Bridge Partners Journal_Negoziazione e Management_aprile_2011

381 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
381
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bridge Partners Journal_Negoziazione e Management_aprile_2011

  1. 1. Corso Moncenisio 63/210090 Rosta TOt. +39 011 0465.213f. +39 011 0465.217Bridge Partners® Journal – “Negoziazione e Management” n. 04/2011Il tema negoziale L’opportunità della diversità di interessiQuale è la migliore opportunità negoziale? La presenza di un (potenziale) conflitto di interessi, tanto bilateralequanto multilaterale. Vorremmo definirlo il “paradosso negoziale”.C’è bisogno di un potenziale conflitto o di un conflitto in corso per poter attivare la dinamica negoziale. Nonpensiamo necessariamente ad una guerra, ma ad una situazione in cui risorse scarse, quali esse siano, sonooggetto di contesa da più parti. In questa situazione risiede potenzialmente una grande opportunità: quella dipoter creare valore per gli attori coinvolti, valore peraltro maggiore di quello che una soluzione non negozialegenererebbe.La sensazione, sgradevole ma ricorrente, per chi crede profondamente nel valore della negoziazione, è chespesso non vi si ricorra o vi si ricorra tardivamente per mancanza di capacità e non per scelta.Le cronache politiche, ma, senza andare troppo lontano, le cronache di risultati aziendali, ci mettonoquotidianamente di fronte a fallimenti negoziali: le conseguenze possono essere le più diverse, una sicura ecostante: la dispersione di valore per i singoli, per le aziende e per il contesto sociale.Un negoziatore - a monte delle tante capacità proprie e necessarie per essere un negoziatore efficace - disponein particolare di una capacità: quella di saper riconoscere opportunità negoziali dove gli altri non le scorgono edi saper generare, pazientemente, nei propri interlocutori, la convinzione dei vantaggi che potrebberoricavare da una modalità relazionale negoziale piuttosto che ricorrere a una modalità ad essa alternativa.Spesso la scelta di una modalità relazionale piuttosto che di un’altra è basata su una “inconsapevole”valutazione di costo e benefici: rendere questa scelta ponderata e consapevole costituirebbe il primo veroimportante passo avanti per una più frequente e produttiva pratica negoziale. 1/3Bridge Partners® s.r.l. – Capitale Sociale € 10.000,00 – C.C.I.A.A. n. 1031444 Torino info@bridgepartners.itCodice Fiscale e P.IVA 09186900016 – Foro competente Torino www.bridgepartners.it
  2. 2. Corso Moncenisio 63/210090 Rosta TOt. +39 011 0465.213f. +39 011 0465.217Cultura manageriale Soft Skills o Hard Skills?Vige una corrente e consolidata differenza concettuale tra soft skills e hard skills, ben nota a tutti.Spesso tuttavia, tra il management aziendale, nei confronti delle soft skills, pur riconoscendo a esse valenzastrategica (“Its often said that hard skills will get you an interview but you need soft skills to get -and keep- the job”=“Si dice spesso che grazie alle hard skills riesci ad ottenere una intervista per un posto di lavoro ma è grazie alle soft skillsse lo mantieni.”) viene nutrita diffidenza, scetticismo e scarsa propensione a dedicarvi la necessaria attenzioneformativa.Il punto dolente è la non sempre facile misurabilità degli interventi mirati ad allenare, sviluppare oconsolidare le soft skills. Su questo è giusto convenire. L’assenza spesso di metodi di apprendimento asostegno delle soft skills rende i percorsi formativi divertenti, appassionanti e stimolanti, ma di fatto poiimpraticabili nella vita quotidiana.Ciò può generare diffidenza a ingaggiarsi in simili percorsi.Noi suggeriamo il superamento della categorizzazione e la creazione di due nuove categorie: interventimisurabili e interventi non misurabili.La prima comprenderà tutti gli interventi che siano oggetto di una possibile tangibile misurazione dopo illoro svolgimento basata su precisi parametri, la seconda quelli che non possono esserlo.Ciò evidentemente presuppone l’utilizzo di un sistema di assessment prima e dopo l’intervento, o quantomeno uno strumento di autovalutazione da parte del manager che possa, dopo l’intervento, ponderarel’applicabilità e l’impatto nel proprio lavoro dell’intervento formativo atteso, a distanza di qualche settimanada esso.A questo punto ci sarebbe un indubbio beneficio per le aziende che vedrebbero messi a frutto investimenti,per i manager che rinforzerebbero la loro efficacia d’azione e per il lavoro di molti formatori che operano conconsapevolezza del pieno contributo che possono dare alla crescita di una classe dirigente. 2/3Bridge Partners® s.r.l. – Capitale Sociale € 10.000,00 – C.C.I.A.A. n. 1031444 Torino info@bridgepartners.itCodice Fiscale e P.IVA 09186900016 – Foro competente Torino www.bridgepartners.it
  3. 3. Corso Moncenisio 63/210090 Rosta TOt. +39 011 0465.213f. +39 011 0465.217La voce del mese“Training in cui sei tu il protagonista. Provare per credere!”Giandomenico Bosco, research & development, Siemens Transformers S.p.A.News dal mondo Bridge Partners®Test di autovalutazione : Misura la tua capacità negoziale !Per misurare la tua capacità negoziale attraverso semplici e breve domande, collegati al nostro sito internet,sezione test di autovalutazione:http://bridgepartners.it/16 maggio 2011 – “Negoziare: un approccio pratico a una competenza strategica”Workshop organizzato da Bridge Partners® in collaborazione con Cofimp BolognaBridge Partners®, in collaborazione con Cofimp, organizza a Bologna il 16 maggio p.v. la prima tappa di unworkshop itinerante dedicato alla negoziazione.Obiettivo del workshop è di presentare un metodo efficace e di immediata applicazione per gestire al megliole trattative, generare valore e ottimizzare le relazioni.In particolare verranno affrontati i seguenti argomenti:- Che cosa si intende per negoziazione?- Negoziare o mercanteggiare?- Un metodo per gestire la trattativa: la struttura a fasi- La preparazione della negoziazione- La magia dei desiderataL’incontro prevede la partecipazione e il coinvolgimento attivo dei presenti per rendere l’evento una occasioneformativa e di riflessione di valore, anche attraverso l’esperienza diretta. 3/3Bridge Partners® s.r.l. – Capitale Sociale € 10.000,00 – C.C.I.A.A. n. 1031444 Torino info@bridgepartners.itCodice Fiscale e P.IVA 09186900016 – Foro competente Torino www.bridgepartners.it

×