I fenici

7,630 views

Published on

Lezione a cura di Tiziano Ziglioli dal sito www.campustralenuvole.altervista.org

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
7,630
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
35
Actions
Shares
0
Downloads
136
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I fenici

  1. 1. I FENICIsignori del Mediterraneo .
  2. 2. LA FORMAZIONE DELPOPOLO FENICIO I Fenici assunsero un’identità definita e autonoma a partire dal 1200 a.C. L’area in cui la civiltà fenicia si manifestò furono le coste della Siria e della Palestina Gli sconvolgimenti seguiti alle invasioni dei Popoli del mare ne favorirono e ne stimolarono lo sviluppo.
  3. 3. La terra dei Fenici
  4. 4. L’organizzazione politica deiFenici I centri fenici sorgevano prevalentemente sui promontori costieri, lungo le coste dell’attuale Libano. La lingua e la cultura erano comuni ... … ma le città erano tutte autonome (Biblo, Tiro, Sidone, Berito) Questa frammentazione politica spiega la debolezza dei Fenici di fronte ai grandi imperi che spesso ne sottomisero il territorio (Assiri, Babilonesi, Persiani).
  5. 5. La colonizzazione fenicia:motivazioni Scarsità di spazio e presenza di potenti vicini nell’entroterra (Ebrei, Aramei, Assiri) spinsero i Fenici a proiettarsi verso il mare sulle rotte che erano già state di Cretesi e Micenei. L’abbondanza di ottimo legname (quello dei cedri del Libano), favorì questa scelta strategica.
  6. 6. La colonizzazione fenicia:caratteristiche Lo scopo: commercio dei metalli (argento, stagno, rame) Lorganizzazione: fondazione di basi commerciali sulle coste, che in seguito (IX-VIII sec. a.C.) diedero origine a vere e proprie colonie d’insediamento. I luoghi: Cipro e le isole dell’Egeo, costa nordafricana, Sicilia occidentale, Sardegna, Baleari, penisola iberica. Le colonie più importanti: Cartagine (IX sec. a.C.), Mozia, Tharros, Cagliari, Ibiza, Cadice.
  7. 7. Le rotte dei Fenici nel Mediterraneo
  8. 8. I Fenici e il mare Grande competenza nella cantieristica navale e nella navigazione. Navi veloci e robuste. Navigazione sia lungo le coste sia in alto mare, anche di notte. Orientamento tramite l’Orsa Maggiore Abili marinai ma anche pericolosi pirati (lo testimonia Omero)
  9. 9. Nave commerciale fenicia
  10. 10. Le esplorazioni Circumnavigazione dell’Africa da Oriente a Occidente Esplorazione delle coste della Guinea (Annone, nel V sec.a.C.) Esplorazione delle isole britanniche e Irlanda (Imilcone, nel V sec. a.C.)
  11. 11. Le esplorazioni dei Fenici: periplo dell’Africa da est a ovest ed esplorazione del Golfo di Guinea
  12. 12. Il contributo culturale deiFenici Perfezionamento delle tecniche di navigazione Collegamento fra Oriente e Occidente, fra Mediterraneo orientale e Mediterraneo occidentale Potenziamento dei commerci e delle tecniche mercantili. Diffusione del modello urbano lungo le coste del Mediterraneo Diffusione di tecniche artigianali e gusti artistici di origine orientale Diffusione della scrittura alfabetica.
  13. 13. Artigianato fenicio:vaso policromo in pasta di vetro
  14. 14. Artigianato fenicio:pendaglio e collana con amuleti a testine in pasta di vetro
  15. 15. Artigianato fenicio: lpiatto sbalzato in stile “orientaleggiante”
  16. 16. Esempio di scrittura alfabetica fenicia

×