Conferenza androlife padova 2012 finale

560 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Conferenza androlife padova 2012 finale

  1. 1. Con il patrocinio del:Con la collaborazione di:
  2. 2. LO SCOPOMolti dei fattori di rischio sono modificabili o precocemente diagnosticabili, se trattati in età giovanile il potenziale riproduttivo resterà conservato.Scopo del progetto è INFORMARE I GIOVANI dell’importanza della prevenzione dei fattori di rischio dell’infertilità maschile, facilitando l’accesso al consulto specialistico andrologico epermettendo così di intervenire precocemente al fine di PREVENIRE spiacevoli conseguenze future. ______________________________________________________________________ AndroLife | 17-25 marzo 2012
  3. 3. La fertilità in Italia: problema medico, problema sociale Tasso di fecondità = n°medio di figli per donna Tasso di fecondità nazionale in Italia 2011: 1,40 Tasso di fecondità donne italiane 2011: 1,31 Tasso di fecondità donne straniere 2011: 2,23Dati preoccupanti perché per mantenere costante la struttura dipopolazione un paese dovrebbe avere una fecondità media di almeno 2 figli per donna
  4. 4. 16.126.668 Per questo l’Italia è stato ilprimo paese al mondo dove è avvenuto il fenomeno del CROSSING OVER cioè i residenti con più di 60 anni hanno numericamente superato i giovani sotto i 20 anni Se questo andamento continua entro la fine delsecolo la popolazione italiana d’origine si ridurrà ad 1/6 dell’attuale! 12.068.967
  5. 5. ALTERAZIONI SEMINALI NEI GIOVANIAnomalie del liquido seminaleriscontrate nei giovani che sisono sottoposti ad esame del LS:Totale 2011Azoospermia 2,2%Anomalie numeriche 15,1%Anomalie morfofunzionali 30,7%Il 33,4% dei diciottenni che si sono sottoposti adapprofondimenti clinici è emersa una anomalia a caricodel liquido seminale Patologie rilevate con l’esame seminale
  6. 6. Dal 2005 costante aumento medio del 10%ogni anno sul numero di cicli di fecondazione +10% +9% +9%
  7. 7. Nel 2009922 cicli iniziati nel NORDEST
  8. 8. Principali fattori di rischio maschili • Criptorchidismo • Varicocele • Traumi testicolari • Infezioni del tratto riproduttivo (epididimiti, prostatiti,…) • Cause iatrogene (pregressa chirurgia, chemioterapia,…) • Malattie sistemiche ed endocrine • Esposizione a fattori ambientali e occupazionali • Torsione del funicolo spermatico • Tumori del testicolo • Familiarità per infertilità e poliabortività • (Cause genetiche: Y microdel, AR CAG, etc)
  9. 9. GiovaniPopolazione italiana 0-18 aa: 5.500.000Varicocele 360.000Criptorchidismo 165.000Ipogonadismo 60.000Ipotrofia testicolare 350.000Malattie sessualmente trasmesse 10.000Problematiche sessuologiche 15.000Ipospadia e anomalie congenite 55.000Totale 1.000.000
  10. 10. Fattori di rischio modificabili• Obesità • Abuso di caffeina• Fumo • Abuso di alcool• Malnutrizione • Fattori tossici ambientali - radiazioni - campi elettrici o magnetici• Ridotta attività - pesticidi fisica - solventi• Stress psichico
  11. 11. LA CARTA DEL RISCHIO ANDROLOGICO________________________________________________________ AndroLife | 16-25 marzo 2012
  12. 12. Risultati del progetto:Diffusione Numero Giovani contattati 1,000,000 Email 300,000 Items su Google 31,000 Visite sito Internet (www.androlife.it) 500,000 Telefonate 6,660 Visite specialistiche 2,200
  13. 13. Risultati del progetto:Analisi cartelle cliniche: obiettività Numero di casi N° totale cartelle 2100 Età media 23.4 Peso medio (kg) 76.6 Altezza Media (cm) 176.5 BMI<18.5 30 (1.5%) BMI>25 740 (36.9%) BMI>30 118 (5.9%)
  14. 14. Risultati del progetto:Analisi cartelle cliniche: valutazioni andrologiche N Problematiche sessuali: 364 (15%) Traumi testicolari: 154 (6%) Infezioni tratto genitale: 338 (14%) Ginecomastia: 52 (2%) Criptorchidismo: 44 (2%) Varicocele: 828 (33) Neoplasie Testicolari: 6 (0.2%) Il 28% dei ragazzi visitati era a conoscenza di avere problematiche di tipo andrologico, nel 70% che si sono sottoposti a visita a puro scopo preventivo, circa il 30% ha scoperto di avere fattori di rischio andrologico.
  15. 15. Identificata nuova causa genetica del tumore del testicolo• KITLG: proteina dello sviluppo embrionario per la formazione delle cellule germinali primordiali da cui si svilupperanno gli spermatozoi (cromosoma 12).• 426 casi con tumore testicolare vs 614 controlli• Alterazione genetica in Eterozigosi aumenta il rischio di 2 volte, Omozigosi aumenta il rischio di 7 volte

×