Transizione manuale
Racconta la leggenda che Siddhartha il Budda stava meditandonel fitto bosco con i suoi discepoli, quando improvvisamente s...
Budda uscì immediatamente dallostato di trance.Con un sorriso placido avvolse dicompassione l’aggressore.Tuttavia, i disce...
Il grande Siddhartha in un attimo percepisce la totalità dellasituazione. Gentilmente chiede ai discepoli di liberare l’uo...
- “Tu hai potuto vedere che in unattimo io ti ho riempito d’amore,ma questi uomini che da anni miseguono ovunque meditando...
- “Per favore, ti prego di ritornare ogni volta che vorrai, sarai il mioospite d’onore. Ogni tuo insulto sarà il ben venut...
Quando ascoltarono questo, tanto i discepoli come l’uomo, condiscrezione si ritirarono rapidamente dalla presenza del Budd...
Al mattino seguente, l’aggressore, si presentò davanti al Budda, sibuttò ai suoi piedi e gli disse in modo molto sentito :...
Budda con un sorriso in volto, gli disse :- “Sei libero di rimanere con noi da questo stesso momento,però non posso perdon...
Allora Siddhartha il Budda gli rispose :- “Intendimi chiaramente, affinché qualcuno perdoni, deveavere un ego ferito; sola...
- “Solo qualcuno che vede ancora la dualità e si considera moltosaggio, perdona a quel ignorante che gli ha causato una fe...
E continuò :-“Non è il mio caso, io ti vedo come un anima affine, non mi sentosuperiore, non sento che tu mi abbia ferito,...
L’uomo non riusciva a nascondere una certa delusione,poiché le parole di Budda erano troppo profonde per esserecatturate d...
-“Percepisco ciò che ti succede, andiamo a risolverlo:Per perdonare, già sappiamo che abbiamo bisogno di qualcunodisposto ...
- “Nella loro ignoranza si sentiranno magnanimi nel perdonarti,e potenti per concedere il loro perdono. Tu anche potrai es...
Testi di pubblico dominio ampiamente disponibili sulla rete           Immagini tratte da connessione internet gratuite    ...
Testi di pubblico dominio ampiamente disponibili sulla rete           Immagini tratte da connessione internet gratuite    ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il Budda e il Perdono (por: carlitosrangel) [in italiano]

1,131 views

Published on

ORIGINAL EN ESPAÑOL (2012): www.slideshare.net/carlitosrangel/el-buda-y-el-perdon-por-carlitosrangel
La vita inizia solo con ogni nuovo giorno, ed è la pace e il perdono. 2600 anni fa e abbiamo detto Gautam Buddha in questo aneddoto che il tempo è diventato leggendario. Ciò che dobbiamo fare è concentrarsi a vivere in amore, non tanto a chi già li offriamo il nostro profondo affetto, ma a quelli che ci preoccupa, ansia, disagio, dispiacere. L'amore, solo amore Tutto il resto è vanità.
Produzione originale: Carlos Rangel

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,131
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il Budda e il Perdono (por: carlitosrangel) [in italiano]

  1. 1. Transizione manuale
  2. 2. Racconta la leggenda che Siddhartha il Budda stava meditandonel fitto bosco con i suoi discepoli, quando improvvisamente siavvicinò un denigratore spirituale che lo detestava.Approfittando del momento di maggior concentrazione delBudda, gli si avvicinò, lo insultò, gli sputò e lo gettò a terra.
  3. 3. Budda uscì immediatamente dallostato di trance.Con un sorriso placido avvolse dicompassione l’aggressore.Tuttavia, i discepoli reagirono violentemente, catturaronol’uomo e sollevando bastoni e pietre, aspettando gli ordinidel Budda per dargli il suo dovuto.
  4. 4. Il grande Siddhartha in un attimo percepisce la totalità dellasituazione. Gentilmente chiede ai discepoli di liberare l’uomo, alquale si dirige con delicatezza,e convinzione e con un lieve sorriso che dava al suo viso unadolce espressione, dicendole:- “Puoi vedere ciò chehai generato in noi, ci haiesposti, allo stesso modocome uno specchiomostra il vero volto.”- “Vi chiedo per favore,dora in poi, si arriva tutti igiorni, per dimostrare lanostra verità e la nostraipocrisia.”
  5. 5. - “Tu hai potuto vedere che in unattimo io ti ho riempito d’amore,ma questi uomini che da anni miseguono ovunque meditando epregando, dimostrano nonintendere ne vivere il processodell’ unità e hanno volutorispondere con una aggressionesimile o maggiore a quellaricevuta.”
  6. 6. - “Per favore, ti prego di ritornare ogni volta che vorrai, sarai il mioospite d’onore. Ogni tuo insulto sarà il ben venuto, come stimoloper vedere se veramente vibriamo alto, o se è solo un ingannodella mente questa idea di vedere l’unità in tutto”.
  7. 7. Quando ascoltarono questo, tanto i discepoli come l’uomo, condiscrezione si ritirarono rapidamente dalla presenza del Budda,pieni di sensi di colpa, ogni uno percependo la grandezza dellalezione del maestro e cercando di sfuggire al suo sguardo e allavergogna interiore.
  8. 8. Al mattino seguente, l’aggressore, si presentò davanti al Budda, sibuttò ai suoi piedi e gli disse in modo molto sentito :- “Non ho potuto dormire tutta la notte, il senso di colpa è moltoforte, le supplico di perdonarmi e mi accetti con Lei ”.
  9. 9. Budda con un sorriso in volto, gli disse :- “Sei libero di rimanere con noi da questo stesso momento,però non posso perdonarti”.L’uomo molto contrito, gli chiese che per favore lo facesse,già che egli era il maestro della compassione.
  10. 10. Allora Siddhartha il Budda gli rispose :- “Intendimi chiaramente, affinché qualcuno perdoni, deveavere un ego ferito; solamente l’ego ferito, la falsa credenzache uno è quella personalità, che può perdonare; dopo averodiato, o aver nutrito risentimento, può passare ad un livello avanzato, con una trappola inclusa, è il bisogno di sentirsi spiritualmente superiore a colui che, nella sua bassezza mentale, ci ha ferito.”
  11. 11. - “Solo qualcuno che vede ancora la dualità e si considera moltosaggio, perdona a quel ignorante che gli ha causato una ferita”.
  12. 12. E continuò :-“Non è il mio caso, io ti vedo come un anima affine, non mi sentosuperiore, non sento che tu mi abbia ferito, ho solo amore nel miocuore per te, non posso perdonarti, ti amo soltanto. Chi ama nonha bisogno di perdonare.”
  13. 13. L’uomo non riusciva a nascondere una certa delusione,poiché le parole di Budda erano troppo profonde per esserecatturate da una mente ancora piena di turbolenze e bisogni,e davanti a quello sguardo carente, il Budda disse concomprensione infinita :
  14. 14. -“Percepisco ciò che ti succede, andiamo a risolverlo:Per perdonare, già sappiamo che abbiamo bisogno di qualcunodisposto a perdonare. Scopriamo i discepoli, nel loro orgoglioalcuni sono ancora pieni di rancore, altri non tanto, però a tuttifarà molto piacere che tu chieda a loro perdono”
  15. 15. - “Nella loro ignoranza si sentiranno magnanimi nel perdonarti,e potenti per concedere il loro perdono. Tu anche potrai esserepiù contento e tranquillo per averlo ricevuto e ti sentirai sollevatodal tuo senso di colpa, così tutti saranno sufficientementecontenti e potremmocontinuare a meditaretranquillamente nelbosco, come sempre,come se non fossesuccesso niente”.…E così fu.
  16. 16. Testi di pubblico dominio ampiamente disponibili sulla rete Immagini tratte da connessione internet gratuite con riconoscenza agli autori Musica: PIEZAS MÍSTICAS Y ESPIRITUALES II nell’interpretazione di Mauricio Neider dell’album Piano Music © Darián Stavans compositore messicano darianstavans.com Si gradisce rispettarlo senza alterazioni Santiago de Querétaro, Messico, dicembre 2012 Traduzione: Donatella Italia, dicembre 2012 altre produzioni dell’editore: www.slideshare.net/carlitosrangel/presentations
  17. 17. Testi di pubblico dominio ampiamente disponibili sulla rete Immagini tratte da connessione internet gratuite con riconoscenza agli autori Musica: PIEZAS MÍSTICAS Y ESPIRITUALES II nell’interpretazione di Mauricio Neider dell’album Piano Music © Darián Stavans compositore messicano darianstavans.com Si gradisce rispettarlo senza alterazioni Santiago de Querétaro, Messico, dicembre 2012 Traduzione: Donatella Italia, dicembre 2012 altre produzioni dell’editore: www.slideshare.net/carlitosrangel/presentations

×