Università degli Studi dell’Aquila               Corso di laurea Magistrale in Gestione degli               Ecosistemi Ter...
Gruppo delle MacrofitiVegetali macrscopicamente visibili presenti negli ambienti acquatici composto da:λ    Idrofiteλ    A...
IdrofiteMacrofite realmente acquatiche, vivono completamente sommerse o sulla superficie, comprendono:λ    Algheλ    Briof...
Idrofite del Lago Trasimeno
ANFIFITE: Sono una tipologia di idrofite che possono colonizzare anche substrati non costantemente sommersi.ELOFITE: Piant...
Pioniere di gretoDette piante sopra-acquatiche, tollerano temporanei periodi di sommersione, spesso non sono nemmeno parti...
Fattori ambientaliI popolamenti di macrofiti sono soggetti ad una   serie di fattori che ne determinano la struttura,   la...
LuceLa quantità di irraggiamento determina il tasso  fotosintetico (fattore di maggior rilievo).In siti fortemente obbregg...
TemperaturaInfluisce innanzitutto sulla quantità di ossigeno  disciolto.Inoltre alcune specie tendono ad insediarsi  laddo...
Fluttuazioni Ox.Disciolto      febbraio-giugno.Dati rilevati a profondità media – fiume Tevere
Dinamismo fluviale..Le condizioni di portata e velocità caratterizzano  in modo determinante la presenza delle cenosi  a m...
..Dinamismo FluvialeNonostante le briofite appaiano prediligere, invece, acque turbolente, si può affermare che la presenz...
Variazioni di portataCondizionano le cenosi a macrofite, facendo prevalere la presenza di pioniere di greto.Inoltre eventi...
ProfonditàQuesto concetto è strettamente legato a quello di trasparenza: questa infatti , allaumentare della profondità, d...
TrasparenzaOltre che alla profondità, la trasparenza è influenzata anche dal regime idrologico.Nel caso di brusche variazi...
Metodo Secchi
Substrato..La tipologia di substrato condiziona le cenosi a  macrofite principalmente in relazione alla  stabilità dello s...
..SubstratoLa tipologia di substrato influisce sulla  distribuzione della cenosi:λ    Briofite: substrati duri e grossolan...
Chimica dellacqua..N-P: le caratteristiche chimiche che influenzano la macrofite riguardano soprattutto la presenza di que...
..Chimica dellAcquaIDROFITE: è la specie che dipende più dal  chimismo, in quanto totalmente sommerse ma  “solo” ancorate ...
SedimentoPer le classi macrofitiche radicate è una fonte primaria di azoto e fosforo.Inoltre il sedimento può influenzare ...
AltitudineLa sua influenza si manifesta indirettamente, la  quota determina:• Portata• Velocità dell’acqua• Qualità dell’a...
Macrophyte
Macrophyte
Macrophyte
Macrophyte
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Macrophyte

747 views

Published on

description of biotic and abiotic factors in macrophyte development

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
747
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Macrophyte

  1. 1. Università degli Studi dell’Aquila Corso di laurea Magistrale in Gestione degli Ecosistemi Terrestri e Marini Gestione sostenibile delle risorse idriche modulo BIO/02: botanica sistematica FATTORI ABIOTICI E BIOTICIche condizionano lo sviluppo della macrofiti nelle acque interne Dr. Carlo Alberto Cucchia
  2. 2. Gruppo delle MacrofitiVegetali macrscopicamente visibili presenti negli ambienti acquatici composto da:λ Idrofiteλ Anfifiteλ Elofite
  3. 3. IdrofiteMacrofite realmente acquatiche, vivono completamente sommerse o sulla superficie, comprendono:λ Algheλ Briofiteλ Pteridofite acquaticheλ Angiosperme erbacee perenni λ hanno gemme subacquee
  4. 4. Idrofite del Lago Trasimeno
  5. 5. ANFIFITE: Sono una tipologia di idrofite che possono colonizzare anche substrati non costantemente sommersi.ELOFITE: Piante radicate nel substrato sommerso ma emergenti per la maggior parte del corpo
  6. 6. Pioniere di gretoDette piante sopra-acquatiche, tollerano temporanei periodi di sommersione, spesso non sono nemmeno particolarmente igrofile.λ Geofiteλ Terofite
  7. 7. Fattori ambientaliI popolamenti di macrofiti sono soggetti ad una serie di fattori che ne determinano la struttura, la composizione e la stessa esistenza, quindi ladattamento della specie.Tali fattori possono avere natura:λ Abioticaλ Biotica
  8. 8. LuceLa quantità di irraggiamento determina il tasso fotosintetico (fattore di maggior rilievo).In siti fortemente obbreggiati (sia da vegetaz. ripariale ma soprattutto da macrofiti flottanti)* si ha un maggior sviluppo di specie Briofite.Forte irraggiamento e basso regime fluviale (estate) portano a formazione di alghe filamentose che possono influenzare la crescita (fotosintesi) di macrofite.
  9. 9. TemperaturaInfluisce innanzitutto sulla quantità di ossigeno disciolto.Inoltre alcune specie tendono ad insediarsi laddove sono presenti acque più calde (ad es. Potamogeton) altre invece prediligono acque più fredde (Callitriche)
  10. 10. Fluttuazioni Ox.Disciolto febbraio-giugno.Dati rilevati a profondità media – fiume Tevere
  11. 11. Dinamismo fluviale..Le condizioni di portata e velocità caratterizzano in modo determinante la presenza delle cenosi a macrofite.Portate elevate costituiscono ambiti difficilmente colonizzabili dalle macrofiti.Al di sopra di 1 m/s è apprezzabile una correlazione negativa tra velocità-corrente e biomassa vegetale
  12. 12. ..Dinamismo FluvialeNonostante le briofite appaiano prediligere, invece, acque turbolente, si può affermare che la presenza di cenosi acquatiche è favorita da regimi di portata e velocità intermedi.*Ox.
  13. 13. Variazioni di portataCondizionano le cenosi a macrofite, facendo prevalere la presenza di pioniere di greto.Inoltre eventi di piena stagionali determinano la necessità da parte delle macrofiti, di ricolonizzare ciclicamente ampi ambiti alveali, anche più volte in una stagione vegetativa.
  14. 14. ProfonditàQuesto concetto è strettamente legato a quello di trasparenza: questa infatti , allaumentare della profondità, diminuisce.Vi è quindi una correlazione negativa tra profondità e sviluppo della macrofite, limitandone le capacità di fotosintesi.
  15. 15. TrasparenzaOltre che alla profondità, la trasparenza è influenzata anche dal regime idrologico.Nel caso di brusche variazioni stagionali della portata o ove sia presente elevata turbolenza, si ha un incremento della torbidità, dovuto a sospensione organica od inorganica.Le cenosi macrofitiche possono svilupparsi fino a 15 metri in situazioni di limpidità.
  16. 16. Metodo Secchi
  17. 17. Substrato..La tipologia di substrato condiziona le cenosi a macrofite principalmente in relazione alla stabilità dello stesso.La stabilità ne favorisce lo sviluppo, ed è in funzione della granulometria e della velocità di corrente.Questo può spiegare la scarsa copertura nei tratti montani, dove il substrato è continuamente rimaneggiato dal dinamismo fluviale.
  18. 18. ..SubstratoLa tipologia di substrato influisce sulla distribuzione della cenosi:λ Briofite: substrati duri e grossolani, tratti iniziali dei corsi dacqua.λ Angiosperme: substrati ghiaiosi.λ Callitriche: substrati sabbio-limosi.λ Elofite: substrati sciolti e mobili.
  19. 19. Chimica dellacqua..N-P: le caratteristiche chimiche che influenzano la macrofite riguardano soprattutto la presenza di questi sali, che determinano il livello trofico,fondamentale per la definizione della fisionomia delle piante.ALCALINITA: caratteristica che sembra poter influenzare le cenosi macrofite.IONE BICARBONATO: alcune specie utilizzano HCO3- nel processo di fotosintesi al posto della CO2. Questo meccanismo prevale nei laghi.
  20. 20. ..Chimica dellAcquaIDROFITE: è la specie che dipende più dal chimismo, in quanto totalmente sommerse ma “solo” ancorate e non radicate.ANFIFITE e ELOFITE: dipendono, invece più dal chimismo del sedimento, in quanto radicate nel substrato.
  21. 21. SedimentoPer le classi macrofitiche radicate è una fonte primaria di azoto e fosforo.Inoltre il sedimento può influenzare anche le acque rilasciando nutrienti.
  22. 22. AltitudineLa sua influenza si manifesta indirettamente, la quota determina:• Portata• Velocità dell’acqua• Qualità dell’acqua• ProfonditàFattori già precedentemente illustrati

×