Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
Summative Presentation
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

0

Share

Download to read offline

malattie mitocondrali

Download to read offline

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

malattie mitocondrali

  1. 1. COME RICONOSCERLE?
  2. 2. ESORDIO <ul><li>L'esordio molto spesso avviene attraverso un deficit visivo, che deriva da una degenerazione della retina o del nervo ottico, oppure attraverso una manifestazione neurologica o neuromuscolare, o con entrambi. </li></ul>
  3. 3. TESTIMONIANZA DI SCIACCO <ul><li>« Con ogni probabilità esiste un valore soglia per cui in una stessa famiglia alcuni membri, che non raggiungono questo valore, hanno disturbi di poco conto, mentre i fratelli che passano il limite a volte non sopravvivono, oppure sono malati molto gravi. Ma non c'è una regola valida per tutti: ci è capitato di avere un paziente di ottant'anni che era sempre stato bene e che a un certo punto ha iniziato ad avere una ptosi palpebrale bioculare, che è rimasta l'unica manifestazione della sua malattia mitocondriale » spiega Monica Sciacco, neurologa del Centro Dino Ferrari del Policlinico di Milano. </li></ul>
  4. 4. COSA FARE <ul><li>Per capire per tempo se si tratta di malattie mitocondriali è quindi indispensabile eseguire una serie di indagini strumentali e di laboratorio, oltre all'osservazione clinica. « Nel 40 per cento dei pazienti si riscontra un aumento della creatinfosfochinasi sierica , e in quasi tutti vi sono livelli di acido lattico molto alti, sia a riposo sia dopo uno sforzo » ricorda la neurologa del Policlinico. « Inoltre l' elettromiografia , l' elettroencefalogramma e la TC consentono di inquadrare la situazione e di tenerla sotto controllo. Ma ciò che forse è di maggior aiuto è l' esame istologico : nei tessuti interessati i mitocondri sono enormi oppure in numero molto superiore alla media. Se poi si fa una biopsia muscolare spiccano, in caso di positività, quelle che vengono chiamate le fibre stracciate o ragged red, forse la caratteristica più tipica delle malattie mitocondriali. Il tutto viene poi completato da un'analisi genetica ». </li></ul>

Views

Total views

595

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

6

Actions

Downloads

4

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×