Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Heads up baseball 2.0. Di Ken Ravizza, Tom Hanson

77 views

Published on

Alla scoperta del mental game nello sport. 5 abilità per giocare un lancio alla volta.
Il manuale è il frutto del lavoro di due autori di grande esperienza, in particolare del compianto Ken Ravizza, apprezzatissimo formatore di atleti di baseball e di campioni olimpici di diverse specialità sportive.

Un apparato formativo solo apparentemente ripetitivo e invece molto pratico ed efficace nel sottolineare concetti che, certamente non a caso, hanno aiutato, secondo stime molto realistiche, circa 150.000 atleti, coach e sportivi amatoriali nella loro specialità e nelle vicende quotidiane.
Impressionante il numero di testimonianze di personaggi, famosi ed anche meno noti, che hanno visto gli insegnamenti di Ravizza letteralmente “cambiare le loro vite”, attraverso la reazione costruttiva agli eventi negativi “controllabili” che via via possono generarsi nell’ambito delle singole azioni sportive, dei match, dei campionati e della stessa vita.

Di origini italianissime, sia da parte materna che paterna, Ravizza riportava spesso una definizione del suo primo libro Heads-Up Baseball: “uno dei più grandi libri di psicologia del baseball mai scritti” (definizione che considerava esagerata!), e spiegava l’attuale rielaborazione del libro come un atto dovuto al cambiamento dei tempi, con giocatori nuovi e diversi rispetto a quelli degli anni Novanta.

Sosteneva Ravizza: “Oggi i giovani vogliono tutto in fretta: risultati, gratificazioni istantanee, soluzioni rapide. Invece una delle difficoltà dello sport è che occorre passare attraverso sudore e lacrime, preparandosi così a lottare per mezzo di un duro lavoro fisico e psicologico, finalizzato ad ottenere ogni volta un vantaggio nella competizione.” E ancora: “Gli stessi tecnici devono trasmettere i contenuti di questo manuale, diventando dei modelli per gli atleti, semplicemente impostando il loro lavoro sul controllo delle loro reazioni alle avversità.”
.
Scopri il manuale qui https://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/heads-up-baseball-2-0-alla-scoperta-del-mental-game-nello-sport

Published in: Sports
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Heads up baseball 2.0. Di Ken Ravizza, Tom Hanson

  1. 1. Ken Ravizza Tom Hanson HEADS-UP BASEBALL 2.0 5 abilità per giocare un lancio alla volta Alla scoperta del MENTAL GAME nello sport
  2. 2. “Il baseball può sembrare un gioco da bambini visto da fuori. Dall’interno, è complesso e decisa- mente crudele… Lo amo.” Augie Garrido Coach con più vittorie All-Time Division I Baseball Competere è un’abilità da imparare CAPITOLO
  3. 3. 12 Parte 1 - Imparare a competere “Vi suona familiare uno di questi tre scenari?” Giocatore A “Wow, la palla è così grande! E lenta! Amo battere. Mi sento così bene nel box, completamente a mio agio. Battere è semplice. Trovo la palla con gli occhi subito che ha lasciato la mano del pitcher e vedo la rotazione senza problemi. Non c’è molto da pensare. È divertente aspettare, vedere la palla e, se il lancio mi piace, mettere a segno il colpo come un cobra”. Non ti piace la sensazione di colpire in pieno la palla? La colpisci in modo talmente netto e pulito che spesso a malapena avverti il contraccolpo sulla mazza. Sembra la cosa più naturale del mon- do. È come respirare, perfettamente naturale! Vedi la palla, batti la palla. “Oh, ed ecco la cosa divertente: ho appena battuto un line-drive e mi hanno eliminato! Non una gran cosa, ma la prossima volta riuscirò a fare meglio. So di aver fatto tutto nella maniera giusta in quel turno di battuta e la prossima volta i miei avversari non saranno così fortunati. L’unica scocciatura è che devo aspettare così tanto per tornare al piatto. Amo battere e non vedo l’ora di rifarlo!” Giocatore B “Ok, è ora di combattere. Questo pitcher è tosto ma ho la sensazione di poterlo battere, se tengo duro e tiro fuori il mio colpo migliore. Cosa tira? Ha fregato Jonesy su una veloce alta, probabil- mente cercherà di fare la stessa cosa anche con me”. “Ho avuto giorni migliori. Mi sento un po’ rigido e ho un po’ di dolori, specialmente alle gambe. Ma le mani sono belle veloci. Non posso dire che sto girando la mazza benissimo, ma potrebbe andare peggio. Devo solo pensare in maniera semplice. Se solo riuscirò a restare disciplinato e a cercare il mio lancio, andrà tutto bene”. Giocatore C “Faccio schifo. Non so battere. Lo so che ho già battuto altre volte, ma la mazza mi dà la sensa- zione di un oggetto estraneo. Il mio swing ha mille parti e ognuna va per conto suo. Non riesco proprio a capire dove devo mettere le mani quando vado in posizione di battuta. Quando devo attaccare la palla? Perché ho girato quella palla agli occhi e ho lasciato andare quella in mezzo al piatto? Non so battere. Inoltre, il lanciatore sembra praticamente essere nel box di battuta insieme a me e siete sicuri che la distanza della pedana sia 18,47? L’ultima volta che finalmente ho esegui- to una battuta decente, è finita dritta all’interbase! Che fortuna che ho. Mi sa che ci vorrà almeno una settimana prima di incocciare un altro lancio in modo efficace… sperando nel frattempo di essere ancora in squadra”.
  4. 4. “Le abilità Heads-Up Baseball potrebbero sembrare semplici, ma posso- no diventare sorprendentemente difficili da utilizzare in modo costante in partita. Ti aiuteranno ad avere più fiducia, ad acquisire maggiore con- sistenza e a migliorare il rendimento sotto pressione, ma solo se riusci- rai a svilupparle attraverso l’allenamento come qualsiasi altra abilità fisica, sempre che poi ti ricordi di applicarle in campo.” Troy Tulowitzki Interbase, Toronto Blue Jays I tre livelli dell’apprendimento per diventare competitivi CAPITOLO
  5. 5. 28 Parte 1 - Imparare a competere 28 Parte 1 - Imparare a competere Se il tuo coach ti mostrasse come lanciare il cambio per la prima volta, non ti aspetteresti certo di tirarne uno perfetto il primo giorno, e probabilmente neanche il secondo o il terzo giorno. Anche se potrebbe accadere che tu ne riesca a tirare qualcuno buono subito, il tuo cambio resterà piuttosto scarso fi nché non ti sarai allenato su questo fondamentale per un certo periodo di tempo. Come dire che devi allenare le abilità, come suggerito in questo libro, perché ti possano poi venire utili: non c’è una formula magica, ma solo la necessità di lavorare su questo obiettivo! La tua abilità di dare il 100% delle tue potenzialità per vincere il prossimo lancio progredirà attraverso tre livelli: Livello 1: Conosci Comprendere le idee e le abilità su come aumentare la competitività lancio per lancio. Livello 2: Agisci Allenare fisicamente le abilità, sperimentando e verificando ciò che funziona per te. Livello 3: Personalizza Adotta un approccio a competere individualizzato e personale. Non abbiamo un modo scientifi co per defi nire quale livello tu abbia raggiunto in un dato momento ed è invece certo che oscillerai su e giù tra i vari livelli nel corso della tua carriera. Comunque, il fatto di memorizzare questi livelli mentre stai allenando le abilità RAMP-C ti aiuterà a mantenere una prospettiva positiva. All’inizio, sapere che sei solo al primo o al secondo livello riduce la frustrazione e la delusione de- rivanti dal non riuscire ad esprimere la buona competitività che vorresti. Utilizza quindi i tre livelli come una mappa mentale del tuo apprendimento. LIVELLO 1: CONOSCI Il primo livello dell’Heads-Up Baseball è basato sul conoscere le tue abilità Heads-Up e questo manuale ti aiuterà a conoscere le idee, le strategie e i concetti del baseaball Heads-Up, così che tu li possa fi ssare nella memoria. Ad esempio, giocare “un lancio alla volta” è un’idea, un concetto. “Oh, ora è chiaro,” potresti dire dopo aver letto per un po’. “Se mi sono innervosito o sono arrabbiato per qualcosa che è successo prima in partita, probabilmente non offrirò una buona prestazione sul lancio che sto per effettuare. Se sono alterato, mi irrigidirò o mi distrarrò e probabilmente cercherò con troppa foga di lanciare bene. Visto che non posso cambiare ciò che è già successo, dovrei quindi lasciare andare le mie emozioni negative e concentrare la mia attenzione sul prossimo lancio.” Hai fatto centro! Riuscire ad elaborare questo pensiero signifi cherà che hai compreso l’obiettivo di giocare “un lancio alla volta”.
  6. 6. “Assumi un atteggiamento sempre positivo. Quando sono arrivato nei Pro per la prima volta, avevo in testa un sacco di pensieri negativi. Cer- cavo di battere valido ogni volta o di fare la grande giocata, ma il base- ball è un gioco di insuccessi e se ti abbatti moralmente dopo ogni turno di battuta, il singolo insuccesso diventa valanga e lo 0 su 10 diventerà 0 su 30. Devi riuscire invece a voltare pagina nell’insuccesso e io ho dovuto imparare a trovare cose positive sulle quali concentrarmi, vi- sualizzando fatti positivi del mio passato o eventi che avrei desiderato accadessero in futuro: senza questi escamotage avrei fatto molta più fa- tica di quanto ho fatto realmente.” Mike Trout Esterno centro, Los Angeles Angels Abilità 1: Responsabilità CAPITOLO
  7. 7. 38 Parte 2 - Le 5 abilità RAMP-C 38 Responsabilità: scegliere di concentrare la tua energia su qualsiasi cosa riesca a darti la miglior chance di successo, al di là di cosa è accaduto o di come ti senti. Sebbene Mike Trout abbia un enorme talento fisico e lavori moltissimo sulle sue competenze tecniche nel baseball, sviluppare l’abilità di controllare la concentrazione e trovare elementi po- sitivi, ogni sera post-gara, nella sua prestazione sono gli accorgimenti che lo hanno trasformato in uno dei migliori giocatori di baseball. Gli sarebbe potuto accadere, come ad altri innumerevoli giocatori di talento anche particolarmente dotati, di abbandonare presto l’attività, perché incapaci di elaborare questi comportamenti. Non hanno mai imparato come sfruttare al massimo il proprio talento, dandogli consistenza, perché hanno lasciato che la successione di insuccessi insiti nel gioco, li abbattesse. La prima abilità del Baseball Heads-Up è la Responsabilità. Pensala come la capacità spe- cifica da mettere in campo per rispondere ad ogni situazione concentrando i pensieri e le azioni su cose utili. Si estrinseca attraverso la decisione di impegnarsi verso ciò che vuoi che accada e nell’agire consistentemente per ciò su cui ti sei impegnato, anziché subire ciò che ti potrebbe accadere in un dato momento. Indipendentemente da quanto forte sai tirare o battere la palla, quanto sei bravo a prenderla o quanto veloce sei nella corsa, lo strumento più potente che hai come giocatore di baseball è la tua abilità nello scegliere l’obiettivo verso il quale dirigere la tua energia, avendo tu la possibilità di scegliere se concentrarti su elementi che aiutano la tua performance o su altri che non la aiutano. IN QUESTO CAPITOLO Utile alla mia prestazione Cosa voglio far succedere Non utile alla mia prestazione Cosa non voglio far succedere
  8. 8. “Se un giocatore non si conosce, non può ambire a sfruttare, anche solo un po’, del suo potenziale. Conoscere sé stessi significa per i giocatori so- prattutto trovare le proprie risposte senza ricorrere a coach e manager per averle sempre da loro.” Joe Maddon Manager, Chicago Cubs Abilità 2: Consapevolezza CAPITOLO
  9. 9. 54 Parte 2 - Le 5 abilità RAMP-C 54 Cosa noti del tuo alluce del piede destro in questo momento? Molto probabilmente non stavi proprio pensando al tuo alluce finché non hai letto la frase. Se non l’hai ancora fatto, dirigi adesso la tua attenzione sul tuo alluce e constata la posizione in cui si trova, poi muovilo e cerca di rilevare altri particolari. Il secondo strumento RAMP-C nell’Heads-up Baseball è la Consapevolezza. Per continuare nell’esempio: hai appena acquisito consapevolezza del tuo alluce, uno stato di conoscenza da definire più semplicemente come l’essere consci di qualcosa o il sapere qualcosa. Nel baseball, in merito alla prestazione, il concetto di consapevolezza si estrinseca in due modi: 1. Consapevolezza di sé, intesa come conoscenza di sé stessi: presa d’atto di ciò che di solito ti accade, rispondendo a determinati quesiti. » Come rispondi di solito alle avversità? » Cosa avviene solitamente quando sei sotto pressione? » Quale tipo di preparazione ti porta di solito alla migliore prestazione? 2. Consapevolezza del momento presente: presa di conoscenza di ciò che sta accadendo in questi istanti, sempre aiutandoti con risposte ai quesiti che seguono. » Cosa sta accadendo nel tuo corpo in questo preciso momento? » Cosa senti e percepisci? » Cosa sta accadendo in campo sempre in questo preciso momento? Conoscere te stesso e avere consapevolezza del presente momento sono essenziali per giocare a baseball in atteggiamento di fiducia e consistenza. Abbiamo già detto che il baseball è un gioco di aggiustamenti, ed ancora, ogni giorno ti senti diverso cambiando di fatto, sulla base del tuo stato psicologico, il corso di una partita o di un allenamento. Visto che l’obiettivo è sempre quello di ottenere il 100% dal tuo potenziale per vincere il prossimo lancio, non potrai però apportare ag- giustamenti efficaci lancio per lancio, fino a quando non avrai consapevolezza del “da dove parti”. Se un compagno ti chiedesse in quale direzione deve andare per accompagnarti a casa in auto, prima avrai bisogno di sapere la vostra posizione in quel momento. Poi se siete a sud rispetto alla tua casa, dovrà guidare verso nord e viceversa. Analogamente, se vuoi giocare bene oggi, devi es- sere consapevole se ti senti benissimo (quindi in clima di partita A), o se ti senti fuori fase (e hai la tua partita B o C). Quindi cosa senti ora? Cosa vuoi sentire? E sulla base della tua autovalutazione, quali aggiustamenti dovresti eventualmente fare ora per dare il fatidico 100% nel prossimo lancio? IN QUESTO CAPITOLO
  10. 10. “Devi essere in condizioni di buon autocontrollo prima di riuscire a gestire con efficacia la tua prestazione: può risultare facile, in special modo quando le cose vanno bene. Risulterà invece difficile nel caso io desideri tanto vincere, da essere spinto a fare troppo.” John Lackey Pitcher, Chicago Cubs Abilità 3: Mission CAPITOLO
  11. 11. 66 Parte 2 - Le 5 abilità RAMP-C 66 “Cosa vorresti che accada?” Mission: un risultato chiaramente definito e desiderato fortemente. Nel 2004, il record dei Cal State-Fullerton Titans era 12-15. Era la peggior par- tenza su 27 partite nella storia del college, con il morale ovviamente a terra. Ma un meeting fra addetti e giocatori si concluse sintetizzato da un motto particolare: “Pensate a quanto ci sentiremmo bene nel capovolgere questa si- tuazione.” L’obiettivo di un risultato molto desiderato alimentò un focus quoti- diano, appassionato, vissuto lancio dopo lancio, sul processo volto a giocare un grande baseball. Un cumulo di energia costruito giorno per giorno sulla base del “Quanto ci farà sentire bene?” Si sentirono sempre meglio, dando il 100% dei loro potenziali individuali focalizzati sulla vittoria e sul “Quanto ci farà sentire bene?”: le vittorie cominciarono ad accumularsi. Quando fu registrato l’ultimo out della loro stagione avevano vinto le College World Series. Facile immaginare la grande sensazione di completezza che percepivano. Una mission chiaramente definita aiuta la squadra a portarsi con tutti suoi componenti sulla stessa lunghezza d’onda. IN QUESTO CAPITOLO
  12. 12. “Una chiave per il successo è legata a come ci si prepara a dare battaglia.” Hank Aaron Leader All-Time PBA e Totale Basi Abilità 4: Preparazione CAPITOLO
  13. 13. 82 Parte 2 - Le 5 abilità RAMP-C 82 “Inizia prima che inizi” Preparazione: è decisivo il processo di creazione di un approccio mentale che ti renda capace di dare il 100% per vincere il prossimo lancio. Secondo il nostro speciale gergo: metti quanto più possibile la tua luce interiore segnaletica sul “verde”, proprio in questo momento. Gli allenatori e gli scout chiedono fiducia e consistenza. Grandi mezzi fisici e ottima meccanica in allenamento non contano se non vengono sfruttati in campo ogni giorno. L’autostima si può costruire con una preparazione intelligen- te e quanto più ti sentirai preparato, tanto più la percepirai. La Preparazione è fondamentale per giocare al Baseball He- ads-Up perché è una fonte di fiducia che puoi controllare. Vincere le partite, battere valido e vedere il proprio nome sul lineup partente possono dare una bella iniezione di fiducia, ma nessuna di queste cose è controllabile. “Ho una routine pre-partita molto chiara e dettagliata per la difesa e la bat- tuta: la seguo con attenzione perché è da lì che inizia la costanza.” Kris Bryant Terza base,Chicago Cubs Il giocatore Heads-Up costruisce fiducia attraverso una preparazione solida, una via che si può scegliere se ne prendi responsabilità. La costanza è anche un prodotto secondario della preparazione. Qualsiasi giocatore può essere bravo per una partita o due. Ma il baseball è uno sport che si gioca tutti i giorni, non è come il football, dove devi essere in gamba solo una volta alla settimana e hai molti giorni per prepararti. IN QUESTO CAPITOLO
  14. 14. Abilità 5: Competi! CAPITOLO
  15. 15. 106 Parte 2 - Le 5 abilità RAMP-C 106 Competi: dai il 100% delle tue potenzialità del momento per vincere il prossimo lancio Tutto in questo libro è stato finora finalizzato allo sviluppo dell’abilità di com- petere. Il nostro obiettivo è quello di aiutarti a sfruttare il 100% delle tue po- tenzialità per vincere ogni lancio, per acquistare autostima e per imparare a focalizzarti su un lancio alla volta. Competere esprimendo alta qualità non ti assicurerà un risultato necessaria- mente positivo, ma ti potrà dare le migliori opportunità per ben riuscire e di ottenere la massima soddisfazione dalla tua prestazione. Nell’ultimo capitolo trattato, ti abbiamo consigliato di segmentare la tua stagione in partite per le quali creare una routine pre e post-gara, sempre per aiutarti a giocare consistentemente e per raggiungere il tuo massimo livello qualitativo. Ora ti suggeriamo di suddividere una partita in singoli lanci e di sviluppare una routine per ogni lancio. Indipendentemente dalla tua mission di carriera, che potrebbe puntare ad esempio, sul fatto di essere un partente nella squadra di high school, di giocare al college, di arrivare nelle leghe maggiori, l’azione ottimale volta a darti una spinta decisiva per farla diventare realtà può essere solo quella del momento attuale, di questo lancio proprio adesso! Competere, che si concretizza nel dare il 100% per vincere il prossimo lancio, fa leva sulle prime quattro abilità RAM- P-C: Responsabilità. Indipendentemente da ciò che è accadu- to nel lancio precedente o da come ti senti, scegli come e dove dirigere il tuo focus e quali azioni intraprendere. Sei qui. IN QUESTO CAPITOLO
  16. 16. “Dopo aver osservato da vicino lanciatori di grandi leghe per circa 35 anni, credo di poter affermare che la chiave stia proprio nel competere lancio per lancio. I lanciatori si mettono nei guai quando rivolgono il pensiero su situazioni troppo in avanti nel tempo. Essi pensano: ‘Finisci solo questa ripresa’, oppure: ’Combatterò tutto il giorno’. Non cercare di tirare una partita completa e non preoccuparti del nu- mero di lanci effettuati. Concentrati, invece, sull’eliminazione di questo battitore eseguendo questo lancio.” Marcel Lachemann Pitching Coach, Los Angeles Angels Lancio Heads-Up CAPITOLO
  17. 17. 128 Parte 3 - Lancio, battuta e difesa Heads-Up 128 Cerca di ricordare una situazione in cui hai lanciato alla grande. Immaginati di nuovo impegnato in quella partita cercando di vedere quello che vedevi e udivi; cerca di rivivere le stesse sensazioni. Possiamo ipotizzare che tutto sembrasse piuttosto semplice. Quando stai lanciando alla grande, le cose ti appaiono semplici: sei concentrato, presente e completamente in fiducia. Giochi un lancio alla volta lavorando in modo naturale attraverso le abilità RAMP-C, cioè: RESPONSABILITÀ. Scegli i tuoi pensieri e il tuo focus: sei regolarmente seduto al posto di guida e salito semplicemente per fare un giro. CONSAPEVOLEZZA. Ti comporti secondo le tue caratteristiche (e non cerchi di esagerare o di lanciare palle che non sono nel tuo repertorio) e sei sintonizzato con ciò che senti lancio dopo lancio. MISSION. Hai definito chiaramente il tuo approccio alla partita e ciò che vuoi che si realizzi. PREPARAZIONE. Ti sei preparato a lanciare, mentalmente e fisicamente. COMPETI. Sei fiducioso e lasci andare con scioltezza la palla su ogni lancio, sei completamente impegnato e assorbito su un lancio alla volta, indipendentemente da ciò che è successo nel lancio precedente. “Se disputo trenta partite da partente in una stagione, in cinque avrò la mia partita A e sarà tutto semplice e chiaro. In altre cinque dovrò combattere con la mia partita C. Nelle venti partite che costituiscono il grosso della mia stagione, dovrò competere con la mia partita B. Quindi 25 volte su 30 devo compensare e fare aggiustamenti per essere competitivo. Ovviamente il mio successo come lanciatore dipenderà dal- la mia abilità nel processo di adattamento.” Jon Lester Pitcher, Chicago Cubs
  18. 18. “Era una continua battaglia di aggiustamenti. Ogni turno di bat- tuta, ogni volta nel box, c’era un piano di gioco.” Carl Yastrzemski Boston Red Sox, Hall of Famer Battuta Heads-Up CAPITOLO
  19. 19. 158 Parte 3 - Lancio, battuta e difesa Heads-Up 158 Ti ricordi quella volta in cui eri entrato pieno di fiducia nel box di battuta? Sei arrivato con un passo che denotava sicurezza e sei entrato nel box già sapendo che avresti “fatto a pezzi” la palla: e l’hai fatto! Immaginati di nuovo in quella partita ora, visualizzando ciò che vedevi, riascoltando ciò che sentivi e cercando di riprodurre le sensazioni che provavi. È probabile che battere in quel momento sembrasse quasi facile, hai agito con semplicità, senza pensare alla meccanica e alla tecnica o alla tua media matematica di battuta o a qualsiasi altra cosa che non fosse seguire con lo sguardo la palla e “annientarla”. Generalmente quando stai battendo in maniera ottimale, stai lavorando in modo automatico RAMP-C: Responsabilità: sei tu a scegliere i tuoi pen- sieri e a focalizzare la tua concentrazione sulla battuta. Sei idealmente al posto di guida e non lasci che sia il gioco a imporre i tuoi sposta- menti. Consapevolezza: sei mentalmente sintoniz- zato con il tuo corpo, con la precisa cognizio- ne di te (non stai cercando di strafare, di girare troppo forte o di battere un fuoricampo da tre punti con nessuno in base). Mission: hai chiaro quale deve essere il tuo approccio al piatto e cosa vuoi che accada in conseguenza delle tue azioni. Preparazione: ti prepari a battere, quanto più possibile in luce verde. Competi!: ti lasci andare con fiducia e scioltezza ad ogni lancio, semplicemente sfruttando il 100% delle tue potenzialità del momento. La maggior parte dei battitori riesce a fornire le sue mi- gliori prestazioni in gara quando ha la sua partita A, ma raramente battere è facile e dovrai sempre compensare e aggiustarti al box, quando per qualche motivo non ti sen- tirai al 100%. Potresti non vedere bene la palla, avere una posizione di partenza non comoda, essere teso perché da troppo tempo non batti una valida. Sono situazioni comu- ni anche per i migliori battitori. Il battitore Heads-Up ha la caratteristica di esprimersi a livelli di eccellenza nell’ottenere il 100% delle sue potenzialità su quel determinato lancio: quando dispone del solo 60% di tali potenzialità, cerca di esprimersi sfrut- tandole totalmente quando scende in campo. Questo capitolo ti aiuterà ad applicare RAMP-C alla battuta. L’obiettivo è sempre quello di mantenere livelli di massima semplicità, ma se ciò che stai facendo non fun- ziona, dovrai cercare di capire quali sono gli aggiustamenti necessari e riuscire ad applicarli. Hai bisogno di “qualcosa a cui tornare”, che ti aiuti a dare costantemente il tuo meglio. Questo capito- lo offre materiali per un addestramento su come dare il 100%, invitandoti a condividere soluzioni che hanno funzionato per altri battitori. Ti aiuterà con il Livello 1 dell’apprendimento: Conosci, portandoti poi al Livello 2: Agisci, speri- mentando anche solo una volta alcune idee di lavoro, per scoprire cosa funziona per te, per pun- tare al Livello 3: Personalizza, in cui metterai in campo le abilità e le tecniche RAMP-C per entrare nel box, esprimendoti al massimo.
  20. 20. “Per me è importante un processo di visualizzazione. Tra un lancio e l’altro, verifico la situazione e comunico con i miei compagni. Poi visua- lizzo una giocata difficile che potrei dover fare e come la farò, cercando di veder scorrere nella mia mente le immagini in movimento con l’inte- ra esecuzione. Quando la giocata sarà necessaria, sarò anch’io pronto a farmi trovare nella migliore condizione possibile per farla.” Ben Zobrist Seconda base, Chicago Cubs Difesa Heads-Up CAPITOLO
  21. 21. 186 Parte 3 - Lancio, battuta e difesa Heads-Up 186 Torna indietro con la memoria cercando di visualizzare un momento in cui hai giocato una grande difesa. Rivivi quella partita e rivedine le azioni, senti di nuovo ciò che sentivi e cerca le sensazioni che provavi. Possiamo ipotizzare che tutto sembrasse piuttosto facile in quella occasione e che tu riuscissi ad avere un ottimo primo passo verso ogni palla: quando giochi bene in difesa cerca di preservare la massima semplicità nelle tue azioni. Infatti, la base per l’approccio Heads-Up alla difesa è molto semplice: “Batti su di me!”. Se il tuo atteggiamento e stato mentale su ogni lancio prevedrà il “Batti su di me”, ti metterai nella migliore condizione per effettuare quel buon primo passo con buone susseguenti opportunità di avere un rendimento positivo su ogni lancio e starai di fatto automaticamente lavorando attraverso RAMP-C: Responsabilità. Devi essere tu a scegliere a cosa pensare e il tuo focus: sei al posto di guida e non puoi semplicemente e passivamente subire ciò che ti accade. Consapevolezza. Sei sintonizzato con il tuo corpo e consapevole delle tue possibilità e dei tuoi limiti, senza quindi dover cercare di fare troppo o di tentare giocate che non riusciresti a portare a termine. Mission. Vuoi che la palla sia battuta su di te e sai cosa farai quando la prenderai. Preparazione. Sei pronto per il pre-game, predisposto per iniziare la partita, reattivo ad ogni lan- cio, sempre quanto più verde possibile. Competi! Sei in fiducia e lasci andare con naturalezza la tua prestazione su ogni lancio. Sei com- pletamente impegnato a dare il 100% del tuo potenziale per giocare la miglior difesa un lancio alla volta. È facile giocare bene in difesa quando ti senti bene, ma è molto probabile che nella maggior parte dei casi non ti sentirai al 100%. Il tuo corpo può essere un po’ rigido o poco reattivo, potrebbe subentrare un atteggiamento di noia perché il lanciatore non sta tirando strike. Potrebbe anche accadere che non stai battendo bene o sei appena stato eliminato al piatto, con la frustrazione che si diffonde in tutto il tuo corpo e conseguenti pensieri sulla tua scarsa media battuta che im- pegnano la tua mente.
  22. 22. “Che sia allenamento o partita, semplicemente vai in campo e fai ciò che fai.” Joe Maddon Manager, Chicago Cubs Allenamento Heads-Up CAPITOLO
  23. 23. 206 Parte 4 - Allenamento e risoluzione di problemi 206 La qualità della tua carriera nel baseball sarà determinata in larga parte dalla qualità dei tuoi al- lenamenti, quindi se vuoi puntare a diventare un giocatore di baseball migliore, devi migliorare la qualità dei tuoi allenamenti. Giocatori e coach cadono spesso nell’errore di programmazione di concentrare il lavoro solo su tecnica e preparazione fisica in allenamento. Il tutto sperando di essersi allenati abbastanza da far emergere questa loro formazione in partita. Invece di sperare semplicemente di giocare bene in partita e soprattutto in funzione del risultato, i giocatori e i coach Heads-Up partono dal presupposto che competere al 100% di ciò che hanno come potenziale al momento di vincere il prossimo lancio, è un’abilità da sviluppare con l’allena- mento: quanto meglio e quanto più allenerai una abilità, tanto più evidenti saranno i miglioramenti. Leggere questo libro può solo portarti al Livello 1: Conosci dell’apprendimento. Per ulteriori progressi nelle tue performances di gioco migliori dovrai allenarti nelle abilità via via descritte nel dettaglio (Livello 2: Agisci) finché le abilità RAMP-C diventeranno armi da utiliz- zare per competere al massimo (Livello 3: Personalizza). Se vuoi giocare un baseball efficace e di alto livello, lavora sul tuo processo durante l’allenamento. Mike Scioscia ha condiviso nell’introduzione di questo libro l’idea che i giocatori di alta prestazio- ne possano creare solo a lungo termine un loro proprio sistema di performance. Una delle nostre formule preferite è: “Fai ciò che sai fare”, che significa segui il tuo sistema, o esegui le tue routine, indipendentemente dalla situazione. Devi però guadagnarti il diritto di seguire il tuo sistema lavorandoci in allenamento e se non lo farai non ti metterai comunque nella condizione di fare ciò che fai quando avrai bisogno di farlo! Quanto considerano importante gli allenatori di vertice l’allenamento del gioco mentale? Nel 1992 quando la NCAA tagliò la quantità di tempo di allenamento che i coach potevano spendere con i loro giocatori, l’head coach di Long Beach State Dave Snow chiamò Ken. Anzichè tagliare il tem- po speso sul gioco mentale, Snow voleva che Ken lavorasse di più con la squadra! “Con meno tempo per allenarci”, disse Snow, “la qualità dei nostri allenamenti è addirittura più importante! Ora ho bisogno che siano più concentrati che mai”. “La maggior parte degli allenatori sta già lavorando sul gioco mentale. Una chiave consiste nell’avere dei punti di riferimento legati al comportamen- to, come il linguaggio del corpo, le routine e la respirazione su cui concen- trarsi. Ma lo sviluppo più importante è stato la creazione di un vocabolario per parlare del gioco mentale. Devi mostrare ai giocatori che dai valore al gioco mentale integrandolo nelle pratiche dell’allenamento: non si tratta infatti di qualcosa che si fa in aula una volta alla settimana, esso è inte- grato in tutto ciò che fai. Come allenatore devi cogliere i tuoi giocatori a lavorare sul gioco mentale e riconoscendo loro il valore del processo sul quale stanno lavorando.” Dave Snow Ex Head Coach, Long Beach State
  24. 24. “Quando inizi ad avere difficoltà e procedi nella direzione opposta, puoi ridurre al minimo il danno se impari a conoscerti. Di solito è una que- stione mentale e la parte più rilevante è la capacità del giocatore di in- dagare dentro di sé e chiedersi: ‘Perché non riesco? Cosa succede? Cosa mi impedisce di usare tutto il mio talento nella situazione?’ e sentire di tornare al suo atletismo, in una situazione in cui semplicemente lascia giocare il suo talento. Il giocatore che si allontana dal suo atletismo va incontro a difficoltà.” Mike Scioscia Manager, Los Angeles Angels Risoluzione di problemi Superare crisi, difficoltà ed errori mentali comuni CAPITOLO
  25. 25. 222 Parte 4 - Allenamento e risoluzione di problemi 222 Hai avuto insuccessi recentemente? Sei in crisi? Stai provando paura? Dubbi? Frustrazione? Rab- bia? Sono tutte situazioni tali che sembra proprio che tu stia giocando a baseball! In questo capitolo ti faremo delle domande e ti daremo degli strumenti per aiutarti a capire come forse ti stai complicando la vita. La tua meccanica può essersi deteriorata, un aggiustamento fisico potrebbe essere la causa di altri problemi, oppure potresti essere stanco o infortunato. Vogliamo orientarti ad un approccio mentale che possa aiutarti a sistemare gli elementi del gioco che puoi controllare. Il tuo pensiero è spesso la radice dei tuoi problemi in partita. Se la tua mission dice: “Devo battere un fuoricampo”, la tua spalla anteriore probabilmente si aprirà troppo presto e la cosa apparirà in video come un problema meccanico, mentre l’origine vera della disarmonia è con ogni probabilità nel tuo pensiero. Se sul mound la tua mission è: “Devo farmi vedere dagli scout e dal mio coach”, quali effetti avrà sulla tua meccanica? L’origine dei tuoi guai può anche derivare dall’utilizzo delle abilità e degli strumenti Heads-Up. Potresti, ad esempio, esserti fermato al Livello 2: Agisci, con una tale concentrazione sull’esecu- zione della tua routine da dimenticare di indirizzare il tuo focus sul bersaglio e competere. Faremo anche riferimento a errori comuni in cui giocatori e allenatori incorrono quando si allenano sui loro meccanismi mentali. “Penso che tu sia realmente competitivo quando non stai cercando di co- struire nulla. Semplicemente permettiti di essere te stesso, il che significa essere un atleta. Penso anche che quando cerchi di lavorare con maggiore velocità o cerchi di battere la palla più lontano, andando oltre le tue nor- mali capacità, potresti rimanere ancora competitivo ma probabilmente stai riducendo la tua capacità di eseguire in modo efficace.” Joe Maddon Manager, Chicago Cubs Un capitolo di un libro non può dirti con sicurezza quale sia il tuo problema nel modo di giocare in questo momento, o se la tua attuale sfida nel baseball abbia radici nel gioco mentale. Non è detto che sia un aspetto negativo perché le tue scoperte più preziose saranno quelle frutto delle tue forze, vivendo quei momenti rivelatori in cui ti rendi conto di alcuni elementi fondamentali che ti riguardano direttamente. Questo capitolo non ha risposte, ma solo delle indicazioni che ti po- tranno aiutare a decodificare la tua attuale sfida finalizzata alla migliore performance: sicuramente però ciò che imparerai, ti aiuterà ogni giorno della tua carriera.
  26. 26. “Una cosa che ho imparato negli anni è che il gioco mentale non è stati- co. Si muove, con andamento ondulatorio, in uno stato di flusso costan- te. È un atto di equilibrio e può sembrare molte cose allo stesso tempo. La tua concentrazione si muove avanti e indietro tra risultato e proces- so. I pensieri vanno al risultato ma devi riportarli indietro sul processo. Senti la pressione… ma sei anche grato di essere lì. Devi competere, ma devi anche eseguire la tua routine.” Dr. Ken Ravizza Professore di Psicologia Applicata allo Sport, California State University Fullerton 12 strategie per giocare a Baseball Heads-Up CAPITOLO
  27. 27. 240 Parte 5 - Le 12 strategie e oltre 240 La nostra mission è, come detto, portarti a dare il 100% in ogni lancio e potrai riuscire a rag- giungere l’obiettivo quando manterrai le cose semplici. In tutto il libro abbiamo cercato una certa linearità presentando sempre l’imparare a competere un lancio alla volta, citando Einstein: “Il più semplicemente possibile ma non semplificandolo”. Ma l’insuccesso ricorrente e le variabili del baseball che cambiano continuamente le situazioni, ad esempio come avere la tua partita A in un determinato momento e la tua partita C in quello im- mediatamente successivo, tendono a rendere complessa l’interpretazione della tua performance. Abbiamo per troppo tempo aiutato giocatori e allenatori a gestire la realtà della semplice com- plessità del baseball per pensare che la soluzione possa essere sempre semplice come: “Vedi la palla, batti la palla”, o che non avrai problemi se semplicemente farai un respiro profondo prima di ogni lancio. Ne consegue la necessità di corpose istruzioni per “mantenere le cose semplici” sulla falsariga del suggerimento, che ci piace pensare ti sia d’aiuto, di Joe Maddon: “Fai le cose semplici meglio.” Per aiutarti a mettere a frutto le idee e le tecniche del Baseball Heads-Up, le abbiamo modellate in 12 strategie molto facili da assimilare che riteniamo ti possano aiutare a gestire in modo agile la semplice complessità del nostro gioco. Competere giorno per giorno e lancio per lancio è un atto di equilibrio che richiede intensità e, contemporaneamente, capacità di essere rilassati. Devi dare il 100% senza eccedere cercando di fare troppo, concentrandoti sul processo e giocando per vincere! La consapevolezza è la chiave di tutto e non siamo in grado di dirti se sei troppo concentrato sul risultato o sul processo (eseguendo le istruzioni ma senza competere) in quel determinato mo- mento. Lavora per conoscerti al meglio come giocatore, cercando di capire in quali trappole della mente cadi generalmente, registra e analizza cosa ti sta succedendo adesso e apporta qualsiasi aggiustamento tu ritenga utile per ottenere il fatidico 100% delle tue potenzialità del momento per il prossimo lancio. Come hai potuto renderti conto scorrendo tutto il libro, ognuna delle 12 strategie è presentata nel format “X è più importante di Y” per aiutarti a gestire l’auspicato mantenimento dello stato di equilibrio. Ad esempio, mentre ti incoraggiamo a mettere un forte accento sul processo impronta- to per giocare la partita, ti consigliamo anche di non perdere di vista il tuo personale obiettivo da raggiungere nella partita stessa. Perciò non ti diciamo: “Dimentica il risultato e limitati ad eseguire la tua routine.” ma “Il processo è più importante del risultato.” Vuoi eliminare il battitore (risultato), ma devi concentrarti sul processo (questo prossimo lancio) per farlo. Abbiamo miscelato la maggior parte di queste strategie nei primi capitoli, ma andremo ad eviden- ziare ognuna di esse qui di seguito, ben consapevoli che alcune tendono a sovrapporsi nell’ap- plicazione e negli effetti, ma sappiamo anche che giocatori diversi trovano altrettanti diversi modi di beneficiarne. Considera di trasformare una di esse nella tua mission per un giorno rimandando a fine della giornata l’attribuzione di un punteggio da 0 a 10 sulla qualità di esecuzione della strategia che hai scelto. La consapevolezza è essenziale per il successo a lungo termine ed implica conoscenza di sé e saper interpretare cosa ti sta accadendo nell’immediato, per riuscire a fare degli aggiusta- menti efficaci. Elaboreremo brevemente ogni strategia e ti daremo qualche idea su come potresti allenarla, utiliz- zando le abilità Responsabilità e Consapevolezza.
  28. 28. “Le abilità mentali che ho appreso giocando a baseball mi hanno aiutato come commentatore. Quando sono passato per la prima volta giocato- re in campo alla cabina del commentatore, mi sono dovuto porre degli obiettivi e delineare un piano per sviluppare e perfezionare le mie abi- lità. Prima dei colloqui utilizzavo le mie abilità di visualizzazione per preparami all’intervista. Sviluppavo anche delle routine pre-prestazio- ne per prepararmi e nei primi anni le ‘Lezioni di autoapprendimento’ sono state fondamentali. Lo sono ancora per migliorare ogni giorno le mie capacità.” Jose Mota Commentatore Los Angeles Angels Vivere Heads-Up CAPITOLO
  29. 29. 260 Parte 5 - Le 12 strategie e oltre 260 Uno degli aspetti più gratificanti del libro Heads-Up Baseball è sapere che molti giocatori e tecnici riferiscono che le strategie e le abilità che hanno appreso per il baseball hanno migliorato la loro prestazione e il loro piacere in altri aspetti delle loro vite. Abbiamo ricevuto molte lettere mera- vigliose da giocatori e genitori con testimonianze sul fatto che il libro aveva incrementato la loro felicità generale. “Metto in campo le abilità Heads-Up nella mia vita ora più di quanto non abbia fatto da atleta” è diventata una dichiarazione e un tema comune. Probabilmente avete deciso di leggere questo libro per migliorare il vostro livello di gioco, di al- lenamento o il vostro ruolo come genitori nel baseball: questo è anche il nostro primo obiettivo. La nostra mission nascosta, anche se speriamo non sia troppo ben nascosta per ciò abbiamo scritto a proposito, è far sì che questo libro contribuisca anche all’organizzazione di una vita più appagante. Vogliamo aiutarvi ad amare il giocare a baseball anche più di quanto già lo facciate e a fornire l’opportunità di sviluppare un approccio mentale e delle abilità che migliorino tutta la vostra vita. Avviso spoiler: esattamente come il baseball, vero e proprio sport di vita, nella vostra esistenza dovrete affrontare molte avversità! La qualità della vostra vita sarà però determinata da come le gestirete. Riuscite ad affrontare le avversità, imparare da esse e utilizzarle come opportunità per crescere? O avranno il sopravvento su di voi? Utilizzate le abilità che sviluppate per competere nel baseball, al fine di creare un approccio vincente alle “curve che la vita vi tira”. Non siamo qui per dirvi come dovreste giocare a baseball e sulla stessa falsariga non abbiamo inserito questo capitolo per dirvi come vivere la vostra vita: questa è una responsabilità vostra! Ma non sarete sempre in campo e un giorno la vostra carriera di giocatori finirà, dunque siamo in obbligo di suggerirvi alcuni modi in cui le idee e le strategie Heads-Up potrebbero essere appli- cate a tutti gli aspetti della vita. “Il giorno peggiore della mia vita è stato anche il migliore. Mi ha insegnato tutto quello di cui avevo bisogno per conoscermi e per avere una vita felice e di successo. Stavo coprendo in una partita la prima base, durante il mio secondo anno a Long Beach State, e in un istante mi sono ritrovato per terra contorcen- domi dal dolore. Guardando verso il basso vidi la parte posteriore del mio piede completamente girata e rivolta di fronte a me: la caviglia era comple- tamente dislocata, gettandomi nel panico più totale. Poi il nostro coach Dave Snow mi prese per le spalle e gridò ‘Fermati! Re- spira!’. Non appena iniziai a concentrarmi sul mio respiro, il dolore scom- parve e fu allora che cominciai a credere davvero in queste cose. Ora nella mia vita di padre, marito e uomo d’affari, quando arrivo al punto in cui le cose iniziano ad andare fuori controllo mi dico semplicemente ‘FERMATI!’ e riporto il mio respiro sotto controllo. Nel baseball sono normali brutte giornate in campo, ma una volta lascia- ta la club house, lascio tutte le negatività alle spalle. Faccio lo stesso sul lavoro e quando ho una brutta giornata in ufficio, quando esco riesco a lasciarla lì e a concentrarmi sulla mia famiglia. Insegno questo ai miei figli, alla mia famiglia, alla gente che lavora con me, a chiunque voglia ascoltarmi. Mi ha aiutato così tanto, che rimango molto dispiaciuto quando i ragazzi non riescono a imparare queste abilità: un dispiacere razionalmente spiegabile dal fatto che conosco la grande diffe- renza che possono fare nelle loro vite.” Marcus Jones Long Beach State, Oakland A’s, padre

×