Green Ideas #13:      La mia scuola      a impatto zero    In un libro di MarcoBoschini, il racconto di una serie di inizi...
Scuola a impatto zero?Si, perché anche le scuole possono diventare esempi di eco-compatibilità, contribuendo a ridurre l’i...
Si elencano iniziative semplici quanto efficaci, come l’acqua del rubinettoutilizzata in mensa, i detersivi sfusi o ecolog...
Un altro esempio citato dal libro è il progetto degli eco-euro inventatidal Comune di Camigliano, nel casertano.In pratica...
Altri studenti, quelli per esempio dell’istituto professionale Chini diBorgo S.Lorenzo (Firenze), hanno invece progettato ...
Dettagli del libro
Titolo: La mia scuola a impatto zero. Ricette virtuose per tagliare labolletta energetica e moltiplicar...
E’ un’iniziativa    www.aurive.it
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Green ideas # 13 la mia scuola a impatto zero

376 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
376
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Green ideas # 13 la mia scuola a impatto zero

  1. 1. Green Ideas #13: La mia scuola a impatto zero In un libro di MarcoBoschini, il racconto di una serie di iniziative virtuose nelle scuole italiane
  2. 2. Scuola a impatto zero?Si, perché anche le scuole possono diventare esempi di eco-compatibilità, contribuendo a ridurre l’inquinamento, risparmiareenergia e diminuire la quantità dei rifiuti.Un fenomeno poco conosciuto ma in realtà già avviato, anche seancora a macchia di leopardo in tutt’Italia, come documenta ilvolume “La mia scuola a impatto zero”, scritto da MarcoBoschini, educatore e coordinatore dell’Associazione Nazionale deiComuni Virtuosi.Tutte le esperienze raccontate nel libro hanno un punto di contatto: ilcosto pari a zero.
  3. 3. Si elencano iniziative semplici quanto efficaci, come l’acqua del rubinettoutilizzata in mensa, i detersivi sfusi o ecologici per lavare banchi epavimenti, l’introduzione nelle aule di arredi ecologici e lampadine a bassoconsumo.L’autore suggerisce un facile slogan: “Fare attenzione ai comportamentiquotidiani“. Tutti insieme: insegnanti, genitori, alunni possono fare ladifferenza, se si sentono parte attiva di un percorso di cambiamento.Un esempio lo offrono i “guardiani della luce” del liceo ambientale di LavenoMombello (Varese).In ogni classe c’è uno studente che tutti i giorni vigila sullo spreco di energiaelettrica, spegnendo la luce quando le lezioni sono finite e aprendo le tendese necessario.Risultato? La scuola ha ottenuto un risparmio del 55% sulla bollettaelettrica, racconta nel libro Boschini.Questi accorgimenti possono determinare interessanti risparmi anche sullarisorsa idrica e sui rifiuti.
  4. 4. Un altro esempio citato dal libro è il progetto degli eco-euro inventatidal Comune di Camigliano, nel casertano.In pratica, l’Amministrazione stanzia dei fondi e li stampa sotto formadi una moneta ecologica, l’eco-euro appunto, che ha uncorrispettivo in euro reali.Per aggiudicarseli, i bambini devono convincere i genitori aconsegnare la maggior quantità possibile di rifiuti speciali all’eco-centro: dagli olii vegetali alle pile esauste, dai telefonini usati ai PC.Una vera e propria gara di raccolta che insegna ai piccoli come tuttii prodotti della casa si possano riciclare.
  5. 5. Altri studenti, quelli per esempio dell’istituto professionale Chini diBorgo S.Lorenzo (Firenze), hanno invece progettato e costruitoloro stessi un pannello solare.Infine, in vari paesi e città si sta diffondendo ilpiedibus, organizzato spesso da associazioni di genitori insieme aivigili.A turno mamme, papà o altri volontari si organizzano peraccompagnare a scuola gruppi di allievi, con tutti i benefici cheuna passeggiata può portare, non solo all’ambiente, ma anchealla salute.Boschini chiude suggerendo una ricetta per il successo: “Perprima cosa mai imporre le pratiche virtuose: tutto deve essereconosciuto e condiviso da tutti gli attori della scuola, dagliinsegnanti fino al personale ausiliario.Poi serve adattare il progetto al proprio territorio, e infine, nonbisogna aver paura di dare sfogo all’ingegno“.Fonte: Tuttogreen
  6. 6. Dettagli del libro
Titolo: La mia scuola a impatto zero. Ricette virtuose per tagliare labolletta energetica e moltiplicare l’educazione ambientale.Autore: Marco BoschiniAnno di pubblicazione: 2012
Casa editrice: EdizioniSonda
Pagine: 96 pag.
Prezzo: 10 euro
ISBN: 978 8871066424Links:Articolo del Corriere della Sera sul libroSito dove è possibile acquistare il libro
  7. 7. E’ un’iniziativa www.aurive.it

×