I SOGGETTI DELLAI SOGGETTI DELLA
PREVENZIONE:PREVENZIONE:
OBBLIGHI EOBBLIGHI E
RESPONSABILITA’RESPONSABILITA’
2008
Viene approvato il Decreto Legislativo 9 aprile
2008 n. 81 che integra e completa la sequenza
logica delle normative ...
I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE
CHI SONO?
DATORE DI LAVORO
DIRIGENTI
PREPOSTI
LAVORATORI
Responsabile Servizio Prevenzione e ...
DATORE DI LAVORODATORE DI LAVORO
IL SOGGETTO TITOLARE DEL RAPPORTO
DI LAVORO CON IL LAVORATORE
o, comunque, il soggetto ch...
Nelle Pubbliche Amministrazioni
per DATORE DI LAVORO si intende
IL DIRIGENTE AL QUALE SPETTANO I POTERI DIIL DIRIGENTE AL ...
OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVOROOBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO
la valutazione di tutti i RISCHI LAVORATIVIRISCHI LAVORATIVI es...
OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVOROOBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO
consentire ai RLSRLS di accedere alle informazioni ed alla docu...
SOGGETTI AZIENDALISOGGETTI AZIENDALI
Per l’adempimento dei compiti in merito alle funzioni di:
- VALUTAZIONEVALUTAZIONE,
-...
DIRIGENTEDIRIGENTE
Persona che, in ragione delle competenze
professionali e di poteri gerarchici e funzionali
adeguati all...
DIRIGENTEDIRIGENTE
Ai Dirigenti compete la RESPONSABILITÀ
in ordine all’adozione delle misure generali e
speciali di tutel...
OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE
Il dirigente deve:
conformare la propria attività alle linee del PIANO AZIEND...
OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE
informare ciascun lavoratore sui RISCHI per la sicurezza e la salute
connessi...
OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE
provvedere a che i lavoratori esposti, gli apprendisti e gli studenti,
prima ...
OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE
adottare, in caso di presenza di Lavoratori di IMPRESE
APPALTATRICI operanti ...
PREPOSTOPREPOSTO
Persona che, in ragione delle competenze
professionali e nei limiti di poteri gerarchici e
funzionali ade...
PREPOSTOPREPOSTO
In generale, il preposto sovrintende ad un
settore, reparto, servizio, etc., con funzioni di
IMMEDIATA SU...
PREPOSTOPREPOSTO
Vengono individuati come Preposti le
seguenti FIGURE:
• CAPOSALACAPOSALA
• CAPOTECNICICAPOTECNICI
• COORD...
OBBLIGHI DEL PREPOSTOOBBLIGHI DEL PREPOSTO
vigilare sulla corretta osservanza degli obblighi di prevenzione,
sull’effettiv...
collaborare, con il SPP e con le altre figure aziendali di riferimento,
alla valutazione dei rischi e alla individuazione ...
LAVORATORELAVORATORE
Persona che, INDIPENDENTEMENTE DALLA
TIPOLOGIA CONTRATTUALE, svolge
un'attività lavorativa nell'ambit...
OBBLIGHI DEL LAVORATOREOBBLIGHI DEL LAVORATORE
osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di
lavoro, d...
OBBLIGHI DEL LAVORATOREOBBLIGHI DEL LAVORATORE
non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di
sicurezza ...
Le Responsabilità Operative
Datore di lavoro Dirigente
Gestione (decisione e spesa)
Organizzazione
Controllo
Attuazione
Or...
I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE
CHI SONO?
DATORE DI LAVORO
DIRIGENTI
PREPOSTI
LAVORATORI
Responsabile Servizio Prevenzione e ...
INSIEME DELLE PERSONE, SISTEMI E MEZZI ESTERNI O INTERNI
ALL'AZIENDA FINALIZZATI ALL'ATTIVITA'
DI PREVENZIONE E PROTEZIONE...
APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI IN CINQUE FASI
Fase 1. Individuare i pericoli
e le persone a rischio
Fase. 2 Valutar...
Registrare la valutazione
• La valutazione dei rischi deve essere
documentata.
• La registrazione può essere utilizzata pe...
a) una RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI per
la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella qua...
c) il programma delle MISURE ritenute opportune per
garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di
sicurezza;
d) l'in...
IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI
RISCHI
Il Documento di valutazione dei rischi deve rispondere a 4
REQUISITI:
 COMPLETEZZA...
La VALUTAZIONE E IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI
RISCHI DEBBONO ESSERE RIELABORATI :
• in occasione di modifiche del proce...
La riunione periodica
Quando si tiene:
I componenti
obbligatori:
Argomenti da
trattare:
Vanno
individuati:
almeno una volt...
SERVIZIO DI PREVENZIONE ESERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONEPROTEZIONE
SORVEGLIANZA SANITARIA
PROTOCOLLO SANITARIO
definito dal MEDICO COMPETENTE
in funzione dei rischi specifici presenti in az...
OBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTEOBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTE
Programma ed effettua la sorveglianza sanitaria attraverso
pr...
OBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTEOBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTE
Collabora con il datore di lavoro e con il servizio di preven...
RAPPRESENTANTERAPPRESENTANTE DEI LAVORATORIDEI LAVORATORI
PER LA SICUREZZAPER LA SICUREZZA
Persona eletta o designata per
...
IL NUMERO MINIMO DEI RAPPRESENTANTIIL NUMERO MINIMO DEI RAPPRESENTANTI::
in tutte le altre aziende o unità produttive oltr...
E' consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla
valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione...
Riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla
valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relat...
del TEMPO NECESSARIOTEMPO NECESSARIO allo svolgimento
dell'incarico senza perdita di retribuzione
dei MEZZI E DEGLI SPAZI ...
Chi sono Personale dipendente nominato dal DdL, che sceglie in base
alle capacità e propensioni di ciascuno
Opportunamente...
COMPITI
Non possono
se non
per giustificato
motivo
rifiutare
la designazione
Sorveglianza: controllo visivo (anche quotidi...
SANZIONI
Il Dlgs 81/08 e s.m.i. prevede 3 tipologie di sanzioni:
arresto ammenda sanzioni amministrative
SANZIONI A CARICO DEL DATORE DI
LAVORO E DIRIGENTE (art.55)
OBBLIGHI SANZIONI
Mancata VDR Arresto 3/6 mesi o Ammenda 2500/...
PRINCIPALI SANZIONI A CARICO DEL
PREPOSTO (art. 56)
OBBLIGHI SANZIONI
Sovraintendere e vigilare sui lavoratori Arresto fin...
PRINCIPALI SANZIONI A CARICO DEL
LAVORATORE (art. 59)
INOSSERVANZE SANZIONI
Mancate disposizioni ed istruzioni impartite d...
La legge NON prevede sanzioni contravvenzionali per il RSPP.
E’ un organo meramente consultivo e propositivo, coordinatore...
Le responsabilità del
Medico Competente
Il D. Lgs. 626/04 NON prevedeva sanzioni contravvenzionali per il
Medico Competent...
La legge non prevede contravvenzioni per il RLS
E’ configurabile il concorso di colpa nel reato di evento per
omessa segna...
 Servizi SPISAL delle ASL
 Vigili del fuoco
 Ministero per lo sviluppo economico per il settore minerario
 Regioni e P...
SERVIZIO DI PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA
NEGLI AMBIENTI DI LAVORO delle ASL (SPISAL)
mission istituzionale
– la prevenz...
Verifica dell'attuazione delle norme in
materia di igiene e sicurezza nei luoghi di
lavoro: applicazione del sistema
sanzi...
• VIENE PORTATO A CONOSCENZA DI:
– Contravventore
– Legale rappresentante
– RLS aziendale Prescrizione su cosa fare e in c...
I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE
CHI SONO?
DATORE DI LAVORO
DIRIGENTI
PREPOSTI
LAVORATORI
Responsabile Servizio Prevenzione e ...
• Promuovendo la partecipazione del personale alla valutazione del rischio;
• Favorendo la partecipazione in prima persona...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

2. soggetti

980 views

Published on

Published in: Law
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
980
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
81
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2. soggetti

  1. 1. I SOGGETTI DELLAI SOGGETTI DELLA PREVENZIONE:PREVENZIONE: OBBLIGHI EOBBLIGHI E RESPONSABILITA’RESPONSABILITA’
  2. 2. 2008 Viene approvato il Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 che integra e completa la sequenza logica delle normative precedenti venendo a configurare UN SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALEUN SISTEMA DI PREVENZIONE AZIENDALE  ORGANIZZATOORGANIZZATO  PROGRAMMATOPROGRAMMATO  INFORMATOINFORMATO  PARTECIPATOPARTECIPATO TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. DECRETO LEGISLATIVO 81 /08 - IL TESTO UNICO
  3. 3. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE CHI SONO? DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Medico Competente Addetti Antincendio
  4. 4. DATORE DI LAVORODATORE DI LAVORO IL SOGGETTO TITOLARE DEL RAPPORTO DI LAVORO CON IL LAVORATORE o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'assetto dell'organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività. HA LA RESPONSABILITÀ DELL'ORGANIZZAZIONE STESSA O DELL’ UNITA' PRODUTTIVA IN QUANTO ESERCITA I POTERI DECISIONALI E DI SPESAPOTERI DECISIONALI E DI SPESA.
  5. 5. Nelle Pubbliche Amministrazioni per DATORE DI LAVORO si intende IL DIRIGENTE AL QUALE SPETTANO I POTERI DIIL DIRIGENTE AL QUALE SPETTANO I POTERI DI GESTIONEGESTIONE DATORE DI LAVORODATORE DI LAVORO Il Datore di Lavoro è identificato nella persona del Direttore Generale. Il Direttore Generale, nell’ambito delle strutture sanitarie è coadiuvato dal Direttore Sanitario, dal Direttore Amministrativo e dal Direttore Sociale.
  6. 6. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVOROOBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO la valutazione di tutti i RISCHI LAVORATIVIRISCHI LAVORATIVI esistenti nel luogo di lavoro con la conseguente elaborazione ed aggiornamento del DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI previsto dall’art. 28 D.Lgs. 81/2008; la designazione del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONERESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI e dei relativi ADDETTIE PROTEZIONE DAI RISCHI e dei relativi ADDETTI; del MEDICOMEDICO COMPETENTECOMPETENTE; dell’/degli ESPERTI QUALIFICATIESPERTI QUALIFICATI e del/dei MEDICIMEDICI AUTORIZZATIAUTORIZZATI;; l'individuazione e l’aggiornamento di adeguate MISURE DI PROTEZIONEMISURE DI PROTEZIONE E PREVENZIONEE PREVENZIONE, l’organizzazione e il coordinamento delle attività; l’individuazione, previa consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, dei LAVORATORILAVORATORI incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di GESTIONE DELL’EMERGENZAGESTIONE DELL’EMERGENZA;
  7. 7. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVOROOBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO consentire ai RLSRLS di accedere alle informazioni ed alla documentazione aziendale; provvedere ad indire almeno una volta all’anno la RIUNIONE PERIODICARIUNIONE PERIODICA di cui all’art. 35 del D.Lgs. 81/2008; assicurare, attraverso i Servizi tecnici competenti, che i LUOGHI DILUOGHI DI LAVOROLAVORO siano conformi alle prescrizioni di legge; provvedere all’ adeguamento e alla pulizia dei luoghi di lavoro; assicurare che i luoghi di lavoro siano strutturati tenendo conto di eventuali lavoratori portatori di handicap; applicare l’ art. 26 del D.Lgs. 81/2008 in caso di stipulazione ed esecuzione di CONTRATTI D’ APPALTO O D’ OPERACONTRATTI D’ APPALTO O D’ OPERA, previa verifica da parte dei Servizi competenti della Direzione Approvvigionamenti, Servizi Generali e Tecnici, dell’ idoneità tecnico-professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi, ed avvalendosi della collaborazione del SPP
  8. 8. SOGGETTI AZIENDALISOGGETTI AZIENDALI Per l’adempimento dei compiti in merito alle funzioni di: - VALUTAZIONEVALUTAZIONE, - INFORMAZIONE/FORMAZIONEINFORMAZIONE/FORMAZIONE, - ORGANIZZAZIONEORGANIZZAZIONE,, - VERIFICA e CONTROLLOVERIFICA e CONTROLLO delle attività il datore di lavoro, al fine di assicurare una idonea prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro, si avvale delle seguenti figure aziendali: DirigentiDirigenti PrepostiPreposti
  9. 9. DIRIGENTEDIRIGENTE Persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, ATTUA LE DIRETTIVEATTUA LE DIRETTIVE DEL DATORE DI LAVORODEL DATORE DI LAVORO ORGANIZZANDOORGANIZZANDO L'ATTIVITÀ LAVORATIVA EL'ATTIVITÀ LAVORATIVA E VIGILANDO SU DI ESSA.VIGILANDO SU DI ESSA.
  10. 10. DIRIGENTEDIRIGENTE Ai Dirigenti compete la RESPONSABILITÀ in ordine all’adozione delle misure generali e speciali di tutela di cui al D. Lgs. 81/2008, nell’ambito delle STRUTTURE e FUNZIONI ad essi assegnate in gestione, nonché il compito di garantire che il sistema aziendale di gestione della sicurezza venga applicato e mantenuto adeguatamente.
  11. 11. OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE Il dirigente deve: conformare la propria attività alle linee del PIANO AZIENDALE DI SVILUPPO STRATEGICO E ALLA POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA; collaborare ai fini dell’elaborazione e aggiornamento periodico del DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI fornire al Servizio di Prevenzione e Protezione le INFORMAZIONI in merito alla natura dei rischi, l’organizzazione del lavoro, la programmazione e l’attuazione delle misure preventive e protettive, la descrizione delle apparecchiature, dei dispositivi medici e dei processi produttivi, le eventuali prescrizioni degli organi di vigilanza; assegnare ai lavoratori MANSIONI COMPATIBILI con l’idoneità certificata dal Medico Competente;
  12. 12. OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE informare ciascun lavoratore sui RISCHI per la sicurezza e la salute connessi alle attività in generale e sui RISCHI SPECIFICI cui è esposto in relazione all’attività svolta; informare i lavoratori circa le PROCEDURE DI EMERGENZA, gli interventi di emergenza e di riparo in luogo sicuro; assicurare che ciascun lavoratore riceva una FORMAZIONE SUFFICIENTE ed ADEGUATA in materia di sicurezza e di salute; mettere a disposizione dei lavoratori ATTREZZATURE adeguate al lavoro da svolgere ed idonee ai fini della sicurezza e della salute, ridurre al minimo i rischi connessi all’uso di dette attrezzature e impedire che possano essere utilizzate per operazioni e secondo condizioni per le quali non sono adatte, installarle e utilizzarle in conformità alle istruzioni del fabbricante, GARANTIRNE L’IDONEA MANUTENZIONE;
  13. 13. OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE provvedere a che i lavoratori esposti, gli apprendisti e gli studenti, prima di essere destinati ad attività che li espongono alle RADIAZIONI IONIZZANTI, siano sottoposti a visita medica da parte del Medico autorizzato e allontanare immediatamente dal lavoro comportante esposizione a radiazioni ionizzanti i lavoratori che non risultino idonei. provvedere alla fornitura, manutenzione e pulizia dei DPI; fornire ai lavoratori istruzioni chiare e informazioni sui rischi da cui proteggersi con il dispositivo fornito; utilizzare i LOCALI DI LAVORO in conformità alla loro idoneità d’uso e comunicare al Servizio di Prevenzione e Protezione il CAMBIO DI DESTINAZIONE d’ uso di un LOCALE di propria pertinenza;
  14. 14. OBBLIGHI DEL DIRIGENTEOBBLIGHI DEL DIRIGENTE adottare, in caso di presenza di Lavoratori di IMPRESE APPALTATRICI operanti all’interno della propria struttura, tutte le misure necessarie alla tutela della salute e della sicurezza; adottare le misure e le disposizioni necessarie al controllo delle situazioni di rischio in CASO DI EMERGENZA affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; verificare l'osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei MEZZI DI PROTEZIONE COLLETTIVI e dei DPI messi a loro disposizione; segnalare, qualora non possa provvedervi direttamente, eventuali manchevolezze o necessità di adeguamento dell’ AMBIENTE DI LAVORO.
  15. 15. PREPOSTOPREPOSTO Persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, SOVRINTENDESOVRINTENDE ALLA ATTIVITÀALLA ATTIVITÀ LAVORATIVA ELAVORATIVA E GARANTISCEGARANTISCE L'ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVEL'ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE RICEVUTERICEVUTE, CONTROLLANDONECONTROLLANDONE LA CORRETTA ESECUZIONE DA PARTE DEI LAVORATORI ED ESERCITANDO UNESERCITANDO UN FUNZIONALE POTERE DI INIZIATIVAFUNZIONALE POTERE DI INIZIATIVA
  16. 16. PREPOSTOPREPOSTO In generale, il preposto sovrintende ad un settore, reparto, servizio, etc., con funzioni di IMMEDIATA SUPERVISIONE del lavoro e di DIRETTO CONTROLLO sulle modalità esecutive della prestazione, COORDINANDO conseguentemente uno o più lavoratori.
  17. 17. PREPOSTOPREPOSTO Vengono individuati come Preposti le seguenti FIGURE: • CAPOSALACAPOSALA • CAPOTECNICICAPOTECNICI • COORDINATORI DELLECOORDINATORI DELLE SPECIALIZZAZIONI SANITARIESPECIALIZZAZIONI SANITARIE
  18. 18. OBBLIGHI DEL PREPOSTOOBBLIGHI DEL PREPOSTO vigilare sulla corretta osservanza degli obblighi di prevenzione, sull’effettiva applicazione delle misure di prevenzione e sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione; vigilare sulla corretta esecuzione delle attività secondo le modalità previste nelle procedure specifiche esistenti e, in caso di assenza di queste, con diligenza e attenzione; controllare che le vie di circolazione e di evacuazione siano sempre agibili; controllare il corretto funzionamento delle apparecchiature utilizzate e segnalare tempestivamente al dirigente eventuali malfunzionamenti; controllare il corretto utilizzo di eventuali sostanze pericolose; segnalare l’inosservanza degli obblighi e la mancata adozione delle misure di prevenzione;
  19. 19. collaborare, con il SPP e con le altre figure aziendali di riferimento, alla valutazione dei rischi e alla individuazione delle misure idonee ad eliminare ovvero a ridurre i rischi stessi; attivarsi al fine di eliminare o ridurre al minimo i rischi imprevisti che si possono verificare, dandone immediata ed esauriente informazione al proprio Dirigente e al SPP; OBBLIGHI DEL PREPOSTOOBBLIGHI DEL PREPOSTO provvedere alla formazione, informazione e addestramento dei lavoratori a lui affidati in ordine alle procedure di lavoro, al corretto impiego delle attrezzature e delle sostanze, alle misure di prevenzione e all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale; rendere edotti i lavoratori sui rischi specifici cui sono esposti e provvedere affinché i singoli lavoratori osservino le norme interne, usino i dispositivi di protezione loro forniti e usino correttamente i dosimetri loro assegnati.
  20. 20. LAVORATORELAVORATORE Persona che, INDIPENDENTEMENTE DALLA TIPOLOGIA CONTRATTUALE, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un'arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari.
  21. 21. OBBLIGHI DEL LAVORATOREOBBLIGHI DEL LAVORATORE osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, e le altre attrezzature di lavoro; utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione segnalando immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza; adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
  22. 22. OBBLIGHI DEL LAVORATOREOBBLIGHI DEL LAVORATORE non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori sottoporsi alla sorveglianza sanitaria qualora prevista per i rischi specifici, ai sensi della normativa vigente; partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro; contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all'adempimento di tutti gli obblighi imposti dall'autorità competente o comunque necessari per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro.
  23. 23. Le Responsabilità Operative Datore di lavoro Dirigente Gestione (decisione e spesa) Organizzazione Controllo Attuazione Organizzazione Controllo Attuazione Preposto Controllo Attuazione Lavoratore Attuazione
  24. 24. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE CHI SONO? DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Medico Competente Addetti alle Emergenze
  25. 25. INSIEME DELLE PERSONE, SISTEMI E MEZZI ESTERNI O INTERNI ALL'AZIENDA FINALIZZATI ALL'ATTIVITA' DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI PROFESSIONALI PER I LAVORATORI RSPP ASPP SERVIZIO DI PREVENZIONE ESERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONEPROTEZIONE FINALITA’ DEL SPP:FINALITA’ DEL SPP: Perseguire e garantire con un’azione assidua le migliori condizioni per la salute e la sicurezza dei lavoratori
  26. 26. APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI IN CINQUE FASI Fase 1. Individuare i pericoli e le persone a rischio Fase. 2 Valutare e dare priorità ai rischi Fase 3. Decidere un’azione preventiva Fase 4. Intervenire Fase. 5. Controllo e riesame Registrare la valutazione: il Documento di Valutazione dei Rischi SERVIZIO DI PREVENZIONE ESERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONEPROTEZIONE
  27. 27. Registrare la valutazione • La valutazione dei rischi deve essere documentata. • La registrazione può essere utilizzata per: – trasmettere informazioni alle persone interessate – verificare se sono state introdotte le misure necessarie – fornire una prova alle autorità di vigilanza – revisionare le misure in caso di mutamento delle circostanze. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI
  28. 28. a) una RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i CRITERI adottati per la valutazione stessa; b) l'indicazione delle MISURE DI PREVENZIONE E DI PROTEZIONE attuate e dei DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI adottati, a seguito della valutazione; A seguito della valutazione dei rischi, il datore di lavoro deve elaborare il DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI che deve contenere: IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI
  29. 29. c) il programma delle MISURE ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l'individuazione delle PROCEDURE per l'attuazione delle misure da realizzare, i ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, che devono essere ricoperti unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze. f) l'individuazione delle MANSIONI che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI
  30. 30. IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Il Documento di valutazione dei rischi deve rispondere a 4 REQUISITI:  COMPLETEZZACOMPLETEZZA: identificazione di tutti i pericoli e quantificazione dei rischi  PIANIFICABILITÀPIANIFICABILITÀ: definizione di tutti gli interventi in ordine di priorità  CONSULTABILITÀCONSULTABILITÀ: ogni informazione deve essere disponibile con facilità  AGGIORNABILITÀAGGIORNABILITÀ: ogni modifica deve essere gestita e registrata con facilità
  31. 31. La VALUTAZIONE E IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DEBBONO ESSERE RIELABORATI : • in occasione di modifiche del processo produttivo o dell'organizzazione del lavoro significative • ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione • a seguito di infortuni significativi • quando i risultati della sorveglianza sanitariasorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A SEGUITO DI TALE RIELABORAZIONE, LE MISURE DILE MISURE DI PREVENZIONE DEBBONO ESSERE AGGIORNATE.PREVENZIONE DEBBONO ESSERE AGGIORNATE. IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI
  32. 32. La riunione periodica Quando si tiene: I componenti obbligatori: Argomenti da trattare: Vanno individuati: almeno una volta all’anno in occasione di eventuali significative variazioni delle condizioni di esposizione al rischio il datore di lavoro o un suo rappresentante il RSPP il medico competente, ove nominato i RLS - documento di valutazione dei rischi e attività a consuntivo del SPP; - andamento infortuni, malattie professionali e sorveglianza sanitaria - criteri di scelta, caratteristiche tecniche ed efficacia dei DPI - programmi di informazione e formazione dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori ai fini della sicurezza e della protezione della loro salute - programma delle attività per l’anno successivo codici di comportamento e buone prassi obiettivi di miglioramento della sicurezza complessiva
  33. 33. SERVIZIO DI PREVENZIONE ESERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONEPROTEZIONE
  34. 34. SORVEGLIANZA SANITARIA PROTOCOLLO SANITARIO definito dal MEDICO COMPETENTE in funzione dei rischi specifici presenti in azienda tenendo in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati Medico in possesso di specifici titoli e requisiti formativi e professionali, che COLLABORA CON IL DATORE DI LAVORO AI FINI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHIVALUTAZIONE DEI RISCHI ed è nominato dallo stesso per effettuare la SORVEGLIANZA SANITARIASORVEGLIANZA SANITARIA e per tutti gli altri compiti previsti dal D. Lgs.81/08.
  35. 35. OBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTEOBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTE Programma ed effettua la sorveglianza sanitaria attraverso protocolli sanitari definiti in funzione dei rischi specifici e tenendo in considerazione gli indirizzi scientifici più avanzati; Istituisce aggiorna e custodisce una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria; Fornisce informazioni ai lavoratori sul significato della sorveglianza sanitaria cui sono sottoposti e, nel caso di esposizione ad agenti con effetti a lungo termine, sulla necessità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione della attività che comporta l'esposizione a tali agenti. Fornisce altresì, a richiesta, informazioni analoghe ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; Informa ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria;
  36. 36. OBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTEOBBLIGHI DEL MEDICO COMPETENTE Collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, alla predisposizione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori, all'attività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori, alla organizzazione del servizio di primo soccorso; Comunica per iscritto, in occasione delle riunioni periodiche, al datore di lavoro, al responsabile del servizio di prevenzione protezione dai rischi, ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, i risultati anonimi collettivi della sorveglianza sanitaria effettuata e fornisce indicazioni sul significato di detti risultati ai fini della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori. Visita gli ambienti di lavoro almeno una volta all'anno o a cadenza diversa che stabilisce in base alla valutazione dei rischi;
  37. 37. RAPPRESENTANTERAPPRESENTANTE DEI LAVORATORIDEI LAVORATORI PER LA SICUREZZAPER LA SICUREZZA Persona eletta o designata per RAPPRESENTARERAPPRESENTARE i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro; In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza
  38. 38. IL NUMERO MINIMO DEI RAPPRESENTANTIIL NUMERO MINIMO DEI RAPPRESENTANTI:: in tutte le altre aziende o unità produttive oltre i 1.000 lavoratori 1 RLS nelle aziende ovvero unità produttive sino a 200 lavoratori 3 RLS nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a 1.000 lavoratori 6 RLS RAPPRESENTANTERAPPRESENTANTE DEI LAVORATORIDEI LAVORATORI PER LA SICUREZZAPER LA SICUREZZA L'esercizio delle funzioni di rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e' INCOMPATIBILEINCOMPATIBILE con la nomina di responsabile o addetto al servizio di prevenzione e protezione
  39. 39. E' consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nella azienda E' consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del Medico competente E' consultato in merito all'organizzazione della formazione RAPPRESENTANTERAPPRESENTANTE DEI LAVORATORIDEI LAVORATORI PER LA SICUREZZAPER LA SICUREZZA
  40. 40. Riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente alla valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione e agli ambienti di lavoro, agli infortuni ed alle malattie professionali Riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza Riceve una formazione adeguata RAPPRESENTANTERAPPRESENTANTE DEI LAVORATORIDEI LAVORATORI PER LA SICUREZZAPER LA SICUREZZA Partecipa alla riunione periodica di cui all'articolo 35 Fa proposte in merito alla attività di prevenzione Può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro o dai dirigenti e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro
  41. 41. del TEMPO NECESSARIOTEMPO NECESSARIO allo svolgimento dell'incarico senza perdita di retribuzione dei MEZZI E DEGLI SPAZI NECESSARIMEZZI E DEGLI SPAZI NECESSARI per l'esercizio delle funzioni e delle facoltà riconosciutegli Su sua richiesta e per l'espletamento della sua funzione riceve COPIA DEL DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NON PUÒ SUBIRE PREGIUDIZIO ALCUNO ANON PUÒ SUBIRE PREGIUDIZIO ALCUNO A CAUSA DELLO SVOLGIMENTO DELLACAUSA DELLO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITÀPROPRIA ATTIVITÀ DEVE DISPORRE: RAPPRESENTANTERAPPRESENTANTE DEI LAVORATORIDEI LAVORATORI PER LA SICUREZZAPER LA SICUREZZA
  42. 42. Chi sono Personale dipendente nominato dal DdL, che sceglie in base alle capacità e propensioni di ciascuno Opportunamente formato ai sensi del DM 10.03.98 Quanti sono In numero sufficiente a coprire le esigenze dell’azienda, in base alla valutazione dei rischi Responsabilità Hanno responsabilità penali per “omissione di soccorso” GLI INCARICATI DELLE MISURE ANTINCENDIO
  43. 43. COMPITI Non possono se non per giustificato motivo rifiutare la designazione Sorveglianza: controllo visivo (anche quotidiano) - Porte e vie (libere) - Segnaletica (visibile e integra) - Luci di emergenza (funzionanti) - Mezzi di estinzione (accessibili) Controlli periodici (almeno semestrali) - Funzionalità degli impianti tecnologico - Efficienza dei presidi antincendio Partecipazione alla manutenzione, segnalando i malfunzionamenti Collaborazione con i Vigili del Fuoco GLI INCARICATI DELLA SQUADRA ANTINCENDIO
  44. 44. SANZIONI Il Dlgs 81/08 e s.m.i. prevede 3 tipologie di sanzioni: arresto ammenda sanzioni amministrative
  45. 45. SANZIONI A CARICO DEL DATORE DI LAVORO E DIRIGENTE (art.55) OBBLIGHI SANZIONI Mancata VDR Arresto 3/6 mesi o Ammenda 2500/6400 € Incompleta compilazione DVR Ammenda 2000/ 4000 € Nomina RSPP Arresto 3/6 mesi o Ammenda 2500/6400 € Fornire DPI Arresto 2/4 mesi o Ammenda 1500/6000 € Formazione lavoratori Arresto 2/4 mesi o Ammenda 1200/5200 € Informazione lavoratori Arresto 4/8 mesi o Ammenda 1500/6000 € Designazione addetti anti-incendio e primo soccorso Arresto 2/4 mesi o Ammenda 750/4000 € Informazione,Formazione,Addestramento addetti anti-incendio e primo soccorso Arresto 2/4 mesi o Ammenda 750/4000 € Nomina Medico Competente Arresto 2/4 mesi o Ammenda 1500/6000 € Effettuare riunione periodica per decidere i programmi di sicurezza (+ 15 lavoratori) Sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 6600 €
  46. 46. PRINCIPALI SANZIONI A CARICO DEL PREPOSTO (art. 56) OBBLIGHI SANZIONI Sovraintendere e vigilare sui lavoratori Arresto fino a 2 mesi o ammenda 400/ 1200 € Richiedere l’osservanza delle disposizioni per gestire le situazioni di rischio Arresto fino a 2 mesi o ammenda 400/ 1200 € Segnalazione tempestiva al datore di lavoro delle deficienze dei mezzi Arresto fino a 2 mesi o ammenda 400/ 1200 € Astenersi dal richiedere la ripresa del’attività in caso di pericolo Arresto fino a 2 mesi o ammenda 400/ 1200 € Verificare che i lavoratori abbiano avuto adeguata formazione Arresto fino a 1 mese o con ammenda da €200 a €800 Informare i lavoratori Arresto fino a 1 mese o con ammenda da €200 a €800 Partecipare a corsi di formazione Arresto fino a 1 mese o con ammenda da €200 a €800
  47. 47. PRINCIPALI SANZIONI A CARICO DEL LAVORATORE (art. 59) INOSSERVANZE SANZIONI Mancate disposizioni ed istruzioni impartite dal datore di lavoro Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Utilizzo scorretto delle attrezzature di lavoro Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Utilizzo non appropriato dei DPI Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Segnalazione non immediata di qualsiasi condizione di pericolo conosciuto Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Compiere di propria iniziativa operazione o manovre non competenti Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Non partecipare ai programmi di formazione e addestramento Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 € Non sottoporsi ai controlli sanitari previsti Arresto fino ad 1 mese o Ammenda 200/600 €
  48. 48. La legge NON prevede sanzioni contravvenzionali per il RSPP. E’ un organo meramente consultivo e propositivo, coordinatore della sicurezza sul lavoro. Non ha potere decisionale. E’ un supporto tecnico del datore di lavoro. Tuttavia il RSPP è responsabile del reato di evento se l’infortunio si verifica a causa della consulenza erroneamente resa. Le responsabilità del R.S.P.P.
  49. 49. Le responsabilità del Medico Competente Il D. Lgs. 626/04 NON prevedeva sanzioni contravvenzionali per il Medico Competente INOSSERVANZE SANZIONI Mancata consegna al DL a fine incarico della documentazione sanitaria Arresto fino a 1 mese o Ammenda 200/800€ Mancata Programmazione della Sorveglianza Sanitaria Arresto fino a 2 mesi o Ammenda 300/1200 € Mancata informazione ai lavoratori interessati dei risultati della sorveglianza sanitaria Sanzione Amministrativa Pecuniaria 600/2000 € Violazione dell’ obbligo di collaborare con il DL alla Valutazione dei Rischi Arresto fino a 3 mesi o Ammenda 400/1600€ NOVITA’ D. LGS. 81/08 Art.58
  50. 50. La legge non prevede contravvenzioni per il RLS E’ configurabile il concorso di colpa nel reato di evento per omessa segnalazione rischi eventualmente individuati. Le responsabilità del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza
  51. 51.  Servizi SPISAL delle ASL  Vigili del fuoco  Ministero per lo sviluppo economico per il settore minerario  Regioni e Province Autonome per le industrie estrattive di seconda categoria e le acque minerali e termali  Il Ministero del Lavoro (Servizi Ispettivi delle Direzioni Territoriali del Lavoro) anche in materia di sicurezza e salute del lavoro nelle seguenti attività e informandone preventivamente le ASL:  Costruzioni edili o di genio civile, lavori in sotterraneo e gallerie anche comportanti l’impiego di esplosivi;  Lavori mediante cassoni in aria compressa e lavori subacquei;  Ulteriori lavori comportanti rischi particolarmente elevati. IL SISTEMA ISTITUZIONALE DI VIGILANZA
  52. 52. SERVIZIO DI PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO delle ASL (SPISAL) mission istituzionale – la prevenzione delle malattie professionali e degli infortuni causati o correlati al lavoro – il miglioramento del benessere del lavoratore strumenti – vigilanza – assistenza – informazione IL SISTEMA ISTITUZIONALE DI VIGILANZA
  53. 53. Verifica dell'attuazione delle norme in materia di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro: applicazione del sistema sanzionatorio di cui al D.Lgs 758/94 Controllo dei fattori di nocività attraverso misurazioni dei principali inquinanti ambientali Riconoscimento delle cause e delle responsabilità nei casi di infortunio e malattia professionale Il servizio SPISAL VIGILANZA
  54. 54. • VIENE PORTATO A CONOSCENZA DI: – Contravventore – Legale rappresentante – RLS aziendale Prescrizione su cosa fare e in che modo – Procuratore della Repubblica • SI TRATTA DI VIOLAZIONI DI LEGGE O DECRETI; • VIENE SEMPRE DATO UN TEMPO PER LA SUA REALIZZAZIONE • NON PUO’ ESSERE FATTO RICORSO • VIENE AVVIATA L’AZIONE PENALE da parte della Procura • C'È SEMPRE UNA SANZIONE / AMMENDA DA PAGARE • IL PAGAMENTO ESTINGUE L'AZIONE PENALE VERBALE DI CONTRAVVENZIONE CON PRESCRIZIONI Il servizio SPISAL
  55. 55. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE CHI SONO? DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Medico Competente Addetti alle Emergenze OTTICA SISTEMICA
  56. 56. • Promuovendo la partecipazione del personale alla valutazione del rischio; • Favorendo la partecipazione in prima persona del Personale nella raccolta di osservazioni ed indicazioni in tema di SSL ed il loro coinvolgimento nella stesura di procedure operative per le attività di propria competenza; • Incoraggiando i preposti a creare e gestire momenti dedicati alla discussione di temi relativi alla sicurezza in piccolo gruppo; • Introducendo brevi momenti dedicati alla sicurezza negli spazi routinari destinati ad altri obiettivi; • Coinvolgendo i lavoratori nell’analisi delle situazioni e nelle proposte di miglioramento; • Garantendo feedback circa le soluzioni proposte e i cambiamenti adottati; • Predisponendo sistemi di segnalazione anonimi; • Premiando, attraverso forme di riconoscimento sociale, i lavoratori più attivi in questo senso. IN CHE MODO? IL COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORIIL COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORI

×