowledge management - Risk management c. DI INTERFACCIA - Con il top management - Con il committente - Con il sistema qualità e sicurezza d. DI COMUNICAZIONE - Centro di smistamento delle informazioni - Indire il kick off meeting - Predisporre e gestire il cruscotto e il tableau de bord aziendali - Indire le riunioni di avanzamento (progress meeting) 5. PROJECT MANAGER Ing. Clarissa RETROSI SKILL PROFESSIONALI
  32. 32. a. Sicurezza in se stessi (che non deve, tuttavia, mai sconfinare nell'arroganza) b. Flessibilità (che non deve intendersi come arrendevolezza bensì come duttilità, malleabilità, e, più in generale, disponibilità ad adattarsi facilmente alle situazioni contingenti che non è detto risultino sempre gradite) c. Grinta (che non va confusa con la prepotenza né con l'aggressività, ma che deve invece essere intesa come fermezza nel sostenere le proprie posizioni) d. Tenacia (che non deve mai diventare ostinazione o accanimento, ma che deve tradursi nella perseveranza nel perseguire determinati obiettivi) e. Capacità di analisi e di sintesi f. Disponibilità al dialogo (che significa sensibilità e apertura nei confronti dei propri interlocutori e, di conseguenza, cordialità, affabilità, gentilezza e cortesia nell’intrattenere i rapporti interpersonali). 5. PROJECT MANAGER Ing. Clarissa RETROSI COMPETENZE «SOFT»
  33. 33. PROJECT MANAGER Tempo Costo Obiettivi Qualità MINIMIZZARE MASSIMIZZARE Ing. Clarissa RETROSI Anticipare e governare i conflitti originati dal gioco degli interessi, sia personali che professionali, dei singoli stakeholders. 5. PROJECT MANAGER
  34. 34. ……..Semplicemente: PLAN THE WORK AND WORK THE PLAN Pianificare il lavoro e lavorare (governare) il piano Ing. Clarissa RETROSI COSA DEVE FARE UN PROJECT MANAGER? 5. PROJECT MANAGER
  35. 35. 6 ELEMENTI FONDAMENTALI 1. Cosa è un Progetto 2. Cosa è il Project Management 3. Ciclo di Vita e Fasi di Progetto 4. I Vincoli di Progetto 5. Il Project Manager 6. Framework e Approccio Integrato Ing. Clarissa RETROSI
  36. 36. Nel Project Management convivono diverse scuole di pensiero che seguono approcci metodologici diversi tra loro tra cui ad esempio: - approcci “classici” basati sulla successioni di fasi predefinite - approcci incrementali - approcci agili Ciascuno di questi approcci presenta vantaggi e svantaggi che possono consigliarne l'adozione in certi contesti di progetto piuttosto che sconsigliarlo in altri. In progetti reali può essere conveniente adottare approcci misti in funzione del contesto o della fase del progetto. Molti di essi fanno riferimento al PMBOK sviluppato dal Project Management Institute. Ing. Clarissa RETROSI 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO
  37. 37. Ing. Clarissa RETROSI 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Al di la dei diversi approcci utilizzabili esistono delle fasi che accomunano buona parte dei progetti a prescindere dagli approcci utilizzati Per i progetti di una dimensione non banale tipicamente la fase di pianificazione e quella di esecuzione si trovano all’interno di un ciclo iterativo che prevede un monitoraggio e controllo dei risultati prodotti
  38. 38. Ing. Clarissa RETROSI 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO A prescindere dalle metodologie utilizzate esiste una forte correlazione tra le fasi centrali di un progetto ed i modelli studiati per il miglioramento continuo della qualità. - Plan: pianificazione - Do: esecuzione del progetto - Check: misurazioni e controllo, raccolta ed analisi dei risultati e dei feedback. - Act: azione correttive per migliore i deliverable e/o i processo. PLAN DO CHECK ACT Tra questi ultimi è molto noto il ciclo di Deming (PDCA) ideato in Giappone degli anni „50 conosciuto anche in molte sue varianti
  39. 39. Ing. Clarissa RETROSI 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO La metodologia riconosciuta in tutto il mondo come lo “standard de-facto” per il Project Management è quella pubblicata dal: Project Management Institute (PMI) Il PMI, fondato nel 1969 in Pennsylvania, ha pubblicato un manuale di riferimento, che viene periodicamente aggiornato (1^ ed. 1987): PMBOK® Project Management Body Of Knowledge www.pmi.org Attualmente il PMBOK® rappresenta a livello mondiale l’insieme di standard di P.M. comunemente accettati ed utilizzati e il PMI certifica la professione di PMP® (Project Manager Professional). In alcuni paesi, la certificazione PMI è già un titolo richiesto per poter ricoprire posizioni di responsabilità nei progetti. Del PMBOK® 3rd edition esiste anche una versione in italiano.
  40. 40. Ing. Clarissa RETROSI 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO STRUTTURA DELLA METODOLOGIA PMBO 9 AREE CONOSCENZA • Ambito/Scopo • Tempi • Costi • Qualità • Risorse Umane • Comunicazione • Rischi • Forniture • Integrazione Processi 5 MACRO PROCESSI • Ideazione/Avviamento • Pianificazione/Progettazione • Realizzazione • Controllo • Rilascio/Chiusura
  41. 41. Integration Management Time Management Cost Management Scope Management Quality Management HR Management Risk Management Communication Management Procurement Management 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Ing. Clarissa RETROSI AREE DI CONOSCENZA PMBO
  42. 42. 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Ing. Clarissa RETROSI INTEGRAZIONE PER PROCESSI
  43. 43. Integration Management Time Management Cost Management Scope Management Quality Management HR Management Risk Management Communication Management Procurement Management 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Ing. Clarissa RETROSI
  44. 44. SCOPE MGMT COST MGMT TIME MGMT - Definizione delle attività - Definizione delle precedenze tra le attività - Stima della durata delle attività - Pianificazione temporale (Schedule) - Controllo del piano temporale - Pianificazione delle risorse (persone e mezzi) - Stima dei costi - Budget dei costi (attribuzione di budget per ogni attività) - Controllo dei costi - Avvio (Impulso) - Pianificazione dello Scopo (descrive l’oggetto del progetto) - Definizione dello Scopo (suddivide i risultati parziali del progetto in componenti più facilmente gestibili) - Verifica dello Scopo - Controllo delle variazioni dello Scopo 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Ing. Clarissa RETROSI
  45. 45. QUALITY MGMT RISK MGMT COMMUNICATION MGMT - Pianificazione delle comunicazioni (determinare cosa occorre comunicare a ciascun stakeholder e come) - Distribuzione delle informazioni - Reporting sui risultati e sulle prestazioni (stato, avanzamento, previsioni) - Rapporto Finale e procedure di chiusura del Progetto - Pianificazione delle azioni di Risk Management - Identificazione dei rischi - Valutazione dei rischi - Analisi qualitativa (effetti) - Analisi quantitativa (probabilistica) - Sviluppo delle azioni di contrasto - Controllo dei rischi (valutazione del rischio iniziale e residuale, nuovi rischi, esecuzione delle azioni di mitigazione e valutazione dei loro effetti) - Pianificazione della qualità (determinazione degli standard di qualità rilevanti per il progetto e di come soddisfarli) - Assicurazione della qualità (stima metodica delle prestazioni per assicurarsi che gli standard saranno rispettati) - Controllo della qualità (misura di specifici risultati o parametri atti a verificare che gli standard siano rispettati ed eliminazione delle eventuali cause di andamenti non soddisfacenti) 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Ing. Clarissa RETROSI
  46. 46. PROCURAMENT MGMT HR MGMT INTEGRATION MGMT - Sviluppo del piano di progetto (raccoglie in un documento coerente e coeso i risultati di tutti i processi di pianificazione) - Esecuzione del piano di progetto - Controllo dell’integrazione delle varianti di Piano (varia in modo coerente tutta la pianificazione del progetto) - Pianificazione dell’organizzazione di Progetto (identificazione, documentazione e assegnazione di responsabilità, ruoli, e reciproche figure di riferimento cui si riporta) - Acquisizione delle risorse umane - Sviluppo del team (sviluppo delle capacità individuali e dei gruppi di lavoro) - Pianificazione delle acquisizioni: piano degli acquisti (cosa, come, quando), identificazione dei potenziali fornitori - Raccolta di offerte e proposte, indizione di gare (Solicitation) - Scelta dei fornitori (chi, come) - Gestione dei contratti - Chiusura dei contratti 6. FRAMEWORK E APPROCCIO INTEGRATO Ing. Clarissa RETROSI
  47. 47. - Utilizzo di una metodologia di gestione - Investimento nel ruolo del Project manager - Continuo coinvolgimento del cliente - Sviluppo formativo del gruppo di lavoro - Facilitazione nella comunicazione interna ed esterna - Imparare dagli errori, l’autoapprendimento Ing. Clarissa RETROSI CHIAVI DEL SUCCESSO DI UN PROGETTO
  48. 48. - Errori di pianificazione progettuale - Errori di valutazione requisiti - Non adeguato controllo di forniture esterne - Carenza di feedback dal/al cliente - Mancata gestione dell’impatto del progetto sul cliente - Eccessiva variabilità interfaccia cliente/fornitore - Mancanza di comunicazione inter/intra progetto - Incapacità di motivare le risorse - Incapacità di stima tempi/risorse/costi - Impossibilità di negoziazione tempi di consegna Ing. Clarissa RETROSI CAUSE DI INSUCCESSI
  49. 49. - Più del 20% di tutti i progetti sono cancellati prima del completamento - Più del 70% dei rimanenti progetti non raggiungono le caratteristiche attese - Il progetto medio assorbe circa il doppio del budget e prende più del doppio della durata prevista. Fonte:The Standish Group 1994 Ing. Clarissa RETROSI ALCUNI DATI INQUIETANTI
  50. 50. CONTATTI Ing. Clarissa RETROSI Clarissa Retrosi clarissa.retrosi@gmail.com

×