Progetti CTI e Vivere in Italia

1,669 views

Published on

Presentazione dei Progetti Certifica il Tuo Italiano e Vivere in Italia

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,669
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
682
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Progetti CTI e Vivere in Italia

  1. 1. PROGETTO CERTIFICA IL TUO ITALIANODecreto 4 giugno 2010 Test di conoscenza della lingua italiana Certificati e attestazioni di conoscenza della lingua italiana 16/11/2011 Betta Cicciarelli - Fondazione Ismu
  2. 2. 2006 Prima edizione delProgetto Certifica il tuo italianoLa scelta di puntare su una certificazione riconosciuta alivello europeo è stata fatta a maggiore garanzia degliutenti, per valorizzare l’offerta formativa prevista dalprogetto.la normativa ancora non richiedeva la conoscenza dellalingua
  3. 3. Oggi la normativa è cambiata• la conoscenza della lingua italiana (livello A2) è richiesta per ottenere il permesso CE di lungo soggiorno• il raggiungimento almeno del livello A2 di lingua parlata è previsto dall’accordo di integrazione che entrerà in vigore il 10 marzo 2012 (DPR 14/9/2011 pubblicato sulla GU il 10/11/2011)
  4. 4. Permesso di soggiorno CE persoggiornanti di lungo periodoQuesto permesso che recepisce una direttivaeuropea, sostituisce dal 2007 la carta disoggiorno per cittadini stranieri ed è a tempoindeterminato (quindi non deve essererinnovato)
  5. 5. Può chiedere il permesso di soggiornoCe di lungo periodo la persona che:- ha un permesso di soggiorno e vive regolarmente in Italia da almeno 5 anni- ha un reddito non inferiore a € 5.424,9 per lanno 2011- abita una casa idonea (cioè con idoneità igienico sanitaria rilasciata dall’Asl)- può dimostrare una conoscenza della lingua italiana di livello A2
  6. 6. FamigliariIl cittadino straniero può chiedere il permesso di soggiornoCE anche per i familiari con le stesse regole delricongiungimento , ma deve avere un reddito più alto (perogni familiare il reddito aumenta di 2.712,450) e una casaidonea ad accogliere i familiari.Anche i familiari devono dimostrare la conoscenza della lingua italiana liv A2
  7. 7. Decreto 4 giugno 2010 fissa le modalità di svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana al cui superamento è subordinato il rilascio delpermesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo
  8. 8. NON DEVONO FARE IL TEST• i figli minori degli anni quattordici• i maggiori di 65 anni• gli stranieri affetti con gravi patologie o handicap, attestati mediante certificazione rilasciata  
  9. 9. Inoltre sono esonerati• I cittadini in possesso di un diploma di scuola secondaria di primo o secondo grado ottenuto presso un istituto scolastico o un CTP appartenente al sistema italiano di istruzione• chi frequenta un corso di studi presso una Università italiana statale o non statale legalmente riconosciuta, o frequenta in Italia il dottorato o un master universitario;• professori universitari, giornalisti, traduttori e interpreti
  10. 10. Infine, sono esonerati dal testi cittadini stranieri in possesso di un titolo non inferiore al livello A2 del quadro comune di riferimento europeo per la conoscenza delle lingue approvato dal Consiglio d’Europa rilasciato da:• Enti certificatori riconosciuti dal Ministero degli affari esteri e dal Ministero dellistruzione, delluniversità ( Università per stranieri di Siena e Perugia, Roma 3 , Dante Alighieri )• Centri provinciali per listruzione degli adulti e della ricerca (CTP)
  11. 11. Chi era in possesso della certificazione A2(CILS, PLIDA, CELI, ROMA3) ottenuta anchegrazie al Progetto Certifica il tuo italianonon ha dovuto sostenere il test di italianoobbligatorio per richiedere il permesso disoggiorno CE di lunga durata
  12. 12. Non possono ottenere il permesso CEI titolari di permessi di breve durata e quelli per motivi di studio, formazione professionale, motivi umanitari, protezione temporanea o asiloChi è stato all’estero per più di 6 mesi consecutivi o 10 mesi nel quinquennio (salvo obblighi militari, o gravi e documentati problemi di salute o di famiglia)Chi è considerato un pericolo per l’ordine pubblico e per la sicurezza pubblica (cause ostative o requisito negativo) 
  13. 13. Procedura per il test di lingua1. Domanda online alla prefettura2. Le domanda vengono smistate ai ctp in base al codice postale (nessun controllo di merito)3. I ctp antro 60 gg mandano a casa la convocazione4. Test5. Invio dei risultati alla questura che a questo punto fa il controllo di merito
  14. 14. Risultati test livello A2 Lombardiaconvocati al test 2.981presenti 2.125 (71,2%)non superato 293 (13,7%)
  15. 15. problemiI test vengono preparati dai singoli CTP in base alle lineeguida del ministeroL’esperienza ha fatto emergere l’opportunità di uncoordinamento a livello regionale onde evitare provetroppo differenziate
  16. 16. Problemi rilevati errori nella compilazione delle domande molti non dovevano fare il test perché già in possesso dei titoli, altri non dovevano fare il test in quanto comunque non potevano richiedere il permesso iscrizioni inutili
  17. 17. molti hanno compilato in modo preciso i dati anagraficimancate convocazionimolte assenze conteggiate anche come bocciature
  18. 18. Bisogni emersi• Necessità di rafforzare il coordinamento tra CTP e con le prefetture• Necessità di migliorare l’informazione• Necessità di far conoscere il tipo di prove• Necessità di migliorare gli aspetti organizzativi
  19. 19. Progetti Certifica il tuo italiano/Vivere in ItaliaTest di lingua per il permesso CEAzioni:Pubblicazione di un eserciziario di proveRealizzazione di incontri di preparazione al testFormazione docentiCoordinamento territoriale
  20. 20. DPR 14 settembre 2011 , n. 179 pubblicato sulla GU il 10/11/2011 entrerà in vigore il 10 marzo 2012 Regolamento concernente la disciplina dell’accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato(articolo 4-bis, comma 2, del TU in materia di disciplina dellimmigrazione e norme sulla condizione dello straniero , 1998
  21. 21. Accordo di integrazione 1 In base a questa disposizione, tutti i cittadini stranieri di età superiore a 16 anni che si presenteranno allo Sportello Unico per la domanda di permesso di soggiorno dovranno stipulare un Accordo di integrazione con lo stato.    
  22. 22. Accordo di integrazione 2L’accordo è articolato per crediti, prevede lo svolgimentodi un percorso formativo gratuito durante il quale ilcittadino straniero è impegnato ad acquisire laconoscenza base della lingua italiana (livello A2parlato) e una sufficiente conoscenza della culturacivica e della vita civile in Italia, con particolareriferimento ai settori della sanità, della scuola, dei servizisociali, del lavoro e degli obblighi fiscali.
  23. 23. Accordo di integrazione 3 In particolare lo straniero dovrà garantire l’adempimento dellobbligo di istruzione per i figli minori, dovrà aderire alla Carta dei valori della cittadinanza e dellintegrazione, impegnandosi a rispettarne i principi.
  24. 24. Accordo di integrazione 4All’inizio a tutti vengono assegnati 16 crediti, ma è necessario arrivare fino a 30 per essere in regola con l’accordo. I crediti aumentano attraverso lacquisizione di determinate conoscenze (es: la conoscenza della lingua italiana, della cultura civica e della vita civile in Italia) e lo svolgimento di determinate attività (es.: percorsi di istruzione e formazione professionale, conseguimento di titoli di studio, iscrizione al servizio sanitario nazionale, ecc).
  25. 25. Accordo di integrazione 5Laccordo dura due anni, ma può essere prorogato. Sono esonerate dallaccordo le persone con malattie gravi o handicap gravi, sono esonerate anche le vittime della tratta, le vittime di violenza o grave sfruttamento, per loro laccordo è sostituito dal completamento del percorso di protezione sociale.    
  26. 26. Accordo di integrazione 6ATTENZIONE Lo straniero che entro 3 mesi dal suo arrivo non frequenta i corsi gratuiti di formazione civica può perdere 15 crediti Tutti i crediti assegnati o tagliati sono gestiti da un’anagrafe nazionale, alla quale potranno accedere le persone interessate per controllare la propria posizione
  27. 27. Accordo di integrazione 7ATTENZIONELo straniero che entro 1 - 3 mesi dal suo arrivo non frequenta i corsi gratuiti di formazione civica può perdere 15 creditiTutti i crediti assegnati o tagliati sono gestiti da un’anagrafe nazionale, alla quale potranno accedere le persone interessate per controllare la propria posizione
  28. 28. Progetti Certifica il tuo italiano/Vivere in ItaliaAccordo di integrazione • Chiavetta Usb con materiali a sostegno dei percorsi di ed alla cittadinanza • Formazione docenti (incontro di approfondimento e laboratori con i docenti ) • 600 kit gioco per l’apprendimento dell’educazione civica • Repertorio di domande da utilizzare per la verifica delle competenze minime di educazione alla cittadinanza
  29. 29. Progetti Certifica il tuo italiano/Vivere in Italia Lavoro territoriale24 seminari nel 12 province lombarde dedicati alle associazioni di stranieri di informazione sulla nuova normativa e12 EQUIPE TERRITORIALI per il coordinamento degli interventi (USP, Prefetture, Associazioni, Enti Locali, FP)

×