Rivista

957 views

Published on

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Rivista

  1. 1. Solidarietà e Progresso MOVIMENT0 INTERNAZIONALE PER I DIRITTI CIVILI – SOLIDARIETÀ Bollettino dʼinformazione dellʼassociazione – anno XV n. 1 – aprile 2007 Bush e Gore: le due facce Un futuro per i giovani con la Nuova Politica del nuovo fascismo D A Q U E S T O N U M E R O , che distribuiremo in 50.000 copie in tutta Italia, il bollettino del Movimento Solidarietà cambia nome in “So- lidarietà e Progresso”. All’apparenza sembra- Le guerre di Bush e Cheney e la frode delle no due concetti contrastanti, la solidarietà emissioni servono a imporre il genocidio nel sociale ed il progresso scientifico e tec- nologico, ma solo perché si identifica lo svi- I L MOVIMENTO GIOVANILE DI L A R OUCHE (LYM) in America guida la luppo economico col liberismo, invece che battaglia per spodestare Bush e Cheney. Solo con un doppio impeach- con il miglioramento delle condizioni di vi- ment è possibile evitare la continuazione della guerra permanente, pros- ta che in realtà il liberismo nega. L’apparen- simo bersaglio l’Iran. Nonostante la vittoria elettorale del 7 novem- za inganna anche nella finta alternativa tra la bre, i Democratici tentennano e cadono nella trappola di Al Gore, l’al- politica di guerra e globalizzazione imperiale ter ego di Bush, che strombazza la fine del mondo a causa del “riscal- di Bush e Cheney da una parte, e l’ambienta- damento globale.” Mentre il sistema finanziario mondiale frana e i lismo hollywoodiano di Al Gore. In realtà la neocons preparano un’altra guerra, i Democratici inseguono la prio- campagna di Gore impedisce al Partito De- rità indicata dal finto umanitario e vero speculatore Gore. A pag. 10 mocratico americano, uscito vittorioso dalle recenti elezioni di metà mandato in novem- Riscaldamento globale: bre grazie al voto giovanile ad alla crescente opposizione alle guerre di Bush, di tornare il programma genocida di Al Gore alla propria anima, quella di Roosevelt e del “forgotten man”, l’uomo dimenticato. Per L A CAMPAGNA SULLE “ EMISSIONI ” di Gore nasconde un tentativo di tornare fortuna, l’America non è solo quella di Bu- ad un sistema feudale in cui una ristretta oligarchia controlla i mezzi di sh e Gore. C’è un’altra America, quella che sussistenza e blocca lo sviluppo tecnologico da cui dipende il benesse- ha davvero vinto le elezioni in novembre: è re della popolazione mondiale. Dietro ci sono i rappresentanti dei po- teri finanziari della City di Londra, che intendono sfruttare l’ecologismo l’America dell’economista e leader democra- per meglio imporre il sistema liberista della globalizzazione. Hanno già tico LaRouche, l’America del suo movimen- aperto il mercato dei “diritti all’emissione”. A pag. 11 to giovanile, il LYM (LaRouche Youth Move- ment), che ha mobilitato il voto dei giova- ni dai 18 ai 35 anni, ricordando loro la re- LaRouche alla Camera: stop ai fondi speculativi sponsabilità per il futuro della loro nazione e del mondo intero; è l’America di Amelia Boynton Robinson, l’eroina dei diritti civili e L YNDON L A R OUCHE HA DA ANNI preconiz- stretta collaboratrice di Martin Luther King zato il crollo dell’attuale sistema finanzia- che è stata più volte in Italia ed è presidente rio ed economico mondiale, che si basa sul- onorario del Movimento Solidarietà. Nel suo la speculazione finanziaria invece che sullo saggio su “Keplero e la Nuova Politica” (vedi sviluppo dell’economia reale. La proposta di pag. 9) LaRouche spiega come i giovani del LaRouche è: riorganizzare il sistema ristabi- LYM abbiano cambiato le regole del gioco lendo delle regole a livello mondiale per ga- politico negli Stati Uniti, e si accingano a fare rantire la stabilità monetaria e l’emissione di altrettanto anche in Europa. Perché in qua- crediti per lo sviluppo. La sua proposta, no- lunque paese del mondo i giovani la pensano ta come “Nuova Bretton Woods”, si rifà alla allo stesso modo: non credono più alle pro- tradizione di Roosevelt, ed è stata appoggia- messe dei partiti politici, tanto meno ai lo- ta da diverse iniziative nel Parlamento italia- ro litigi, non credono alla inesistente “ripresa no. Nella scorsa legislatura, una mozione a economica” a cui basterebbe “agganciarci”, sostegno della Nuova Bretton Woods fu ap- sanno di essere una generazione senza futu- provata da una maggioranza trasversale. Lo ro se i governi e i partiti politici continueran- scorso 13 febbraio, l’iniziativa è stata ripresa no ad accettare l’attuale sistema economico dall’on. Andrea Ricci, che ha invitato LaRou- e finanziario internazionale, ormai in banca- che a tenere una conferenza alla Sala del Ce- L’economista e leader democratico USA Lyndon LaRouche (a destra) affiancato dagli on. Gennaro rotta, che punta solo ad arricchire i più ric- nacolo della Camera dei Deputati. A pag. 2 Migliore, Andrea Ricci e da Liliana Gorini. chi e impoverire sempre di più i più poveri. Sanno di essere ingannati, ma spesso reagi- Più Roosevelt, meno Padoa-Schioppa scono con l’indifferenza, invece di assumersi il compito di cambiare la politica, come ha Il Programma del Movimento Solidarietà fatto il movimento giovanile larouchiano ne- gli Stati Uniti. È a questi giovani che ci rivol- giamo: la Nuova Politica è possibile anche in T UTTI I PROBLEMI CHE AFFLIGGONO L ’I TALIA , so generale dal quale non si riprenderebbe zione/globalizzazione. Nel caso dell’Italia, la Italia, perché il movimento giovanile di La- dalla disoccupazione alle pensioni, dalle in- se non dopo alcune generazioni. I traspor- crisi è particolarmente aggravata dalla situa- Rouche è un movimento internazionale, che frastrutture alla famiglia, dalla scuola all’or- ti, l’energia, le comunicazioni, i sistemi idri- zione nel Mezzogiorno. Sullo sviluppo o sul in tutti i paesi in cui è attivo (Stati Uniti, Eu- dine pubblico, dalla bassa natalità all’osses- ci sono talmente sovraccarichi che il collasso mancato sviluppo del Mezzogiorno si gioca ropa, America Latina, Russia, Filippine) non sionante debito dello stato, potranno trova- di un anello del sistema innescherebbe una il futuro dell’economia italiana. Sviluppo del si limita a proporre dei programmi e delle re una soluzione solo se verrà impostato un reazione a catena con ripercussioni su tutto il Mezzogiorno significa industria e infrastrut- soluzioni immediate, ma lavora ogni giorno programma generale di ricostruzione eco- sistema produttivo e amministrativo. Quello ture, scuole e ospedali e non solo turismo e alla ricerca della verità nella scienza e nel- nomica simile a quello avviato da Roosevelt che ancora resta in piedi con un andamento agricoltura come desiderano i nostalgici del l’arte, ed a ripercorrere passo per passo le nel 1933 col „New Deal“. Lo stesso “miraco- lineare (un cerotto qua e la per mantenere latifondo e dei Borboni. Il ritardo del Mez- scoperte fondamentali che, dal Rinascimen- lo economico” italiano degli anni Cinquan- in vita il paziente), da un momento all’altro zogiorno può essere colmato, ma solo con to italiano ad oggi, hanno cambiato le con- ta, ormai solo un ricordo per le generazio- potrebbe avvitarsi in una caduta senza fondo. un ventennio di sviluppo sostenuto, a tassi dizioni del genere umano sulla terra. E sa- ni più anziane, fu un’imitazione su picco- La crisi italiana non può essere isolata da simili a quelli attuali dell’economia cinese. ranno loro, per fortuna, i politici del futuro. la scala delle idee alla base del New Deal. quella internazionale, frutto della trentenna- Liliana Gorini Oggi l’Italia rischia di subire un collas- le deindustrializzazione e della finanziarizza- continua a pagina 8 presidente del Movimento Solidarietà Approfondimenti e aggiornamenti continui dei temi qui presentati sono disponibili sul sito www.movisol.org
  2. 2. 2 MOVISOL Italia LaRouche alla Camera dei Deputati: Cheney si dimetta! M ARTEDÌ 13 FEBBRAIO l’economista e leader vazione da parte della Camera dei Deputati democratico USA Lyndon LaRouche è stato di una mozione, il cui primo firmatario era invitato alla Camera dei Deputati, ad un in- l’on. Lettieri, in cui si impegnava il Gover- contro organizzato dal Gruppo Rifondazio- no ad operare nelle sedi internazionali per ne comunista nella prestigiosa Sala del Cena- la convocazione di una conferenza per la ri- colo sul tema “le questioni aperte nella politi- forma del sistema monetario internazionale. ca interna ed estera degli USA dopo le elezio- L’idea di una “nuova Bretton Woods” è oggi vita ad un comitato parlamentare di deputati to, grazie al voto dei 18enni che non possono ni di medio termine”. L’incontro si è tenuto più attuale che mai di fronte all’allargamen- e di senatori per una nuova Bretton Woods al votare per il Senato” ha aggiunto Migliore. su iniziativa dell’on. Andrea Ricci, membro to degli squilibri commerciali globali e alla fine di assumere le iniziative politiche e isti- Liliana Gorini, presidente del Movimen- della Commissione Bilancio alla Camera dei crescita di una bolla finanziaria di carattere tuzionali necessarie per porre questo tema to Solidarietà, ha presentato LaRouche sot- Deputati e autore di un libro sulla “fine del li- speculativo, fattori questi che minano sem- tra le priorità della politica estera dell’Italia.” tolineando il ruolo svolto dal LaRouche- berismo” che cita favorevolmente la proposta pre più la stabilità del sistema monetario in- Il secondo compito che si pone al nuovo PAC e dal movimento giovanile di LaRou- di LaRouche per una nuova Bretton Woods, ternazionale. Occorre allora agire prima di Congresso USA, ha aggiunto Ricci, sarà quel- che nella recente vittoria democratica alle un nuovo sistema finanziario che promuo- una possibile catastrofe economica globale, la di fermare l’escalation di guerra in Iraq elezioni politiche americane di novembre, va l’economia reale e ponga fine alla bolla abbandonando l’impostazione neoliberista e piani di guerra contro l’Iran “ed anche di Il chiaro messaggio dato da LaRouche duran- speculativa. L’interesse del Parlamento italia- che ha dominato l’economia mondiale nel- questo parlerà LaRouche nel suo interven- te il suo intervento, e durante le numerose ri- no per la proposta di LaRouche era stato già l’ultimo quarto di secolo, per tornare a for- to”. L’on. Migliore, che ha preso la parola do- sposte date alle domande poste dal pubblico, espresso in Aula il 6 aprile 2005, quando l’on. me nuove di regolamentazione dei flussi eco- po LaRouche, ha riconosciuto l’importanza composto non solo da parlamentari, ma an- Mario Lettieri (Margherita, attualmente sot- nomici e finanziari internazionali, concorda- di rifarsi ai principii che stabilirono la pace che da giornalisti, soci e sostenitori del Mo- tosegretario all’Economia, presente anche al- te e condivise dai singoli Stati e funzionali al- di Westfalia e stabiliscono l’inviolabilità del- vimento Solidarietà e da giovani provenienti l’incontro con LaRouche nella Sala del Cena- lo sviluppo economico e sociale di tutti i po- la sovranità nazionale, anche se si è augura- da Bologna, Firenze, Roma e Ascoli Piceno, è colo) aveva presentato una mozione su que- poli del pianeta. Il movimento politico e cul- to che scompaia il ricorso alla guerra come che “è urgente che il vicepresidente america- sto tema chiedendo al governo di “attivarsi turale di LaRouche è da molto tempo impe- extrema ratio. “Quanto ha detto LaRouche no Cheney venga indotto a dimettersi, giac- nelle competenti sedi internazionale per co- gnato per sostenere e diffondere questa pro- sul ruolo del voto giovanile nella vittoria alle chè una procedura di impeachment durereb- struire una nuova architettura finanziaria fi- posta e l’incontro di oggi rappresenta un im- recenti elezioni di metà mandato negli Stati be troppo a lungo”. “In questo modo - ha ag- nalizzata ad evitare futuri crac finanziari ed il portante contributo per approfondire que- Uniti vale anche per l’Italia, ed è dimostrato giunto LaRouche - il presidente Bush potrà ripetersi di bolle speculative e, quindi, orien- sto tema. L’obiettivo ulteriore che ci propo- dal fatto che alla Camera la sinistra ha avuto ricevere le cure psichiatriche di cui ha biso- tata al precipuo obiettivo di sostenere l’eco- niamo dopo questa iniziativa è quello di dar una maggioranza maggiore rispetto al Sena- gno, ed il sostituto di Cheney come vicepre- nomia reale e a intraprendere tutte le inizia- sidente, che dovrebbe essere un leader del tive necessarie per arrivare al più presto, in- Partito Democratico, potrà assumere la guida sieme alle altre nazioni, alla convocazione degli Stati Uniti, in un momento in cui sono di una conferenza internazionale a livello di richieste le stesse capacità di leadership che Capi di Stato e di Governo, per definire glo- fornì Roosevelt alla fine della seconda guer- balmente un nuovo e più giusto sistema mo- ra mondiale, e non un presidente malato di netario e finanziario”. Durante il dibattito in mente e un vicepresidente che si comporta Aula, sostegno alla mozione dell’on. Lettieri come un bandito, e che segue le tracce del era stato espresso non solo dall’on. Alfonso giurista di Hitler Karl Schmitt”. Considerati Gianni (anch’egli attualmente sottosegreta- i piani per sferrare un altro attacco militare rio, e sostenitore dell’idea di far rivivere l’ini- contro l’Iran, “il cambiamento politico negli ziativa di Lettieri con un comitato parlamen- Stati Uniti deve avvenire adesso, senza aspet- tare sulla Nuova Bretton Woods) ma anche tare le elezioni presidenziali tra due anni”. da Sandro Del Mastro delle Vedove (Allean- La visita di LaRouche a Roma, proseguita il za Nazionale)e da Luigi D’Agrò (UDC), di- giorno dopo con importanti incontri privati, mostrando che sul tema cruciale di una ri- con esponenti politici di entrambi gli schie- forma del sistema creditizio per promuove- ramenti, è coincisa con un momento cruciale re l’economia reale è possibile una “larga per il Parlamento, chiamato a decidere non intesa” al di là degli schieramenti politici. solo sul rifinanziamento della missione italia- Sul podio della Sala del Cenacolo l’on. na in Afghanistan, che scade a fine febbraio, Ricci e Lyndon LaRouche erano affianca- ma anche sul raddoppio della base di Vicen- ti dal capogruppo di Rifondazione Gen- za e su alcune misure economiche impopola- naro Migliore, da Liliana Gorini, presi- ri, come la riforma del sistema pensionistico dente del Movimento Solidarietà, e dal- e del TFR, che hanno molto a che fare con la signora Helga Zepp LaRouche, presi- quella “bolla speculativa” a cui LaRouche in- dente del Movimento Solidarietà tedesco. tende porre rimedio dando vita ad una rifor- Nel corso del suo intervento introduttivo, ma dell’architettura finanziaria, una nuova l’on. Ricci ha dichiarato: “Questo incontro Bretton Woods nella tradizione di Roosevelt. con Lyndon LaRouche nasce dalla volontà di In alto: la Sala del Cenacolo della Camera dei Deputati durante l’incontro con l’economista USA Le pressioni del tutto “irrituali”, come le ha riprendere un’iniziativa parlamentare della LaRouche il 13 febbraio. Qui sopra: un gruppo di attivisti e sostenitori del Movimento Solidarietà da giustamente definite il ministro degli Esteri Milano, Bologna, Firenze e Ascoli Piceno, riuniti a piazza di Spagna dopo l’incontro. D’Alema, esercitate dall’ambasciatore ameri- precedente legislatura, che portò all’appro- cano Spogli sul governo e sul Parlamento ita- Sostieni il Movimento Solidarietà! liano a proposito dell’Afghanistan, sono l’en- nesima dimostrazione del comportamento banditesco dell’amministrazione Bush-Che- L’attività del movimento di LaRouche ney, a cui viene attribuito in alcuni ambienti dipende dai contributi di soci e simpatizzanti politici romani anche un piano per “far cade- re il governo Prodi”. “Al Congresso USA è in Iscrizioni: Socio ordinario (100 €, per studenti e pensionati 50 €). corso un dibattito sugli errori dell’ammini- Socio sostenitore (Quota annuale 250 €) strazione Bush in Iraq molto più serrato che da noi”, ha fatto osservare D’Alema.“Quanto Socio benemerito (Oltre i 250 €). all’accusa di anti-americanismo che ci è sta- Conto Banco Posta Impresa intestato a Movimento Solidarietà ta rivolta, essere con il 70% degli ameri- conto numero: 57777492 – CIN: Q – ABI: 07601 – CAB: 01600 cani non significa essere anti-americani”. Oppure: Vaglia postale intestato a «Movimento Solidarietà», Appare chiaro che alcuni ambienti del go- verno e della sinistra italiana vogliono sta- via Sauli 24, 20127 Milano bilire un collegamento diretto con il nuovo Oppure: PayPal http://www.movisol.org/abo.htm Congresso USA a maggioranza democratica, e vedono in LaRouche la punta di diaman- visita il nostro sito: www.movisol.org – scrivi a: movisol2@libero.it te dell’opposizione democratica alla politica di “guerra permanente” di Bush e Cheney.
  3. 3. Stati Uniti MOVISOL 3 Il LYM guida la battaglia per il cambiamento a Washington I democratici americani seguono le indicazioni di LaRouche L A VITTORIA SCHIACCIANTE dei democrati- ultimi anni si è registrata una palese impotenza ci alle elezioni politiche americane di me- sia da parte dei politici che dei movimenti del- tà mandato, lo scorso novembre, grazie alla la cosidetta “società civile”, che non erano riu- quale il Partito Democratico ha ottenuto la sciti a rallentare la folle corsa verso la guerra maggioranza alla Camera ed anche al Sena- mondiale impostata dalle potenze oligarchiche to, può rappresentare un cambiamento fon- che gestiscono l’attuale amministrazione. Le damentale nella direzione della politica ame- cause di questa impotenza sono svariate, ma si possono raggruppare sotto due categorie gene- ricana e mondiale. Nei mesi precedenti il vo- to, Lyndon LaRouche, in numerose confe- renze pubbliche e iniziative del suo comita- to politico LaRouchePAC, aveva indicato la Il movimento giovanile di LaRouche (LYM) manifesta e strada maestra per porre un brusco freno al- canta in coro per l’impeachment di Cheney di fronte alla la follia militare ed economica del vicepresi- Casa Bianca e in tutti gli Stati Uniti. dente Dick Cheney e di George Bush, da lui controllato. Niente compromessi nel denun- In questo clima liberticida nelle università, il ciare i crimini di Cheney e dei suoi controllo- movimento di LaRouche si è mosso rapidamente ri oligarchici, e nel porre i riflettori sui loro per intervenire. Armati di centinaia di migliaia piani di “guerra permanente” che ora preve- di copie di un pamphlet che denunciava que- dono un bombardamento dell’Iran a breve sta rete di Lynne Cheney, i giovani larouchiani termine. Però, deve cambiare anche il meto- hanno invaso i campus di vari città e sono inter- do di fare politica, da quello che negli ulti- venuti in numerosi dibattiti pubblici, per rom- mi anni ignorava e alienava gran parte del- pere l’ambiente controllato. Così facendo han- la popolazione, cercando di accattivare solo no trasformato il dibattito politico. Pur dispo- il 20% di elettori ricchi, invece di rivolgersi nendo di un numero di attivisti relativamente all’80% della popolazione che rappresenta la basso e di risorse esigue, hanno colpito in pieno la struttura di controllo di Cheney, mettendola classe media, i poveri e coloro che hanno an- sulla difensiva. Questo ha fatto emergere il cre- cora un legame con l’economia produttiva. scente sentimento anti-guerra, incoraggiando le Mentre la burocrazia del partito, persone ad andare a votare e a fare valere il lo- guidata da Howard Dean, e il gruppo di ban- ro voto, senza lasciarsi deviare dalle single issues. chieri e speculatori rappresentato da Felix Rohatyn e George Soros, evitavano di sfidare La vittoria nel Texas i veri centri del potere, una fetta importante rali. La prima è la mancanza di La capacità di influenzare la popolazione con della leadership democratica ha cominciato comprensione della vera natura iniziative limitate ma mirate, è stata definita da a collaborare direttamente con il movimen- del problema. Chi crede che la LaRouche una capacità dinamica. Come spie- to di LaRouche, facendo breccia nel dibatti- guerra in Iraq sia solo una ven- ga nel suo saggio sulla Nuova Politica (si veda to controllato dai mass media e dando il via detta contro Saddam Hussein, stralcio a pagina 9), un effetto dinamico si di- ad un’ondata politica che è stato in grado di o per accapparrarsi il petrolio, stingue da un effetto meccanico perché non modificare la geografia politica degli Stati sottovaluta i piani strategici di dipende dal fatto di dover fare tanti piccolissi- Uniti. I democratici hanno ottenuto 31 seggi chi vuole spingere il mondo mi passi per poter cambiare la situazione. Per verso uno scontro più o meno sprigionare una rivolta contro la politica di in più alla Camera, e 5 seggi in più al Senato, controllato tra l’Occidente e le Bush e Cheney, non è stato necessario convin- dove un ribaltamento della situazione non altre grandi potenze quali Rus- era neanche previsto. Il clima era diventato cere le persone una a una; biso- sia e Cina. Il vero scopo della gnava cambiare i termini del di- così aspro per la Casa Bianca che gran parte “guerra permanente” è garan- battito, introducendo dei fatto- dei repubblicani impegnati nella campagna tire che l’economia e la politi- ri che potessero avere un effet- elettorale avevano chiesto a Bush e Cheney ca mondiale continuino ad es- to di massa nella popolazione. di stare alla larga dei loro collegi, per evitare sere dominati dall’establish- Uno degli esempi miglio- di essere travolti dalla reazione degli eletto- ment anglo-olandese, con i suoi centri di pote- ri di questo effetto si è visto nel ri contro le politiche dell’Amministrazione. re alla City di Londra e Wall Street. Da questo Texas, nell’elezione suppletti- punto di vista si comprende come mai Bush e va tenutasi all’inizio di dicem- Il voto dei giovani Cheney insistano in modo del tutto irragione- bre in un distretto elettorale che In realtà, la vittoria poteva essere ancora più vole sulla guerra in Iraq, benchè si sia rivela- confina con la città di San Anto- schiacciante, come dimostrano gli interven- ta un clamososo insuccesso, e anzi intendano nio. Qui, i democratici hanno ot- ti del movimento giovanile di LaRouche (La- promuoverne delle altre, come quella in Iran. tenuto un seggio in più alla Ca- Rouche Youth Movement, LYM). Il fattore crucia- mera, quando Ciro Rodriguez le nella vittoria democratica è stato il voto gio- La Gestapo di Lynne Cheney ha battuto di 8,6 punti percen- vanile. C’è stato un aumento di oltre 2 milio- nei campus universitari tuali il repubblicano Henry Bo- ni di elettori nella fascia d’età tra i 18 e i 30 Ma sono anche altri i motivi che hanno impe- nilla, che occupava il seggio da anni che hanno votato nel 2006 rispetto al- dito finora una seria opposizione a Bush, ad 14 anni. I sondaggi attribuiva- le precedenti elezioni di mid-term, nel 2002. esempio i gruppi propagandistici che lavorano no a Rodriguez uno svantaggio Questo significa che il voto giovanile è stato il per bloccare ogni critica contro l’Amministra- del 7%, e la dirigenza del Parti- 13% del totale, rispetto all’11% quattro anni zione Bush, e prendono di mira tutti coloro che to Democratico si era rifiutata fa. E il 61% degli elettori giovani ha votato per hanno il coraggio di mobilitarsi pubblicamen- nistrazione Bush. Ad esempio, ha emesso una di mobilitarsi per conseguire la vittoria. Addi- i candidati democratici alla Camera dei Rap- te per effettuare un cambiamento politico. Nel dichiarazione sul conto di un professore del rittura, i club democratici ufficiali nei campus presentanti, il massimo tra tutte le fasce di età. pieno dell’estate, quando gli strateghi politici si New Hampshire in cui si legge: “Nel caso in cui consigliavano ai giovani di non andare a vota- In alcuni degli stati dove la partecipazione scervellavano su come profilarsi nel modo giu- ... un membro del corpo docenti insegni ‘teo- re, per non concentrarsi troppo su un’elezione giovanile è stata più alta, quali il Michigan e il sto per non offendere le sensibilità di nessun rie cospiratoriÈ fantastiche e infondate, i suoi il cui esito in termini politici non era chiaro. Missouri, il LYM ha svolto un ruolo decisivo, gruppo di elettori, Lyndon LaRouche ha lan- insegnamenti evidentemente non meritano le Poi, sono arrivati i giovani del LYM segui- con gruppi di giovani che sono intervenuti nei ciato una campagna politica che ha cambiato i franchigie speciali della libertà accademica”. ti dall’ex presidente Bill Clinton. In un comi- campus universitari e tra l’80% meno ricco del- termini del dibattito nei campus americani. Ha Tuttavia, gli amici di Lynne Cheney hanno zio a San Antonio, Clinton ha suonato la cari- la popolazione, convincendo i giovani a smette- preso di mira una rete di associazioni control- un’idea piuttosto strana dei valori americani. ca con un discorso molto duro contro la poli- re di semplicemente lamentarsi che i due par- late da Lynne Cheney, la moglie del vicepresi- Nelle conferenze organizzate dall’ARI, il diret- tica “imperiale” di Bush-Cheney e l’ingiustizia titi politici non sono realmente diversi, e lavo- dente. Tra queste figurano l’ACTA (American tore Yaron Brook ha portato gli assiomi dello economica che caratterizza i sei anni da essi tra- rare per provocare una svolta. La due questio- Council of Trustees and Alumni) e l’ARI (Ayn scontro tra le civiltà a livelli inauditi: la sua pro- scorsi alla Casa Bianca. I giovani del LYM han- ni principali sono state la guerra e l’economia. Rand Institute), che sono impegnate a racco- posta per vincere la guerra agli stati totalitari è no mobilitato la gente per strada, nelle univer- Come hanno fatto notare alcuni politici italiani gliere sostegni nel mondo universitario per il di “uccidere alcune centinaia di migliaia dei lo- sità e nelle istituzioni locali. Cantando in pub- nell’ultimo periodo, la stragrande maggioran- “partito della guerra” e ad eliminare ogni vo- ro sostenitori”. E chiunque osa criticare la poli- blico mottetti di Bach e canzoni ironiche sul- za degli americani è contro la guerra in Iraq, e ce di dissenso con minacce, intimidazioni e li- tica genocida di Brook e dei suoi amici, viene su- la necessità di rimuovere Cheney dalla carica crede che Bush e Cheney stiano rovinando la cenziamenti dei professori, tutto in nome del- bito attaccato come antisemita. Dovrebbe esse- con l’impeachment, e intervenendo con i gio- credibilità degli Stati Uniti nei confronti del re- la “libertà”. Nel caso specifico, l’ACTA bolla di re ovvio che le loro idee sono più vicine a quel- sto del mondo. Nonostante questo però, negli “antiamericanismo” chiunque critichi l’ammi- le di Satana che ai principii di Abramo e Mosé. Continua a pagina 9
  4. 4. 4 MOVISOL Storia Un sano sistema repubblicano Come Roosevelt si distingue da un sistema risuscitò l’economia oligarchico per la capacità USA tra 1933 e 1945 di generare tutto il credito che occorre indirizzare dirigisticamente alla produzione del bene comune. Il New Deal rooseveltiano ne è il principale esempio storico concreto. Il ruolo della Il ruolo della Ciò che fu fatto allora dev’essere fatto di Reconstruction Finance Corporation Reconstruction Finance Corporation nuovo, su scala mondiale. di Richard Freeman Il presidente Frankin D. Roosevelt e il cantiere della diga Douglas nel Tennessee. La TVA realizzò centinaia di dighe per regolare il corso dei fiumi e produrre elettricità “ L’aspetto cruciale del Sistema Americano si colloca nel ruolo che il credito federale assume nel promuovere investimenti diretti al mantenimento ed allo sviluppo delle infrastrutture economiche di base della nazione, che sono pubbliche, promuovendo al contempo valente a circa 1.200 miliardi di dollari di oggi) affermando- si come il più grande istituto mondiale di credito. Roosevelt diresse questo credito alla realizzazione di tre missioni prin- cipali: di 500 milioni di dollari sottoscritto dagli USA sulla base del quale poteva emettere crediti per 1,5 miliardi. Questa cifra fu successivamente raddoppiata. Per avere un’idea della capacità di prestare della RFC si gli investimenti dell’impresa privata in varie forme utili all’interesse 1) La riorganizzazione del sistema bancario USA, che ver- tenga presente che il bilancio USA del 1932 ammontò a soli generale. La premessa di questo è il principio costituzionale sava in bancarotta. 4,66 miliardi di dollari. fondamentale del sistema americano, secondo cui la creazione e 2) Un programma a lungo termine per le infrastrutture, Inoltre la RFC ricorse anche ad emissioni obbligazionarie l’emissione di moneta legale è monopolio del governo federale. in collaborazione con la Public Works Administration diret- (debentures) per aumentare il capitale. La legge costitutiva Questo si verifica nelle situazioni come quella in cui il presidente ta da Harold Ickes, e con la Works Progress Administration consentiva alla RFC di estendere credito agli istituti finan- Franklin D. Roosevelt istituì la Reconstruction Finance Corp., diretta da Harry Hopkins, creando così milioni di posti di la- ziari, alle ferrovie e alle imprese agricole. Non le consenti- si ricorre cioè ad organismi concepiti proprio a tale scopo. voro produttivi ed innalzando il livello produttivo dell’eco- va invece di prestare direttamente all’industria, ma sostene- ” Lyndon H. LaRouche «Deficits as Capital Gains: How to Capitalize a Recovery,» EIR, Jan. 27, 2006 nomia USA. 3) Creare il grosso della base produttiva per la mobilitazio- ne bellica del 1939-1944. Questo condusse ad una trasforma- zione radicale dell’economia USA, grazie ad un notevole ap- va che aiutando le banche queste avrebbero avuto maggiori possibilità di prestare alle industrie. Nonostante questo am- pio spazio di manovra conferito al nuovo ente, Hoover pensò di usarlo solo per le gatte da pelare delle banche e dei bond M ENTRE L ’A MERICA SCIVOLAVA NELLA G RANDE D EPRESSIONE degli anni Trenta, il presidente Herbert Hoover istituì un organismo preposto alla ricostruzione che fu fondato il porto scientifico, e che ebbe come conseguenza il raddoppio dell’output produttivo. L’interazione di questi ed altri programmi dell’epoca roo- ferroviari. Il presidente affidò il nuovo ente a Eugene Meyer, che era già il presidente della Federal Reserve Board, ed era la perso- 22 gennaio 1932 con il nome di Reconstruction Finance Cor- seveltiana fecero degli USA un gigante agro-industriale. Nel- nalità più rappresentativa della banca Lazard Frères, una isti- poration (RFC). Il presidente però spese i primi 1,62 milio- lo stesso periodo la RFC intervenne a finanziare anche del- tuzione centrale delle forze della sinarchia. ni di dollari del fondo, di cui era dotata la RFC, nel tentativo le infrastrutture nell’America Latina e contribuì a costitui- Nel 1932 la RFC prestò 950 milioni di dollari a banche e disperato di tappare le falle: cercare di rifinanziare il sistema re l’ente di ricostruzione tedesco, il Kreditanstalt für Wiede- trust. Solo 26 banche si spartirono ben 330 milioni. Ma quel- bancario (come pure le railroad bonds, ovvero delle obbliga- raufbau (KfW). Il RFC fu poi dissolto nel 1956. lo di cui le banche avevano bisogno non era denaro ma un zioni, che allora riempivano i portafogli bancari, che erano risanamento dell’economia in cui si trovavano ad operare, state emesse da varie imprese ferroviarie). Hoover però non per cui quei soldi servirono solo ad aumentare il loro indebi- volle andare oltre il salvataggio del sistema bancario e di con- 1. Ricostruzione tamento. La RFC inoltre prestò 337 milioni alle ferrovie che seguenza non poté evitare il naufragio dell’economia reale. del sistema bancario li spesero per tenere in piedi il mercato delle obbligazioni Franklin Delano Roosevelt, subentrato ad Hoover il 4 mar- ferroviarie. zo 1933 alla presidenza degli USA, impresse una inversione Nei primi otto mesi del 1931 negli Stati Uniti fallirono circa Alla fine del 1932 la RFC aveva prestato 1,62 miliardi, di rotta alla RFC tanto da farne uno strumento con cui ripri- 1000 banche. Nell’ottobre di quell’anno il presidente Hoo- un’enormità per quell’epoca. Il 79% dei prestiti andarono a stinare il controllo sovrano degli Stati Uniti sul proprio cre- ver, che cercava soluzioni affidandosi al dogma del “laissez salvare banche e bond ferroviari. dito. faire”, era ormai disperato. Guidata dal segretario al Tesoro Questa politica evidentemente ispirata ai concetti di ban- La proprietà della RFC era completamente ed esclusiva- Ogden Mills, la squadra economica di Hoover propose al pre- ca centrale di Meyer fallì e nelle elezioni del 1932 Hoover fu mente nelle mani del governo. I privati ne erano completa- sidente di costituire la Reconstruction Finance Corporation. solennemente bocciato dall’elettorato americano che ripose mente fuori. Con questo Roosevelt poteva dunque tornare Hoover ne parlò al Congresso il 7 dicembre 1931: “Per garan- tutte le sue speranze in F.D. Roosevelt. Quando quest’ultimo a prendere nettamente le distanze dal sistema delle banche tire al pubblico che il governo sia nella posizione di far fron- entrò alla Casa Bianca, il 4 aprile del 1933, il sistema finanzia- centrali, che è tipico del sistema anglo-olandese imperante te ad ogni necessità raccomando che si costituisca una cor- rio era alla bancarotta. Un quarto delle 23.695 banche ame- in Europa ed in particolare in Inghilterra, ma che dal 1900 poration per la ricostruzione d’emergenza del tipo della War ricane censite all’inizio del 1930 avevano dichiarato fallimen- aveva messo radici anche negli Stati Uniti, fino alla creazio- Finance Corporation [della prima guerra mondiale]. Forse to. Quel 4 aprile tutte le banche, la borsa di New York e ogni ne della Federal Reserve. La RFC servì a Roosevelt per poter- non occorrerà ricorrere moltissimo a questo strumento, ma altro mercato delle materie prime restarono chiuse. si liberare le mani e rifarsi ai principi rivoluzionari sui quali la semplice esistenza di un tale bastione rafforzerà la fiducia. Il dissesto bancario era stato accompagnato dallo sfascio Alexander Hamilton aveva edificato la Prima Banca Naziona- Il Tesoro dovrà essere autorizzato a sottoscriverle un capitale dell’economia fisica. le (1791-1811): emettere credito abbondante e a buon mer- ragionevole e dovrà avere la possibilità di emettere i propri Il crollo della produzione industriale USA che si verificò cato da indirizzare dirigisticamente allo sviluppo di infra- debentures [obbligazioni convertibili]. Dovrà essere posto in nel periodo 1929-1933 si calcola tra il 37 ed il 54 per cento, a strutture, al potenziamento e avanzamento del settore delle liquidazione dopo due anni. Il suo scopo è rafforzare i punti seconda delle diverse fonti dei dati. All’inizio del 1933 il set- macchine utensili, all’industria e all’agricoltura. deboli per liberare appieno la forza delle risorse nazionali”. tore dell’acciaio operava al 24% della capacità di cui dispo- Negli anni in cui Roosevelt abitò alla Casa Bianca, tra 1933 La legge costitutiva della RFC, che fu ratificata dal presi- neva nel 1929. Negli stessi quattro anni il reddito agricolo, e il 1945, la RFC emise 33 miliardi di dollari (una cifra equi- dente il 22 gennaio 1932, le attribuisce un capitale sociale calcolato al valore costante del dollaro, crollò del 45%. La di-
  5. 5. Storia MOVISOL 5 soccupazione ufficiale era salita a 12,83 milioni nel gennaio di tutto il capitale sociale in circolazione del sistema bancario 1933, pari al 24,9% della forza lavoro. USA. (Se RFC avesse voluto nazionalizzare il sistema banca- Roosevelt ricorse alla RFC affinché svolgesse le funzioni rio ora sarebbe stata nella posizione per farlo, ma questo non della Banca Nazionale di Hamilton, cioè emettesse il credi- era il suo scopo). Quando poi si giudicò che il sistema banca- to necessario per impedire il collasso e mettere in moto la rio fosse stato sufficientemente stabilizzato la RFC cominciò ripresa. a disinvestire e la liquidazione del suo portafoglio durò solo Per chiedere nuovi finanziamenti Roosevelt non ebbe bi- pochi anni. sogno di rivolgersi al Congresso, questo però esercitava non- In pratica Roosevelt e Jones avevano sottoposto il sistema dimeno la piena vigilanza sull’ente. La RFC aveva infatti i bancario ad una riorganizzazione fallimentare. Solitamente, propri meccanismi di finanziamento: poteva piazzare al pub- in una riorganizzazione del genere, le banche sono costrette blico i propri debentures e poteva emettere nuovi crediti in a cancellare molti titoli inesigibili, ma in questa circostanza si ragione dell’estinzione dei crediti già emessi e relativi inte- trattò di un volume molto limitato perché il grosso dei titoli ressi, cosa che ampliava il volume di credito possibile. speculativi accumulati dalle banche erano già andati in fumo Roosevelt poi chiese al Congresso di emendare la legge nel crac bancario del ’29. costitutiva della RFC affinché l’ente potesse prestare anche Ovviamente le 1100 banche liquidate sono poca cosa ri- all’industria, cosa che, come abbiamo visto, non era inizial- Il manager della Reconstruction Finance Corporation spetto a ciò che sarebbe capitato senza l’intervento diretto da mente concessa. (RFC) Jesse Jones. Mise a punto strategie per uscire Roosevelt. Nel 1934 fallirono solo 61 banche commerciali e Ma la sua decisione più importante fu quella di affidare dalla Grande Depressione. l’anno dopo solo 32. l’ente a Jesse Jones, già esponente della direzione della cor- poration. Jones proveniva dalla National Bank of Commer- fine del 1933 le banche effettivamente liquidate dagli ispetto- 2. Le infrastrutture ce e non nascondeva la sua avversione per il mondo di Wall ri del Comptroller of the Currency furono 1100. realizzate dal New Deal Street. Nel 1913 aveva diretto la Houston Harbor Board, dove Tante banche cercarono di fare a meno dell’intervento aveva coordinato i due progetti infrastrutturali più importan- della RFC, anche qualcuna delle maggiori, e con il passare Negli anni del New Deal, che vanno dal 1933 al 1937, la RFC ti del Texas, lo Houston Ship Channel e il Port of Houston. del tempo questo fenomeno fu notato da Jones, che si rese alimentò la ripresa e la ricostruzione finanziando una serie Il giorno successivo alla sua entrata alla Casa Bianca Roo- conto come senza l’intervento dell’ente un altro migliaio di di progetti infrastrutturali. Gli effetti di questo furono due: sevelt sottoscrisse un Ordine Esecutivo per dichiarare una va- banche almeno rischiava il fallimento. Ad alimentare la dif- primo, fu dato lavoro a milioni di lavoratori, sia nella realiz- canza delle attività bancarie a tempo indefinito, con decor- fidenza delle banche fu la campagna condotta dall’alleanza zazione dei progetti sia nelle ditte fornitrici; secondo, queste renza dal 6 marzo 1933. bancaria di stampo sinarchista costituito dai Morgan, Mellon infrastrutture aumentarono la capacità complessiva dell’eco- Il 9 marzo il presidente presentò al Congresso la Emergen- e DuPont, secondo cui la nuova gestione stava trasformando nomia di impiegare l’alta tecnologia. Il volume complessivo cy Banking Act, una legge d’emergenza per la riorganizzazio- la RFC in un’istituzione socialista dalla quale le banche dove- dei progetti realizzati ha come unico precedente storico il ne bancaria messa a punto dai suoi consiglieri economici, da vano ben guardarsi. grande boom economico diretto dal presidente Abramo Lin- qualche consigliere dell’amministrazione uscente e da Jesse La questione fu al centro del congresso della American coln e dal suo consigliere economico Henry Carey, nel perio- Jones. La legge legalizzava la vacanza bancaria dichiarata da Bankers Association che si tenne a Chicago il 5 settembre do 1861-1879. Roosevelt, autorizzava l’ente si vigilanza bancaria Comptrol- 1933. Il discoso di Jesse Jones ottenne un’accoglienza glacia- Tra la primavera e l’estate del 1933 il Congresso USA auto- ler of the Currency a nominare ispettori con autorità di com- le. Nessuno applaudì. L’oratore successivo, Eugene Black, rizzò la RFC ad estendere il credito all’industria ed all’agricol- missariare le banche e di liquidare quelle non salvabili e auto- membro della direzione della Federal Reserve, si concentrò tura, e l’anno dopo anche alle amministrazioni comunali. rizzava infine la RFC ad acquistare azioni dove necessario per solo a criticare il discorso di Jones. Invitato a parlare di nuovo rafforzare le banche ed impedirne il fallimento. Quest’ulti- al banchetto del congresso, Jones raccolse la sfida: “Ho pro- Lavori pubblici mo punto è molto importante, giacché in precedenza la RFC nunciato un discorso stamane e non v’è piaciuto. Suppongo Gli storici stimano a 1,5 miliardi i crediti diretti che Roosevelt poteva soltanto far prestiti, ma non poteva soccorrere quelle che adesso io debba dire qualcosa per riabilitarmi ai vostri fece estendere dalla RFC agli enti locali per i lavori pubblici. banche che non erano in grado di recuperare i propri crediti occhi. Ciò che adesso dico, lo dico in un banchetto privato, Questo denaro andava a sostenere dei programmi già esisten- a motivo del fallimento diffuso delle attività nella depressio- completamente ‘off the record’, e se ci sono qui giornalisti lo ti, finanziati dal bilancio generale, e in qualche caso finanziò ne del 1929-1933. trattino come tale ... quasi completamente alcuni progetti infrastrutturali. La nuova disposizione di Roosevelt consentiva alla RFC “La metà delle banche rappresente in questa sala sono in- A capo di questi lavori pubblici furono preposti diversi nuo- di acquistare una partecipazione o azioni privilegiate di una solventi, e chi di voi rappresenta quelle banche lo sa meglio vi organismi come la Public Works Administration (PWA), di- banca in difficoltà, aumentandone così gli attivi e il capitale d’ogni altro”. Jones si sedette e la sala sprofondò nel silen- retta da Harold Ickes, e gli enti diretti da Harry Hopkins: la sociale. La banca veniva dunque a trovarsi al necessario livel- zio. Federal Emergency Relief Administration (FERA) e la Civil lo di solvibilità e poteva tornare a prestare, il tutto senza au- L’incantesimo però fu rotto. Ad ottobre Harvey D. Gib- Works Administration (CWA) che poi, nel 1935, fu sostituita mentare il suo indebitamento. son, presidente della grande Manufacturers Trust Bank of dalla Works Progress Administration (WPA). Le banche riaprirono gli sportelli dopo la vacanza banca- New York, accompagnato dal legale della banca, si recò da Essenzialmente, la PWA si occupò della realizzazione delle ria. Già il 12 aprile gran parte di esse erano in grado di opera- Jones a Washington. Gli disse che la sua banca aveva dispera- grandi infrastrutture mentre le CWA/WPA si occuparono di re senza assistenza mentre 3115 rimasero chiuse, non perché tamente bisogno di 25 miliardi e Jones glieli dette. Poi fu la quelle piccole e medie. fossero insolventi ma in attesa dell’intervento della RFC. Alla volta di altri banchieri. Il Presidente ed il Congresso stanziarono complessivamen- Nel giugno 1935 gli investimenti della RFC per l’acquisto te 8,3 miliardi, con leggi diverse, e sebbene si trattasse di una di partecipazioni o azioni di 6800 banche raggiunsero l’1,3 cifra enorme per l’epoca, presto il capitale cominciò a scar- miliardi. La RFC era diventata così proprietaria di un terzo seggiare e Roosevelt si rivolse di nuovo alla RFC, che erogò un credito di 500 milioni alla FERA. Alla fine del 1933, con la disoccupazione ormai oltre gli 11 milioni, Hopkins propose a Roosevelt l’istituzione della Civil Works Administration (CWA). L’ente cominciò effettivamen- te a funzionare il 9 novembre 1933 e dieci giorni dopo con- tava già 800 mila dipendenti. Due settimane dopo gli operai salariati dalla CWA erano quasi due milioni. Il massimo del- l’occupazione fu toccato il 18 gennaio 1934 con 4.263.644 oc- cupati di ambo i sessi. Affinché potesse cominciare ad operare immediatamente, la RFC estese un miliardo di dollari alla WPA, l’ente che nel- l’aprile 1935 sostituì la CWA. Harold Ickes, direttore della Public Works Administration. La WPA deteneva pacchetti consistenti di titoli obbligazio- Morris Llewellyn nominato nari emessi da enti locali e statali. La RFC ottenne la facoltà dal presidente a capo della di poter piazzare questi titoli sul mercato ad un patto: se la Rural Electrification Adminis- tration.Harry Hopkins, diret- vendita avesse prodotto dei profitti, tutto il ricavato sarebbe tore della Civil Works Admin- andato nelle casse della WPA, se vi fossero state delle perdite istration e Works Progress la RFC le avrebbe coperte di modo che la WPA avrebbe co- Administration. munque incassato il valore completo dei suoi titoli. La RFC
  6. 6. 6 MOVISOL Storia Questo esempio merita di essere attentamente studiato della RFC il cui presidente Jones promosse un disegno di leg- per replicarlo oggi all’industria automobilistica. ge al Congresso affinché la RFC ottenesse un nuovo stanzia- General Motors, Daimler-Chrysler e grandi produttori mento di 50 milioni di dollari con cui rastrellare oro sul mer- di componenti come la Delphi Corporation, sotto l’incalza- cato. re della globalizzazione, stanno chiudendo molti impianti di Nel 1934 la RFC creò l’Export-Import Bank, come una sua produzione in America, perdendo una capacità tecnologica divisione interna incaricata di finanziare l’esportazione di notevole, sia negli impianti che nelle maestranze qualificate prodotti americani. che finiscono sul lastrico. Alla Casa Bianca non dicono nulla, Nel 1937-38 la RFC creò la Federal National Mortgage As- a parte qualche parola di circostanza, limitandosi a spiegare sociation (Fannie Mae) che allora svolse un ruolo positivo fa- che queste faccende le regola “la libera impresa”. cendo arrivare alle banche il denaro necessario per aumen- Lyndon LaRouche propone invece di riorganizzare com- tare il volume dei mutui casa. (Come noto, negli ultimi anni, Il senatore George Norris, noto come quot;il padre della TVAquot;. Qui pletamente il settore dell’auto, se necessario anche licenzian- insieme alla Freddie Mac, questo ente del mercato ipoteca- impegnato in un comizio elettorale per la rielezione done i vertici, e di riconvertire una parte consistente della ca- rio secondario è stato usato per creare una bolla immobiliare di F.D. Roosevelt (secondo da destra) nel 1936. Norris mise a pacità tecnologica del settore orientandola verso altre priori- sotto la regia di Greenspan alla Federal Reserve). punto il piano per l'elettrificazione dell'America rurale grazie al quale nel 1955 l'88% di tutte le abitazioni del paese tà produttive del paese. Questo ha provocato molte proteste disponeva di elettricità. del tipo: lo stato non ha il diritto di intromettersi in queste Elettrificazione faccende. Ma è proprio questo che la RFC di Jesse Jones fece Roosevelt affidò alla RFC anche il compito enorme di elettri- con le ferrovie. ficare le regioni rurali degli Stati Uniti, un progetto a lungo pagò alla PWA 695 milioni per i bond statali e locali e altri termine, di venti e più anni. 199 milioni per i bond ferroviari in suo possesso. Tecniche innovative Negli anni Venti e Trenta la produzione e distribuzione di Con questi fondi la PWA acquistò macchine movimento La RFC creò delle imprese pubbliche, di cui era proprietaria, elettricità era stata monopolizzata dalla Morgan Bank e dalle terra e altro macchinario per i progetti che trasformarono il a cui affidò il compito di finanziare della attività specifiche. famiglie Mellon e Duke (tabacchi). La politica deliberata di paese come le dighe Hoover, Grand Coulee e Bonneville, e Un esempio è dato dall’edilizia per la quale nel 1933 fu fon- questo cartello era limitare la disponibilità di potenza elettri- partecipò con il genio militare alle grandi opere idrauliche data la Home Owners Loan Corporation (HOLC). In quel ca, in particolare nelle regioni rurali, sostenendo che il Sud e di deviazione e regolazione del corso del Mississippi. Il 70% momento stavano letteralmente dilagando gli espropri e gli il Far West non avevano bisogno di sviluppo e che inoltre era dei nuovi edifici scolastici e il 35% delle strutture sanitarie co- sfratti perché almeno il 40% dei mutui casa e delle ipoteche anche troppo costoso realizzare le centrali e le linee per quel- struite dal 1933 al 1939 furono finanziati dalla RFC. erano finiti nell’insolvenza. Gli istituti ipotecari avevano l’ac- le comunità remote. In pratica, nel 1934 solo l’1% delle fat- I lavori pubblici diretti dagli enti di Ickes e Hopkins otten- qua alla gola. La RFC spese 200 milioni di dollari per acqui- torie del Mississippi e il 3% di quelle del Tennessee dispone- nero dalla RFC finanziamenti per oltre 2 miliardi di dollari. stare tutto il capitale sociale iniziale della HOLC. A questa fu vano di elettricità. 49 milioni di americani (e cioè l’89%) che Ogni anno furono creati 3,1 milioni di posti nei lavori pubbli- concesso di emettere prima 2 miliardi di obbligazioni e suc- vivevano nelle comunità rurali erano senza elettricità. Due ci. Questo ebbe un effetto moltiplicatore nell’industria priva- cessivamente ben 3 miliardi — un effetto moltiplicatore del quinti di tutti gli americani non disponevano di elettricità. ta impegnata a soddisfare l’enorme domanda di materiali da credito di 15 volte il capitale. Questo denaro fu quindi pre- Roosevelt affrontò di petto questo ostacolo lanciando gli costruzione, macchinari e attrezzi. stato per stabilizzare le ipoteche più precarie e per gli antici- indispensabili grandi progetti infrastrutturali per dare a tut- Altri finanziamenti della RFC furono diretti al potenzia- pi necessari ai proprietari affinché pagassero le tasse e prov- to il paese elettricità abbondante e a basso prezzo. Creò la mento dell’agricoltura, con 145 milioni stanziati per la rea- vedessero alle manutenzioni urgenti. La HOLC operò fino al grande Tennessee Valley Authority (TVA) ma anche le dighe lizzazione di argini e canali d’irrigazione in sette stati, dove 1936 rifinanziando un’abitazione privata urbana su cinque Bonneville e Grand Coulee nel Far West, la Diga Hoover nel molte amministrazioni distrettuali stavano rischiando l’insol- gravata da ipoteca, e sanando così la piaga degli espropri e Southwest, ecc. venza. sfratti. Per la distribuzione fu costituita la Rural Electrification Altri stanziamenti della RFC: Lo stesso meccanismo fu impiegato dalla RFC anche nel Administration (REA), un ente personalmente concepito da - 26 milioni per pagare gli insegnanti di Chicago che erano settore agricolo colpito dagli espropri dei coltivatori diretti, Roosevelt, con la partecipazione del sen. George Norris, che rimasti senza stipendio per nove mesi, evitando così la chiu- con la costituzione della Federal Farm Mortgage Corpora- ebbe un ruolo importante anche nella creazione della TVA. sura delle scuole. tion (FFMC), un’ente che nel 1936 aveva rifinanziato più del Roosevelt coinvolse nella REA, come amministratore, anche - 209 milioni per l’acquedotto di 393 km che dal Colorado ar- 20% delle ipoteche del settore. l’ing. Morris Llewellyn Cooke a cui era stata affidata la dire- riva a Los Angeles, San Diego e ad altri 26 centri minori nella Tra l’autunno e l’inverno del 1933-1934 il presidente Roo- zione della Federal Mississippi Commission, l’ente per la pia- California meridionale. (Ancora oggi è il principale fornito- sevelt rivalutò il prezzo ufficiale dell’oro americano e svalu- nificazione dei grandi progetti idraulici e idroelettrici di tut- re dell’acqua alla seconda città più popolosa d’America). tò il dollaro in una manovra mirante a colpire il cartello del- to il sistema fluviale del Mississippi e dei suoi affluenti. - 13 milioni per il nuovo ponte sul Mississippi a New Orleans l’oro britannico che, attraverso il controllo esercitato sul si- Cooke impostò l’impresa come istituto di credito che at- - 78 milioni per il famoso ponte San Francisco-Oakland Bay stema bancario, teneva il mondo in una morsa deflativa. (Al- tingeva ai fondi della RFC ed estendeva credito a basso co- lungo 2,6 km. lora vigeva infatti lo “standard aureo”, ben diverso dalla “ri- sto per la costruzione delle linee elettriche. Jones e il sen. - 1,9 milioni al sistema idraulico di Utica. serva aurea” che fu instaurata poi a Bretton Woods). Norris concordarono che i prestiti dovevano aggirarsi sui 40 - 35 milioni per l’autostrada di 258 km tra Pittsburg e Harrisburg Anche per questa politica Roosevelt si servì soprattutto milioni di dollari l’anno, al 3%, per un periodo di 10 anni. - 8,1 milioni per un centro residenziale a New York La REA fece sorgere in ogni zona del paese delle cooperati- - 5 milioni per dighe e canali sul Rio Grande nel New Messico. ve alle quali competeva assumere il personale per realizzare Questi crediti federali avevano tempi di maturazione tra i le linee che portavano l’elettricità alle fattorie. Le coopera- cinque e i venti anni. tive locali contraevano prestiti presso l’ente nazionale REA, presentando appositi titoli sottoscritti dagli agricoltori, come Rilancio delle ferrovie fossero cambiali, scontati dal centro nazionale della REA che Quando Jesse Jones cominciò a preoccuparsi della ricostru- concedeva prestiti. zione delle ferrovie dovette fare i conti con l’opposizione dei Il centro nazionale della REA concedeva così prestiti ven- banchieri che controllavano i consigli d’amministrazione tennali ad un interesse del 3%. A sua volta la REA prendeva delle ferrovie. Questi amministratori avevano “scremato” le in prestito dalla RFC. imprese e si erano attribuiti i compensi più alti di tutta l’indu- Così la RFC fece in modo che le cooperative della REA stria americana per poi spingere le attività verso il fallimento disponessero dei capitali a lungo termine di cui c’era biso- o l’amministrazione controllata, una situazione in cui le fer- gno. Queste poterono contare sui tempi lunghi per il finan- rovie potevano operare solo al minimo. ziamento delle linee elettriche, ripagando i crediti con la ven- Nel maggio 1933 Jones incontrò per primi i quattro ammi- dita dell’elettricità. nistratori della Southern Pacific, controllata dagli Harriman. Nel 1943 la RFC aveva esteso alla REA un credito di 246 I loro compensi andavano dai 150 mila dollari annui del pre- milioni di dollari, una cifra notevole per l’epoca. A metà anni sidente agli 85 mila del quarto dirigente. Persino Roosevelt Settanta l’intero programma sostenuto dalla REA aveva rag- intervenne affinché non si pagasse loro più del ragionevole, giunto una estensione di quasi 2,9 milioni di chilometri di li- meno della metà. Un paio di essi lasciarono l’incarico ma nee di trasmissione elettrica, il 50% del totale nazionale. la Southern Pacific ottenne il finanziamento. Jones convinse Nel 1933 solo una fattoria su dieci disponeva di elettricità l’impresa a investire in parte nelle migliorie fisiche delle fer- mentre nel 1955 l’88% delle fattorie era stato raggiunto dai rovie e nella reintegrazione dei dipendenti licenziati. La stes- programmi di elettrificazione della REA e del New Deal. sa strategia fu adottata anche per altre imprese ferroviarie. L’elettrificazione rivoluzionò la vita delle fattorie, com-

×