FORMENTERA, Vivi el Mediterraneo

843 views

Published on

Published in: Travel
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
843
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

FORMENTERA, Vivi el Mediterraneo

  1. 1. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:34 Página 1 Formentera, vivi il Mediterraneo
  2. 2. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:34 Página 2 Cammino di Sa Pujada
  3. 3. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:34 Página 3 Formentera, 4 Formentera, 12 Fichi come cattedrali i colori del paradiso 16 Un’isola per essere 7 Acqua e sabbia affascinante conosciuta dal mare vivi il 10 Isola di tesori e avventura 18 Mappa geografica di Formentera e informazione turistica Mediterraneo
  4. 4. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 4 Platja d’Illetes Formentera, Il paradiso è uno stato d’animo. Si basa in un paesaggio armonico, pieno di belleza e allo stesso tempo accogliente. Un senso del tempo lento, avvolgente, profondo. E soprattutto è la i colori del paradiso sensazione di essere in un piccolo mondo, lontano dai problemi e conflitti, lontano da tutto. Un mondo raggiungibile, fatto per l’umanità. L’isola del tesoro. Queste sono, precisamente, le particolarità di Formentera. Formentera è l’isola che si trova più al sud dell’Arcipielago Baleare. Fin dai tempi hippy ha servito per simboleggiare il paradiso, la terra perfetta, il luogo nel quale si è felice. Il semplice fatto di arrivarci solamente in barca concede all’isola un carattere romantico. Bisogna fare una traversa e vivere l’arrivo minuto a minuto. 4
  5. 5. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 5 immersione Immersione Posidonia Fondali marini Vedere come Ibiza scompare, appaiono Formentera non ha grandi paesini. Sant isolotti e subito ci ritroviamo accanto a un Francesc di Formentera, il centro municipale terreno pianeggiante con promontori alle e Sant Ferran de ses Roquetes sono paesini estremità. carini, affabili e gradevoli per passegiare. Il Pilar de la Mola, continua essendo una zona Un’isola che sembra essere uscita da una dispersa, mentre Es Pujols è un piccolo favola, visto che in lontananza si percepisce paesino turistico. una luce. Come se entrassimo in un’altra dimensione delle cose. Da sempre, Formentera simboleggia l’antidoto dello stress e i mali del mondo moderno. In certo modo, questa è la verità. Come isola Le sensazioni si moltiplicano. Con solo dentro delle isole, Formentera è uno spazio toccare una pietra o osservare il mare colore con le proprie regole. La prima, non c’è mai turchese ti entra voglia di diventare artista. Il fretta. Dato che è un paesaggio piano, il cielo fascino, il segreto di Formentera, parla sembra essere enorme. Si vedono passare le direttamente all’anima. nuvole lentamente. L’imbrunire è interminabile. Anche il rapporto umano gode di questa tranquillità. 5
  6. 6. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 6 Cala Saona
  7. 7. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 7 sole e spiaggia Ses Salines Platja des Migjorn Acqua e sabbia Ciò che stupisce di più a colui che visita Formentera sono le sue acque. Un mare che va dal turchese, quasi bianco, fino al verde scuro del fondo sottomarino. La zona più affascinante spettacolare si trova al nord, vicino al porto La Savina. Lì troviamo Ses Salines, uno spazio che forma parte della Riserva Naturale di Ses Salines d’Ibiza e Formentera. Le saline si estendono lungo una zona sabbiosa, da nord a sud dove troviamo lo spettacolare stagno dell’isola: Estany Pudent. Invece, proprio al nord c’è un sentiero che ci porta entro pinete e dune verso Ses Illetes. Parliamo di un lungo promontorio di sabbia che sembra arrivare fino Ibiza. 7
  8. 8. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 8 Faro di Barbaria È un luogo unico. Una lingua di sabbia che una piscina d’acqua dolce all’interno. È vicina Ibiza. Sono molto fotografiche e permette godere di due mari, sicuramente difficile trovare un posto nel quale ci sembra offrono molti luoghi segreti per nuotare o uno calmo e l’altro mosso. Uno blu scuro e di essere vicini alla civiltà. stare al sole. l’altro argentato. La sabbia così bianca contrasta con il cielo e il mare. Non c’è La costa, Es Pujols, la piccola località L’altro grande arenile dell’isola si trova nient’altro. È l’assoluta purezza del turistica dell’isola, ci offre una spiaggia nella spiaggia del Migjorn, la costa sud di paesaggio. molto carina. Con il vantaggio di un acceso Formentera. Attraversate le dune, dove si facile e la vicinanza di tutti i tipi di servizi. trovano chioschi bar ormai mitici, il mare L’estensione di sabbia si stringe a misura che È una delle spiagge più familiari dell’isola. abbracia tutto l’orizzonte. Stare lì ti da una ti avvicini all’estremo settentrionale. Fino sensazione di libertà senza limiti. finire nel canale di Es Trucadors. Un piccolo Per coloro che cercano esattamente l’opposto Osserviamo, a un estremo, Cap de Barbaria, braccio di mare che separa l’isola dal vicino si verificano luoghi come la Punta de sa un piccolo promontorio roccioso, con il faro isolotto Espalmador. Una stampa di Pedrera. Ci si arriva percorrendo il Estany che fece diventare famoso Julio Médem con Robinson Crusoe. des Peix, uno specchio d’acqua sempre il film “Lucia e il sesso”. silenzioso, luminoso. Dove dormono molte Espalmador, al quale solo si arriva in barca, barche. In Punta de sa Pedrera forme di una Oltre a queste ampie spiagge, Formentera ha sembra una autentica isola remota. Ci sono vecchia cava appaiono palchi teatrali. In salvato innumerevoli luoghi di grande solo due case, spiaggia di sabbia, scogliera e contrasto con il mare e lo skyline della fascino. 8
  9. 9. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 9 blu Cammino di Sa Pujada Es Caló de Sant Agustí In alcuni si può godere di gradevoli bagni, in Fare il bagno a Formentera significa godere di compagnia del paesaggio. Tra Es Caló de Sant sensazione di pienezza. Immergersi nelle Agustí e La Mola, si apre una costa rocciosa. acque trasparenti e luminose, vedere il blu Nascoste tra gli scogli, si trovano le del cielo, sentire la sabbia calda sotto ai tradizionali casette per salvare le barche. La piedi. Sembra un rito di depurazione, una roccia forma piattaforme di pietra ed entrate purificazione. Qualcosa che non solo riesce a dal mare per coloro che sanno come trovarli. riempire di pienezza gli stimoli del corpo, ma che proporziona una calma quasi spirituale. La Mola s’innalza su di un dirupato lasciando La fusione con il paesaggio, con l’acqua e con ai piedi Es Racó de sa Pujada, una cala di il sole. Parliamo di una fusione con acque chiare e antiche grotte di pietra arenaria. l’universo. Si tratta di uno spettacolo davvero magico. 9
  10. 10. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 10 Isola di tesori e avventura La singolarità di Formentera inizia nella propria storia. Il sepolcro megalitico di Ca na Costa, di 4.000 anni di antichità, è il monumento più spettacolare della prima occupazione umana nelle Baleari. È un dolmen, costruito con enormi lastre di pietra. Nel Cap de Barbaria si conservano rovine di diverse civiltà preistoriche, e in alcune grotte de La Mola sono apparsi relitti dell’epoca. Più tardi, fenici e cartaginesi frequentarono Formentera, allora conosciuta come Ophiusa o Isola dei serpenti. Non si sa il motivo di questo nome visto che non ci sono serpenti nell’isola. Le prove della presenza umana sono evidenti. Da questi tempi procede il nome di Formentera, alcuni lo fanno derivare da frumentaria (grano, frumento) e altri da Promontoria (per i suoi due promontori). Il dirupato della Mola mostra numerose grotte. Una di queste, conosciuta come la Cova del Fum (Grotta del fumo), fu protagonista di una fatto che apparse riflesso nelle favole nordiche. Chiesa La Mola 10
  11. 11. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 11 cultura Nel secolo XI, quando l’isola era governata dai mussulmani, il re norvegese Sigurd attaccò a un gruppo di pirati que tenevano buoni marinai ed hanno conservato fedelmente le loro tradizioni come il “cant pagés” (canto dei contadini): cantano con nelle grotte un tesoro. Per sloggiare, fece un accento chiuso, e mentre si coprono la arrivare una nave vikinga che lanciò fiaccole faccia con le mani. accese dentro la grotta e soffocò agli occupanti. L’abito tradizionale è diverso da Ibiza. E la combinazione particolarmente suggestiva di Questo ritmo d’avventura, questo modo di quei cappelli di paglia e donne che indossano fare continua per secoli. vestiti lunghi neri o scuri. In Sant Francesc de Nei secoli XVI e XVII, Formentera si trovava Formentera, il museo etnologico lascia vedere nella prima linea di guerra tra il cristianesimo oggetti del passato dell’isola, come i mulini a e l’islam. L’isola era disabitata prima dei vento o artilugi del lavoro con il sale. continui attacchi dei pirati. Era piena di folta vegetazione, più di un pirata barbaresco ha La gastronomia è particolare. Pesce secco, nascosto qui i frutti delle loro depredazioni. lasciato seccare vicino al mare, lo usano L’isola del tesoro. come condimento per piatti come l’insalata. I dolci più conosciuti sono le “Orelletes”, Di nuovo, nel secolo XVIII l’isola fu abitata. “Bunyols” e “Flaó”, quest’ultimo è una torta Questo spiega la chiesa di Sant Francesc de di formaggio alla menta. Per non parlare del Formentera, solida come una fortalezza, vino che viene prodotto a Formentera o il serviva da punto di difesa allo stesso modo tradizionale vino dei contadini. che le torri che si trovano ovunque la costa. Formentera offre sensazioni di avventura, Una delle ricchezze di Formentera fu il sale, ritorno al passato. Come nel faro della Mola, che si lavorava in condizioni faticose per davanti al mare, proprio in direzione tutti. Ancora oggi si conservano gli stangi nei l’Algeria. Un ritratto romantico che ricorda il quali prima si evaporava parte dell’acqua e riferimento per l’isola fatto da Jules Verne nel dopo si cristalizzava il sale. suo romanzo Hector Servadac. E che, ogni notte, sorveglia con locchio di luce la zona “Pagesa” L’isola fu scorperta dai hippy intorno agli della Mola. anni sessanta. Diventò il simbolo del paradiso. Restano ancora tante cose di quell’epoca: artesania, vestiti di lana, musica e i mercatini. La storia di Formentera non è stata facile. Gli abitanti hanno dovuto combattere con i pirati, convivere con la mancanza d’acqua e mancanza di prodotti e risorse che gli obbligava ad emigrare verso l’America. Perciò la gente è piuttosto chiusa, abituata a situazioni di difficoltà. Si considerano Casa tipica 11
  12. 12. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:35 Página 12 Fico Fichi Uno dei grandi vantaggi di Formentera è la sua dimensione: 83 chilometri quadri senza montagne ne grandi divari. È quindi un come cattedrali luogo ideale per muoversi in bicicletta. Soprattutto grazie ai circuiti verdi che consentono entrare all’interno di Formentera, traversando il cuore dellisola, da più di venti sentieri. Il paesaggio di Formentera colpisce per molte cose. Ad esempio gli alberi di fico di grandi dimensioni i cui rami sono sorretti da puntelli di legno. All’interno vi è una tonalità molto particolare, che in estate combina le luci e le ombre con il suono del vento delle foglie. Quando si guardano in lontananza sono vere cattedrali della natura, 12
  13. 13. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 13 natura Paesaggio rurale con rami lunghi e una sagoma unica. Non c’è Inoltre, a Formentera c’è pino, ginepro e da stupirsi che a volte gli hippy le usassero soprattutto la grande area di dune che come autentiche case. circonda la spiaggia di Migjorn e le saline. Sabbia, finissima, attraversata da radici di I muri di pietra che coprono i campi sono albero, che sembrano sculture. bassi e il paesaggio pianeggiante di Formentera offre un aspetto molto bucolico: Un territorio unico sono i due laghetti, che case circondate da recinzioni, pecore, capre, sono come gli occhi dell’isola. I riflessi che si vigneti. Tutto molto ben proporzionato, come formano in essi nelle ore di alba o tramonto i disegni che le rappresentano. E sempre, in raggiungono alcune tonalità incredibili. ogni angolo, le inevitabili lucertole, di un Giochi di nuvole, blu, grigio, toni rosa o verde luminoso, come pietre preziose. rosso. Ci sono momenti in cui non si distingue ciò che è il cielo dallo stagno. Come se lisola avesse due cieli. 13
  14. 14. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 14 Ses Salines Cap de Barbaria offre una visione che tocca La Mola è un altro mondo. Un altopiano che l’anima. Quando si passa attraverso l’area sembra essere sorta di “seconda Formentera”. denominata Pla del Rei, la solitudine è Tradizionalmente si ci arrivava dal Camí de schiacciante. Solo c’è una strada diritta, che sa Pujada, un cammino di ciottoli. Da lì si conduce direttamente al faro. E lunghe può vedere tutta l’isola come un modello, un estensioni laterali di roccia lunare. Le pietre luogo sulla mappa del mondo. colpite dal sole e il vento crepitano cuando vengono pestate. Sullo sfondo, le scogliere piene di gabbiani. Un autentico dirupato da cui si osservano le onde infrangersi contro gli scogli. Lì si trova la famosa Cova Foradada (Grotta Bucata), una cavità che conduce al baratro. Riceve tante visite che facilmente si trova il cammino in mezzo alle roccie. 14
  15. 15. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 15 passeggiate Faro di La Mola Cammino di Sa Pujada Quando si sta a La Mola, sentiamo qualcosa Essendo un altopiano perfetto, La Mola può di speciale. Domina l’orizzonte, il mare. E anche essere visto dall’esterno. Ci permette di tutto attorno a te si trova una piccola conoscere luoghi sorprendenti. Come Sa geografia di case, recinzioni, piccoli boschi, Cala, un piccolo molo ai piedi della scogliera, che fanno sembrare l’isola quasi infinita. e Cala Codolar, a lungo conosciuta per l’atterraggio delle forniture per i guardiani La Mola è un universo chiuso in se stesso. del faro. Le scale che salgono dal mare verso Si trova la piccola chiesa del Pilar de la su sono talmente verticali che possono Mola, presso la quale il mercato artigianale produrre vertigini. si tiene ogni mercoledì e domenica. Questo è uno degli eventi da non perdersi quando si va a Formentera. 15
  16. 16. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 16 Un’isola per essere conosciuta dal mare Se c’è un luogo ideale per il turismo nautico, si tratta di Formentera. Diversi fattori rendono l’isola un centro per la navigazione. In primo luogo, la varietà dei suoi 69 miglia di costa, permettendo in poco tempo conoscere e godere di paesaggi molto diversi. Le barche dell’isola sono al porto di La Savina, dove arrivano i traghetti veloci da Ibiza. Questo è un grande posto di chiamata, con molte attrezzature e ben protetti. L’esistenza di fondali ricchi spiega che le immersioni in realtà siano lo sport per eccelenza a Formentera. La trasparenza delle acque e la loro ricchezza biologica rende all’immersione momenti indimenticabili. Oggi, La Savina è un porto moderno, con alberghi, ristoranti, negozi e un fitto attivo settore di noleggio di macchine e biciclette. Nonostante le innovazioni, mantiene ancora il suo carattere. Dal porto si osserva alll’orizzonte Ibiza e l’isolotto di Es Vedrà. s’Espalmador 16
  17. 17. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 17 nautica Un’altra destinazione per molti navigatori è l’isolotto di Espalmador, situato al nord dell’isola. Ha un buon riparo nel golfo di Alga, Il faro di La Mola, situato a 118 metri di altezza, indica l’est della Mola. Dopo aver superato Punta Roja, il sentiero conduce ad sabbia e un paesaggio che non è cambiato per un altro bacino: S’Estufador. Le colline sono secoli. L’acqua, in questa sezione tra Ses Illetes coperte di boschi e ruscelli. Ora si vede e Espalmador acquisisce una gamma di colori l’inizio dell’estensione sabbiosa del Migjorn, e luminosità molto difficile da trovare in altre una spiaggia carina che prende una sorta di parti del Mediterraneo. semicerchio e conduce infine al promontorio secondo di Formentera: Cap de Barbaria. All’est di Formentera si trova la proiezione di Punta Prima, accanto alla località di Es Sia La Mola che Es Cap –così com’è noto Pujols. E da lì si corre lungo la costa nord nell’isola - è un vero e proprio spettacolo dal dell’isola, mostrando piccole scogliere e zone mare. Per la maestosità delle scogliere e rocciose, senza la sabbia del sud. La costa ha l’abbondanza di uccelli che lo abitano. È la un fascino particolare, soprattutto nel porto punta più meridionale dell’isola, e se si peschereccio di Es Caló de Sant Agustí. supera entriamo in una zona rocciosa, che L’esistenza di un monastero in La Mola conduce verso la Punta de la Galera e Punta durante il Medioevo ha dato origine a piccoli de sa Pedrera. La zona di mare che inizia da moli, ovali, intorno ai quali si innalzano qui e va verso l’isola di Espardell, situata a numerosi bacini di barca. Questa è una delle est, è parte della riserva naturale di Ses immagini più suggestive dell’isola. Le barche Salines d’Eivissa i Formentera, ed è stata partono da lì a pescare al di là di La Mola, e dichiarata Patrimonio Mondiale per la Punta Prima quando tornano sono alzate da rampe per ricchezza delle sue praterie di posidonia. proteggerle dal sole. Osservare Formentera dal mare è come fare Dopo Es Caló de Sant Agustí inizia la un passo indietro nel tempo. Tutto è vicino, scogliera della Mola, proprio in un angolo c’è sempre un rifugio. E vedere la sagoma conosciuto come Es Racò de sa Pujada. Un delle scogliere da vicino, come se le potessi ingresso circondato da scogliere, acque toccare, è un’esperienza indimenticabile. turchesi e una grotta sul mare. Sembra un paesaggio fuori dell’Odissea. Attraversare La Mola dal mare è un’esperienza unica. La rupe aumenta, massiccia e imponente, come un castello enorme. Circa 200 metri. Sulle pareti si possono vedere centinaia di cavità, grotte e pareti in pietra quasi verticale. La zona è selvaggia, senza riparo, e con moli come Sa Cala o Cala Codolar. Es Caló de Sant Agustí 17
  18. 18. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 18 OSPEDALE AREA NATURALE INFORMAZIONE CAPPELLE E SANTUARIO FARO TORRE DI DIFESA GIACIMENTO ARCHEOLOGICO MUSEO - MONUMENTO CICLOTURISMO ATTIVITÀ NAUTICHE 18
  19. 19. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 21/12/10 15:44 Página 19 Ufficio d’informazioni turistiche La Savina Ferry Terminal Building Telefono: 971 322 057 - Fax: 971 322 825 e-mail: turismo@formentera.es Ufficio Informazioni Turistiche Sant Francesc de Formentera Plaza de la Constitución s/n e-mail: turismo@formentera.es Ufficio Informazioni Turistiche Es Pujols Strada Espalmador, all’angolo di Avenida Miramar e-mail: turismo@formentera.es Edita: ATB, Agència de Turisme de les Illes Balears, Conselleria de Turisme i Treball, Govern de les Illes Balears Coordina: Dpto. di pubblicità ATB Collabora: Consell Insular de Formentera Concetto, design e layout: dcp3.es Fotografie: © Mateu Bennàssar, Manu San Félix, Jaume Capellà, Manuela Muñoz, Manfred, Pedro Coll. Archivio fotografico ATB. Foto Copertina: s’Espalmador Testo: © Carlos Garrido Traduzione: Maria Vidal Stampa: Bahía Industria Gráfica Deposito legale: PM - 1239 - 2010 Edizione: Ottobre 2010 Stampa su carta Creator Star Ses Illetes Se desidera collaborare con qualche commento per migliorare la prossima edizione di questo volantino può mandare un email a: publi@atb.caib.es. Grazie.
  20. 20. AF Formentera 2010 ITA_Maquetación 1 26/11/10 11:36 Página 20 www.formentera.es www.illesbalears.es

×