Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Quando il fine non giustifica i mezzi

273 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Quando il fine non giustifica i mezzi

  1. 1. LAVORI RETE FOGNARIA: QUANDO IL FINE NON GIUSTIFICA I MEZZI
  2. 2. Su questo la pensiamo allo stesso modo
  3. 3. Non cambiano i personaggi Non cambiano i metodi
  4. 4. CONDOMINIO SANTA SOFIA INIZIANO I LAVORI SENZA CHE L’AMMINISTRATORE, SINDACO, ABBIA FATTO ALCUNA RIUNIONE PREVENTIVA CON I CONDOMINI
  5. 5. Dal giornalino del comune “Seguendo un piano di lavori stabilito con Hera e l’Amministrazione Comunale, i privati in sostanza dovranno dividere fogne bianche e nere.”
  6. 6. Dal giornalino del comune “I lavori in programma richiedono grande impegno e collaborazione da parte di tutta la Popolazione.”
  7. 7. Dal giornalino del comune: “Una volta terminate le operazioni da parte dell’azienda CLAFC la seconda fase dei lavori interesserà direttamente i privati cittadini, che avranno il dovere di adeguare il proprio sistema fognario entro 6 mesi dall’attivazione della nuova rete fognaria”…..
  8. 8. VI SEMBRA CORRETTO?
  9. 9. I FATTI DI PRIMA 11 novembre 2008 PROGETTO PRELIMINARE ADEGUAMENTO RETE FOGNARIA
  10. 10. ….. I FATTI CAMPAGNE D’INDAGINE SVOLTE DA HERA Dal 2007 ad oggi CI SI LAVORAVA DA BEN 4 ANNI
  11. 11. …. I FATTI 5 maggio 2010 PROGETTO DEFINITIVO ADEGUAMENTO RETE FOGNARIA
  12. 12. I fatti recenti • I lavori cominciano ancora prima di avere informato la gente; • C’è molta fretta: perché? • Il comune organizza una pubblica assemblea senza tecnici di Hera; • Si organizzano “riunioni di quartiere”con i proprietari per risolvere problemi particolari; • Ci viene detto che lo impone il Regolamento del servizio idrico integrato.
  13. 13. PROBLEMI • Costi enormi per i cittadini; • Disagi individuali e collettivi • Servitù di passaggio? Clima avvelenato tra i cittadini
  14. 14. LE DOMANDE CHE TUTTI SI PONGONO Perché il cittadino che a suo tempo ha già pagato l’allaccio alla pubblica fognatura e quindi è stato autorizzato allo scarico deve pagarne uno nuovo? Perché deve pagarsi un tecnico che gli segue e certifica i lavori?
  15. 15. LE DOMANDE CHE TUTTI SI PONGONO Perché nel Borgo i cittadini, per loro fortuna, non hanno pagato gli allacci? Perché una copertura del 70% del paese ? Una parte della rete fognaria rimane mista. E’stato fatto tutto il possibile per evitare questo pesante esborso da parte dei cittadini?
  16. 16. Dove? Dove sono finiti tutti i soldi che abbiamo pagato in bolletta per la tariffa di depurazione? Ma soprattutto abbiamo pagato per un servizio non reso?
  17. 17. Cosa fare?
  18. 18. CHI NON L’HA PENSATO ALZI LA MANO
  19. 19. PROPONIAMO UNA RACCOLTA FIRME
  20. 20. PER CHIEDERE
  21. 21. 1. ASSISTENZA TECNICA GRATUITA DAL COMUNE E DA HERA. Dal momento che i lavori rientrano nella pubblica utilità.
  22. 22. 2. NON ESIGIBILITÀ DELL’ONERE DI ALLACCIAMENTO • Perché ad alcuni utenti giustamente non è stato fatto pagare; • Perché tutti noi a suo tempo, comprando casa, l’abbiamo già pagato.
  23. 23. 3. DAL COMUNE STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE DEL 30% DEL COSTO SOSTENUTO PER GLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO RICHIESTI AI PRIVATI. Perché…
  24. 24. Trattandosi di interventi di risanamento ambientale: E’ DOVERE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE INTERVENIRE PER ABBATTERE I COSTI DEI PRIVATI CHE DOVRANNO SPACCARE NELLA LORO PROPRIETA’ PER ADEGUARSI
  25. 25. 4. ALLUNGAMENTO AD ALMENO DUE ANNI DEI SEI MESI PREVISTI PER ESEGUIRE I LAVORI.
  26. 26. VI RINGRAZIAMO PER L’ATTENZIONE

×