Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Drupal

salvatore.paone@unifi.it
INSTALLAZIONE
Per prima cosa è necessario scaricare l'archivio dell'ultima versione disponibile di Drupal da:
https://drup...
INSTALLAZIONE
Drupal richiede di poter accedere al database per essere installato e di avere determinati
privilegi su di e...
INSTALLAZIONE LOCALE
XAMPP è una piattaforma software gratuita costituita da Apache HTTP Server, il
database MySQL e tutti...
MODULI
I moduli sono plug-in per Drupal che estendono/creano
funzionalità. Alcuni Moduli detti “core” sono necessari al CM...
MODULI
Le dipendenze vengono mostrate in entrambi i sensi, p.e. Forum indica che
necessita di: Taxonomy (attivato), Option...
CKEDITOR - WYSIWYG HTML EDITOR
CKEditor: https://drupal.org/project/ckeditor è la nuova versione del noto
FCKeditor, compl...
ALTRE SOLUZIONI MODULI WYSIWYG
Scaricare il modulo Wysiwyg da https://drupal.org/project/wysiwyg questo modulo
supporta qu...
AGGIORNARE DRUPAL
Revisione maggiore: Esempio, come posso aggiornare Drupal dalla versione 4.7.6 alla versione 5.2?
Il pro...
AGGIORNARE DRUPAL
Revisione minore: come aggiornare drupal da una versione X.n ad una X.t, dove t>n
Esempio, come posso ag...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Drupal - per chi vuole iniziare

2,993 views

Published on

Alcune slide introduttive al noto CMS Open Source Drupal, per chi vuole installarlo in locale e iniziare a capire il funzionamneto dei moduli.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Drupal - per chi vuole iniziare

  1. 1. Drupal salvatore.paone@unifi.it
  2. 2. INSTALLAZIONE Per prima cosa è necessario scaricare l'archivio dell'ultima versione disponibile di Drupal da: https://drupal.org/download e scompattarlo nella directory locale o in quella server. Drupal utilizza il file settings.php per salvare informazioni sulle credenziali per connettersi al database e per settare altre importanti impostazioni. Esiste una versione di default di questo file che si trova in sites/default/default.settings.php. Per far sì che lo script di installazione bisogna: 1.  Copiare (N.B. non spostare!) il file default.settings.php, nominandolo settings.php, sempre nella stessa directory dove si trova (esempio Linux cp sites/default/default.settings.php sites/ default/settings.php). 2.  Rendere il file editabile: in Linux chmod 666 sites/default/settings.php, In Windows cambiare i permessi del file (tasto destro su file, vedi tabulato "Protezione") e controllare che non sia marcato come "Sola lettura". Se si ha accesso solo da FTP, puoi settare i permessi del file direttamente dal client FTP (esempio su FileZilla tasto destro sopra file remoto, "Permessi File...", valore numerico 666). 3.  Dopo l'installazione Drupal impostare i permessi del file settings.php per renderlo di sola lettura. Controllare che questo avvenga regolarmente e, in caso negativo, impostare a mano i nuovi permessi: in Linux chmod 444 sites/default/settings.php oppure tramite FTP, come visto prima (valore numerico permessi 444). Drupal salvatore.paone@unifi.it
  3. 3. INSTALLAZIONE Drupal richiede di poter accedere al database per essere installato e di avere determinati privilegi su di esso. 1.  Creare un database con MySQL: questo passo è necessario solamente se non si ha già un database fornito già pronto da un hoster. Assicurarsi di avere disponibile lo username e la password di un utente con tutti i privilegi su suddetto database. 2.  Creare il nuovo database e assegnare i privilegi necessari: GRANT SELECT, INSERT, UPDATE, DELETE, CREATE, DROP, INDEX, ALTER ON 3.  Drupal necessita di tutti i suddetti privilegi altrimenti NON funzionerà 4.  Il database dovrebbe essere creato nella codifica UTF-8 (Unicode) 5.  Lanciare lo script di installazione Per lanciare lo script di installazione è sufficiente puntare il browser all'URL base del sito (http://www.miosito.it, http://localhost /nomecartella). Lo script guiderà l’utente attraverso una serie di schermate che permetteranno di creare le tabelle di sistema (occorreranno i dati del database elencati precedente) e creare il primo utente amministrativo. Drupal salvatore.paone@unifi.it
  4. 4. INSTALLAZIONE LOCALE XAMPP è una piattaforma software gratuita costituita da Apache HTTP Server, il database MySQL e tutti gli strumenti necessari per utilizzare i linguaggi di programmazione PHP e Perl. Il nome è un acronimo dei programmi sopra citati: la X sta per cross-platform, la A sta per Apache HTTP Server, la M sta per MySQL, la P sta per PHP e l'ultima P sta per Perl. Su queste piattaforme si appoggiano spesso siti web e altre piattaforme di sviluppo web dinamico (CMS) come Drupal. 1.  Per scaricare XAMPP: http://www.apachefriends.org/it/xampp.html e installarlo. 2.  Avviare XAMPP e far partire Apache e MySQL 3.  Da browser: http://localhost/phpmyadmin/ e creare un database dedicato e creare un utente che abbia tutti i privilegi. 4.  Portarsi su http://localhost /nomecartella dove partirà lo script di installazione. Drupal salvatore.paone@unifi.it
  5. 5. MODULI I moduli sono plug-in per Drupal che estendono/creano funzionalità. Alcuni Moduli detti “core” sono necessari al CMS per funzionare, altri sono attivabili dalla scheda moduli (attenzione alle dipendenze fra moduli) altri sono ottenibili dalla comunità e facilmente installabili. Fra i Moduli attivabili: ü  Poll (sondaggi) ü  Blog (blog multiutente) ü  Forum ü  Comment ü  Contact ü  Taxonomy Drupal salvatore.paone@unifi.it
  6. 6. MODULI Le dipendenze vengono mostrate in entrambi i sensi, p.e. Forum indica che necessita di: Taxonomy (attivato), Options (attivato), Field (attivato), Field SQL storage (attivato), Comment (attivato), Text (attivato) e a sua volta Taxonomy è richiesto da: Forum (attivato). Ogni modulo può fornire un rapido accesso a permessi e configurazioni: Ad esempio facendo clic su configura viene presentata la pagina di gestione del forum suddividendolo per categorie con Aggiungi un contenitore, tenendo in considerazione che il contenitore genitore viene definito <radice> Drupal salvatore.paone@unifi.it
  7. 7. CKEDITOR - WYSIWYG HTML EDITOR CKEditor: https://drupal.org/project/ckeditor è la nuova versione del noto FCKeditor, completamente riscritto, è performante (il codice è stato ottimizzato) e “amichevole” sia per utenti che sviluppatori. Per usare questo modulo in Drupal, è necessario scaricare la libreria CKEditor della quale si consiglia la versione completa: http://ckeditor.com/download Per evitare confusione: il modulo CKEditor è un wrapper per l'editor vero e proprio scaricato dal sito ckeditor.com. Dopo che i due archivi sono scaricati e decompressi, si ottengono due cartelle con lo stesso nome, un 'modulo' e un 'programma'. Il modulo contiene una cartella chiamata ckeditor che va collocata in sites/all/ modules/ mentre la cartella decompressa ckeditor proveniente da ckeditor.com va collocata in in sites/all/modules/libraries (se non esiste creare la cartella).
  8. 8. ALTRE SOLUZIONI MODULI WYSIWYG Scaricare il modulo Wysiwyg da https://drupal.org/project/wysiwyg questo modulo supporta qualsiasi tipo di editor di lato client tra cui editor HTML e WYSIWYG. La library dell’editor deve però essere scaricata separatamente. Editor supportati: KEditor, FCKeditor, jWysiwyg, markItUp, NicEdit, openWYSIWYG, TinyMCE, Whizzywig, WYMeditor, YUI editor 1.  Scaricare e installare il modulo come al solito . 2.  Vai a Amministrare » Configurazione del sito» Wysiwyg , e seguire le istruzioni di installazione visualizzate sullo schermo che vengono visualizzati qui. 3.  Creare una cartella libraries in site/all 4.  Seguire le istruzioni di installazione visualizzate sullo schermo. 5.  Non scaricare / estrarre editor di biblioteche in anticipo . 6.  Attenzione alcuni versioni recenti delle librerie non sono compatibili con questo modulo che in attesa di un aggiornamento. Drupal salvatore.paone@unifi.it
  9. 9. AGGIORNARE DRUPAL Revisione maggiore: Esempio, come posso aggiornare Drupal dalla versione 4.7.6 alla versione 5.2? Il procedimento non è molto complesso. Tuttavia bisogna premettere che passare da una versione 4.xx ad una versione 5.xx, cioè una revisione di tipo massimo, i moduli precedentemente creati per la 4.xx non gireranno più correttamente su una 5.xx Il procedimento da fare è quindi: 1.  Fare un backup dell'intero sito tramite FTP (consiglio FileZilla per l'immediatezza). 2.  Fare un backup del database su cui è installato Drupal (fatelo tramite il vostro hoster, probabilmente userete phpMyAdmin). 3.  Disabilitare tutti i moduli e i temi aggiuntivi che avete installato e abilitato. 4.  Impostare il sito off-line (in manutenzione). 5.  Spostare il contenuto del vostro vecchio sito in una sotto cartella. 6.  Copiare il contenuto del file Drupal-6.xx.tar.gz scaricato da Drupal.org. 7.  Copiare le informazioni dal file di backup settings.php sullo spazio, presente in /sites/default/ settings.php. (e se avete fatto delle modifiche, anche robotx.txt e .htaccess nella cartella principale). 8.  Puntare il Browser su www.sito.it/update.php (dove sito.it è l'URL dove avete installato Drupal). 9.  Eseguire il processo di aggiornamento. Se non vengono riscontrati errori si potranno scaricare tutti i moduli che usati nella vecchia installazione ed abilitarli. Ovviamente dovranno essere quelli aggiornati alla nuova versione di Drupal. Quelli vecchi non saranno compatibili. Drupal salvatore.paone@unifi.it
  10. 10. AGGIORNARE DRUPAL Revisione minore: come aggiornare drupal da una versione X.n ad una X.t, dove t>n Esempio, come posso aggiornare Drupal dalla versione 6.6 alla versione 6.8 Il procedimento da fare è quindi: 1.  Fare un backup dell'intero sito tramite FTP (p.e.FileZilla). 2.  Fare un backup del database su cui è installato Drupal (fatelo tramite il vostro hoster, probabilmente userete phpMyAdmin). 3.  Copiare il contenuto del file Drupal-6.xx.tar.gz scaricato da Drupal.org. e sovrascriverli con quelli vecchi. 4.  Copiare il file di backup settings.php su quello nuovo, presente in /sites/default/settings.php. Se si è modificato robots.txt e .htaccess, ricopiare anche quelli. In alternativa evitare di caricarli sul sito cancellando la cartella sites e i due files sopracitati. 5.  Puntare il Browser su www.sito.it/update.php (dove sito.it è l'URL dove avete installato Drupal). 6.  Eseguire il processo di aggiornamento. Drupal salvatore.paone@unifi.it

×