Green ideas # 26 amicizie e parcheggi a new york city

216 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
216
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Green ideas # 26 amicizie e parcheggi a new york city

  1. 1. Green Ideas #26: Amicizie e parcheggi a New York cityLaccordo per un posto auto condiviso tra un pedriatra dellUpper East Side e unambulante turco del Queen
  2. 2. NEW YORKIl parcheggio è uno dei problemi principali per chi abita inuna metropoli, ma due newyorkesi sembrano aver trovato lasoluzione.Invece di pagare centinaia di dollari al mese nei garagecustoditi o vagare per ore alla ricerca di un posto liberolungo la strada, un pediatra dell’Upper East Side e unvenditore ambulante di frutta turco hanno deciso dicondividere un parcheggio.
  3. 3. Ogni mattina alle 8 il dottor Doug Waite esce di casa, sale sulla suaVolvo station wagon e si dirige verso l’ambulatorio di DobbsFerry, cittadina di 10.000 abitanti a mezz’ora da Manhattan.Appena il pediatra lascia libero il posto, Sait Kumtas, che aspettava inseconda fila, posteggia e monta la sua bancarella di frutta all’angolofra la 96th Street e Lexington Avenue, cominciando la giornata dilavoro. La sera le parti si invertono.Il dottor Waite avverte il venditore turco del suo arrivo con un triplicecolpo di clacson. Kumtas, che nel frattempo ha già caricato la fruttanel suo furgone bianco, mette in moto e torna dalla sua famiglia nelQueens.A quel punto il dottor Waite parcheggia e sale a casa.
  4. 4. La loro partnership è iniziata per caso. Il pediatra, 50 anni, era uncliente di Kumtas, che di anni ne ha 45, e i due si salutavano ognimattina.Un giorno si scambiarono il posto auto ed ebbero un’illuminazione:condividere quel parcheggio gratuito, una delle cose più rare eambite di Manhattan, gli avrebbe fatto risparmiare tempo, denaro earrabbiature.«Sait aveva bisogno di una persona che gli tenesse il posto, di mododa poterci parcheggiare il giorno dopo», ha raccontato il dottorWaite al New York Post.«Così ci siamo organizzati». Kumtas, che è arrivato negli Stati Uniti da16 anni, di cui 7 spesi all’incrocio fra la 96th Street e LexingtonAvenue, decise così di rendere ufficiale l’accordo.
  5. 5. I due si scambiarono anche i numeri di telefono, per potersiavvertire in caso di ritardo.La loro partnership, ingegnosa e originale, va ormai avanti dadue anni con ottimi risultati e nel frattempo il pediatra e ilvenditore ambulante sono anche diventati amici.Quando ad esempio la nipote di Kumtas si è laureata alla scuolainfermieri, il dottor Waite le ha fatto avere un colloquio di lavoroal Mount Sinai Hospital.
  6. 6. Gli unici problemi si verificano quando uno dei due si dimentica diavvertire l’altro della propria assenza.«Una volta eravamo andati a trovare mio figlio all’università inMaine e ho ricevuto una telefonata da Sait che mi domandavadove fossi finito», ha ricordato ridendo il dottor Waite.È così che un venditore di frutta turco e un pediatra dell’UpperEast Side, quartiere residenziale e benestante di New York, hannorisolto il problema del parcheggio.Fonte: Andrea Marinelli, Corriere della sera, 10 Giugno 2012
  7. 7. E’ un’iniziativa www.aurive.it

×