Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Promozione della salute a scuola

20 views

Published on

Progetto di promozione della salute Circolo Didattico Jole Orsini Amelia TR

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Promozione della salute a scuola

  1. 1. PROMOZIONE DELLA SALUTE A SCUOLA Progetto pensiamo positivo
  2. 2. Una scuola per tutti… una scuola per ognuno DIREZIONE DIDATTICA «JOLE ORSINI» di Amelia
  3. 3. Cooperative learning
  4. 4. Scuola dell’infanzia SANT’ ANGELO
  5. 5. La scuola dell’Infanzia Sant’Angelo ha proposto ai bambini la storia “In viaggio con Crilù”. Nella storia si raccontano le vicende di un bambino di nome Crilù che viveva in un povero villaggio dell’Africa, dal quale decide di partire per conoscere il mondo. Lungo il suo cammino incontra tanti bambini e inizia a conoscere le loro realtà, scoprendo in esse la ricchezza della diversità. Crilù e i suoi nuovi amici decidono di andare alla ricerca di un luogo dove tutti possono essere se stessi e valorizzati nelle loro differenze. Questa ricerca si conclude con il ritorno a casa di tutti i bambini e la comprensione che la felicità e il luogo perfetto in cui stare si possono trovare ovunque ci sia uguaglianza e rispetto l’uno per l’altro.
  6. 6. Tale percorso si è proposto la finalità di far comprendere ai bambini l’importanza delle diversità presenti intorno a loro. È fondamentale che essi imparino a riconoscere e distinguere le proprie reazioni agli eventi che li circondano, al fine di essere in grado di esprimersi con la modalità più appropriata alle diverse situazioni. Altrettanto importante è saper comprendere le manifestazioni emotive degli altri, attraverso il lavoro di decodifica degli atteggiamenti e della comunicazione non verbale. Questo porta a sviluppare quella che è una fondamentale abilità relazionale: l’empatia, ovvero la facoltà di “sentire” gli altri.
  7. 7. CIRCLE TIME
  8. 8. IL SALUTO DEGLI ABBRACCI
  9. 9. CRILU’, I SUOI AMICI E LE MAMME COL PANCIONE
  10. 10. SCUOLA DELL’INFANZIA A. CIATTI
  11. 11. Intelletto ed emozioni non sono aspetti completamente separati del funzionamento umano, poiché il pensiero può continuamente intrecciarsi con le reazioni emotive, influenzandole in vario modo. Si può quindi pensare di incentrare l’apprendimento su un progetto di educazione affettiva, partendo dal presupposto che è possibile insegnare come affrontare costruttivamente le difficoltà che si incontrano nella vita di ogni giorno. Per questo motivo i bambini sono accompagnati alla scoperta delle proprie emozioni e dei propri sentimenti, anche quelli negativi, per conoscerli, comprenderli, accettarli e trasformarli senza averne timore.
  12. 12. EMOZIONIAMOCI
  13. 13. Scuola infanzia G. Rodari EMOZIONIAMOCI … CON IL PICCOLO PRINCIPE “Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano” (Antoine de Saint-Exupêry)
  14. 14. Attività manipolative, creative, grafico pittoriche, di ascolto e drammatizzazione hanno contribuito ad immergerci nel mondo del protagonista permettendoci di vivere con lui le sue avventure. Il racconto di Antoine de Saint-Exupêry ha creato l’opportunità di strutturare attività specifiche di dialogo e di riflessione su stati d’animo e sentimenti vissuti in diverse situazioni dal nostro Piccolo Principe che i bambini, attraverso la mediazione delle Insegnanti, hanno provato a cercare nella loro vita sentendosi come lui. Tutto questo in un clima ricco di spunti e privo di forzature dove si sono sentiti liberi di trasmettere ciò che provano e vivono nel modo più naturale possibile.
  15. 15. Il Piccolo Principe, il suo pianeta, l’aereo dell’aviatore costruiti con materiali di recupero
  16. 16. Il piccolo Principe nel deserto
  17. 17. «Mi piacciono tanto i tramonti … un giorno ho visto il sole tramontare 43 volte …»
  18. 18. “… il paese delle lacrime è così misterioso…” Tu quando sei triste?
  19. 19. “Sulla terra ci si sente soli …” Tu quando ti senti sola?
  20. 20. “L’essenziale è invisibile agli occhi. Non si vede bene che col cuore …” Il Piccolo Principe ama la sua rosa. Tu a chi vuoi bene? Chi hai nel cuore?
  21. 21. CLASSE TERZA SEZ. A SCUOLA PRIMARIA JOLE ORSINI
  22. 22. IL COLORE DELLE EMOZIONI Ad ogni emozione è stato abbinato un colore
  23. 23. LAVORO DI GRUPPO: CONDIVIDIAMO LE NOSTRE EMOZIONI VISSUTE
  24. 24. BRUNO E BIGIO
  25. 25. INSIEME SI E’ PIU’ FORTI E SI PUO’ SUPERARE OGNI OSTACOLO!
  26. 26. CLASSI PRIME, ALFA, BETA e GAMMA SCUOLA MARIA CHIERICHINI AMELIA INSEGNANTI: CARAMANICO G.; GIANCARLO A.; GIRALICO C. PAOLUCCI S. ; RINI. S. ; SANSEVERINATI. E.
  27. 27. EMOZIONIAMOCI
  28. 28. Il progetto Emozioniamoci nasce dall’esigenza di fornire ai bambini strumenti per conoscere e riconoscere il linguaggio delle emozioni. L’azione didattica si è soffermata in particolar modo su ciò che i bambini provano in una precisa circostanza, per aiutarli a sentire, riconoscere, esprimere ed elaborare le emozioni. Partendo dal film “Inside out”sono state trattate le emozioni ed è stato realizzato un cartellone con i vari personaggi e con le foto dei bambini che, quotidianamente, venivano spostate dagli stessi in corrispondenza dell’emozione provata in quel momento.
  29. 29. Successivamente sono state affrontate alcune letture ( “L’avventura di Oliver oltre il giardino”, “Tutti i colori della vita”, “Cane Nero”, “Le emozioni di Ciripò”, “Zio Mondo”, “Wonder” etc.) seguite da conversazioni guidate che hanno permesso ai bambini di raccontare esperienze personali legate ad ogni emozione. Sono state svolte anche attività di drammatizzazione volte a far discriminare le diverse espressioni e mimiche facciali, la postura, il tono della voce, il linguaggio non verbale del corpo con lo scopo di aiutare i bambini a controllare le emozioni e a riconoscerle negli altri. Infine sono state effettuate attività ludiche e artistico-espressive, disegni di gruppo e individuali, lettura di alcune opere d’arte, realizzati mappe, cartelloni e libricini.
  30. 30. Ogni giorno un’emozione Tante belle letture
  31. 31. Le nostre riflessioni
  32. 32. LE EMOTICON In inglese … e in italiano
  33. 33. Un libro per ogni emozione ! La gioia La rabbia La paura La tristezza Il disgusto
  34. 34. Le classi 3° alfa, beta, gamma del plesso Maria Chierichini hanno proseguito il percorso alla scoperta delle emozioni attraverso una serie di letture accompagnate da circle time, conversazioni, condivisione di esperienze e realizzazione di prodotti di vario genere. Sono state affrontate le seguenti tematiche: osservazione di una situazione da punti di vista diversi, capacità di mettersi nei panni degli altri e empatia, consapevolezza delle differenze tra fatti e opinioni
  35. 35. I LIBRI
  36. 36. I PRODOTTI
  37. 37. SCUOLA PRIMARIA «G. Mameli» Fornole classi III - IV
  38. 38. Il lavoro sulla conoscenza delle emozioni, iniziato da due anni, quest’anno ha posto l’attenzione sull’educazione alle differenze. I nostri percorsi didattici che si sono avvalsi del contributo dell’associazione ForumDonneAmelia, l’associazione Lattemiele e il laboratorio di teatro della cooperativa Cipss, ci hanno consentito di creare una rete di diversi linguaggi espressivi attraverso giochi, le letture, visione di film, percorsi di scrittura creativa, circle time, disegni che sono coinvogliati nella realizzazione di uno spettacolo teatrale e di un grande libro entrambi colorati dalle emozioni dei bambini
  39. 39. Le carte d’identità delle emozioni
  40. 40. Tante parole per le emozioni
  41. 41. IO LEGGOPERCHE’
  42. 42. TU MI EMOZIONI…I NOSTRI VISSUTI A SCUOLA
  43. 43. PRIMA DEL TEATRO…
  44. 44. INSIEME E’ MEGLIO!
  45. 45. CIAK SI GIRA
  46. 46. PROGETTO ALIMENTAZIONE CLASSE IV sez. A Scuola primaria «Jole Orsini»
  47. 47. La scuola riveste oggi un ruolo molto importante nell’educazione alimentare del bambino, egli è infatti continuamente in balia di messaggi che arrivano dalla pubblicità di prodotti sempre più allettanti ma non sempre buoni per la salute, la scuola ponendosi in situazione di continuità con la famiglia può educare ad una sana e corretta alimentazione. Questo è stato il nostro obiettivo principale cercando di far capire che gli alimenti oltre ad essere gradevoli sono indispensabili per crescere mangiando. Il percorso seguito si articola in tre distinti moduli, Il cui filo conduttore è il bisogno dell’uomo di nutrirsi bene per crescere sano e per preservare la salute. Ogni attività, laboratoriale o lezione, è stata documentata attraverso degli “appunti”, schede, che i bambini hanno scritto e compilato nelle pagine di un “diario di bordo”, accuratamente incluso nel loro quaderno di scienze.
  48. 48. SCOPRIAMO L’ACQUA In questo primo modulo sono state svolte riflessioni sull’uso e consumo domestico e non dell’acqua, sulla sua importanza per il benessere della salute e si è proseguito con lo svolgimento di una simpatica attività laboratoriale nella quale i bambini, divisi in piccoli gruppi, hanno constatato quanta acqua è contenuta nei vegetali (verdura e frutta), spremendoli.
  49. 49. LEGGIAMO L’ETICHETTA
  50. 50. PRODOTTI TIPICI E SANA ALIMENTAZIONE
  51. 51. Le nostre colazioni sane
  52. 52. Progetto di prevenzione all’uso e all’abuso di alcol V sez. B SCUOLA PRIMARIA «J. ORSINI» • Lettura del testo narrativo «Che mi combini, Tommaso?» • Elaborati scritti sul tema : Alcool e nicotina, cosa ne pensi? C'è qualcuno della tua famiglia che fuma? Proponi delle strategie per farli smettere. • Analisi delle pubblicità che inducono al consumo di sostanze alcooliche.
  53. 53. IL DIRIGENTE SCOLASTICO LE INSEGNANTI DELLA DIREZIONE DIDATTICA «JOLE ORSINI» DI AMELIA RINGRAZIANO FORMATORI E COORDINATORI DEL PROGETTO DEL SERVIZIO USL UMBRIA 2

×