Freelanciamoci?

622 views

Published on

La mia presentazione al Freelancecamp 2012 a Marina Romea: molte più domande che risposte.

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
622
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
140
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Freelanciamoci?

  1. 1. Freelanciamoci?Perché sembra tanto un salto nel buio.
  2. 2. Biljana PrijicLavoro @ www.kitchencoop.itagenzia cooperativa di comunicazioneScrivo per sottobosco.infomagazine online su ambiente e dintorniPer scrivermi biljana.prijic@gmail.comCose serie it.linkedin.com/in/biljanaprijicCose facete @biljaic
  3. 3. Minisondaggio esistenzialeSei:1. un freelance2. un lavoratore in una piccola impresa3. un lavoratore in una grande impresaUna cosa (una! secca!) che ti piace molto del tuo lavorolegata alle sue dimensioni o allessere freelance :)(es. è una piccola impresa e ci conosciamo tutti).
  4. 4. Minisondaggio esistenzialeUna cosa (una! secca!) che NON ti piace per niente del tuolavoro legata alle sue dimensioni o allessere freelance(es. è una piccola impresa e tutti si fanno i fatti miei). :(Ti piacerebbe cambiare modo di lavorare? ≠(Da dipendente a freelance / da piccola impresa a grandeimpresa o viceversa?)?
  5. 5. Tiziano lavora in una grande impresa. Bello lavorare con gente da tutto il mondo, parlare:) lingue diverse, conoscere modi di lavorare differenti. I vari reparti (supply chain, R&D, Finance…) sono tanto:( grandi che i rapporti tra i gruppi sembrano quelli tra aziende differenti. Si comincia a lavorare per il bene del gruppo e si perde la volontà di fare il bene aziendale. NO! I tipici lati negativi della grande azienda sono abbastanza contenuti nel mio caso:≠ ho libertà di pensiero e dazione; ho orari abbastanza flessibili; ho poca routine.
  6. 6. Lidia è freelance (e ha il dono della sintesi). Libertà! :) :( Soldi. ≠ No!
  7. 7. Stefania è freelance. Se vedo i dipendenti mi intristisco e penso che lessere:) freelance permette più libertà e potenzialità di migliorarsi nel proprio lavoro. Cè molta competizione proprio perché siamo:( freelance.≠ No.
  8. 8. Pippo è freelance (e forse un po confuso). Essere freelance in una piccola impresa mi piace:) perché lascia una forte libertà creativa e un maggiore dinamismo senza dover aspettare nulla osta dallalto. Essere freelance in una piccola impresa non mi piace:( perché lelenco delle cose da fare non finisce mai, e le spalle son spesso coperte. Sì che mi piacerebbe, sperimentare porta sempre≠ energia, la routine fa venire la muffa al cervello.
  9. 9. Lino è freelance. Decido io: quando, come e cosa fare.:) :( Tutti i clienti si comportano come se fossero gli unici: credono che tutto il mio tempo debba essere dedicato solo a loro e come se non bastasse a questo tempo non danno neanche il valore che merita. No, a oggi mi si sembra il lavoro subordinato tende a≠ rendere inerti, mente la libera professione costringe al dinamismo, e questo è il bello. Il dipendente quando è a lavoro pensa al tempo libero, mentre il freelance pensa al lavoro anche durante il tempo libero, e questo è il brutto.
  10. 10. Giada lavora in una piccola impresa In una piccola realtà mi riesce più facile emergere.:) :( Capita spesso che essendo in pochi ci si debba fare carico di mansioni non aderenti al proprio profilo. Non cambierei dimensioni, non sono fatta per essere≠ freelance e in una grande impresa sparirei.
  11. 11. Alina lavora in una piccola impresa (ed è una sovversiva). Lo sai perché mi piace lavorare in enoteca… (lenoteca:) ci dà a magnà!!!):( Non mi piace perché mi tiene lontana da voi. Certo. Perché no? Perché si! Freelance perché vorrei≠ essere in grado di farlo... in una grande impresa, anzi grandissima, perché il nemico va combattuto dallinterno...
  12. 12. Jacopo è freelance (o "qualcosa di simile"). Posso gestirmi il lavoro come meglio credo, nei tempi e:) :( negli spazi che mi sono consoni. Pago a caro prezzo questa libertà non avendo alcun tipo di certezza o di "paracadute" in caso di malattia, impossibilità a lavorare, paternità ecc. Mi piacerebbe cambiare modo di lavorare: la libertà vale≠ meno dellesaurimento nervoso! O no? ...
  13. 13. Molte domande, poche certezze.È una questione di libertà?È un fatto di soldi?Bisogna esserci portati?Bisogna essere competitivi?
  14. 14. Sorry! (e grazie...)Per scrivermi biljana.prijic@gmail.comTwitter @biljaic

×