Romanticismo: Delacroix e Gericault a confronto.

11,421 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
11,421
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
78
Actions
Shares
0
Downloads
29
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Romanticismo: Delacroix e Gericault a confronto.

  1. 1. EUGENE DELACROIX e THEODORE GERICAULT Cenni biografici e differenze di linguaggio tra i due artisti
  2. 2. EUGENE DELACROIX: vita e opere <ul><li>Eugène Delacroix nasce nel 1798 a Charenton-Saint-Maurice. Morto il padre nel 1806 a Bordeaux, la famiglia si trasferisce a Parigi. </li></ul><ul><li>Nell'ottobre 1815 è nello studio di Pierre-Narcisse Guérin, e due anni più tardi si iscrive all'Ecole des Beaux-Arts, dove stringe amicizia con Géricault. La prima commissione pubblica è del 1819, quando dipinge per la chiesa di Orcemont la Vergine delle messi, ispirata a Raffaello. </li></ul><ul><li>Frequentatore dei salotti mondani, Delacroix stringe amicizia con il pittore inglese Fielding . </li></ul><ul><li>Nel 1830 dipinge La Libertà che guida il popolo , che sarà esposta al Salon del 1831; nel mese di settembre riceve la Legion d'onore. L'anno seguente accompagna il conte de Mornay, ambasciatore di Luigi Filippo, in Marocco; visita inoltre la Tunisia e la Spagna. </li></ul><ul><li>Nel 1839 compie un viaggio in Olanda e Belgio in compagnia di Elise Boulanger. L'anno seguente riceve due importanti commissioni: la Pietà per la chiesa di Saint-Denis-du-Saint-Sacrament, e la decorazione della biblioteca del Lussemburgo. </li></ul><ul><li>Nel 1850 riceve l'incarico di eseguire il soffitto della Galleria di Apollo al Louvre. </li></ul><ul><li>Nel 1857 è accolto fra i membri dell'Institut, e decide di scrivere un Dictionnaire des Beaux-Arts ; </li></ul><ul><li>Muore a Parigi il 13 agosto 1863. </li></ul>
  3. 3. THEODORE GERICAULT: vita e opere <ul><li>Jean-Louis Théodore Géricault nasce a Rouen nel 1791. Cresce in una famiglia solida e abbiente, che gli garantisce una buona e regolare istruzione. </li></ul><ul><li>A quattro anni si trasferisce a Parigi </li></ul><ul><li>Dal 1808 al 1810 fu allievo di C. Vernet. </li></ul><ul><li>Divenuto pittore indipendente grazie alle notevoli risorse economiche, progettò un viaggio di studio in Italia. Visitò Firenze e Roma, studiò Raffaello , Caravaggio e soprattutto Michelangelo . </li></ul><ul><li>Tornato a Parigi, conobbe Delacroix , che tanto lo ammirò da considerarsi suo “rispettoso allievo”. </li></ul><ul><li>Nel 1818 compose la celebre Zattera della Medusa , che fu esposta al Salon l’anno dopo, suscitando polemiche, tanto che Gericault , deluso e scoraggiato, se ne andò in Inghilterra. </li></ul><ul><li>Tornato a Parigi, eseguì interessanti schizzi per grandi quadri mai eseguiti, in cui si esprimevano i suoi ideali di liberta e democrazia: La tratta dei negri, La liberazione delle vittime dell'Inquisizione, La guerra d'indipendenza greca. </li></ul><ul><li>Il 26 gennaio 1824 Géricault morì a Parigi. Il Louvre, in quello stesso anno, acquistò l'ormai famoso dipinto della Zattera della Medusa . </li></ul>
  4. 4. Titolo: “Corazziere ferito che abbandona il campo di battaglia” Autore: Théodore Géricault Datazione: 1814 Collocazione: Parigi, museo del Louvre
  5. 5. “ Corazziere ferito che abbandona il campo di battaglia”di Théodore Géricault <ul><li>&quot;Gericault rimane molto al di sotto dela sua ultima produzione. (…) l'esecuzione è generosa e fiera, ma troppo aspre e sembra di notare uno schizzo troppo impreciso e trascurato. Il disegno è pieno di imperfezioni. Il cavallo è mostruoso e senza alcuna unità; il colore infine, è in generale scuro e alterato.&quot; </li></ul><ul><li>La critica aveva colto il nuovo carattere della sensibilità romantica: il tratto più nervoso, le espressioni caricate, il colore scuro e alterato; </li></ul><ul><li>Le pennellate decise ed i toni cupi, comunicano un senso di vulnerabilità e solitudine, regalandoci un esempio della condizione umana; </li></ul><ul><li>La mancanza di ogni espressione di sofferenza nel volto del soldato e l'attenzione tutta rivolta verso la perfezione formale denanciano la dipendenza dal sistema compositivo neoclassico; </li></ul><ul><li>Il corazziere ferito rappresenta metaforicamente la Francia Napoleonica sconfitta nel 1815. Il soldato che lascia il campo fra fumo e nuvole minacciose (non certo considerata una scelta gloriosa per il popolo francese) sembra la Francia ridimensionata dal Congresso di Vienna. Essa è il presagio della fine di un' epoca. </li></ul>
  6. 6. Titolo: “La barca di Dante” Autore: Eugène Delacroix Datazione: 1822 Collocazione: Parigi, museo del Louvre
  7. 7. “ La barca di Dante” di Eugène Delacroix <ul><li>L’ispirazione alla letteratura del medioevo è una costante di tutta l’arte romantica ed in questo caso è Dante ad offrire lo spunto a Delacroix per la scelta del soggetto. </li></ul><ul><li>Tutti i personaggi sono immersi in un ambiente tenebroso, dal cui fondo emergono fuoco e nuvole di fumo; </li></ul><ul><li>Nel tratto vigoroso dei nudi, ogni corpo è dotato di bagliori di luce che lo modellano e non mancano elementi stilistici che rimandano a Michelangelo e a Rubens; </li></ul><ul><li>I corpi sono rappresentati con realismo, dipinti senza un filtro idealizzante; </li></ul><ul><li>La composizione è piramidale. Le figure si protendono verso lo spettatore, come per catturare la sua partecipazione emotiva alla scena; </li></ul><ul><li>La figura di Dante è resa con vigore. Il poeta appare come un eroe che supera l'ostacolo delle acque tempestose; il gesto della mano accompagna e fissa la sua determinazione e, quasi di conseguenza, il volto risulta meno caratterizzato. </li></ul>
  8. 8. Confronto nel linguaggio: Gericault e Delacroix <ul><li>In entrambi I dipinti l' atmosfera è cupa, tenebrosa; questa scelta è presa in funzione della scena rappresentata: se Gericault colloca il suo corazziere in fuga dal campo di battaglia, Delacroix sceglie l'Inferno dantesco, ambiente molto accattivante per la nuova sensibilità romantica dell'epoca; </li></ul><ul><li>In Gericault si nota un' ancor ben radicata compostezza neoclassica che in parte impoverisce il dinamismo della composizione; </li></ul><ul><li>Delacroix invece accentua il movimento della scena attraverso l'estrema torsione dei corpi nudi delle anime e l' increspatura dell' acqua; </li></ul><ul><li>Il gioco luce-ombra è presente in entrambi i dipinti, sebbene ne “la barca di Dante” sia enfatizzato dalla mancanza di una fonte di luce diretta nello sfondo (e quindi risulti addirittura “irreale”) </li></ul><ul><li>Le scene sono molto patetiche: se in Gericault la compartecipazione emotiva all'opera avviene nella dimensione simbolica del dipinto (la fuga poco gloriosa dal campo di guerra interpretata come caduta delle illusioni dell' età napoleonica), in Delacroix essa è stimolata dalla posizione stessa degli elementi nella tela. </li></ul>

×