IL DATABASE dei PERIODICI ELETTRONICI    dell’UNIONE EUROPEA:un’esperienza di cooperazione a         livello nazionale    ...
50 anni d’Europa                         Più di cinquant’anni                         d’EuropaCinque decenni diattività le...
50 anni d’EuropaComunicare l’Europarendere accessibile aicittadini i propri documentiper ragioni:• istituzionali• continge...
EU e-journal databasehttp://www.cdeita.it/periodici/
EU e-journal databaseIl progettooffrire un rapido e facile accessoai periodici elettronici dell’UEConsultazione• liste alf...
EU e-journal databaseInizio del progetto• lista statica di titoli• titoli ricercabili dal sistema di classificazione  EUR-...
EU e-journal databaseSviluppo del progetto• scelta delle etichette per lamaschera database• controllo dei dati bibliografi...
EU e-journal databaseLavoro a distanza• contatti e scambio  informazioni via e-mail• password per l’immissione  dei dati• ...
EU e-journal databaseCosa abbiamo fatto• test e aggiornamento di 244 titoli• verifica della forma delle intestazioni per e...
EU e-journal databaseVantaggi• unico punto d’accesso ai periodici UE• diverse modalità di ricerca• informazioni supplement...
EU e-journal databaseCriticità• molti link sono cambiati a causa di modifiche  ai siti delle diverse DG• alcuni archivi no...
EU e-journal databaseIstituzioni e agenzie
EU e-journal databaseClassificazionesistematica per    materie
EU e-journal database Risultato dellaricerca per titoli
EU e-journal database
EU e-journal database                            In futuro …• possibile interfaccia in inglese• aggiornamento dati• implem...
EU e-journal databaseConclusioni:nella maggior parte dei casi lo staff dei CDE ècomposto da una sola personaper cui solo l...
Grazie perl’attenzione
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il database dei periodici elettronici dell’Unione europea

836 views

Published on

Titolo completo: Il database dei periodici elettronici dell’Unione europea: un'esperienza di cooperazione a livello nazionale. Milano, 4 marzo 2011 Francesco Garza - CDE dell'Università Statale di Milano

Published in: Education
  • Be the first to comment

Il database dei periodici elettronici dell’Unione europea

  1. 1. IL DATABASE dei PERIODICI ELETTRONICI dell’UNIONE EUROPEA:un’esperienza di cooperazione a livello nazionale Milano, 4 marzo 2011 Francesco Garza (CDE Università degli Studi di Milano) con la collaborazione di Magda Sanna (Università degli Studi di Sassari)
  2. 2. 50 anni d’Europa Più di cinquant’anni d’EuropaCinque decenni diattività legislativa,amministrativa,politica e diplomatica→ produzione dimilioni di documenti
  3. 3. 50 anni d’EuropaComunicare l’Europarendere accessibile aicittadini i propri documentiper ragioni:• istituzionali• contingenti• di consenso
  4. 4. EU e-journal databasehttp://www.cdeita.it/periodici/
  5. 5. EU e-journal databaseIl progettooffrire un rapido e facile accessoai periodici elettronici dell’UEConsultazione• liste alfabetiche• parole chiave• istituzioni UE• ISSN• classificazione Eur-OpTargetstudenti, docenti universitari maanche pubblico genericoTitoliinserimento di un numero cospicuo di titoli in lingua italiana o ingleseGruppo di lavorocoordinatore del progetto: 1 CDE (Magda Sanna - CDE Sassari )supporto informatico: 1 (Andrea Melis - Università di Sassari)prima fase implementata da: 5 CDE (Francesco Garza - CDE Milano Statale, MarinaMarcorin - CDE Trento, Giancarla Marzoli - CDE Urbino, Giuliano Sorbaioli - CDEPerugia, Laura Testoni - CDE Genova)aggiornamenti bimestrali a cura di: 3 CDE (Francesco Garza - CDE Milano Statale,Magda Sanna - CDE Sassari, Stefania Tesser - CDE Venezia)
  6. 6. EU e-journal databaseInizio del progetto• lista statica di titoli• titoli ricercabili dal sistema di classificazione EUR-OP• integrazione con altre fonti (ECLAS, organismi o istituzioni UE, DG, altri archivi di periodici)
  7. 7. EU e-journal databaseSviluppo del progetto• scelta delle etichette per lamaschera database• controllo dei dati bibliografici(titolo, ISSN, periodicità,consistenza)• standardizzazione nome delle istituzioni e agenzie dell’UE• controllo dei link• cancellazione o correzione di dati obsoleti• Informazioni per il campo “Note”
  8. 8. EU e-journal databaseLavoro a distanza• contatti e scambio informazioni via e-mail• password per l’immissione dei dati• guida online• inserimento dei dati e controllo sistematico del database
  9. 9. EU e-journal databaseCosa abbiamo fatto• test e aggiornamento di 244 titoli• verifica della forma delle intestazioni per ente autore• inserimento dei titoli inglesi, se esistenti• creazione del campo “Note”, che dà informazioni su lingua, contenuto e periodicità della rivista• creazione dell’help online• messa in linea del database
  10. 10. EU e-journal databaseVantaggi• unico punto d’accesso ai periodici UE• diverse modalità di ricerca• informazioni supplementari (campo”Note”)• condivisione del lavoro in rete• presenza dell’help online• continuo aggiornamento e implementazione del DB• rilevanza del progetto a livello internazionale (Dublino, Varsavia, Barcellona 2007 – Bruxelles 2008)
  11. 11. EU e-journal databaseCriticità• molti link sono cambiati a causa di modifiche ai siti delle diverse DG• alcuni archivi non sono più disponibili• mancanza di alcuni ISSN nelle pubblicazioni• alcuni periodici hanno cambiato titolo più volte• manutenzione del DB(testing bimestrale)
  12. 12. EU e-journal databaseIstituzioni e agenzie
  13. 13. EU e-journal databaseClassificazionesistematica per materie
  14. 14. EU e-journal database Risultato dellaricerca per titoli
  15. 15. EU e-journal database
  16. 16. EU e-journal database In futuro …• possibile interfaccia in inglese• aggiornamento dati• implementazione del database con l’inserimento di nuovi titoli
  17. 17. EU e-journal databaseConclusioni:nella maggior parte dei casi lo staff dei CDE ècomposto da una sola personaper cui solo lavorando in rete, condividendoesperienze e competenze, siamo in grado di:• scambiare best practice per ottenere migliori risultati• realizzare progetti di più vasta portata• offrire migliori servizi ad un numero maggiore di cittadini• creare servizi personalizzati a livello locale• contenere i costi
  18. 18. Grazie perl’attenzione

×