Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Suono 2 parte

589 views

Published on

Published in: Design
  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

Suono 2 parte

  1. 1. I GRANDI SPAZI e la DIFFUSIONE del Suono: Suono-Rumore-Inquinamento Acustico
  2. 2. ACUSTICA Studio del SUONO e del suo comportamento nei diversi mezzi In senso più ampio, l’acustica è la FISICA del suono, trattato in tutti i suoi aspetti ACUSTICA ARCHITETTONICA: si riferisce a studi e progetti correlati alla trasmissisone del suono in spazi chiusi
  3. 3. Propagazione all’APERTO DIVERGENZA ONDE: Le onde sonore diminuiscono di livello all’aumentare della distanza dalla sorgente, anche in presenza di un mezzo di trasmissione perfetto. ASSORBIMENTO: L’aria è un fluido viscoso, per questo il movimento delle sue particelle è ostacolato appunto dai fenomeni viscosi. EFFETTO BARRIERE: Schermi di varie natura (pareti, edifici, terrapiene) che posti sulla linea di vista tra sor- gente e ricevitore, attenuano la propagazione del suo- no.
  4. 4. Propagazione al CHIUSO (in spazi sufficientemente grandi) PROPAGAZIONE ONDE: a differenza degli spazi aperti, in questo caso il SUONO è ostacolato da pavimenti, pareti, soffiti ed ostacoli di vario genere. LIVELLO SONORO: sufficientemente elevato e distribuito con uniformità. AMBIENTE: Privo di difetti acustici, isolato dai rumori esterni. RIFLESSIONE MULTIPLA: entrando in contatto con le superfici dell’ambiente si ha la produzione di 2 campi sonori che si sovrappongono: - DIRETTO: prodotto dal suono prodotto dalla sorgente - RIVERBERANTE: riflessione energia sonora sulle superfici e sugli oggetti
  5. 5. I principali MATERIALI attraverso i quali il suono sembra diffondersi meglio sono: METALLI (donano calore al suono) LEGNO E BAMBOO (ammorbidiscono) CERAMICA
  6. 6. A.S.G. (acronimo per A.utomatic S.oundscape G.enerator) Software che analizza in tempo reale il rumore dell’ambiente urbano circostante e contrasta il rumore della città creando un’area di paesaggio sonoro risanato. Alle variazioni del rumo- re circostante, il software associa delle composizioni sonore originali, le articola, le ricompone, riuscendo a nasconderne e trasfigurarne l’aggressività, quindi inter-reagisce musical- mente e dinamicamente con le specifiche condizioni ambien- tali di quell’area.
  7. 7. WOOD Lampada risonante
  8. 8. SUONO Opera d’arte in ceramica
  9. 9. HI))((LO. Paesaggi sonori Istallazione sonora site-specific all’Arco della Pace a Milano. Un progetto basato sull’analisi del paesaggio sonoro di un’area caratterizzata dalla presenza di due ambienti contrastanti. HI-FI E LOW-FI Lastre di alluminio e pannelli fonoassorbenti fanno risaltare il contrasto tra i due diversi ambienti, creando situazioni impreviste.Il progetto invita a un ascolto at- tento e induce a una riflessione sull’ecologia acustica, sul paesaggio sonoro, e sulla dimensione uditiva dell’esperienza umana, sia dal punto di vista estetico, che del benessere sociale.
  10. 10. AQUAPHONES Dispositivo sonoro per l’ascolto del fiume. Il suono, attraverso due tubi in allumi- nio, viene direttamente trasportato dalla superficie dell’acqua all’orecchio dell’a- scoltatore.
  11. 11. IVY NOISE Dare forma al rumore. Installazione interattiva formata da fili neri e altoparlanti che cresce come edera su muri bianchi. Alcuni degli altoparlanti riproducono dei rumori ambientali di sottofondo mentre gli altri campionano e ripetono i rumori nati nella sala e prodotti dall’interazione umana.
  12. 12. WALLFIELD Wollscheid ha utilizzato tre facciate del palazzo ponendovi una serie di altoparlan- ti e microfoni interni ed esterni. Connettendo i microfoni interni alle altoparlanti esterne e viceversa, i suoni provenienti dall’ambiente esterno vengono riprodotti a amplificati dentro le stanze della casa, e i rumori prodotti all’interno vengono ritrasmessi fuori dall’edificio. Il suono è digitalizzato e trattato in modo da trasfor- mare l’informazione sonora in toni. I rumori, allora, si mutano in una sorta di melo- dia, che può essere modificata dagli utenti in termini di volume ed equalizzazione del suono.
  13. 13. CONNECTIVE MEMORY La trasformazione della Sala Comune in luce.
  14. 14. TUNED CITY 2008 L’installazione “86-172- 343” è capace di ricre- are un’eco artificiale. I visitatori dell’esibizione sono invitati a interagi- re, parlando, urlando o battendo le mani. Il suo- no, indirizzato all’inter- no dei tubi, percorre la struttura a spirale sino a tornare all’orecchio del visitatore.
  15. 15. SOUND ISLAND Scultura sonora che esplora la trasformazione visuale e acustica del traffico. Il suo- no del mare della Normandia viene trasmesso in diretta attraverso amplificatori in- stallati sulla facciata del monumento. La presenza delle onde che si infrangono sul- la scogliera copre il rumore del traffico, creando l’illusione del traffico silenzioso. Questo si deve alle proprietà acustiche del mare che genera rumore bianco, ovvero un rumore che comprende tutte le frequenze, capace di mascherare gli altri suoni.
  16. 16. O+A Strumenti capaci di plasmare e trasformare l’ambiente sonoro. Il rumore viene fil- trato, modellato e restituito in tempo reale, distillando informazioni musicali dal rumore cittadino e modificando la percezione dello spazio.
  17. 17. MIX HOUSE Abitazione composta da due volumi principali, pre- disposti con tre finestre audiovisive. Ognuna di que- ste finestre sonore, dal profilo curvato, è composta da due elementi: un struttura-lucernaio che rego- la il rumore del traffico aereo e una parabola che concentra i suoni domestici, tutte le informazioni sono inviate ad un sistema audio interno control- labile dalla cucina. Da qui, gli occupanti della casa sono liberi di progettare il soundscape desiderato mixando i suoni dell’ambiente circostante.
  18. 18. KIKKIT Installazione interattiva che unisce suono arte e architettura. Durante partite di basket o calico, i secchielli che ricoprono la rete amplificano il suo- no ogni volta che la palla impatta contro la rete. Frequenza ed intensità variano un base alla poten- za e alla direzione della palla. Sorta di musica.

×