Presentazione pof 10 11 infanzia

2,710 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,710
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,114
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione pof 10 11 infanzia

  1. 1. Piano dell’ dell’Offerta Formativa Iscrizioni- - Iscrizioni- Anno scolastico 2010- 2010-2011SCUOLA DELL’INFANZIA
  2. 2. ISCRIZIONI• Possono essere iscritti alla scuola dell’infanzia le bambine e i bambini che compiono i 3 anni di età entro il 31 dicembre 2011;• possono iscriversi anche i bambini e le bambine nati successivamente, compresi coloro che compiranno i tre anni di età entro il 30 aprile 2012. 2
  3. 3. MODELLI ORARILe famiglie possono scegliere tra :• Orario ordinario (intera giornata) con refezione• Orario ridotto delle attività educative (solo mattino con o senza refezione)
  4. 4. FORMAZIONE SEZIONI• 18: numero minimo di alunni per sezione (CdM 18/12/08 Riorganizzazione rete scolastica)• 26: numero massimo di alunni per sezione• Eventuali liste d’attesa: criteri di precedenza deliberati dal Consiglio di Circolo
  5. 5. CRITERI PER L’ACCOGLIMENTO DEGLI ALUNNI NELLE SCUOLELe domande d’iscrizione saranno accolte sulla base dei seguenti criteri di priorità: 1) residenza nel comune 2) residenza nei comuni della direzione didattica 3) residenza in altri comuni. All’interno della graduatoria n. 1 hanno precedenza i bambini portatori di handicap, tale precedenza è applicata anche nelle graduatorie n. 2 e n. 3, ove sussistano le seguenti condizioni:
  6. 6. 1. la capienza prevista dalla normativa dell’aula disponibile per la classe d’inserimento oltre all’accoglimento di detto alunno consenta anche la presenza del docente di sostegno e dell’eventuale educatore;2. nel plesso richiesto vi sia la disponibilità di collaboratori scolastici e/o assistenti (nel caso di particolari disabilità fisiche), di spazi e di strutture idonei ai particolari bisogni connessi con l’attuazione dei necessari percorsi individualizzati. Il numero massimo di nuovi alunni H residenti al di fuori del comune ed accoglibili in ogni plesso verrà valutato internamente al GLIS. 6
  7. 7. • In assenza di entrambe le condizioni sopra indicate, si scorre la graduatoria.• I bambini “anticipatari” (ossia che compiono 3 anni fra il mese di gennaio e la fine di aprile) sono inseriti in coda in ognuna delle 3 graduatorie sopra indicate. 7
  8. 8. Per le precedenze valgono i seguenti criteri: (v. Regolamento di Circolo art. 28)fratelli gemellibambini che hanno fratelli che frequentano la stessa scuola(a.s. 2011/12)bambini con genitore con invalidità accertata L. 104/92bambini il cui nucleo familiare è seguito dai servizi sociali e/oda altre strutturebambini che hanno fratelli di età compresa fra 0 e 10 anni (dacompiersi entro il 31/12/2011)bambini orfani, o affidati ad altra famigliabambini conviventi con un solo genitorebambini i cui genitori lavorano entrambibambini con genitori fruitori della L. 104 (art. 33 comma 3) perfamiliari 8
  9. 9. bambini con nonni residenti nel comune della scuolarichiesta, ma non situata nel comune di residenza, e icui genitori lavorano entrambibambini che hanno frequentato la scuola dell’infanziasita nel medesimo comune della scuola primaria, nelrispetto della progettualità inerente la continuitàdidattica (GRADUATORIE 2 E 3)bambini che hanno fratelli che frequentano la scuoladell’infanzia nello stesso comune della scuola primaria(GRADUATORIE 2 E 3)
  10. 10. • Per residenza si intende la residenza del nucleo familiare dell’iscritto. E’ presa in considerazione esclusivamente la documentazione presentata all’atto dell’iscrizione; successivi cambiamenti o integrazioni non determineranno variazioni nella graduatoria;• la condizione di invalidità deve essere documentata (L. 104/92); 10
  11. 11. • a parità di punteggio ha precedenza l’alunno che è nato prima;• alle domande di iscrizione pervenute oltre il 12 febbraio 2011 anche da parte di residenti verrà assegnato un numero di protocollo attestante la data di presentazione, le domande presentate oltre la scadenza verranno accolte solo dopo che saranno state accettate tutte le domande presentate entro la scadenza da parte di alunni nati nel 2008 (residenti e non). 11
  12. 12. • Il mancato accoglimento, debitamente motivato, sarà comunicato alla famiglia con la massima urgenza per consentire lopzione verso altra scuola.• Pubblicazione elenchi alunni accolti: 19 febbraio 2011 ore 10.30 12
  13. 13. AZIONI DI ACCOGLIENZAPer facilitare l’inserimento alla scuola dell’infanziaI genitori: nel mese di gennaio, visitano le scuole (Scuole Aperte)e le insegnanti presentano il POF nel mese di settembre, prima dell’inizio dell’anno scolastico, partecipano all’assemblea per la presentazione dell’organizzazione scolastica nel mese di ottobre/novembre partecipano agli incontri individuali con le insegnanti.I bambini: nel primo periodo dell’anno scolastico l’organizzazione è funzionale all’accoglienza dei piccoli.
  14. 14. Modalità di inserimento dei bambini di tre anni durantele prime tre settimane di frequenza scolastica.(Art.»25 del Regolamento di Circolo)L’inserimento di questi alunni nelle quattro scuoledell’infanzia del circolo avverrà progressivamente comeesplicitato nel sottostante art.25.«Al fine di favorire il progressivo inserimento del bambinonella nuova realtà nelle scuole del circolo si attua lamodalità di accoglienza qui precisata: nelle prime duesettimane la frequenza è compresa fra le ore 9:00 e le12:00, senza pranzo, nella terza settimana il bambino restaa scuola dalle 8:45 alle 13:00 con pranzo, infine dallaquarta settimana segue l’ orario completo. In casi particolarila scuola può prevedere un inserimento più rapido, odilazionato.»
  15. 15. AZIONI DI INTEGRAZIONELa scuola realizza percorsi di integrazione e sostegno per-Alunni in situazione di disagio e handicap-Alunni stranieriCollaborano con gli insegnanti di classe alla realizzazione ditali percorsi l’insegnante di sostegno, l’insegnantepsicopedagogista, i mediatori linguistici
  16. 16. ASSICURAZIONE INTEGRATIVADurante l’attività scolastica, comprese le visite di istruzione e le uscite, gli alunni sono coperti da una polizza assicurativa fornita gratuitamente dalla Regione Friuli Venezia Giulia,in aggiunta ad essa per aumentare la copertura assicurativa la scuola propone alle famiglie di stipulare un’assicurazioneintegrativa con una particolare compagnia scelta secondo la procedura richiesta. ASSISTENZA SANITARIA L’A.S.S. è presente sul territorio con l’unità operativa dineuropsichiatria infantile, che opera in collaborazione con le famiglie e le istituzioni scolastiche per attività di aiuto in situazioni di svantaggio. Attualmente i bambini medi vengono sottoposti ad una visita ortottica.
  17. 17. ATTIVITÀ DI ARRICCHIMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA•Progetti•Uscite didattiche e visite di istruzioneQueste attività, prima di essere operative, vengonodiscusse e approvate dagli organi collegiali(assemblee di classe, consigli di interclasse, collegiodocenti e consiglio di circolo).
  18. 18. ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIAIn ogni sezione operano, di norma:- due docenti- le sezioni possono essere eterogene e/o omogenee per età- in alcuni plessi vengono organizzate attività per gruppi eterogenei e/o omogenei per età-un docente per la religione cattolica nominato dalla curiaarcivescovileLa compresenza viene usata per attuare progetti in piccoligruppi e/o interventi individualizzatiNelle classi in cui sono presenti alunni con certificatedisabilità, linsegnante di sostegno opera interventi dinatura integrativa. 18
  19. 19. Organizzazione della scuola dell’infanziaLe insegnanti programmano le attività facendoriferimento ai CAMPI D’ESPERIENZA previstidalle INDICAZIONI NAZIONALI e allecompetenze descritte nel CURRICOLO dellascuola dell’infanzia approvato dal CollegioDocenti.
  20. 20. CAMPI D’ESPERIENZA• IL SE’ E L’ALTRO• IL CORPO IN MOVIMENTO• LINGUAGGI, CREATIVITA’, ESPRESSIONE• I DISCORSI E LE PAROLE• LA CONOSCENZA DEL MONDO
  21. 21. SCUOLA DELL’INFANZIA BERTIOLO
  22. 22. A.s. 2010 – 2011: sezioni 2 n. alunni 42 PROGETTI•Pratica psicomotoria•Continuità•Lingua inglese•Lingua friulana•Festa insieme•Teatro•Musica
  23. 23. SCUOLA DELL’INFANZIA via POLITI - CODROIPO
  24. 24. A.s. 2010 – 2011: sezioni 3 n. alunni 78 PROGETTI•Attività psicomotoria•Yoga•Integrazione con il territorio•Lingua inglese•Lingua friulana•Biblioteca Insieme•Musica
  25. 25. SCUOLA DELL’INFANZIAvia Invalidi del Lavoro - CODROIPO
  26. 26. A.s. 2010 – 2011: sezioni 3 n. alunni 78 PROGETTI• Educazione alimentare• Pratica psicomotoria• Festa insieme• Lingua inglese• Lingua friulana• Biblioteca Insieme• Musica• Intercultura• Attività motoria musicale• Continuità
  27. 27. SCUOLA DELL’INFANZIA RIVOLTO
  28. 28. A.s. 2010 – 2011: sezioni 3 n. alunni 78 PROGETTI• Pratica psicomotoria• Lingua friulana – Lullabies• Rapporti con il territorio• Approccio alla lingua inglese• Musica, corpo e movimento• Biblioteca Insieme• Musica
  29. 29. Grazie per la partecipazione e Arrivederci Sito web:www.cdcodroipo.it

×