Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
La Chiesa, l’Italia, i
Longobardi
E in Occidente?
Per orientarci
La
Chiesa in
Occident
e
La basilica di San Pietro di epoca costantiniana
Una forza unificatrice
La Chiesa cattolica garantisce unità culturale e religiosa all’Occidente
europeo, diviso in regni r...
L’Europa cristiana
Fondamentale è la conversione al cattolicesimo dei germani, che punta a
estirpare l’arianesimo per otte...
Il ruolo dei vescovi
Il primato del Papa sulla cristianità
Radicamento dei
vescovi
Primato del vescovo di Roma
Inizialmente
onorifico dal
Conci...
Leone I
Secondo la tradizione, ferma Attila a Mantova.
Da Roma riprende il titolo di pontifex maximus.
Afferma il principi...
Conflitto con l’Impero d’Oriente
Primato di Roma  tensioni con l’imperatore d’Oriente per il
CESAROPAPISMO (l’imperatore ...
Monachesimo
Monachesimo occidentale è cenobitico.
Minore autonomia rispetto all’autorità ecclesiastica, perché i monasteri...
Il monachesimo irlandese
Dal V secolo il movimento di evangelizzazione attraverso il monachesimo si
fa intensissimo.
I cel...
Monachesi
mo
occidental
e
Monachesimo benedettino
Le caratteristiche del monachesimo occidentale sono però stabilite da
Benedetto da Norcia (480-547...
Monastero
benedettino
Povertà, obbedienza, stabilità -
cultura
Attività in forma comunitaria
Obbedienza alla figura dell’abate
Monaci tenuti all...
Amanuensi
L’Italia
divisa fra
Longobar
di e
Bizantini
Una provincia bizantina
La guerra greco-gotica (535-553) e la conquista bizantina prostrano l’Italia 
da centro del Medit...
L’Italia divisa
Longobardi in migrazioni secolari dalla Scandinavia all’Europa centrorientale
(Pannonia=Ungheria).
Dal 568...
E i Bizantini?
Scelgono la linea difensiva: mantengono Roma e il Lazio, le zone costiere e a
Sud strategiche per i commerc...
La “questione longobarda” –
quando storia e politica si
incontranoQuali caratteri ha la dominazione longobarda in Italia? ...
Come cambia la società
Il dominio longobardo ha costituito una FRATTURA STORICA
Uscita dell’Italia
dal sistema
imperiale
S...
Un potere frammentato
Longobardi: struttura politica e sociale rudimentale, basata sui clan.
Si stabiliscono in campagna, ...
Successioni difficili – i duchi
Nel 572 Alboino è assassinato da una congiura ordita dalla moglie
Rosmunda (e Bizantini), ...
Nascita di uno stato longobardo
Dopo Autari, con Agilulfo e Rotari, i domini vengono ampliati con Veneto
(tranne Venezia),...
L’Editto di Rotari - 643
Tentativo di affermare il potere centrale
Rotari trasforma in leggi scritte le norme consuetudina...
L’avvicinamento dei due popoli
Mentalità longobarda sta cambiando: ruolo importante giocato dalla Chiesa,
con Gregorio Mag...
Il Papato tra Longobardi e
Bizantini
Con i Longobardi cresce il prestigio della Chiesa in Italia, perché si
indebolisce il...
Gregorio Magno
Ruolo centrale del Pontefice.
Amministrazione efficiente delle proprietà della Chiesa: rendite fondiarie pe...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Storia medievale_La Chiesa, l'Italia, i Longobardi

2,340 views

Published on

Lezione di storia medievale per la seconda liceo

Published in: Education
  • Be the first to comment

Storia medievale_La Chiesa, l'Italia, i Longobardi

  1. 1. La Chiesa, l’Italia, i Longobardi E in Occidente?
  2. 2. Per orientarci
  3. 3. La Chiesa in Occident e La basilica di San Pietro di epoca costantiniana
  4. 4. Una forza unificatrice La Chiesa cattolica garantisce unità culturale e religiosa all’Occidente europeo, diviso in regni romano-germanici. Si ispira all’impero di Roma, conservando caratteri e tradizioni romane (latino). Tramontato il sogno di Giustiniano, la Chiesa rimane per secoli l’unica istituzione di carattere universale (cattolica) in Occidente. Il suo successo è dato dal coinvolgimento dei vescovi e dal primato di quello di Roma.
  5. 5. L’Europa cristiana Fondamentale è la conversione al cattolicesimo dei germani, che punta a estirpare l’arianesimo per ottenere integrazione. Fra V e VI secolo si elaborano credenze e comportamenti che avrebbero segnato il Medioevo. Decisivi sono due fattori: monachesim o cultura classica
  6. 6. Il ruolo dei vescovi
  7. 7. Il primato del Papa sulla cristianità Radicamento dei vescovi Primato del vescovo di Roma Inizialmente onorifico dal Concilio di Nicea (325) Titolo di Papa dal 384 Pontificat o di Leone I
  8. 8. Leone I Secondo la tradizione, ferma Attila a Mantova. Da Roma riprende il titolo di pontifex maximus. Afferma il principio del primato di Pietro (vescovo di Roma ricava il suo potere dall’essere vicario di Pietro, a cui Cristo aveva affidato la sua Chiesa).
  9. 9. Conflitto con l’Impero d’Oriente Primato di Roma  tensioni con l’imperatore d’Oriente per il CESAROPAPISMO (l’imperatore d’Oriente deteneva anche autorità in ambito religioso) I pontefici romani si oppongono all’influenza esercitata dagli imperatori d’Oriente: papa Gelasio I (492-496) invia lettera all’imperatore Anastasio I, nella quale afferma l’AUTONOMIA DELLA CHIESA rispetto al potere politico e l’esistenza di due distinte autorità (politica = imperatore; spirituale = papa), entrambe derivanti da Dio. Il potere politico doveva realizzare la volontà divina: si afferma la SUPREMAZIA del potere SPIRITUALE su quello TEMPORALE (controversia tipicamente medievale).
  10. 10. Monachesimo Monachesimo occidentale è cenobitico. Minore autonomia rispetto all’autorità ecclesiastica, perché i monasteri devono sorgere in accordo con i vescovi. Grazie a questo legame, il monachesimo diventa strumento fondamentale di evangelizzazione in Occidente (in aree rurali e in GB-Irlanda). Funzione evangelizzatrice differenzia considerevolmente il monachesimo occidentale da quello orientale, più ascetico e legato alla preghiera.
  11. 11. Il monachesimo irlandese Dal V secolo il movimento di evangelizzazione attraverso il monachesimo si fa intensissimo. I celti d’Irlanda vengono convertiti da monaci della Britannia, guidati da San Patrizio (432). Il monachesimo irlandese eredita elementi orientali: ascetismo estremo, ideale della peregrinatio, esilio volontario al mondo che diventa missione di evangelizzazione e martirio.
  12. 12. Monachesi mo occidental e
  13. 13. Monachesimo benedettino Le caratteristiche del monachesimo occidentale sono però stabilite da Benedetto da Norcia (480-547), che nel 529 fonda il monastero di Montecassino. Introduce la Regola, con il rispetto di tre voti: povertà, castità e carità. Sono però evitati gli eccessi del monachesimo irlandese e si diffonde proprio per la sua moderazione, affermandosi pienamente con il pontificato di Gregorio Magno (590-604). Fusione fra momenti di preghiera e di lavoro: ORA ET LABORA. Scansione della giornata nelle ore canoniche di preghiera, lavoro, studio e lettura individuale. Il monastero benedettino diventa struttura efficiente e autosufficiente.
  14. 14. Monastero benedettino
  15. 15. Povertà, obbedienza, stabilità - cultura Attività in forma comunitaria Obbedienza alla figura dell’abate Monaci tenuti alla permanenza stabile fino alla morte nel monastero (stabilitas). Attività intellettuale e studio di venti ore settimanali: ogni monastero ha una biblioteca e uno scriptorium, dove i manoscritti venivano copiati e miniati. Vengono aperte anche scuole monastiche per i novizi. Contributo fondamentale per la conservazione della cultura classica.
  16. 16. Amanuensi
  17. 17. L’Italia divisa fra Longobar di e Bizantini
  18. 18. Una provincia bizantina La guerra greco-gotica (535-553) e la conquista bizantina prostrano l’Italia  da centro del Mediterraneo a provincia bizantina con la Prammatica sanzione. Governo bizantino autoritario, esoso e debole: forti tensioni con aristocrazia italica. In questo quadro si inserisce l’arrivo dei Longobardi in Italia.
  19. 19. L’Italia divisa Longobardi in migrazioni secolari dalla Scandinavia all’Europa centrorientale (Pannonia=Ungheria). Dal 568, spinti dagli Avari, si muovono verso Occidente guidati da Alboino. Nel 569 entrano in Italia dal Friuli e conquistano Pavia, poi capitale del loro regno. Si impossessano dell’Italia settentrionale, della Toscana e di un’area estesa centro-meridionale, dall’Umbria alla Basilicata.
  20. 20. E i Bizantini? Scelgono la linea difensiva: mantengono Roma e il Lazio, le zone costiere e a Sud strategiche per i commerci mediterranei (Pentapoli adriatica, area veneta, Liguria – poi ceduta ai Longobardi – e le isole). Italia da allora divisa: non più “Italia”, ma Longobardia Romània
  21. 21. La “questione longobarda” – quando storia e politica si incontranoQuali caratteri ha la dominazione longobarda in Italia? Non c’è una risposta univoca per scarsità delle fonti: Historia Longobardorum di Paolo Diacono (789, duecento anni dopo l’arrivo dei Longobardi) e Editto di Rotari (643). Durante il Risorgimento, la dominazione longobarda è vista in maniera estremamente negativa. Oggi la posizione è più sfumata: non è uniforme una dominazione che dura due secoli; dopo la conflittualità iniziale, integrazione fra le due componenti, anche linguistica. Rivendicazioni autonomistiche e Longobardi oggi?
  22. 22. Come cambia la società Il dominio longobardo ha costituito una FRATTURA STORICA Uscita dell’Italia dal sistema imperiale Scomparsa dell’aristocrazia senatoria come ceto dirigente (uccisi, sottomessi) Non c’è integrazione: Longobardi estranei alla cultura latina e ariani, con massa pagana Per l’Italia epoca di regresso economico e dissoluzione strutture civili
  23. 23. Un potere frammentato Longobardi: struttura politica e sociale rudimentale, basata sui clan. Si stabiliscono in campagna, suddivisi in FARE (gruppi di guerrieri legati da antenato comune). Nelle città risiedono i DUCHI, comandanti militari che governano su territori estesi. Esiste un re, ma i duchi sono molto autonomi. Sommatoria di domini locali, cosa che accentua la frammentazione politica dell’Italia.
  24. 24. Successioni difficili – i duchi Nel 572 Alboino è assassinato da una congiura ordita dalla moglie Rosmunda (e Bizantini), nel 574 anche Clefi viene ucciso Assoluto sopravvento dei DUCHI fino a elezione di Autari (584- 590): unità contro minaccia bizantina
  25. 25. Nascita di uno stato longobardo Dopo Autari, con Agilulfo e Rotari, i domini vengono ampliati con Veneto (tranne Venezia), parte di Emilia e Liguria. Si rafforza l’autorità del sovrano, con la limitazione del potere dei duchi: nuova gerarchia. Sovrano e la sua corte a Pavia (626 capitale) Gastaldi: funzionari nominati dal sovrano, poteri giudiziari e amministrativi In realtà Spoleto e Benevento restano autonomi: autorità solo in Nord e Toscana
  26. 26. L’Editto di Rotari - 643 Tentativo di affermare il potere centrale Rotari trasforma in leggi scritte le norme consuetudinarie del diritto longobardo. Questo per garantire equità e uniformità e imporre l’autorità pubblica al posto di quella privata dei clan. Dalla FAIDA GUIDRIGILDO: risarcimento in denaro per danno o offesa Principio scritto per il popolo dei longobardi, ma con influenza romana, in latino: TERRITORIALITA’ DELLE LEGGI
  27. 27. L’avvicinamento dei due popoli Mentalità longobarda sta cambiando: ruolo importante giocato dalla Chiesa, con Gregorio Magno, mediatore fra Longobardi, Bizantini e popolazione romana. Matrimoni misti Latino volgare Conversione al CATTOLICESIMO
  28. 28. Il Papato tra Longobardi e Bizantini Con i Longobardi cresce il prestigio della Chiesa in Italia, perché si indebolisce il potere bizantino e per l’operato di Gregorio Magno (590-604). Il Papa nei territori dell’Italia centrale sostituisce un imperatore ormai assente: è lui che tratta con i Longobardi per il pagamento dei tributi e per la conversione al cattolicesimo, in accordo con la regina Teodolinda. Nello stesso tempo, il Papa tratta con i Franchi in funzione antilongobarda, ponendo le basi di un accordo che sarebbe durato fino al IX secolo.
  29. 29. Gregorio Magno Ruolo centrale del Pontefice. Amministrazione efficiente delle proprietà della Chiesa: rendite fondiarie per donazioni, solida base economica per sfamare durante carestie, compiere opere di carità e difendere Roma. Patrimonio di San Pietro che da Roma e Lazio si svilupperà in entità politica, il futuro A ciò si sommano i tentativi di evangelizzazione alle estremità dell’Europa: angli e sassoni; monachesimo benedettino. STATO DELLA CHIESA

×