Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Benedetto Motisi
31 Maggio 2016
#socialcom16
La credibilità è la possibilità di essere ritenuto vero, sinonimo di
attendibilità ma anche prestigio personale, stima acq...
La captologia è una scienza recente, che da 15 anni studia l’uso dei mezzi
digitali per influenzare idee e comportamenti.
...
Il principio di credibilità presunta si fonda su preconcetti, ipotesi,
stereotipi.
I mezzi digitali sono, ancora oggi, per...
Il principio di credibilità superficiale si fonda su una ispezione veloce e
un iniziale approccio diretto.
I siti-bufala f...
Il principio di credibilità stimata si fonda sulle testimonianze di altri,
valutazione riferite, attestati raccolti.
I con...
Il principio di credibilità guadagnata si fonda sulla capacità di rispondere a una richiesta in
modo soddisfacente, per un...
«La reputazione è la nuova valuta internazionale» è la frase di un
magnate che, sebbene immaginario, ci sa vedere lungo: B...
La vera sfida educativa, sociale, politica non solo dei prossimi anni ma già da
ADESSO è quella di formare il senso critic...
Il computer non è una macchina intelligente che aiuta le persone
stupide, anzi è una macchina stupida che funziona solo ne...
#socialcom16
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La credibilità dell'informazione sul Web

1,356 views

Published on

L'intervento sui 4 tipi di credibilità al #socialcom16 presso la Camera dei Deputati il 31 Maggio 2016.

Published in: Marketing
  • Be the first to comment

La credibilità dell'informazione sul Web

  1. 1. Benedetto Motisi 31 Maggio 2016
  2. 2. #socialcom16
  3. 3. La credibilità è la possibilità di essere ritenuto vero, sinonimo di attendibilità ma anche prestigio personale, stima acquisita (def. Devoto-Oli). La credibilità è il pilastro portante dell’influencer. La credibilità è una qualità percepita. #socialcom16
  4. 4. La captologia è una scienza recente, che da 15 anni studia l’uso dei mezzi digitali per influenzare idee e comportamenti. Il suo iniziatore, il dott. B.J. Fogg della Stanford University, definisce 4 tipi di credibilità legati alle «macchine». 1. Presunta. 2. Superficiale. 3. Stimata. 4. Guadagnata. #socialcom16
  5. 5. Il principio di credibilità presunta si fonda su preconcetti, ipotesi, stereotipi. I mezzi digitali sono, ancora oggi, percepiti come infallibili e con un’aurea di obiettività. «L’ho letto su Internet» è il nuovo «l’ho visto in televisione». #socialcom16
  6. 6. Il principio di credibilità superficiale si fonda su una ispezione veloce e un iniziale approccio diretto. I siti-bufala fanno leva su questo criterio simulando la grafica e i titoli di testate regolari e autorevoli. «Il fatto quotidaino» o «il giomale» ad es., accentuano fino all’estremo le linee editoriali degli originali allo scopo di click-baiting (aumentare il numero di click per aumentare gli introiti pubblicitari basati sul numero di visualizzazioni). #socialcom16
  7. 7. Il principio di credibilità stimata si fonda sulle testimonianze di altri, valutazione riferite, attestati raccolti. I contenuti postati su Facebook vengono ritenuti attendibili sia dal numero di condivisioni che dalla qualità delle stesse. Tuttavia i contenuti bufala che godono di grande condivisione rischiano di venire legittimati agli occhi dell’utenza. La morte di un personaggio famoso viene ritenuta tale fino a smentita di una fonte considerata di credibilità superiore. #socialcom16
  8. 8. Il principio di credibilità guadagnata si fonda sulla capacità di rispondere a una richiesta in modo soddisfacente, per un periodo di tempo prolungato. Google gode della sua posizione di monopolista fra i motori di ricerca anche perché è ritenuto – a ragione - il più affidabile. I siti visibili su Google sono considerati attendibili di riflesso, sebbene non siano posizionati tramite un criterio di qualità migliore piuttosto di congruenza con la domanda posta al motore di ricerca stesso. Alla ricerca «vaccino si o vaccino no» non determina la risposta migliore possibile ma quella che, tramite l’algoritmo regolato dalla macchina, matcha/si incastra meglio alla domanda. Google sta facendo significati passi in avanti per migliorare questa percezione di credibilità. #socialcom16
  9. 9. «La reputazione è la nuova valuta internazionale» è la frase di un magnate che, sebbene immaginario, ci sa vedere lungo: Bruce Wayne. Chi fa comunicazione dipende, a oggi, da questo conio immateriale per produrre conio materiale. I «falsari» ci saranno sempre. Come difendersi? #socialcom16
  10. 10. La vera sfida educativa, sociale, politica non solo dei prossimi anni ma già da ADESSO è quella di formare il senso critico utile a selezionare le fonti, in tempo di «infodump overload» (sovraccarico di informazioni spazzatura). I Millennials NON conoscono il mondo pre-internet e, a oggi, manca una educazione digitale che li aiuti a sviluppare gli anticorpi critici per saper riconoscere la credibilità perfetta. Sottovalutare la sfida significa condannare una generazione all’analfabetismo funzionale digitale. #socialcom16
  11. 11. Il computer non è una macchina intelligente che aiuta le persone stupide, anzi è una macchina stupida che funziona solo nelle mani di persone intelligenti. -Umberto Eco #socialcom16
  12. 12. #socialcom16

×