Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Pagine da Scuola dello Sport 118

161 views

Published on


SdS - Scuola dello Sport, n° 118
ANNO EDIZIONE: 2018
GENERE: Rivista
CATEGORIE: Rivista SdS - Scuola dello Sport
PAGINE: 72

Published in: Sports
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Pagine da Scuola dello Sport 118

  1. 1. UNA STAGIONE DA INCORNICIARE PARLA IL PRESIDENTE RENATO DI ROCCO Alzino la mano quelli che s’aspettavano quest’Italia grande d’Europa. Pochini davvero. Successi tricolori in quasi tutte le specialità delle due ruote. Strada, Pista e molti risultati per donne e giovani. Sorpresi da questi pure diversi esperti internazionali. E, invece, grandi speranze per gli appassionati (ancora moltissimi) da tempo orfani delle epiche gare del nostro ciclismo. Magari contando su un patrimonio d’impianti “ecosostenibili”. Semmai qualche delusione è giunta dalla Vuelta… Uomini, donne, ragazzi e ragazze hanno conquistato strade, piste e tortuosi percorsi da mountain bike. Tutto questo fa ben sperare. Perché non si tratta di successi individuali, ma di un movimento che cresce. L’impegno è: “Testa bassa e pedalare”. In Federciclismo non si lasciano cullare dall’entusiasmo. Le delusioni sono appostate al primo tornante. Come è successo col tifoso-killer che ha atterrato proprio Nibali sull’Alpe d’Huez. A quando una legge penale contro il “tifo pericoloso”? Intanto, i campioni da proteggere aumentano di numero e crescono. Dopo quei recenti risultati in eurovisione. Come la beffa di Matteo Trentin sull’infido asfalto di Glasgow grazie al contenimento di Davide Cimolai. E, ancora, come la spavalderia di Elia Viviani che s’incorona Re della velocità ad Amburgo. S’illumina pure il futuro, con la sorprendente 17ennne Vittoria Guazzini mondiale juniores. Tanto per fare qualche nome. Fanno festa pure alla Mountain bike. Chi meglio del Presidente del ciclismo, Renato Di Rocco, anche come Maestro di Sport, può aiutarci a capire questo fenomenale ciclismo? SDS-SCUOLA DELLO SPORT 118 2 SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 C’entra anche la fortuna? “Posso fare una premessa? Mi sforzerò di non parlare da tecnico. Anche perché in questo campo ho sempre avuto colleghi straordinari che poi sono gli artefici dei risultati del nostro ciclismo. Forse il fatto di essere stato un tecnico mi aiuta a capire meglio le loro esigenze e a farli lavorare nelle condizioni migliori. Nonostante i risul- tati (tra buoni e ottimi) non ci illudiamo. Abbiamo ancora ritardi enormi in alcuni settori della pista e pure nel bmx”. Quindi la fortuna non basta? “La fortuna è sempre necessaria, soprattut- to nelle attività a forte rischio d’infortuni come pedalare a certe velocità in bici”. Solo questo? “Certamente no. Perché i risultati raggiunti, che speriamo continuino, sono frutto di competenza e di professionalità applicate a tutti i livelli. Team manager, medici (per la salute dell’atleta), fisioterapisti, meccanici, esperti di metodologia dell’allenamento (tutti con la laurea in Scienze Motorie). E, ancora, nutrizionisti, osteopati e persino cuochi. Uno squadrone che la concorrenza c’invidia e cerca di portarci via. Tutti profes- sionisti che curano anche i più piccoli parti- colari. Creando condizioni migliori per i nostri atleti, senza lasciare nulla al caso. Programmano gli allenamenti, ma lavorano con cura anche “a secco”. Quando non ci sono gare. Durante l’inverno. Quando si mettono a punto i programmi di avvicina- mento. Ma il momento più delicato è il dopo gara. Non esiste il “rompete le righe”. Gli atleti vanno seguiti sempre”. Si sbilanci un po’di più: qual è il segreto di questo ciclismo che vince? “Non parliamo di segreti. Se fossero tali li terrei per me. Parliamo invece di organizza- zione, di progettualità e di multidisciplina- rità. Sono questi gli aspetti sostanziali del rilancio. Dietro ai risultati per certi aspetti straordinari ottenuti nel settore della pista c’è un lavoro che parte da lontano e dal basso. Non è stato facile provocare il cam- bio di mentalità che ha portato molte società e atleti ad accettare il criterio della multidisciplinarità. Abbiamo cominciato dai giovanissimi, incoraggiando la diversifi- cazione dell’attività su strada, pista e fuori- strada insistendo molto sulla dimensione ludica dell’avviamento. Per continuare poi nelle categorie agonistiche, fino a formare a livello di vertice gruppi di atleti juniores e under-23 plurivalenti, sottoposti a un costante monitoraggio e seguiti dai tecnici nazionali attraverso raduni periodici diven- tati sempre più intensi e continuativi. Fino alle nazionali miste schierate nelle gare su strada professionistiche. Turbo ciclismo azzurroGianni Bondini Scuola dello Sport, Coni Servizi s.p.a., Roma FEDERAZIONI FOTOBETTINIPHOTO
  2. 2. SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 9 Problemi di sottopeso nello sport – cosa fare? ello sport agonistico un marcato sottopeso solitamente si collega ad un disturbo alimentare conclamato. Si tratta di un problema che può avere notevoli ripercussioni sulla salute, sulla resilienza e sul rendimento quando si sta programmando una carriera sportiva a lungo termine. Soprattutto fattori di rischio specifici di certe discipline sportive, innescati dal presunto vantaggio in termini di prestazioni sportive, ma anche fattori di rischio generici, come alcune caratteristiche della personalità del soggetto o anche determinate fasi della maturazione fisica (ad esempio problemi con l’elaborazione della pubertà), sono di grande rilievo per l’insorgenza e lo sviluppo di questa condizione. Le conseguenze negative per l’organismo, che in una certa misura possono svilupparsi non solo in presenza della forma fortemente patologica N Gudrun Fröhner
  3. 3. 17 Concentrazione e performance: quali sono i meccanismi coinvolti? Matthieu Lefebvre Università di Montpellier, Francia Se la forza fisica e la tecnica sono fondamentali per brillare in gara, queste ultime non sono le sole responsabili di una grande performance. L’attenzione e la capacità di concentrarsi al meglio rivestono a tal fine un’importanza cruciale SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118
  4. 4. 25 118 SDS-SCUOLA DELLO SPORT Sviluppare atleti e allenatori con una mentalità orientata alla crescita Alberto Cei Università Tor Vergata, Roma, Università San Raffaele, Roma SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 ello sport è necessario imparare a reagire immediatamente agli errori, costruendo una cultura del lavoro che consideri gli insuccessi come parte integrante e non eliminabile del processo di miglioramento. Per gli atleti e gli allenatori non è comunque facile accettare questo presupposto anche se tutti sanno che gli errori sono una costante di ogni prestazione. Non esiste, infatti, la prestazione perfetta ma solo quella che si fornisce in un dato momento, espressione dei limiti personali o di squadra e di come vengono affrontati gli ostacoli tipici, ma anche quelli imprevisti, presenti in ogni competizione. Viene indagata la relazione fra prestazione, abilità ed errore, in cui il primo fattore dipende dall’interazione fra gli altri due. Allo scopo di predire quale potrebbe essere la reazione all’errore o a un insuccesso, è importante conoscere quale sia la motivazione alla competenza di un atleta e su quali credenze personali è stata impostata. L’atleta mostra un approccio alla competizione orientato alla crescita oppure ha sviluppato una concezione fissa delle sue qualità sportive? Questi due approcci diversi influenzano in modo diverso la reazione a una prestazione insoddisfacente. Chi mostra una mentalità orientata alla crescita deciderà con più probabilità d’impegnarsi di più, spendendo più tempo e sperimentando nuove strategie. Gli atleti con una concezione fissa della loro mentalità saranno invece maggiormente preoccupati di mostrare nuovamente le loro carenze e s’impegneranno di meno. Vengono discusse le implicazioni pratiche e come orientare gli atleti verso una mentalità orientata alla crescita. N
  5. 5. SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 31 118 SDS-SCUOLA DELLO SPORT Equilibrio e agilità nella ginnastica: artistica vs ritmica Federica Invernizzi Scuola di Scienze Motorie, Università degli Studi di Milano Maurizio Pizzoli Scuola di Scienze Motorie, Universita degli Studi di Milano, Milano Antonio La Torre Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute, Università degli Studi di Milano Nicola Lovecchio Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute, Università degli Studi di Milano n questo studio vengono prese in esame due componenti intrinseche alle capacità d’equilibrio (statica e dinamica) che sono il presupposto di base per realizzare azioni motorie di fondamentale importanza nella ginnastica, sport tecnico combinatorio di alta precisione esecutiva. L’analisi è stata eseguita su un gruppo di ginnaste di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni, nel pieno sviluppo di tali capacità. Solo nella componente di velocità le ragazze della ginnastica artistica hanno mostrato idoti migliori rispetto a quelle della ritmica. I FOTOARCHIVIOFGI–FILIPPOTOMASI
  6. 6. Negli anni di lavoro con la IAAF e la FGI, abbiamo maturato una serie di esperienze che favoriscono la prevenzione dei traumi muscolo articolari e aiutano a ottimizzare l’allenamento, permettendo di spingere il lavoro tecnico e di potenziamento ai massi- mi livelli senza avere conseguenze trauma- tiche. Il doppio aspetto di sviluppo delle qualità muscolari/posturali, porta all’aumento della prestazione, alla prevenzione dei traumi ma anche al recupero di atleti infor- tunati. Tutti gli elementi di base utilizzati nello sport come ad esempio il Plank, lo Squat, ecc. garantiscono un ulteriore vantaggio se utilizzati dopo aver costruito gli angoli di esecuzione tramite la costruzione del rap- porto tra muscoli interagenti dai lati oppo- sti del bacino. Negli anni, migliaia di atleti infortunati si sono avvicinati al “Canali Postural Method” risolvendo le loro problematiche e tanti altri lo hanno utilizzato come prevenzione potendosi allenare per 1 decennio senza subire traumi muscolari. Questo metodo è stato utiizzato con suc- cesso, da vari atleti olimpionici: tra gli altri citiamo Yelena Isimbayeva (campionessa olimpica), Giuseppe Gibilisco (campione del mondo), Flavio Cannone (recordman mondiale ), Tiago Braz (campione olimpi- co) e Fabiana Murer (campionessa del mondo) attualmente Ivet Lalova Collio 100 e 200 m e Gabriela Petrova Triple Jump, numerosi professionisti del mondo del cal- cio, del golf, della pallavolo, del basket, del pattinaggio, dei tuffi e di tanti altri sport. Nell’educazione fisica moderna si parla di “core stability” e di “esercizi funzionali”; cioè si attribuisce ad un determinato eser- cizio una funzione allenante di uno specifi- co aspetto preso in considerazione. Si pensa che l’esercizio con i propri conte- nuti assolva a un compito allenante, rie- ducativo o di sviluppo di qualche qualità muscolare. Se analizziamo alcune esecuzioni nel mondo del fitness e negli sport meno tec- nici, riferendoci non a gesti specifici ma alla “preparazione fisica” o più genericamente nel campo del potenziamento muscolare, lo scenario generale presenta delle esecu- zioni dirette dei movimenti tralasciando di costruire e di stabilizzare gli angoli articolari necessari a renderle efficaci. In altre parole i movimenti eseguiti non tengono conto della qualità del gesto, espressa in termini di ampiezza e di stabi- lizzazione degli angoli che ne esprimono la statica e la dinamica. Le articolazioni starter (coxo femorale, cin- golo scapolo-omerale e tibio-tarsica) e i baricentri tecnici (addome dal capo dista- le, fissatori del cingolo scapolo-omerale e 38 Qualità di esecuzione dei movimenti tecnici Vincenzo Canali, Federica Franzini Postura e Sport S.r.l. SDS-SCUOLA DELLO SPORT 118 Postura e sport Rubrica POSTURAESPORTSDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118
  7. 7. SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 43 118 SDS-SCUOLA DELLO SPORT I licei scientifici a indirizzo sportivo Mario Salisci Università Lumsa, Roma licei scientifici a indirizzo sportivo (LiSS) nascono nel 2013. Attualmente sono più di 200: si tratta di uno dei nuovi percorsi ordinamentali di maggior successo. Il tentativo è quello d’integrare la pratica sportiva con quella scolastica, al fine di colmare un ritardo che caratterizza il nostro sistema formativo rispetto a quelli più avanzati. Questo studio vuole offrire una prima lettura sociologica del fenomeno attraverso un’analisi secondaria dei dati raccolti dal Miur e l’analisi dei rapporti dei LiSS con i centri Coni. I Analisi del sistema e modelli di riferimento
  8. 8. SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 55 118 SDS-SCUOLA DELLO SPORT La progettazione di un evento sportivo: dall’ideazione alla realizzazione Barbara Maussier Università di Roma Tor Vergata egli ultimi anni è cresciuta la partecipazione (attiva/ passiva, amatoriale/professionale, diretta e indiretta) agli eventi sportivi. In questo saggio, dopo una breve introduzione sulla centralità del tempo libero nella società contemporanea e sull’evoluzione delle pratiche sportive, si illustrano gli elementi fondanti di un evento, analizzandoli in relazione alle diverse fasi di progettazione e introducendo alcuni concetti base del project management applicato agli eventi. N Il Coni istituzionalmente organizza e ospita grandi eventi, non solo sportivi ma anche quelli di carattere culturale e musicale. In questo ambito è ormai riconosciuta e consolidata l’esperienza e la competenza della Direzione del Marketing e dello Sviluppo del Coni. Per continuare a crescere e rinnovarci, riteniamo sia giusto e necessario il confronto delle idee.
  9. 9. SDS-SCUOLADELLOSPORT/XXXVII/118 63 118 SDS-SCUOLA DELLO SPORT Il paradigma Pnei per l’attività sportiva Marco Bruscolotti, Marco Chiera, Nicola Barsotti a Psiconeuroendocrinoimmunologia (Pnei) è una “disciplina sistemica a base molecolare” che studia le interazioni fra i sistemi corporei, la mente e l’ambiente fisico e sociale, appoggiandosi alle più recenti ricerche di neuroscienze, biologia molecolare, epigenetica e non solo. L’attività sportiva, data la sua estrema varietà e l’elevato carico psicofisico, rappresenta un fenomeno complesso che merita di essere affrontato nella maniera più esaustiva possibile. Studiare l’attività sportiva tramite la lente della Pnei permette di avere ben chiaro come, oltre alla meccanica e al classico principio di ogni allenamento “use it or lose it”, molteplici aspetti influenzano la performance e lo stato di salute dell’atleta. Pertanto, in questo articolo mostreremo i legami in ottica Pnei della prestazione sportiva con fattori quali postura, neuro-endocrinologia muscolare, nutrizione e ritmi biologici. L La performance integrata
  10. 10. www.calzetti-mariucci.it Visita il nostro sito Collegandoti al sito puoi visionare nel dettaglio e acquista- re gli articoli (libri, video, dvd, riviste), grazie ad un sistema di ricerca semplice ed intuitivo. CATALOGO ON LINE Inoltre il sito è sempre aggiornato con sezioni specifiche di approfon- dimento su tutti gli argomenti più interes- santi legati allo sport, come eventi, convegni e corsi di aggiornamento. APPROFONDIMENTI Iscrivendoti e dando la preferen- za alla disciplina sportiva che più ti interessa potrai ricevere tutte le news al tuo indiriz- zo e-mail. NEWSLETTER libri,videoerivisteperlosportlibri,videoerivisteperlosport

×