CARTA DI TRENTO      sulla valutazione delle tecnologie sanitarie in ItaliaLa valutazione delle tecnologie sanitarie èuna ...
“CLINICAL	  GOVERNANCE”                                                      	                                  A	  First	...
L’espressione	   “clinical	   governance”	   indica           	  l’insieme	   delle	   regole,	   dei	   processi	   e	   ...
LA	  GOVERNANCE	  INTEGRATA	  tenere	  insieme	  	  i	  diversi	  sistemi	  se8oriali	  di	  governance	  	  (clinica,	  fi...
DECISIONE	    Scelta	  cosciente	  e	  ragionata	  di	  una	  tra	  le	  varie	  possibilità	  di	  azione	  e	  di	     ...
VALUTAZIONE	  DELLE	  	                                   TECNOLOGIE	  SANITARIE	  La	  metafora	  del	  ponte	  non	  con...
I	  processi	  di	  introduzione	  delle	  tecnologie	  sanitarie:	          1°	  Scenario:	  sistema	  fuori	  controllo	...
I	  processi	  di	  introduzione	  delle	  tecnologie	  sanitarie:	          2°	  Scenario:	  sistema	  “clientelare”	  te...
I	  processi	  di	  introduzione	  delle	  tecnologie	  sanitarie:	          3°	  Scenario:	  amministrazione	  del	  sist...
I	  processi	  di	  introduzione	  delle	  tecnologie	  sanitarie:	                            4°	  Scenario:	  governance...
BOLLETTINO	  UFFICIALE	  DELLA	  REGIONE	  DEL	  VENETO	  –	  25-­‐7-­‐1989	  –	  N.	  39	                                ...
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO – 25-7-1989 – N. 39ULSS	  21	  –	  PADOVA	                 FUNZIONI         ...
ESPERIENZE	  IL	  SISTEMA	  	  PER	  LA	  V.R.Q.	  NEL	  PRESIDIO	  OSPEDALIERO	  DELL’U.S.L.	  NR.	  21	  DI	  PADOVA	  L...
Società	  Italiana	  di	  V.R.Q.	        SISTEMI DI VERIFICA   E REVISIONE DI QUALITÀDELL’ASSISTENZA OSPEDALIERA          ...
STATUTO	  DEL	  CENTRO	  REGIONALE	  VENETO	  SPECIALIZZATO	  PER	  LA	  VALUTAZIONE	  DELLA	                   TECNOLOGIA...
STATUTO	  DEL	  CENTRO	  REGIONALE	  VENETO	  SPECIALIZZATO	  PER	  LA	  VALUTAZIONE	  DELLA	                   TECNOLOGIA...
Regione	  del	  Veneto	     RICERCA	  FINALIZZATA	  827/05/98	  LO SVILUPPODI UN MODELLODI SISTEMA QUALITÀPER UN’AZIENDA U...
LA	  VALUTAZIONE	  	  DELLA	  TECNOLOGIA	  SANITARIA	  	  AL	  SERVIZIO	  DELLA	  COMUNITÀ:	  	  PER	  QUALI	  BISOGNI	  S...
LE	  ORGANIZZAZIONI	    PROFESSIONALI	  
ORGANIZZAZIONE	  Aggregato	  di	  persone	  e	  di	  mezzi	  	  che	  ha	  obieFvi,	  responsabilità,	  	  autorità	  e	  ...
Il	  Modello	  EFQM	  per	  l’eccellenza	    Ciascun	  elemento	  è	  importante	  …	                FATTORI              ...
Il	  Modello	  EFQM	  per	  l’eccellenza	    …	  ma	  anche	  il	  reLcolo	  soQostante	  ha	  un	  valore	  …	  !	       ...
GOVERNARE	  LE	  COMPETENZE	          PROFESSIONALI	          ORGANIZZATIVE	          RELAZIONALI	  
COSTRUIRE	  UNA	  VISIONE	  STRATEGICA	           des6na6	  a	  non	  andare	  d’accordo?	  
The International Society for Quality in Health Care (ISQua)                20th INTERNATIONAL CONFERENCE                 ...
LE	  ASPETTATIVE	  DEL	  SISTEMA                    contesto	  esterno	              DIREZIONE AZIENDALE                  ...
1                               SELEZIONARE	  	                        I	  PROCESSI	  ASSISTENZIALI	               	  HTA	...
2       TROVARE	  IL	  PUNTO	  DI	  EQUILIBRIO	            TRA	  LE	  PARTI	  INTERESSATE	                              	 ...
3                          GOVERNARE	  	          I	  LIVELLI	  ESSENZIALI	  DI	  ASSISTENZA	                     HTA	  se...
AMBITI	  DI	  VALUTAZIONE	  
L’APPROCCIO	  COMPLESSIVO:	   La	  cornice	  decisionale:	  	  Problema	  strategico:	  Quesito	  opera6vo:	  Strumento:	 ...
LA	  VALUTAZIONE	  DELLA	  TECNOLOGIA	  4.                  	  Benefici	  a8esi	  Clinici:	          	                     ...
Partner	  che	  hanno	  chiesto	  di	  entrare	  a	  far	  parte	  del	  Network	              Partner	  del	  progeBo	   ...
I°	  Workshop	  di	  HTA	                     Castel	  Ivano,	  2002	  La	  chiave	  per	  l’introduzione	  dell’innovazio...
II°	  Workshop	  di	  HTA	                            Castel	  Ivano,	  2003	  La	  stesura	  di	  un	  rapporto	  di	  HT...
III°	  Workshop	  di	  HTA	                      Castel	  Ivano,	  2004	  La	  condivisione	  delle	  scelte	  •  Il	  gov...
I°	  Forum	  Italiano	  di	  HTA	                             Trento,	  2006	  •    EUNetHTA	  (FB	  Kristenson)	  •    Si...
II°	  Forum	  Italiano	  di	  HTA	                           Trento,	  2007	  •  Network	  Italiano	  HTA	  •  Società	  I...
PERSONALE:                   la gestione delle competenzeProspefva	  organizzaLva:	                            Prospefva	 ...
PERSONALE:              la gestione delle competenze                          IL	  PROFILO	  DI	  RUOLO	                  ...
PERSONALE:        	        la	  ges6one	  delle	  competenze	                             PUBBLICAZIONE	  DEI	  BANDI	    ...
COSTRUIRE	  UNA	  VISIONE	  STRATEGICA	                con	  COMPETENZA	  	                con	  AUTONOMIA	  	            ...
Cardiochirurgia	  Ematologia	  Neurochirurgia	  
IL	  PROFILO	  DI	  RUOLO	  Dire8ore	  di	  Dipar6mento	  ad	  aFvità	  integrata	                               (DAI)	  
Contribuire	  alla	  strategia	  dell’Azienda	  Ospedaliero	  Universitaria	  (AOU),	  guidando	  i	  dire8ori	  delle	  s...
DIRETTORE UNITA’                DIRETTORE MEDICO DI PRESIDIO                                      VALUTAZIONE DELLA       ...
DIRETTORE UNITA’                  DIRETTORE MEDICO DI PRESIDIO                                       VALUTAZIONE DELLA    ...
Il	  Piano	  Inves3men3	  della	  AOUD	     I	  CRITERI	  I	  criteri	  di	  riferimento	  per	  la	  formulazione	  del	 ...
Presidente   •    Delegato del Direttore Sanitario                  Giovanni Maria GuarreraComponenti   •    Medico della ...
TABELLA INDICI(adattato da Sistema Informativo gestione Investimenti Tecnologici – ITAL-TBS )CRITICITA’ PER CLASSE DELLA A...
Supporto	  alla	  ges3one	  degli	  inves3men3	                                      Strumento	  WEB	  CMS	              ...
Obiettivo la condivisionedelle informazioni  Fruibilità	  e	  condivisione	     immediata	    Apprendimento	  veloce	  ...
1.  Impianto	  di	  valvola	  aorLca	  per	  via	  transcatetere	  in	  un	  diparLmento	       di	  scienze	  cardiopolmo...
Segreteria	  operaLva	  Viale	  di	  Val	  Fiorita	  86	  	  	  	  	  	  001444	  Roma	  Tel.	  +	  39	  06	  97747958	  F...
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Favaretti sihta udine 2011
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Favaretti sihta udine 2011

807 views

Published on

4° Congresso Nazionale della Società Italiana di Health Technology Assessment, Udine, 17-19 novembre 2011

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
807
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
71
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Favaretti sihta udine 2011

  1. 1. CARTA DI TRENTO sulla valutazione delle tecnologie sanitarie in ItaliaLa valutazione delle tecnologie sanitarie èuna necessità e una opportunitàper la governance integratadei sistemi sanitarie delle strutture che ne fanno parte.
  2. 2. “CLINICAL  GOVERNANCE”   A  First  Class  Service.  Quality  in  the  new  NHS,  1998  A  framework  through  which  NHS  organisa6ons  are  accountable  for  con6nually  improving  the  quality  of  their  services  and  safeguarding  high  standards  of  care  by  crea6ng  an  environment  in  which  excellence  in  clinical  care  will  flourish.  Un  sistema  per  mezzo  del  quale    le  organizzazioni  del  Sistema  Sanitario  Nazionale    sono  tenute  a  rispondere  rispondono  del  con6nuo  miglioramento    della  qualità  dei  loro  servizi    e  della  salvaguardia  di  elevaL  standard  assistenziali  a8raverso  la  creazione  di  un  contesto  nel  quale  l’eccellenza  nell’assistenza  clinica  deve  prosperare.    
  3. 3. L’espressione   “clinical   governance”   indica  l’insieme   delle   regole,   dei   processi   e   dei  comportamenL   che   influenzano   il   modo   in  cui   una   organizzazione   eroga   l’assistenza  sanitaria.  
  4. 4. LA  GOVERNANCE  INTEGRATA  tenere  insieme    i  diversi  sistemi  se8oriali  di  governance    (clinica,  finanza,  ges6one,  ricerca,  sicurezza  dei  pazien6  e  dei  lavoratori,  informazione,  tecnologia,  ecc.)    eliminare    i  gap  e  le  sovrapposizioni  esisten6  riallineare    i  diversi  processi  verso  un  obieFvo  comune    
  5. 5. DECISIONE    Scelta  cosciente  e  ragionata  di  una  tra  le  varie  possibilità  di  azione  e  di   comportamento.  SoQo  l’aspeQo  psicologico,  il  momento  deliberaLvo  di  un  aQo   voliLvo.    Risolutezza,  determinazione,  cioè  prontezza  e  fermezza  nel  decidere.    Teoria  delle  decisioni:  teoria  che  ha  per  oggeQo  lo  studio  dei  criteri  di  scelta  tra   più  alternaLve  o  ipotesi  diverse;  in  economia  essa  è  applicata  per  determinare   poliLche  volte  alla  massima  riduzione  dei  cosL.                                                                                                                                                                        (Il  Vocabolario  Treccani)
  6. 6. VALUTAZIONE  DELLE     TECNOLOGIE  SANITARIE  La  metafora  del  ponte  non  considera  tre  fa8ori:    la  relazione  non  è  lineare  tra  due  soggeF  (ricercatori  e  decisori),  ma   re6colare  tra  tu8e  le  par6  interessate    la  fase  di  “valutazione  mul6dimensionale  d’impa8o”  è  dis6nta  da  quella   della  “decisione”  che  spe8a  a  chi  dovrà  risponderne  (accountability)    queste  due  fasi  non  sono  neutre,  oggeFve  ed  indipenden6  dal   contesto,  ma  sono  influenzate  dalle  par6  interessate  
  7. 7. I  processi  di  introduzione  delle  tecnologie  sanitarie:   1°  Scenario:  sistema  fuori  controllo  tecnologie  disponibili   PARTI   INTERESSATE   tecnologie    nei  processi    assistenziali  
  8. 8. I  processi  di  introduzione  delle  tecnologie  sanitarie:   2°  Scenario:  sistema  “clientelare”  tecnologie  disponibili   PARTI   decisione   INTERESSATE   tecnologie    nei  processi    assistenziali  
  9. 9. I  processi  di  introduzione  delle  tecnologie  sanitarie:   3°  Scenario:  amministrazione  del  sistema  tecnologie  disponibili   Decisione   PARTI   responsabile   INTERESSATE   tecnologie    nei  processi    assistenziali  
  10. 10. I  processi  di  introduzione  delle  tecnologie  sanitarie:   4°  Scenario:  governance  del  sistema   tecnologie   disponibili   quesi6   Valutazione   Decisione  informata   PARTI    competente  e   e  responsabile   INTERESSATE   rigorosa     tecnologie    nei  processi     risposte  assistenziali  
  11. 11. BOLLETTINO  UFFICIALE  DELLA  REGIONE  DEL  VENETO  –  25-­‐7-­‐1989  –  N.  39   PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI Legge regionale 20 luglio 1989, n. 21 Piano socio-sanitario regionale 1989-1991
  12. 12. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO – 25-7-1989 – N. 39ULSS  21  –  PADOVA   FUNZIONI STRUTTURA * Sovraintendenza sanitaria 1 srau Direzione sanitaria 3 srau Bioingegneria 1 srag * Compresi un servizio di Medicina preventiva per gli operatori del presidio, un servizio di igiene ospedaliero ed un servizio per il controllo e la prevenzione delle infezioni ospedaliere
  13. 13. ESPERIENZE  IL  SISTEMA    PER  LA  V.R.Q.  NEL  PRESIDIO  OSPEDALIERO  DELL’U.S.L.  NR.  21  DI  PADOVA  L.  Diana*,  C.  Favaref**,  V.  AlberL**,  A. Marcolongo**,  V.  Selle*  *  Sovraintendenza  Sanitaria  del  Presidio  Ospedaliero  di  Padova.  USSL  n.  21    **  Direzione  Sanitaria  del  Complesso  Ospedale-­‐Università,  Presidio  Ospedaliero  di  Padova,  USSL  n.  21  QA    1    1990  
  14. 14. Società  Italiana  di  V.R.Q.   SISTEMI DI VERIFICA E REVISIONE DI QUALITÀDELL’ASSISTENZA OSPEDALIERA risultati di una ricerca finalizzata della Regione Veneto VENEZIA, 20 Maggio 1995 Ospedale Civile Campo San Giovanni e Paolo
  15. 15. STATUTO  DEL  CENTRO  REGIONALE  VENETO  SPECIALIZZATO  PER  LA  VALUTAZIONE  DELLA   TECNOLOGIA  SANITARIA  E  DELLA  QUALITÀ  DELL’ASSISTENZA   Art. 2 Finalità Il Centro regionale , suddetto, in armonia con le scelte di politica sanitaria della Regione, dovrà corrispondere ai fini di cui la legge suindicata e precisamente: a)  Sviluppare indagini epidemiologiche e studi sulla valutazione della tecnologia sanitaria e della qualità dell’assistenza; b)  Stimolare gli interventi operativi da attuare per migliorare l’efficacia e l’efficienza dei servizi sanitari in termini di promozione della salute, prevenzione, diagnosi cura e riabilitazione delle malattie; c)  Fornire alle UU.LL.SS.SS, tramite la Regione, indirizzi metodologici e operativi, l’informazione , la consulenza tecnica ed eventualmente personale specializzato per l’esecuzione dei programmi valutativi nello specifico settore di competenza; d)  Concorrere alla formazione professionale e alla specializzazione degli operatori sanitari nel campo di competenza; e)  Concorrere all’aggiornamento scientifico dei medici e di altri operatori sanitari e sociali nel settore di propria competenza. Deliberazione  della  Giunta  Regionale   n.  1105  del  15  marzo  1993  
  16. 16. STATUTO  DEL  CENTRO  REGIONALE  VENETO  SPECIALIZZATO  PER  LA  VALUTAZIONE  DELLA   TECNOLOGIA  SANITARIA  E  DELLA  QUALITÀ  DELL’ASSISTENZA   Art. 3 Programma Il  Centro  deve  svolgere  il  seguente  programma:   1)   Sviluppo  di  analisi  su  par6colari  tecnologie  (in  termini  epidemiologici,  clinici,  economici,   ecc.)   2)   Sviluppo  di  processi  di  consenso  tra  i  clinici  sull’uso  di  specifiche  tecnologie.   3)   Creazione  di  una  rete  di  collaborazioni  esterne,  nazionali  ed  internazionali,  per  potenziare  la   possibilità  di  impa8o    della  valutazione  sulle  decisioni,  evitando  di  esplorare  campi  su  cui   altri  hanno  già  raggiunto  soddisfacen6    risulta6.   4)   “Analisi  dell’u6lizzazione”  dei  servizi  sanitari  ospedalieri,  fondata  si  tecniche   epidemiologiche  centrate  sulla  popolazione  e  non  solo  sulle  stru8ure  (metodologia  che  fa   emergere  i  problemi  che  meritano  interven6  di  revisione  cri6ca  in  termini  di  efficacia  e  non   solo  di  efficienza).   5)   Raccolta  sistema6ca    della  le8eratura  internazionale  e  sua  analisi  cri6ca  a  supporto  delle     decisioni  di  programmazione  sanitaria.   6)   Organizzazione  dei  Convegni,  Seminari  e  Laboratori  di  studio  anche  in  collaborazione  con   Centri  Nazionali  ed  Esteri.     Deliberazione  della  Giunta  Regionale     n.  1105  del  15  marzo  1993  
  17. 17. Regione  del  Veneto   RICERCA  FINALIZZATA  827/05/98  LO SVILUPPODI UN MODELLODI SISTEMA QUALITÀPER UN’AZIENDA ULSSDEL VENETORapporto conclusivo
  18. 18. LA  VALUTAZIONE    DELLA  TECNOLOGIA  SANITARIA    AL  SERVIZIO  DELLA  COMUNITÀ:    PER  QUALI  BISOGNI  SANITARI  ?    Carlo  FavareF      Dire8ore  Generale,    Azienda  ULSS  n.  19  della    Regione  Veneto,  Adria  
  19. 19. LE  ORGANIZZAZIONI   PROFESSIONALI  
  20. 20. ORGANIZZAZIONE  Aggregato  di  persone  e  di  mezzi    che  ha  obieFvi,  responsabilità,    autorità  e  relazioni    generalmente  stabili6  in  modo  ordinato.    Un’organizzazione  è  un  SISTEMA  
  21. 21. Il  Modello  EFQM  per  l’eccellenza   Ciascun  elemento  è  importante  …   FATTORI RISULTATI Risultati Gestione del relativi al personale personale Risultati RisultatiLeadership Politiche e Processi relativi chiave di strategie ai clienti performance Risultati Partnership relativi & risorse alla società INNOVAZIONE E APPRENDIMENTO
  22. 22. Il  Modello  EFQM  per  l’eccellenza   …  ma  anche  il  reLcolo  soQostante  ha  un  valore  …  !   FATTORI RISULTATI Risultati Gestione del relativi al personale personale Risultati RisultatiLeadership Politiche e Processi Processi relativi chiave di strategie ai clienti performance Risultati Partnership relativi & risorse alla società INNOVAZIONE E APPRENDIMENTO
  23. 23. GOVERNARE  LE  COMPETENZE   PROFESSIONALI   ORGANIZZATIVE   RELAZIONALI  
  24. 24. COSTRUIRE  UNA  VISIONE  STRATEGICA   des6na6  a  non  andare  d’accordo?  
  25. 25. The International Society for Quality in Health Care (ISQua) 20th INTERNATIONAL CONFERENCE Dallas (Texas), 2 – 5 November 2003MoLvaLng  improvement  -­‐  rewarding  results:   the  experience  of  Trento  (Italy)   Carlo  Favaref,  MD,  CEO   Provincial  Health  Care  Trust  (APSS)  –  Trento  (Italy)    
  26. 26. LE  ASPETTATIVE  DEL  SISTEMA contesto  esterno   DIREZIONE AZIENDALE contesto  interno  
  27. 27. 1 SELEZIONARE     I  PROCESSI  ASSISTENZIALI    HTA  non  è  un  meccanismo  per  “scegliere    le  macchine”    HTA  non  è  un  meccanismo  per  “fare  le  gare  e  gli  acquis6”   HTA  serve  per   valutare  l’IMPATTO  della  tecnologia   sui  BISOGNI  DI  SALUTE  e  sui  PROBLEMI  ASSISTENZIALI  
  28. 28. 2 TROVARE  IL  PUNTO  DI  EQUILIBRIO   TRA  LE  PARTI  INTERESSATE      lo  specialista  ha  le  competenze  tecniche      lo  specialista  è  solo  una  delle  par6  interessate      la  valutazione  ha  senso  solo  se  è  mul6dimensionale   HTA  serve  per   valutare  l’IMPATTO  della  tecnologia   sulle  ESIGENZE  e  ASPETTATIVE     di  tu8e  le  PARTI  INTERESSATE  
  29. 29. 3 GOVERNARE     I  LIVELLI  ESSENZIALI  DI  ASSISTENZA   HTA  serve  per   valutare  l’IMPATTO  della  tecnologia   -­‐  di  poli6ca  sanitaria   sulle  SCELTE   -­‐  di  ges6one  aziendale   -­‐  assistenziali  quo6diane  
  30. 30. AMBITI  DI  VALUTAZIONE  
  31. 31. L’APPROCCIO  COMPLESSIVO:   La  cornice  decisionale:    Problema  strategico:  Quesito  opera6vo:  Strumento:  Output/Outcomes:  Raccomandazioni:  
  32. 32. LA  VALUTAZIONE  DELLA  TECNOLOGIA  4.  Benefici  a8esi  Clinici:      bisogno  di  salute  da  soddisfare  ________________________      aumento  appropriatezza        aumento  efficacia        minore  invasività      altro______________________________________________  Ges6onali:  minor  impiego  di  personale        riduzione  tempi  diagnos6ci        riduzione  tempi  di  assistenza      riduzione  di  altre  prestazioni  (specificare  ________________      altro  (specificare___________________________________  Stru8urali:  requisi6  minimi  DPR  14/1/97        altro  (specificare  _________________________)  Sicurezza:  riduzione  rischi  pazien6      riduzione  rischi  operatori        altro  (specificare  ____________________)  6.  Presuppos6  clinici  Bibliografia  di  riferimento  (allegare  tre  ar6coli)  Esistenza  di  linee  guida  per  l’impiego  dell’apparecchiatura  (allegare  una)  
  33. 33. Partner  che  hanno  chiesto  di  entrare  a  far  parte  del  Network   Partner  del  progeBo   62
  34. 34. I°  Workshop  di  HTA   Castel  Ivano,  2002  La  chiave  per  l’introduzione  dell’innovazione  •  Lo  scenario  internazionale  (RN  BaFsta)  •  Il  contributo  mul6disciplinare  •  Esempi  applica6vi  in  USA  e  Europa  (DJ  Ballard  e  S   Bellucci)  •  Esempi  applica6vi  in  Italia  
  35. 35. II°  Workshop  di  HTA   Castel  Ivano,  2003  La  stesura  di  un  rapporto  di  HTA  •  La  formazione  in  HTA  (RN  BaFsta)  •  Il  rapporto  di  HTA  (R.  Grilli,  S.  Bellucci,  D.  Haily)  •  HTA  in  Catalogna  (A.  Granados)  •  Valutazione  della  telemedicina  (D.  Haily)  •  Esperienze  nazionali  
  36. 36. III°  Workshop  di  HTA   Castel  Ivano,  2004  La  condivisione  delle  scelte  •  Il  governo  dell’innovazione  (A  CiccheF  e  K  Bonn   Bremen)  •  Gli  interlocutori:  società  scien6fiche,  produ8ori/ fornitori  •  Metodi  ed  esperienze  
  37. 37. I°  Forum  Italiano  di  HTA   Trento,  2006  •  EUNetHTA  (FB  Kristenson)  •  Sistemi  e  modelli  organizza6vi  •  Tecnologie  emergen6  •  Accesso  alle  tecnologie  •  Ruolo  dei  professionis6  nell’HTA  •  Relazioni  libere  
  38. 38. II°  Forum  Italiano  di  HTA   Trento,  2007  •  Network  Italiano  HTA  •  Società  Italiana  di  Health  Technology  Assessment  •  Formazione,  diffusione  della  conoscenza,  capacity   building  •  Condivisione  delle  conoscenze  e  livelli  decisionali  •  Sfida  della  sostenibilità:  regolatori,  industria,  aziende   sanitarie,  medici  e  ci8adini  •  Relazioni  libere  
  39. 39. PERSONALE: la gestione delle competenzeProspefva  organizzaLva:   Prospefva  individuale:   quali  competenze  sono   Quale  lavoro  posso  svolgere  con   necessarie  per  quel  lavoro     queste  competenze?    •   leadership   •   conoscenze    •   poli6che  e  strategie   •   abilità  •   ges6one  del  personale   •   comportamen6    •   partnership  e  risorse   •   aFtudini  •   ges6one  dei  processi   •   mo6vazioni   •   esperienze   IL  PROFILO  DI  RUOLO  
  40. 40. PERSONALE: la gestione delle competenze IL  PROFILO  DI  RUOLO   è  un  documento  scri8o     con  il  quale  le  organizzazioni  descrivono     gli  scopi,  i  doveri,  le  responsabilità,    i  comportamen6  a8esi  e  le  relazioni  organizza6ve  di  chi  svolge  un   certo  lavoro    
  41. 41. PERSONALE:   la  ges6one  delle  competenze   PUBBLICAZIONE  DEI  BANDI   SELEZIONE   ASSEGNAZIONE    IL  PROFILO     DI  INCARICHI     E  OBIETTIVI   DI  RUOLO   FORMAZIONE   CONTINUA   VALUTAZIONE     DELLE  POSIZIONI     E  DEI  RISULTATI  
  42. 42. COSTRUIRE  UNA  VISIONE  STRATEGICA   con  COMPETENZA     con  AUTONOMIA     con  RESPONSABILITÀ  
  43. 43. Cardiochirurgia  Ematologia  Neurochirurgia  
  44. 44. IL  PROFILO  DI  RUOLO  Dire8ore  di  Dipar6mento  ad  aFvità  integrata   (DAI)  
  45. 45. Contribuire  alla  strategia  dell’Azienda  Ospedaliero  Universitaria  (AOU),  guidando  i  dire8ori  delle  stru8ure   dipar6mentali  e  i  propri  collaboratori  verso  la  comprensione,  la  condivisione  e  il  raggiungimento  degli  obieFvi   assistenziali,  didaFci  e  di  ricerca;  organizzando  e  gestendo  le  risorse  assegnate  in  modo  razionale,  integrato,   flessibile  e  compa6bile  con  i  vincoli  economici  ed  il  contesto  aziendale.  Contribuire  alle  poliLche  e   GaranLre  il  raggiungimento   Promuovere  l’innovazione   Promuovere  lo  sviluppo,  la  alle  strategie  dell’Azienda   degli  obiefvi  del  DAI   e  il  miglioramento  conLnuo   moLvazione  e  l’integrazione   Ospedaliero  Universitaria   del  DAI,  ofmizzando  le   delle  Risorse  Umane  del  DAI   opportunità  di  integrazione   GesLre  gli  invesLmenL  del   Sviluppare  le  relazioni  e   GesLre  se  stesso  come   DAI   gesLre  la  comunicazione  e   DireQore  di  DAI     l’informazione   GesLre  la  sicurezza  del  DAI  
  46. 46. DIRETTORE UNITA’ DIRETTORE MEDICO DI PRESIDIO VALUTAZIONE DELLA TECNOLOGIA SANITARIASTRUTTURA DI DIREZIONE MEDICA DI PRESIDIO STAFF DIREZIONE STRATEGICAAPPARTENENZA   Vigilare sull’implementazione, sulla corretta  Collaborare alla valutazione applicazione dei protocolli organizzativi e delle dell’appropriatezza delle prestazioni procedure in uso in ospedale; ambulatoriali e di ricovero;   Vigilare sull’igiene ambientale;   Collaborare alla stesura delle relazioni   Collaborare alla valutazione dell’appropriatezza delle sanitarie per i progetti e per gli interventi di prestazioni ambulatoriali e di ricovero; edilizia ospedaliera;   Vigilare sulla turnistica del personale medico;   Collaborare allo sviluppo dei sistemi   Assicurare le trasmissioni delle denunce obbligatorie informativi aziendali; ed il rilascio delle certificazioni;   Contribuire alla produzione scientifica aziendale;   Vigilare sull’archivio sanitario ed assicurare gli adempimenti connessi alla normativa sulla privacy;   Assicurare il tutoraggio del personale inFUNZIONI   Assicurare l’attività di medico necroscopo e di polizia formazione;GENERALI mortuaria;   Curare il proprio aggiornamento   Formulare le relazioni sanitarie per i progetti e per gli perseguendo i crediti formativi. interventi di edilizia ospedaliera;   Collaborare allo sviluppo dei sistemi informativi aziendali;   Contribuire alla produzione scientifica aziendale;   Assicurare il tutoraggio del personale in formazione;   Curare il proprio aggiornamento perseguendo i crediti formativi.
  47. 47. DIRETTORE UNITA’ DIRETTORE MEDICO DI PRESIDIO VALUTAZIONE DELLA TECNOLOGIA SANITARIASTRUTTURA DI DIREZIONE MEDICA DI PRESIDIO STAFF DIREZIONE STRATEGICAAPPARTENENZA   Coordinare l’attività dell’equipe medica e del   Coordinare l’attività del gruppo di lavoro per il personale assegnato; piano investimenti in apparecchiature   Attribuire funzioni, compiti e mandati ai collaboratori; biomedicali;   Collabora con il Direttore sanitario e lo sostituisce   Partecipare alle commissioni aziendali per il quando richiesto; buon uso del farmaco ed il buon uso del sangue;   Garantire il ruolo di interfaccia con i Dipartimenti e   Partecipare al comitato aziendale per i con le Direzioni tecnico-amministrative; dispositivi medici;   Organizzare e coordinare le attività ospedaliere;   Fornire alla Direzione strategica rapporti di HTA   Coordinare le attività delle piattaforme assistenziali;   Garantire l’interfaccia della Direzione strategicaFUNZIONI E   Assicurare l’aggiornamento dell’equipe; con il coordinatore scientifico, con particolareRESPONSABILITA’ attenzione ai progetti di ricerca;SPECIFICHE:   Partecipare agli organismi ed ai gruppi di lavoro di competenza;   Collaborare ai progetti del nuovo ospedale;   Collaborare alle attività di accreditamento e di   Partecipare agli organismi ed ai gruppi di lavoro di competenza; gestione del rischio clinico;   Collaborare alle attività di HTA dell’Azienda   Collaborare alla definizione dei budget delle strutture aziendali ed al relativo monitoraggio;   Contribuire alle attività di formazione in HTA;   Contribuire all’aggiornamento dei nomenclatori aziendali
  48. 48. Il  Piano  Inves3men3  della  AOUD   I  CRITERI  I  criteri  di  riferimento  per  la  formulazione  del  piano,  secondo  modalità    di  Health   Technology  Assessment:     1.     coerenza  dell’inves3mento  con  il  piano  di  sviluppo  strategico;   2.     coerenza  del  piano  con  i    finanziamen6  disponibili;     3.     incremento  a8eso  della  appropriatezza  clinica  ed  organizza6va;   4.     implementazione  del  piano  per  la  sicurezza  aziendale;   5.     incremento  a8eso  di  efficacia  e/o  produFvità;   6.     valenza  mul6disciplinare  e/o    impiego  dipar6mentale;   7.   completamento  di  inves6men6  avvia6  negli  anni  preceden6;     8.   tendenziale  standardizzazione  delle  apparecchiature.  
  49. 49. Presidente •  Delegato del Direttore Sanitario Giovanni Maria GuarreraComponenti •  Medico della Direzione sanitaria Michele Chittaro •  Medico epidemiologo Fabio Barbone •  Ingegnere clinico Carlo Sabbadini •  Medico dell’ area delle terapie Intensive Amato De Monte •  Medico dell’ area chirurgica Maurizio Zilli •  Medico dell’ area internistica Alessandro Proclemer •  Medico dell’ area di diagnostica per immagini Massimo Bazzocchi •  Medico dell’ area di diagnostica di laboratorio Stefano Pizzolitto •  Provveditore-economo Anna Maria Maniago
  50. 50. TABELLA INDICI(adattato da Sistema Informativo gestione Investimenti Tecnologici – ITAL-TBS )CRITICITA’ PER CLASSE DELLA APPARECCHIATURACombina :la criticità per il paziente (tipo di danno in caso di malfunzionamento: morte, danno grave, terapia insuff., mancatadiagnosi)la criticità per l’operatore (livello di rischio)la criticità funzionale (ambito applicativo: terapia, diagnosi, riabil, analisi, altro)Valori (min.1 –max.9) Es. defibrillatore, apparecchio di anestesia ecc. valore 9INDICE VETUSTA’Valori (min.0,5 – max.6) riferiti all’anno di acquisizione.Es. min.0,5 anno 2005 – max.6 anno 1995CRITICITA’ REPARTOValori (min 1 – max 5) riferiti alla criticità operativa del RepartoUffici 1; Servizi di diagnosi in vitro 2; Ambulatori e Degenze 3 - Sale operatorie e terapie semiintensive 4 -Terapie intensive e diagnostica interventistica 5INDICE COSTO MANUTENZIONEValori (min.1 – max .5) riferiti ai costi manutentivi dell’apparecchiatura previsti nel periodo di esercizioEs Grandi sistemi 5 ; Endoscopia 4; Apparecchi di anestesia 3INDICE OBSOLESCENZA TECNOLOGICA CLASSE APPARECCHIATURAValori (min.1 – max.5) per disponibilità di nuove tecnologie per classe di apparecchiaturaEs Ecografia 5/4 - Apparecchi di anestesia 3 - Elettrobisturi/Defibrillatori 2
  51. 51. Supporto  alla  ges3one  degli  inves3men3    Strumento  WEB  CMS   (content  management  sistem)    Sviluppato  “ad  -­‐  hoc”   sulla  base  del  Workflow   aziendale    Su  pia8aforma  Open   Source  
  52. 52. Obiettivo la condivisionedelle informazioni  Fruibilità  e  condivisione   immediata    Apprendimento  veloce    Nessuna  installazione  
  53. 53. 1.  Impianto  di  valvola  aorLca  per  via  transcatetere  in  un  diparLmento   di  scienze  cardiopolmonari;  2.  Un  modello  di  valutazione  del  grado  di  innovazione  terapeuLca  per  i   farmaci  di  nuova  introduzione  nel  Prontuario  ospedaliero  (PTO).  3.  La  valutazione  di  apparecchiature  biomedicali  concesse  a  Ltolo  di   prova:  Esperienza  di  un  percorso  avviato  in  una  Azienda  Ospedaliero-­‐ Universitaria;  4.  Il  traQamento  chirurgico  del  glaucoma  cronico  ad  angolo  aperto:   CanaloplasLca  Vs  Trabeculectomia;  5.  La  chirurgia  laparoscopica  del  colon:  una  scelta  strategica?  
  54. 54. Segreteria  operaLva  Viale  di  Val  Fiorita  86            001444  Roma  Tel.  +  39  06  97747958  Fax  +  39  06  5912007  info@sihta.it  www.sihta.it  

×