Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Pubblicare Open Access

1,947 views

Published on

Corso risorse elettroniche per la ricerca 23 novembre

  • Be the first to comment

Pubblicare Open Access

  1. 1. Pubblicazione Open Access Pietro Gozetti
  2. 2. Scenario <ul><li>Paradosso pubblicazione accademica </li></ul><ul><li>Crisi dei budget bibliotecari/istituzionali </li></ul><ul><li>Crisi dei prezzi dei periodici </li></ul><ul><li>Crisi delle licenze d’accesso (permission crisis) </li></ul><ul><li>Lentezza del processo di pubblicazione </li></ul><ul><li>Assenza di sensibili vantaggi economici e/o d’impatto scientifico per gli autori </li></ul><ul><li>Monopoli di editori </li></ul>
  3. 3. Open access <ul><li>Accesso libero, immediato, permanente, full-text al materiale scientifico </li></ul><ul><li>Nato da un dibattito promosso da ricercatori, editori, bibliotecari, docenti universitari a partire dal 1999 </li></ul><ul><li>2 filoni: </li></ul><ul><li>OA self-archiving (the &quot;green&quot; road to OA): pubblicazione su rivista commerciale + deposito di articoli (PREPRINT o POSTPRINT) in depositi istituzionali o centrali (es. NIH policy  PubMed Central ). </li></ul><ul><li>OA publishing (the &quot;gold&quot; road to OA): pubblicazione in open access journals che rendono immediatamente e liberamente disponibili gli articoli online ( BioMedCentral e Public Library of Science ). </li></ul>
  4. 4. Il modello Open Access <ul><li>Elimina le barriere </li></ul><ul><ul><li>Economiche </li></ul></ul><ul><ul><li>Licenze </li></ul></ul><ul><ul><li>Accesso </li></ul></ul>
  5. 5. Vantaggi <ul><li>• Maggiore visibilità </li></ul><ul><li>• Citazione </li></ul><ul><li>• Peer review </li></ul>• Copyright resta all’autore • Immediatezza della pubblicazione/disseminazione
  6. 6. Però…però…però…. <ul><li>Non sempre il termine “ free ” va tradotto con “gratuito”: anche la pubblicazione open access ha dei costi di gestione, referaggio, layout, e disseminazione. </li></ul><ul><li>Finora prevalgono i modelli “ author pays ” o “ institution pays ” </li></ul><ul><li>Per “free” si intende: </li></ul><ul><ul><ul><ul><li>l’utente non paga! </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Non ci sono registrazioni/sottoscrizioni (o se ci sono non devono essere invasive) </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Le restrizioni d’uso, riproduzione e diffusione a terzi sono limitate o assenti, ma non prevedono royalties. </li></ul></ul></ul></ul>
  7. 7. Un fenomeno in crescita <ul><li>Delle 25.000 riviste peer-reviewed pubblicate in tutte le discipline, circa il 10% sono OA (fonte: Directory of Open Access Journals - gold OA). </li></ul><ul><li>Tra le 10.000 riviste peer-reviewed non OA indicizzate nel database Romeo , più del 90% favoriscono qualche forma di self-archiving (green OA)  62% postprint e 29% preprint </li></ul>
  8. 8. Editoria elettronica <ul><li>Free E-Journals  DOAJ </li></ul><ul><li>Depositi disciplinari  ArXiv </li></ul><ul><li>Depositi istituzionali  Eprints, DSpace, Fedora etc. </li></ul>
  9. 9. Depositi istituzionali <ul><li>• Permanenza delle risorse (preservazione) </li></ul><ul><li>• Varietà di tipologie (letteratura grigia, datasets, articoli, audio-video) </li></ul><ul><li>• Impatto scientifico e istituzionale misurabile (advocacy, sponsorizzazioni, reperimento dei fondi) </li></ul><ul><li>Contengono tutto l’output (didattico, amministrativo e di ricerca) di una istituzione </li></ul><ul><li>Interoperabilità </li></ul><ul><li>Registrazione (garanzia di copyright) </li></ul>
  10. 10. Interoperabilità <ul><li>Abilità da parte di sistemi con piattaforme hw/sw diverse di scambiare dati con meno perdita possibile di dati e funzionalità </li></ul><ul><li>Si ottiene usando metadati semplici e condivisi, abbinati a protocolli di trasferimento es Dublin Core </li></ul><ul><li>OAI-PMH: data providers convertono i propri metadati nativi a un set comune condiviso. Il search provider organizza un aggregatore dove i metadati vengono trattati </li></ul><ul><li>In concreto…I documenti descritti tramite metadati sono cross-searchable (es. in Google) </li></ul>
  11. 11. OAI-PMH
  12. 12. Svantaggi <ul><li>Scetticismo di alcuni ambiti disciplinari </li></ul><ul><li>Incertezze sul copyright </li></ul><ul><li>Necessità di stabilire policies (es. per fini di carriera) </li></ul><ul><li>Training da parte dello staff </li></ul><ul><li>Open access non sempre significa gratuità e accesso illimitato </li></ul><ul><li>Percepiti come “isole” </li></ul><ul><li>Istituzione non è un criterio di ricerca per gli autori </li></ul><ul><li>Content recruitment </li></ul><ul><li>Mancanza di authority files </li></ul><ul><li>No document versioning </li></ul>
  13. 13. Copyright vs Diritto d’autore <ul><li>Non sono esattamente omologhi </li></ul><ul><li>Proprietà intellettuale </li></ul><ul><li>Diritto di riproduzione (copyright in senso proprio, deriva dai privilegi/imprimatur/monopoli editoriali dell’epoca tipografica) </li></ul><ul><li>Diritto di sfruttamento economico (tradizionalmente ceduto all’editore nella pubblicazione scientifica, in parte detenuto dall’autore in ambito commerciale  pirateria) </li></ul><ul><li>Copyleft </li></ul><ul><li>Nuovi tipi di contratto (es. Creative Commons ) </li></ul><ul><li>Protezione del contenuto (idea originale) indipendente dal supporto tramite il quale è veicolato </li></ul>
  14. 14. Un’agenda <ul><li>SHERPA - http://www.sherpa.ac.uk/ </li></ul><ul><ul><ul><li>Securing a Hybrid Environment for Research Preservation and Access : consorzio che cura progetti a favore dell’OA nella comunicazione scientifica </li></ul></ul></ul><ul><li>OAISTER (interoperabilità, protocollo OAI-PMH) – www.oaister.org </li></ul><ul><ul><ul><li>Ricerca full text nei depositi ad accesso aperto </li></ul></ul></ul><ul><li>RoMEO http://www.sherpa.ac.uk/romeo </li></ul><ul><ul><ul><li>Database delle politiche di pubblicazione degli editori </li></ul></ul></ul><ul><li>OpenDOAR - http://www.opendoar.org </li></ul><ul><ul><ul><li>Directory e ricerca dei depositi OA per disciplina e luogo </li></ul></ul></ul><ul><li>DOAJ – www.doaj.org </li></ul><ul><li>Creative Commons - http://www.creativecommons.it </li></ul><ul><ul><ul><li>Portale delle licenze </li></ul></ul></ul>
  15. 15. Esercizio <ul><li>Rispetto ai record importati nel proprio spazio Refworks: </li></ul><ul><ul><li>Ipotizzare l’invio di un paper e scegliere la rivista su cui pubblicare </li></ul></ul><ul><ul><li>Controllare la politica di pubblicazione dell’editore (  RoMEO) </li></ul></ul><ul><ul><li>Verificare l’impact factor della rivista (  JCR) </li></ul></ul><ul><ul><li>Preparare la bibliografia con Refworks, usando lo stile citazionale della rivista </li></ul></ul><ul><ul><li>In Refworks creare una cartella con i riferimenti bibliografici dell’articolo; condividere questa cartella inviandola a [email_address] </li></ul></ul>

×