Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
ViticolturaIMPORTANTE PER LA QUALITÀScelta della densità di impiantoin viticolturaElevate fittezze di impianto sono sempre...
ViticolturaDensità minima e produzioni massime di uva a ceppo previsti dai disciplinari di produzione nei nuoviimpianti: d...
Viticoltura (segue) Densità minima e produzioni massime di uva a ceppo previsti dai disciplinari di produzione nei nuovi i...
Viticoltura                                                                        4    5Foto 4 - Nelle colline della doc ...
ViticolturaFoto 6 - Nei terreni ciottolosi delle «grave», fittezze elevate       Foto 7 - Sistemi di allevamento come il B...
ViticolturaFoto 8 - Nelle pianure fertili il Sylvoz è molto produttivo e non              Foto 9 - Il GDC consente elevate...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Fittezze

772 views

Published on

Scelta della densità di impianto in viticoltura.

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Fittezze

  1. 1. ViticolturaIMPORTANTE PER LA QUALITÀScelta della densità di impiantoin viticolturaElevate fittezze di impianto sono sempre da preferirsi quello di fare una trattazione scientifi-per produzioni enologiche di qualità eccellente. In que- ca sui diversi aspetti legati alla den- sità di impianto, con tutte le implica-sta nota si danno alcune indicazioni su quale sia, nei zioni di ordine fisiologico, bensì tenta-principali ambienti di coltivazione e per i diversi obietti- re di dare alcune indicazioni ai viticol-vi enologici, la densità di piantagione ottimale o almeno tori su quale sia, nei principali am- bienti di coltivazione della vite e per iun valore minimo di piante a ettaro diversi obiettivi enologici, la densità ottimale di piantagione o almeno unLuigi Bavaresco valore minimo di piante a ettaro al di sotto del quale non conviene andare. La scelta della densità di piantagio- fittezza del nuovo impianto. In alcuni È tuttavia necessario, per poter inqua-ne è una delle tante decisioni che de- disciplinari (tabella), inoltre, sono fis- drare bene il problema, enunciare su-vono essere prese al momento dell’im- sate anche le densità minime: ad bito alcune semplici nozioni teorichepianto di un nuovo vigneto. Si tratta di esempio per la docg Asti è prescritta, che supportano tutto il discorso. Launa scelta che non è autonoma o svin- per i nuovi impianti, una densità supe- densità di impianto va in sostanza acolata da altri fattori, ma profonda- riore a 4.000 piante per ettaro. In altri influenzare l’intercettazione di ener-mente dipendente dall’ambiente pedo- disciplinari, come quello per esempio gia radiante da parte della chioma, ilclimatico, dalla combinazione d’inne- dei Colli Orientali del Friuli, oltre alla numero di gemme per ceppo e l’inten-sto, dalla destinazione dell’uva e dalla densità minima (3.000 piante/ha), è sità di colonizzazione del terreno daforma di allevamento. Questo non si- prevista anche la produzione massima parte delle radici. Questi fattori a lorognifica che da un punto di vista logico per pianta (3,7 kg per tutti i vini pro- volta hanno un effetto diretto sull’effi-e temporale la decisione sulla densità dotti, ad eccezione del Picolit che ha cienza fotosintetica e sull’assorbi-di impianto segua tutte le altre, ma è valori ancora minori); particolari sot- mento di acqua ed elementi mineralicontemporanea, in situazioni edafiche tozone della medesima denominazio- da parte delle singole piante e indiret-non limitanti, con la scelta del portin- ne hanno limiti di produzione a ceppo tamente vengono influenzati la produ-nesto e della forma di allevamento. Gli ancora più basse. La viticoltura italia- zione di uva per pianta e il processo diunici fattori che precedono la scelta na è caratterizzata da sesti di impianto maturazione del frutto. A parità di for-della densità sono il sito prescelto per molto diversificati, anche se nei vigne- ma di allevamento, di combinazioneil nuovo vigneto, la destinazione del- ti più recenti per uve da vino si osser- di innesto e di ambiente di coltivazio-l’uva e l’obiettivo enologico. Nelle zo- va la tendenza a un maggior infitti- ne, densità via via crescenti, determi-ne di produzione di vini a doc e docg la mento, specie dove si è passati da for- nando una riduzione di spazio vitaledensità di impianto non è autonoma me di allevamento espanse a forme per la pianta, causano una riduzionema guidata, nel senso che la resa mas- più ridotte. di produzione di uva per ceppo e unsima di uva per ettaro condiziona la Lo scopo del presente articolo non è maggior deposito di zuccheri e di altre 1 2Foto 1 - Nella zona del Barolo le densità di piantagione sono superiori alle 4.000 piante/ha. Foto 2 - Oltrepò Pavese: per vitigni bianchi lafittezza minima può essere di circa 3.000 piante/ha, con forme di allevamento a spalliera L ’ I N F O R M A T O R E A G R A R I O 45/98 65
  2. 2. ViticolturaDensità minima e produzioni massime di uva a ceppo previsti dai disciplinari di produzione nei nuoviimpianti: dati aggiornati al giugno 1998 Denominazione di origine Piante/ha Uva/pianta (kg) NoteDocg Asti (Piemonte) >4.000Docg Brachetto d’Acqui (Piemonte) >4.000Docg Brunello di Montalcino (Toscana) >3.000 <2,7Docg Chianti (Toscana) <5,0 <3 kg/pianta per particolari sottozoneDocg Franciacorta (Lombardia) >3.300 >2.500 ceppi/ha con Sylvoz e pergolaDocg Ghemme (Piemonte) >2.900 <3,0 Forme di allevamento ammesseDocg Valtellina superiore >4.000Docg Vernaccia S. Gimignano (Toscana) >3.000 <5,0Docg Vino Nobile di Montepulciano (Toscana) <2,5Doc Alghero (Sardegna) >2.500 <6,0 (r) <6,5 (b)Doc Ansonica Costa dell’Argentario (Toscana) >3.300 <3,5Doc Assisi (Umbria) >2.500Doc Bagnoli (Veneto) >1.800 Forme di allevamento ammesseDoc Barco Reale di Carmignano (Toscana) >3.300 <3,0Doc Bianco dell’Empolese (Toscana) <7,0Doc Bianco Vergine Valdichiana (Toscana) >2.500Doc Bivongi (Calabria) >4.000 <3,0 (r) <3,25 (b)Doc Bolgheri (Toscana) >4.000 <2,5Doc Bolgheri Sassicaia (Toscana) >4.000 <1,5 Forme di allevamento ammesseDoc Botticino (Lombardia) >3.000Doc Capriano del Colle (Lombardia) >3.000Doc Carignano del Sulcis (Sardegna) >3.300 <3,5 >5.000 ceppi/ha e <2,2 kg/ceppo con alberelloDoc Castelli Romani (Lazio) >1.100 Forme di allevamento ammesseDoc Cellatica (Lombardia) >2.200 <6,0 > 2.000 ceppi/ha con Sylvoz e pergolaDoc Circeo (Lazio) >2.000Doc Colli Bolognesi (Emilia-Romagna) >2.000 >2.700 In funzione di vitigni e sottozoneDoc Colli Bolognesi Classico-Pignoletto (E.R.) >2.500Doc Colli del Trasimeno (Umbria) >2.200Doc Colli di Conegliano (Veneto) >2.500 <3,5 <4,0 In funzione del vitignoDoc Colli di Faenza (Emilia-Romagna) >3.000Doc Colli d’Imola (Emilia-Romagna) Sesti di imp. per le diverse forme d’allevamentoDoc Colli di Levanto (Liguria) >5.000 >6.000 ceppi/ha per pergoletta ligureDoc Colli Etruschi Viterbesi (Lazio) >2.500Doc Colli orientali del Friuli >3.000 <3,7 Restrizioni per particolari sottozoneDoc Colli Piacentini (Emilia-Romagna) >2.200Doc Colli di Scandiano e di Canossa (Emilia-Romagna) >1.350 >1.660 <3,0 <4,0 kg/m parete produttiva In funzione della forma d’allevamentoDoc Colline Lucchesi (Toscana) >3.500 <4,0Doc Collio (Friuli) >3.500Doc Contea di Sclafani (Sicilia) >3.400 Vietato tendoneDoc Contessa Entellina (Sicilia) >3.500Doc Controguerra (Abruzzo) >2.200 <6,0 Vietato tendoneDoc Costa d’Amalfi (Campania) >1.600 <7,0 (r) <8,0 (b)Doc Delia Nivolelli (Sicilia) >3.000Doc Elba (Toscana) >3.300 <2,0 <2,7 In funzione del vitignoDoc Eloro (Sicilia) >3.000Doc Esino (Marche) >2.200 6,3-6,8 Rese medie in funzione del vitignoDoc Falerio (Marche) >2.200Doc Friuli Annia >3.000 <4,0Doc Friuli Grave >2.000 <6,0 <6,5 In funzione del vitignoDoc Galatina (Puglia) >3.500Doc Galluccio (Campania) >2.000 <6,0 Forme di allevamento ammesseDoc Garda Colli Mantovani (Lombardia) >3.000Doc Golfo del Tigullio (Liguria) >4.000Doc Lago di Corbara (Umbria) >3.000Doc Reggiano (Emilia-Romagna) >1.350 >1.660 <3,7 <4,9 kg/m parete produttiva In funzione della forma di allevamento (a parete singola o doppia)Doc Lamezia (Calabria) >2.500Doc Langhe (Piemonte) >3.500Doc Lizzano (Puglia) >3.500Doc Loazzolo (Piemonte) >4.000 <8 gemme/pianta Forme di allevamento ammesseDoc Menfi (Sicilia) >3.000 >3.300 ceppi/ha in certe sottozoneDoc Montecarlo (Toscana) >3.500Doc Monteregio di Massa Marittima (Toscana) >3.300 <3,0 (r) <3,3 (b)Doc Moscadello di Montalcino (Toscana) >3.000Doc Penisola Sorrentina (Campania) >1.800Doc Pomino (Toscana) <4,5 Continua66 L ’ I N F O R M A T O R E A G R A R I O 45/98
  3. 3. Viticoltura (segue) Densità minima e produzioni massime di uva a ceppo previsti dai disciplinari di produzione nei nuovi impianti: dati aggioranti al giugno 1998 Denominazione di origine Piante/ha Uva/pianta (kg) Note Doc Rosso di Montalcino (Toscana) <3,0 Doc Rosso di Montepulciano (Toscana) <5,0 Doc Rosso Piceno (Marche) >2.200 Doc Sambuca di Sicilia >3.200 (b) >3.400 (r) Vietato tendone Doc San Gimignano (Toscana) >3.000 Doc San Martino della Battaglia (Lomb., Veneto) >3.000 Vietato tendone Doc Sannio (Campania) >2.500 Forme di allevamento ammesse Doc Santa Margherita di Belice (Sicilia) >2.800 >3.000 ceppi/ha con alberello Doc Sant’Antimo (Toscana) >3.000 Doc Sardegna Semidano >3.250 <4,0 Doc Sciacca (Sicilia) >3.000 Doc Tarquinia (Lazio) >2.500 Doc Terre di Franciacorta (Lombardia) >3.300 >2.500 ceppi/ha con Sylvoz e pergola Doc Val di Cornia (Toscana) >2.200 Doc Valtellina (Lombardia) >4.000 Doc Verdicchio dei Castelli di Jesi (Marche) >2.200 Doc Verdicchio di Matelica (Marche) >1.660 <7,8 <6,0 kg/ceppo per la Riserva Doc Verduno Pelaverga (Piemonte) >3.000 Doc Vermentino di Gallura (Sardegna) >3.250 <3,0 Doc Vin Santo del Chianti (Toscana) >3.300 <4,0 Doc Vin Santo del Chianti Classico (Toscana) >3.350 <3,0 Doc Vin Santo di Montepulciano (Toscana) >3.300 r= uve rosse; b=uve bianche.sostanze nobili per la qualità s Vini rossi da invecchiamen-(ad esempio polifenoli e aro- to. Si fa riferimento in questomi) nella bacca. Questo per- caso a vini ottenuti da vari vi-ché l’apparato radicale, in tigni, quali: Nebbiolo, in pu-forte competizione in senso rezza o come vitigno princi-radiale con le piante vicine pale di un uvaggio, che dàma con un buon sviluppo in Barolo, Barbaresco, Nebbio-profondità, consente una ri- lo d’Alba, Gattinara, Ghem-duzione dell’attività vegeta- me, Boca, Fara, Sizzano, Bra-tiva della pianta e una nutri- materra; Barbera in purezzazione, soprattutto idrica, co- o con Bonarda per dare ilstante nel corso della matu- Gutturnio; Cabernet Sauvi-razione. Se a livello di singo- gnon e Cabernet franc; Refo-la vite l’aumento della fittez- sco dal peduncolo rosso;za causa una diminuzione di Schioppettino; Corvina, Ron-produzione, ragionando a dinella e Molinara, per dareettaro tuttavia molte volte si l’Amarone della Valpolicella;osserva un suo incremento; 3 Sangiovese. Le zone interes-di pari passo aumenta anche Foto 3 - Nelle zone collinari settentrionali le fittezze consentite dal sate a tali produzioni sono si-la quantità di radici e la so- Casarsa sono troppo basse per produrre vini rossi di qualità tuate in Piemonte (le Lan-stanza secca per ettaro della ghe, il Monferrato, i Colli tor-parte aerea. tonesi, le Colline novaresi), Confrontando invece vigneti con Ambiente collinare nella Lombardia (il bergamasco e l’Ol-densità di impianto molto diverse, do- settentrionale trepò pavese), e in qualche altra picco-vute a forme di allevamento estreme la area di Trentino, Veneto (Valpolicel-(ad esempio un Guyot con 4.000 pian- Siamo di fronte in questo caso a ter- la, Montello e Colli asolani, Breganze,te/ha e un raggi con 1.000 piante/ha) e reni mediamente fertili, spesso calca- Colli Berici), Friuli (Colli Orientali,coltivati su terreni poveri (Guyot) e rei, raramente acidi, in ambienti carat- Collio), Emilia Romagna (Colli piacen-fertili (raggi), si avrà sempre una mag- terizzati da piovosità non uniformi ma tini, Colline romagnole). Le zone appe-giore quantità ad ettaro di radici nella variabili dai circa 600-700 mm all’anno na elencate sono naturalmente vocatedensità più elevata, ma in questo caso nell’appennino emiliano ai circa 1.600 per produzioni di qualità e il successouna quantità di sostanza secca della mm nelle colline friulane, da una inso- commerciale dei vini qui ottenuti ne èchioma più bassa. lazione annuale media di 5-6 ore al prova tangibile. Per un approfondimento di questi giorno, da una durata della stagione Le forme di allevamento normal-aspetti si faccia riferimento all’artico- vegetativa di circa 200 giorni e da som- mente qui utilizzate sono il Guyot (inlo del prof. Fregoni «Pensiamo all’al- me termiche (somma delle temperatu- Piemonte), le pergole nel Trentino e intra metà della vite» pubblicato su que- re medie giornaliere maggiori di 10°C, Valpolicella, spalliere di vario tipo insta stessa rivista (n.17/1997). Cercan- da aprile a ottobre) variabili da 2.500 a Veneto, Friuli ed Emilia-Romagna. Te-do di schematizzare e catalogare i 3.000°C. Queste zone sono destinate nendo conto sia di motivazioni di ordi-complessi e svariati ambienti colturali essenzialmente alla produzione di uve ne fisiologico che legate alle rese mas-italiani, si possono individuare diverse da vino e, all’interno di queste, gli sime ad ettaro previste dai disciplinarimacroaree. obiettivi enologici sono i più diversi. di produzione, le fittezze di impianto L ’ I N F O R M A T O R E A G R A R I O 45/98 67
  4. 4. Viticoltura 4 5Foto 4 - Nelle colline della doc Soave le elevate densità di piantagione sono un fattore importante dei buoni risultati qualitativi dellaGarganega. Foto 5 - Zona del Prosecco: densità di impianto elevate devono essere correlate a una bassa carica di gemme per piantanon possono che essere elevate. nara, ecc., che danno i vini omonimi o, ponderanza di Chardonnay; il verone- Da un punto di vista fisiologico la fit- nel caso di uvaggi tra gli ultimi tre, il se con il Recioto della Valpolicella e ditezza elevata consente in definitiva, Valpolicella e il Bardolino. I vini bian- Soave; il vicentino con il Recioto diper i motivi elencati all’inizio, di avere chi, invece, sono ottenuti da vitigni Gambellara e il Durello; il padovanopoca uva per pianta, ben matura e ric- quali Cortese, Riesling, Malvasie, Or- con il Moscato dei Colli Euganei; leca di componenti nobili per la qualità. trugo, Chardonnay, Sauvignon, Müller Colline trevigiane, dove c’è quasi mo-Si puo indicare come valore soglia le Thurgau, Pinot bianco e grigio, nocoltura di Prosecco.4.000 piante/ha, che si ottengono per il Gewürztraminer, Garganega, Vespaio- Le forme di allevamento utilizzate inGuyot e per il cordone speronato con lo, Ribolla gialla, Tocai friulano, Ver- queste aree sono le più diverse, anchesesti di 2,5×1 m. Le rese massime di duzzo friulano, ecc., che danno gli all’interno di una stessa zona; nell’asti-uva a ettaro previste dai disciplinari di omonimi vini, oppure aventi nome del giano si usa il Guyot (raramente il Ca-produzione per i Nebbioli, ad esempio, «terroir» (per esempio, Soave). sarsa); nell’Oltrepò pavese il Guyot e ilvariano da 75 q/ha (Gattinara e Brama- Le fittezze di impianto in questi vi- Casarsa; in Franciacorta, Guyot, cor-terra) a 110 q/ha per il Fara; tenendo gneti dovranno essere meno elevate done speronato, Sylvoz e pergola; inconto che, secondo Fregoni (1998), il che per i vini rossi da invecchiamento Trentino, Valpolicella e a Soave diver-carico di rottura (la produzione massi- e il valore minimo si può collocare in- si tipi di pergola; spalliere nel vicenti-ma per pianta compatibile con il mas- torno alle 3.000 piante/ha, con qualche no, padovano e trevigiano.simo dell’espressione qualitativa) è, eccezione come nel caso del Picolit e I sesti di impianto per le spalliere ti-nel caso dei vini rossi da invecchia- del Verduzzo friulano per il Ramando- po Guyot e cordone speronato dovran-mento, di circa 1,5 kg, ne consegue lo, che devono avere densità maggiori. no essere stretti, con densità maggioriche le densità di impianto devono es- s Vini spumanti. Le produzioni spu- di 3.500-4.000 piante/ha.sere superiori alle 4.000 piante/ha. mantistiche italiane trovano nell’arco Per spalliere tipo Sylvoz, Casarsa, Per fare impianti di tale fittezza è ne- collinare settentrionale la loro collo- Cappuccina e per le pergole la sogliacessario avere combinazioni d’innesto cazione ideale. I migliori spumanti me- può essere collocata a 2.500-3.000di vigoria bassa o medio-bassa e non todo classico si ottengono infatti nei piante/ha.forzare le piante. climi temperato-freddi, dove l’acidità, Forme di allevamento diverse da soprattutto malica, non viene degrada- Ambiente settentrionalequelle indicate (ad esempio il GDC, ta; a maturazione le uve dovrebbero di pianuracortina centrale, cortina semplice, Ca- avere un rapporto 1:1 tra acido tartari-sarsa, ecc.) sono sconsigliate per l’o- co e malico e pH inferiori o uguali a 3. È caratterizzato da terreni moltobiettivo da perseguire e per le condi- Oltre a una buona acidità malica, nei fertili (pianura emiliano-romagnola ezioni climatiche che, specie in alta col- climi temperato-freddi si conservano parte della pianura veneta e friulana),lina, richiedono grappoli vicini il più anche gli aromi e si riducono i conte- mediamente fertili (anfiteatro more-possibile al suolo, affinché possano nuti di polifenoli ossidabili. Per gli nico del lago di Garda; Piana Rotalia-maturare meglio. Le spalliere, se im- spumanti elaborati in autoclave, sec- na, Vallagarina), o poco fertili (gravepostate razionalmente e in pendii non chi o dolci, le esigenze climatiche e pe- del Piave, Meduna, Tagliamento), conmolto pronunciati, possono essere an- dologiche sono meno rigide rispetto ai pH da neutri a subalcalini e parametriche meccanizzate, alcune integral- precedenti, anche se la miglior qualità climatici simili a quelli descritti permente (cordone speronato), altre par- si ottiene sempre nei climi temperato- l’ambiente collinare. Si coltivano viti-zialmente (Guyot). freddi. Iniziando dalla parte nord-occi- gni quali i Lambruschi, Trebbiano,s Vini rossi di pronta beva e vini bian- dentale, troviamo la zona dell’Asti, do- Ancellotta, Fortana, Montuni, Sangio-chi tranquilli. Si tratta in questo caso ve c’è quasi monocoltura di Moscato; vese, ecc., nell’Emilia-Romagna;di vini rossi ottenuti da vitigni quali, ad le colline di Alessandria, dove parte Trebbiano di Soave, Garganega, To-esempio, Dolcetto, Grignolino, Freisa, del Cortese viene spumantizzato; l’Ol- cai italico e friulano, Merlot, Caber-Barbera, Bonarda, Pinot nero, Marze- trepò pavese che utilizza il Pinot nero, net franc e Cabernet Sauvignon, Car-mino, Schiava, Lagrein, Merlot, San- il Riesling e il Moscato; la Franciacor- menère, Rabosi, Verduzzo trevisano,giovese, Cabernet franc, Cabernet ta dove si coltivano Chardonnay, Pi- Pinot bianco, grigio e nero, Chardon-Sauvignon, Corvina, Rondinella, Moli- not bianco e nero; il Trentino con pre- nay, Sauvignon, Refosco dal pedun-68 L ’ I N F O R M A T O R E A G R A R I O 45/98
  5. 5. ViticolturaFoto 6 - Nei terreni ciottolosi delle «grave», fittezze elevate Foto 7 - Sistemi di allevamento come il Bellussi dovrebbero cedere(>3.500 piante/ha), assieme a forme di allevamento poco espanse, il posto, nei nuovi impianti, a forme alternative che consentanopossono consentire di migliorare ulteriormente la qualità dei vini maggiori densitàcolo rosso, ecc., in Veneto e Friuli; (Cinque Terre e altre aree). In queste zo- Cabernet Sauvignon.Teroldego nella Piana Rotaliana. I vi- ne si coltivano vitigni quali Müller Thur- Molti dei vini che si ottengono inni che si ottengono in queste zone in gau, Pinot nero, Blanc de Morgex, Petite queste aree sono autentici gioielli del-genere non reggono l’invecchiamento Rouge, Prié Rouge, Nebbiolo, Schiava, l’enologia italiana, basti pensare alperché poveri di estratto e in qualche Bosco, Albarola, Vermentino, Pigato, Brunello di Montalcino, al Chianti, alcaso di alcol, con alcune eccezioni ecc. L’altitudine gioca un ruolo fonda- Vino Nobile di Montepulciano, alnelle aree di grava e nella Piana Rota- mentale soprattutto nelle temperature Montefalco Sagrantino, al Torgianoliana, o in terreni argillosi e ricchi di medie e nelle escursioni termiche nella Rosso Riserva, alla Vernaccia di S. Gi-caranto come si possono trovare nel- fase di maturazione. mignano, al Bolgheri Sassicaia, alla pianura trevisana e veneziana. In queste zone le forme di alleva- Rosso Conero, ecc. Le viticolture to- Le forme di allevamento tradizional- mento e le densità di impianto devono scana e umbra, dedite da secoli allamente usate sono in genere molto avere come scopo primario quello di coltivazione di uve rosse per grandiespanse (raggi, pergoletta romagnola, favorire la maturazione dell’uva, colti- vini da breve e lungo invecchiamento,Sylvoz, Casarsa), ad eccezione di qual- vando piante poco produttive e con sono già impostate su densità di im-che piccola area come quella del Luga- grappoli vicini al suolo. Forme di alle- pianto elevate, sancite in molti casina (doppio archetto) e la Piana Rota- vamento ideali sono Guyot e cordone anche dagli stessi disciplinari di pro-liana (pergola). Nei nuovi impianti, speronato, oppure pergolette, con duzione. Si consiglia quindi di perpe-specie nell’Emilia e nel Veneto, il raggi densità superiori alle 5.000 piante/ha tuare questa impostazione, sceglien-ha lasciato quasi completamente il po- (2×1 m per le spalliere e 2,5×0,8 m per do per i nuovi impianti fittezze su-sto al GDC e alla cortina semplice. le pergolette). periori alle 4.000 piante/ha, che signi- Le densità di impianto dovranno es- fica, per esempio, sesti di 2,5×1 m. Insere compatibili con le diverse forme Ambiente altri casi la densità minima è indiret-di allevamento. Nelle pianure fertili, dell’Italia centrale tamente già fissata dai disciplinari dicon Sylvoz e Casarsa la soglia minima produzione, i quali indicano la resasi può collocare intorno alle 2.000 Si tratta di un’area essenzialmente massima di uva per ettaro e la produ-piante/ha, mentre col GDC, collocan- collinare, con qualche piccola eccezio- zione massima per ceppo. Per la pro-do 2 piante per posta, si possono supe- ne, come ad esempio Latina, di elevata duzione di vini bianchi si può passarerare tranquillamente le 3.000 piante/ha vocazionalità viticola. da fittezze medio-basse per il Verdic-(con sesto di 4×1,5 m). Nelle zone con I terreni sono mediamente fertili, da chio e il Trebbiano (maggiori di 2.500terreni più poveri, come nelle «grave» neutri a subalcalini, raramente sub- piante/ha) a fittezze più elevate perdei fiumi che sboccano nell’alto Adria- acidi; l’ambiente è caratterizzato da Vernaccia, Ansonica, Moscato biancotico, fittezze elevate (maggiori di 3.500 una piovosità mediamente inferiore (maggiori di 3.300-3.500 piante/ha).piante/ha con sesti di 2,8×1 m), assie- (circa 600 mm all’anno) rispetto allame a forme di allevamento poco fascia settentrionale testé descritta, Ambienti meridionaliespanse (cordone speronato, cortina da una insolazione annuale media di 6- e insularisemplice, ecc.) possono costituire una 7 ore al giorno, da una durata della sta-solida base per migliorare le caratteri- gione vegetativa variabile da circa 200 Le aree vitate meridionali e insularistiche dei vini. giorni, verso la costa adriatica, a circa presentano terreni di natura diversa, 240 giorni verso quella tirrenica, con sia dal punto di vista geopedologicoAmbiente settentrionale somme termiche intorno ai 3.500°C. È che orografico. La piovosità annua èmontano questa la zona di origine, e anche di mediamente più bassa rispetto all’Ita- maggior diffusione, del Sangiovese e lia centrale (500-600 mm all’anno), La viticoltura di montagna (intenden- del Trebbiano toscano, ma sono colti- l’insolazione annua media è di 6-7,5do con questa espressione sia i vigneti a vati altri vitigni di origine italiana, co- ore al giorno, la durata della stagionequote elevate che in forte pendenza) è me ad esempio Montepulciano, Ca- vegetativa è di circa 240 giorni (conriscontrabile in Valle d’Aosta, Piemonte naiolo, Ciliegiolo, Sagrantino, Vernac- valori inferiori in quota) e le somme(Carema), Lombardia (Valtellina), Alto cia, Vermentino, Verdicchio, ecc., e termiche sono dell’ordine dei 4.000°C.Adige, Trentino (Val di Cembra), Liguria qualche vitigno internazionale come il La viticoltura è di antiche tradizioni, L ’ I N F O R M A T O R E A G R A R I O 45/98 69
  6. 6. ViticolturaFoto 8 - Nelle pianure fertili il Sylvoz è molto produttivo e non Foto 9 - Il GDC consente elevate fittezze di piantagione esuscettibile di meccanizzazione: il cambiamento della forma di rappresenta un buon passo in avanti, nei vigneti di pianura,allevamento e l’utilizzo di maggiori fittezze sarebbero auspicabili rispetto a forme più espanse come Bellussi e Sylvozcon forti influenze greche, soprattutto Foto 10 - Ilper quanto riguarda le forme di alleva- tendone, a causa delle sue bassemento, con molti vitigni autoctoni che densità di impiantodanno vini di grande stoffa e meritevo- e dell’elevatoli di maggiore valorizzazione. potenziale Tra i vitigni rossi si ricordano Aglia- produttivo, vienenico, Aleatico, Piedirosso, Negro Ama- proibito in moltiro, Primitivo, Gaglioppo, Nero d’Avo- disciplinari di produzione a docla, Nerello Mascalese, Cannonau, ecc.,mentre tra i bianchi Fiano, Falanghi-na, Greco, Moscato, Zibibbo, Inzolia,Vermentino, Grillo, Catarratto biancocomune, Grecanico, Vernaccia di Ori-stano,ecc.; sporadicamente sono pre-senti anche Cabernet Sauvignon,Chardonnay e Sauvignon. Le tipologie enologiche sono moltovariabili, includendo:s grandi vini rossi da invecchiamento: vrebbe essere riservata solo alle uve consci che bisogna sfruttare al massi-si possono includere in questa catego- da tavola. mo le potenzialità genetiche dei viti-ria il Taurasi e l’Aglianico del Vulture gni, anche se non tutti sono da prima-(a base di Aglianico), il Copertino (a Conclusioni to, per ottenere già in campo la grada-base di Negro Amaro), il Solopaca ros- zione minima naturale. Il consiglio diso (a base di Sangiovese e Aglianico), Da quanto esposto in maniera sche- chi fa ricerca e sperimentazione in vi-il Cirò (a base di Gaglioppo), il Nero matica e succinta, si evince che eleva- ticoltura non può che essere questo,d’Avola, ecc.; te fittezze di impianto sono sempre da se vogliamo migliorare ancora lo stan-s vini rossi e bianchi di pronta beva: preferirsi per produzioni enologiche dard qualitativo dei vini italiani e noncomprendono vini quali il Primitivo di di qualità eccellente, in qualsiasi am- accontentarci dello status quo. Esem-Manduria (tipo normale a base di Pri- biente si operi. L’uso di fittezze eleva- pi positivi ce ne sono, per fortuna, e ilmitivo), il San Severo rosso (a base di te implica la scelta di certe forme di al- successo di molti vini italiani nel mon-Montepulciano d’Abruzzo e Sangiove- levamento, tenendo presente che que- do ne è testimonianza; se andiamo,se), il Solopaca bianco (a base di Treb- ste non si differenziano solo per il nu- però, a elencarli notiamo che il proget-biano), il Solopaca Falanghina, il Fiano mero di ceppi a ettaro, ma anche per la to su cui sono stati «costruiti» è univo-di Avellino, il Greco di tufo, il Locoro- distanza della fascia produttiva dal co e caratterizzato in primo luogo datondo (a base di Verdeca e Bianco di terreno; in climi freschi è bene che la un ecosistema viticolo vocato e poi daAlessano), il San Severo bianco (a base zona dei grapppoli sia più vicina al elevate densità d’impianto e bassedi Bombino bianco e Trebbiano tosca- suolo che in climi caldi. Le elevate produzioni di uva per ceppo.no), i vari Moscati, il Vermentino, ecc.; densità d’impianto sono compatibili Per quanto attiene alle doc e docg sis vini liquorosi: tipico è il Marsala; anche con una completa o parziale deve rilevare che la legge 164/92 has vini passiti: tipico è il Moscato passi- meccanizzazione della potatura e ven- portato a un vero cambiamento dito di Pantelleria. demmia (purché la forma di alleva- mentalità viticola (tabella), in quanto Passando dai vini rossi da invecchia- mento sia a spalliera o a doppia corti- con la legge 930/63 i disciplinari eranomento, passiti e liquorosi, a quelli ros- na) e quindi competitive sul versante tutti privi di densità di piantagione mi-si e bianchi di pronta beva, la densità dei costi di produzione. C’è bisogno, nima.di impianto può variare dalle 5.000 perciò, in certe aree di una vera e pro-piante/ha (alberello 2×1 m) a circa pria rivoluzione nei concetti base che Luigi Bavaresco2.500 piante/ha (spalliere 2,5×1,5 m). supportano la scelta della densità di Istituto di fruttiviticolturaLa forma di allevamento a tendone do- impianto e della forma di allevamento, Università Cattolica S. Cuore - Piacenza70 L ’ I N F O R M A T O R E A G R A R I O 45/98

×