Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L'Atleta e la sua carriera sportiva, di Valter Borellini

Scopri di più su http://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/atleta-e-la-sua-carriera-sportiva-borellini
Strumenti di analisi e supporto nelle fasi di transizione.
Nella realtà sportiva italiana molto spesso l'attenzione è eccessivamente centrata sugli interessi dei vari stakeholder che ruotano attorno all'atleta e/o al suo livello di performance. Questo volume muove dall'esigenza di "mettere l'atleta al centro del sistema sportivo" adottando una prospettiva olistica: lo sviluppo della carriera è visto e interpretato (ma anche trattato e gestito) come parte integrante della vita, non come un percorso a sé stante. La carriera sportiva infatti non ha un corso prevedibile, continuo ed omogeneo; gli stessi atleti, quando viene chiesto loro di descriverla, ne parlano in termini di momenti, situazioni e avvenimenti che ne hanno modificato il corso, hanno imposto dei cambiamenti specifici tali da poter influire, anche a distanza di tempo, sulla qualità della partecipazione attuale alle competizioni.

  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

L'Atleta e la sua carriera sportiva, di Valter Borellini

  1. 1. 13 Il sistema sportivo europeo Federazioni Sportive Nazionali Federazioni Sportive Regionali EPS, DSA, Società sportive Comitato Olimpico Internazionale Atleti, Tecnici, Giudici, Dirigenti Federazioni Sportive Europee Comitati Olimpici Nazionali La struttura a “piramide”  Figura 1 Capitolo 1 Una caratteristica fondamentale del sistema sportivo in Europa è la combinazione del ruolo con- siderevole che esso esercita sia nella società civile che nel settore pubblico (Scheerder e Vermeersch, 2007). La prima, è soprattutto - anche se non esclusivamente - rappresentata dai numerosi Enti e Associazioni, da Società e da Federazioni Sportive. In tutta Europa, le società sportive di base sono associate alle Federazioni Territoriali (Provinciali e regionali) che operano a loro volta sotto l’ombrello di Federazioni Nazionali. Queste ultime fanno parte a loro volta di una Federazione Sportiva a livello europeo e tutti sono sottoposti alla supervisione di una Federazione Internazionale (Commissione eu- ropea, 1999b). Questa struttura è stata denominata “modello europeo del sistema sportivo” (Arnaut, 2006; Commissione europea, 1999b), ed è rappresentata da una struttura a “piramide” (vedi Figura 1).
  2. 2. 40 Il sistema ecologico * M acrosistema Esosistema Me sosistema Mic rosistema *Bronfenbrenner, 1986  Figura 4 Capitolo 2  L’esosistema, composto da sistemi con cui la persona non ha rapporti diretti ma che influiscono sul suo sviluppo e sulle attività che questa svolge. Alcuni esempi sono la rete amicale dei geni- tori, le relazioni tra i dirigenti della società sportiva dove l’individuo svolge l’attività, le proble- matiche familiari di un amico, ecc.  Il macrosistema, composto dal contesto sociale più ampio in cui è inserito l’individuo, con il quale però non ha rapporti diretti. Il contesto sociale ha il potere di influenzare tutti i sistemi sottostanti dove la persona è inserita attraverso processi di socializzazione e regolazione defi- niti e gestiti da varie istituzioni sociali, come ad esempio gli enti pubblici, le istituzioni sportive, le istituzioni scolastiche ecc. L’individuo atleta si trova al centro di questi sistemi attraverso un processo dinamico. Egli infatti cambia di ruolo nei vari momenti del suo sviluppo ristrutturando continuamente la sua posizione all’in- terno dei vari sistemi. Ad esempio, nella fase di passaggio dall’adolescenza alla maturità cambierà la relazione con i soggetti del microsistema famiglia, si creerà una sua famiglia che avrà relazioni con gli altri microsistemi, come quello sportivo, lavorativo o scolastico, e ciò porterà, di conseguenza, ad un cambiamento al livello di esosistema.
  3. 3. 77 Capitolo 3 Fase di transizione da junior a senior mezzofondisti* 5 10 15 20 25 30 35Età Sviluppo accademico vocazionale Istruzione primaria Carriera professionale sportiva e/o professionale Istruzione secondaria I grado Istruzione secondaria II grado Università Sviluppo economico Famiglia Famiglia Datore di lavoro Famiglia Società sportiva Sponsor Sviluppo psicosociale Genitori Fratelli Coetanei Coetanei Allenatori Genitori Partner, Coach Staff di supporto Compagni di squadra Famiglia Allenatori Coetanei Sviluppo psicologico Infanzia Pubertà/Adolescenza Età adulta Sviluppo atletico Inizio attività Sviluppo Padronanza Interruzione  Figura 11 L’output di tale analisi consentirà di orientare gli operatori tecnici sui processi di supporto agli atleti (tecnici, psicologici) più funzionali al raggiungimento degli obiettivi dei praticanti. Consentirà di av- viare la progettazione di percorsi formativi per i vari stakeholder presenti nei microsistemi, funzionali a fornire conoscenze e competenze al fine di permettere loro di supportare efficacemente gli atleti du- rante il loro sviluppo. Consentirà inoltre di rendere strutturale la pianificazione delle carriere definendo un approccio dinamico che preveda anche interventi di supporto nelle varie fasi di transizione che gli atleti affronteranno durante la propria carriera. Esempio di analisi di rete sociale su atleti adolescenti potenziali talenti nella specialità mezzo- fondo, atletica leggera. Prima di affrontare i processi di supporto necessari agli atleti per raggiungere gli obiettivi prefissati, è opportuno riportare un esempio pratico di analisi di una rete sociale di supporto ad atleti adolescenti, potenziali talenti, che praticano l’atletica leggera, specialità mezzofondo (vedi figura 11), ricavato dalla ricerca effettuata su un target in fase di transizione di carriera (Valter Borellini-Fabiola Paoletti, Rivista SdS n°105, 2015). *Development model transitions athletes Wylleman & Lavallée, 2004
  4. 4. 93 Capitolo 4 Validare il piano di sviluppo Passato Presente Futuro 1° sottofase 2° sottofase 3° sottofase  Figura 14 Al fine di aiutare l’atleta in questa attività il career consultant lo può stimolare ponendo obiettivi di approfondimento specifici. Nell’esempio riportato le domande potrebbero essere:  Pensa e poi descrivi gli eventi più importanti che desideri e ti aspetti nei prossimi 10 anni nelle varie aree della tua vita.  Pensa e poi descrivi gli eventi più importanti che desideri e ti aspetti nei prossimi 5 anni nelle varie aree della tua vita;  Pensa e poi descrivi gli eventi più importanti che desideri e ti aspetti nei prossimi 3 anni nelle varie aree della tua vita;  Quali sono gli obiettivi specifici più importanti che vuoi raggiungere per il prossimo anno nell’a- rea sportiva? E quali nell’area scolastica?  Che vantaggi darà a te e alle altre persone che ti sono vicine nelle varie aree della tua vita?  A che cosa devi rinunciare? Quinta Fase Nella quinta fase l’atleta è stimolato a ripercorrere la linea del tempo al fine di raccogliere risorse esperienziali ed emotive per validare un piano di carriera definendo le azioni da implementare. Per fare ciò il career consultant accompagnerà l’atleta attraverso momenti rappresentati schematicamente nella seguente figura 14. Verificare il titolo Revisione delle risorse di coping sviluppate in passato. Dal presente al futuro: - definizione obiettivi; - analisi risorse/ostacoli; - sviluppo piano d’azione. Dal futuro al presente: revisione del piano di sviluppo alla luce della situazione attuale.
  5. 5. 125 Capitolo 5 2. Analisi dei bisogni formativi delle organizzazioni L’analisi dei bisogni si qualifica come un’attività di ricerca finalizzata all’acquisizione di dati e infor- mazioni utili ed attendibili per proseguire o meno nelle tappe successive del processo formativo, nella progettazione dell’esperienza, nell’individuazione degli obiettivi didattici, dei contenuti e dei metodi di insegnamento da adottare. L’analisi delle esigenze formative si configura come una vera e propria attività di ricerca sociale orientata e finalizzata alla conoscenza:  delle caratteristiche strutturali e dinamiche interne ed esterne all’organizzazione sportiva;  delle caratteristiche delle attività e dei processi delle organizzazioni;  dei bisogni espressi dagli individui in termini di competenze e motivazioni e del sistema di attese reciproche che intercorre tra organizzazione e soggetti che la compongono;  del complesso di aspettative implicite nell’organizzazione sportiva. I fabbisogni formativi non sono sempre evidenti e immediatamente acquisibili. È necessario quindi rilevarli attraverso forme di indagine diretta (ad esempio, attraverso ricerche prelimina- ri, interviste, questionari ecc.) e anche mediante un’analisi documentale delle attività e degli obiettivi raggiunti dall’organizzazione;  delle modalità di rilevazione del fabbisogno formativo: colloqui, matrici e/o schede di analisi e/o focus group. Bisogni di formazione degli stakeholder (individui) Bisogni di formazione dell’organizzazione sportiva Bisogni di supporto alla carriera dell’atleta Analisi dei bisogni formativi degli atleti, delle organizzazioni e degli stakeholder  Figura 19
  6. 6. 184 Capitolo 6 Correlazione età con aspettative di carriera Correlazione di Pearson -,235** 0,123* -,011 -,020 -,209** -,250** -,304** 0,306** 0,016 Sig. (2-code) 0,000 0,011 0,817 0,683 0,000 0,000 0,000 0,000 0,748 Numero 426 428 428 401 422 423 419 420 417 ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code). * La correlazione è significativa al livello 0,05 (2-code). Con l’aumentare dell’età l’atleta:  pensa maggiormente al suo percorso post carriera;  compie azioni per facilitare il suo inserimento post agonistico;  tende a fare colloqui e iniziare attività lavorative;  tende a proseguire gli studi per prendere un titolo di studio. Mentre l’età non ha correlazioni con:  la preferenza a svolgere la carriera post agonistica nella propria organizzazione o in un’altra organizzazione sportiva;  la prospettiva di ricevere un aiuto, in quanto la maggioranza degli atleti che pensa di riceverlo, il 73,8%, non è connotata da una fascia d’età specifica. Differenze nelle variabili psicologiche legate all’attività sportiva attuale Tipologie di organizzazioni sportive Un primo livello di analisi su cui concentrare l’attenzione riguarda il grado di significatività che la tipologia di organizzazione sportiva ha sulle variabili psicologiche. Le diverse tipologie di organizzazioni sono state classificate in: associazione sportiva, società spor- tiva, Federazione Sportiva Nazionale, gruppo sportivo militare. Le variabili considerate significative sono:  lo stress;  la passione armoniosa;  il focus regolatorio di promozione;  il focus regolatorio di prevenzione. Haicominciatoapensare altuopercorsopost- agonistico? Comeimmaginiiltuo futuropost-agonistico nellosport? Comeimmaginiiltuo futuropost-agonistico fuoridallosport? Preferirestisvolgere latuacarrieradentro l’organizzazionedove svolgioraleattività? Haicompiutopassi perfacilitareiltuo inserimentopost- agonistico? Haisvoltocolloqui? Haiiniziatoostai svolgendoattività? Staiconseguendo untitolodistudio? Pensidiessereaiutato?
  7. 7. www.calzetti-mariucci.it Visita il nostro sito Collegandoti al sito puoi visionare nel dettaglio e acquista- re gli articoli (libri, video, dvd, riviste), grazie ad un sistema di ricerca semplice ed intuitivo. CATALOGO ON LINE Inoltre il sito è sempre aggiornato con sezioni specifiche di approfon- dimento su tutti gli argomenti più interes- santi legati allo sport, come eventi, convegni e corsi di aggiornamento. APPROFONDIMENTI Iscrivendoti e dando la preferen- za alla disciplina sportiva che più ti interessa potrai ricevere tutte le news al tuo indiriz- zo e-mail. NEWSLETTER libri,videoerivisteperlosportlibri,videoerivisteperlosport

×