Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Drivers! Le risorse che non ti aspetti

96 views

Published on

Workshop presentato all'AgileVenture MI c/o Sky

Published in: Leadership & Management
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Drivers! Le risorse che non ti aspetti

  1. 1. Drivers! le risorse che non ti aspetti Valentina Pieroni, Marco Perrando, Andrea Torino Rodriguez Milano, 26 gennaio 2019
  2. 2. Chi siamo Valentina Pieroni valentinapieroni@gmail.com https://www.linkedin.com/in/valentina-pieroni/ Marco Perrando marco.perrando@gmail.com https://www.linkedin.com/in/marcoperrando/ @marcoperrando Andrea Torino Rodriguez rodryz@gmail.com https://www.linkedin.com/in/andrearodriguez/ @agilerod
  3. 3. Sommario Cambiare è difficile.... Comportamenti in AT L’Alleato inconsapevole (Te stesso) Sperimentiamo
  4. 4. Ci siamo lasciati così...
  5. 5. Persone, Team & A.T. buoni propositi...
  6. 6. pessimi risultati...
  7. 7. Persone, Team & A.T. riconoscere ambito e confini di una interazione sociale...
  8. 8. Eric Berne 1910 - 1970
  9. 9. Andiamo avanti (con il vostro aiuto…)
  10. 10. Resistenza al cambiamento
  11. 11. Tre categorie di resistenza CULTURALE PERSONALE INTELLETTUALE QUI NON FUNZIONERA’ NON VEDO VANTAGGI PER ME NON L’HO CAPITO
  12. 12. “Gli individui e le interazioni più che i processi e gli strumenti”
  13. 13. Una categoria su tutte CULTURALE PERSONALE INTELLETTUALE QUI NON FUNZIONERA’ NON VEDO VANTAGGI PER ME NON L’HO CAPITO
  14. 14. Cosa volevate fare da grandi?!
  15. 15. Chi lo conosce?
  16. 16. 14 ottobre 2012
  17. 17. Il disegno del bambino Felix Baumgartner
  18. 18. “...un piano di vita inconscio che si basa su una decisione presa durante l’infanzia, rinforzata dai genitori, giustificata dagli eventi successivi, e che culmina con una scelta decisiva”. -- Eric Berne. 1962
  19. 19. più semplicemente...
  20. 20. Lo schema della nostra resistenza al cambiamento
  21. 21. è alla base delle nostre decisioni e le condiziona
  22. 22. possiamo migliorare e superare questo schema
  23. 23. Drivers! il workshop
  24. 24. La Storia della nostra vita Ognuno di noi ha scritto la storia della propria vita Cominciamo a scriverla dalla nascita
  25. 25. E vissero per sempre felici e contenti...
  26. 26. I tempi Quando abbiamo 4 anni, abbiamo deciso le parti essenziali della trama A 7 anni abbiamo completato la storia in tutti i dettagli principali Da allora sino all’età di circa 12 anni le abbiamo dato ritocchi e aggiunto qua e là qualche dettaglio Nell’adolescenza poi l’abbiamo riveduta, aggiornandola con personaggi più aderenti alla vita reale
  27. 27. Tipologie Come tutte le storie, la storia della nostra vita ha un inizio, un punto di mezzo e una fine Ha i suoi eroi, le sue eroine, i suoi cattivi e i suoi intrecci secondari Può essere comica o tragica, mozzafiato o noiosa, fonte d’ispirazione o banale
  28. 28. Consapevolezza Ora che siamo adulti gli inizi della nostra storia sono al di fuori della portata della nostra memoria cosciente... Può darsi che a tutt’oggi non siamo consapevoli di averla scritta... Tuttavia, in assenza di questa consapevolezza, è probabile che vivremo questa storia come la componemmo tanti anni fa.
  29. 29. Questa storia è il nostro Copione
  30. 30. Definizione Il copione è la base dell’identità personale, necessaria per dare senso alla propria esistenza È il programma di vita di una persona, che ne stabilisce la meta e il modo e i tempi per raggiungerla Si basa su convinzioni che l’individuo si è formato in seguito all’accettazione di messaggi genitoriali, diretti o indiretti, verbali e non, reali o fantasticati.
  31. 31. Il copione è decisionale I bambini non sono passivi nei confronti degli eventi a cui assistono e partecipano, ma interpretano e reagiscono agli stimoli Decidono come porsi nei confronti del mondo ● “se piangendo otterrò le risposte ai miei bisogni, alzerò la voce” ● “se recitando la poesia riceverò applausi, penserò di essere capace di suscitare interesse negli altri”
  32. 32. Il copione è decisionale Le decisioni di copione sono prese sulla base delle emozioni e dall’esame di realtà dell’individuo Ognuno parte dalla domanda “come posso cavarmela meglio nel mondo?”
  33. 33. Il copione è decisionale È una struttura flessibile nei momenti di benessere e rigida nei momenti di stress. Viene anche inteso, appunto, come schema resistente al cambiamento, anche quando il cambiamento porterebbe a un funzionamento sano della persona, o a un maggior benessere Questo perché tali strategie furono le migliori che il bambino poteva elaborare, ma non sempre sono adeguate da persona adulta e possono causare disturbi comportamentali, relazionali ed emotivi
  34. 34. Come cambiare Il copione Non si può cambiare ciò che è stato, ma attraverso un percorso di consapevolezza dei meccanismi messi in atto, possiamo darci il permesso di superare le decisioni più negative che limitano l’espressione di sé, le scelte e le opportunità Il copione può essere modificato e riscritto per tutto il corso della vita
  35. 35. Il copione è il programma di vita unico ed irripetibile come un’impronta digitale tuttavia ...
  36. 36. Bob e Mary Goulding hanno constatato che come base delle prime decisioni negative emergono sempre dodici temi
  37. 37. Le 12 ingiunzioni
  38. 38. Sentirsi privi di valore inutili o indegni di amore. Prendere in considerazione l’idea di suicidio “Vorrei che non fossi mai nato”, “La tua esistenza è un peso” Non esistere Non essere te stesso La definizione dell’identità personale è ostacolata dalle aspettative genitoriali. “Sii il bambino che io ho immaginato” , “Sii poco femminile, volevo il maschio”, “Sii come tuo nonno”
  39. 39. Ci si sente adeguati solo se si tiene un comportamento adulto, razionale Non sapersi divertire da grandi o sentirsi fuori luogo negli ambiti di festa. “Sei troppo grande per…”, “Sono l’unico grande qui...” Non essere bambino Non crescere Si sente di poter essere amati solo se si resta bambini, Non realizzarsi in obiettivi adulti Sentirsi a disagio nell’essere sexy, Non lasciare la famiglia di origine “Ho bisogno di essere mamma/papà ... non crescere” , “Rimani il mio piccolo compagno di giochi”
  40. 40. Arrivare quasi al raggiungimento degli obiettivi senza mai raggiungerli “Fai del tuo meglio... ma mai meglio di me!” Non riuscire Non fare niente Oscillare tra una scelta e l’altra, sentendo di non arrivare a nulla ma lasciando il cambiamento inagito “Smettila!! Può essere pericoloso qualsiasi cosa sia”
  41. 41. Sentirsi amati/accettati solo se si rinuncia alla propria affermazione sociale Rimanere sempre in posizione subordinata, piuttosto auto-sabotandosi Sentirsi in forte difficoltà in ruoli guida a prescindere dalle proprie capacità Non chiedere quello che si vuole “Qui tu e i tuoi desideri siete in secondo piano” Non essere importante Non far parte Essere asociali o solitari, non sentirsi parte di alcun gruppo, sentimento di in appartenenza e disadattamento “Tu sei o devi essere diverso”
  42. 42. Non riuscire a essere spontaneo, relazionarsi prevalentemente per rituali, non fidarsi, mantenere distanza nelle relazioni Nucleo familiare poco affettuoso o che ridicolizza il bambino. Nucleo violento Non essere intimo Non stare bene Ci si può sentire amati/accuditi, si possono esprimere i propri bisogni solo se non si è sani. Ammalarsi ogni qualvolta le cose vadano male. Malattie psicosomatiche. “Ci sarò solo quando stai male...”
  43. 43. Svalutazione della capacità di esprimere le proprie opinioni, valutazioni, capacità di analisi ed elaborazioni Andare spesso in confusione, delegare scelte rilevanti, posticipare all’infinito e/o in alcuni ambiti specifici “Alla burocrazia ci pensano gli uomini”, “Ai figli pensano le donne”, “Non imparerai mai la matematica ...” Non pensare Non sentire Non sentire i propri bisogni e le proprie emozioni, ansia, panico, problemi di salute di varia natura, incapacità di gestire le emozioni “Non ti arrabbiare ... Non essere triste”, “Non hai freddo….”, “Ho freddo copriti...”
  44. 44. Come le Ingiunzioni anche le Controingiunzioni possono essere infinite, ma T. Kahler (1974) sostenne che possano rientrare in 5 categorie
  45. 45. Le 5 Spinte
  46. 46. Le Spinte rispecchiano una posizione di essere “ok”, ma condizionato
  47. 47. Sii Perfetto “Tu sei Ok solo se fai tutto bene” Compiaci “Tu sei Ok solo se piaci agli altri” Sii Forte “Tu sei Ok solo se nascondi le tue emozioni agli altri. Non fare vedere che sei debole” Sforzati “Tu sei Ok se ti sforzi a fare le cose” Sbrigati “Tu sei Ok se fai tutto in fretta”
  48. 48. Spinte e Copione Le Spinte sembrano aiutare a reagire al Copione ma lo rinforzano Ogni qualvolta entro in un comportamento Spinta mi autorizzo a non sentire il «peso» dell’ingiunzione: “Se mi sbrigo potrò avere la promozione...e riuscire!” Tuttavia non sempre la spinta è funzionale: aver fatto tutto di fretta ha portato ad un pessimo lavoro “È proprio vero che non posso riuscire!”
  49. 49. Spinte e Ingiunzioni Se non riesco costantemente a mantenermi nella spinta, rafforzo l’ingiunzione Se non sono sempre perfetto, se non piaccio a tutti, ecc. allora non posso appartenere, riuscire, essere importante, ecc.
  50. 50. Spinta primaria Ognuno di noi esibisce tutti e cinque i comportamenti spinta. La maggior parte delle persone ha una spinta che esibisce con maggior frequenza: SPINTA PRIMARIA Alcune persone hanno due spinte primarie più o meno con la stessa frequenza...
  51. 51. La Spinta è un comportamento ed è quindi segnalato da un insieme peculiare di parole, toni di voce, gesti, atteggiamenti, espressioni facciali
  52. 52. Parole: Include spesso le parentesi, usa dei qualificatori che non aggiungono alcuna informazione (probabilmente, possibilmente, si potrebbe dire che, come abbiamo visto…) Toni di voce: Ben modulati, né alti né bassi sempre adeguati Gesti: Conta sulle dita della mano per accompagnare ciò che dice con lettere o numeri, la mano può massaggiare il mento nel gesto di chi sta pensando Corpo: eretto, ben bilanciato Espressioni facciali: Gli occhi guardano in alto e di lato (meno spesso in basso), fa spesso pause nel parlare come se cercasse di leggere la risposta perfetta scritta da qualche parte Sii perfetto
  53. 53. Compiaci Parole: Usa spesso parole o frasi interrogative: “Va bene per te?” “Ok?” Toni di voce: Voce alta, vuole farsi sentire Gesti: Annuisce con il capo Corpo: Spalle tirate su e in avanti. Si china verso l’altro, limita gli spazi personali, può sembrare deduttivo Espressioni facciali: Guarda ed ascolta con il volto inclinato un po’ in avanti, cerca lo sguardo dell’altro, bocca sorridente ma che risulta poco autentico
  54. 54. Sii Forte Parole: Usa spesso termini che trasmettono una responsabilità esterna rispetto a se stesso; “Tu mi fai arrabbiare” (invece di “sono arrabbiato”), “Questo libro mi annoia”, “sono stato costretto a …”, anche generalizzazioni e stereotipi quali “la gente”, “gli uomini/le donne..” Toni di voce: Piatto, monotono, solitamente basso Gesti: È contrassegnato da un’assenza di gesti Corpo: Atteggiamento di chiusura, braccia incrociate. Il corpo trasmette immobilità Espressioni facciali: Il volto è privo di espressioni e immobile
  55. 55. Sforzati Parole: Usa spesso “quello che sto cercando di dire…”, “cercherò…”, “proverò….”, “non posso”, “è difficile” Toni di voce: Toni attutiti, lunghe pause tra una frase e l’altra Gesti: Spesso una mano è posta vicino agli occhi o accanto ad un orecchio come per sentire o vedere qualcosa Corpo: Spesso il corpo è chinato in avanti (come il Compiaci), posizione generalmente curva, volto aggrottato Espressioni facciali: La persona aggrotta le sopracciglia, il contorno occhi e a volte tutto il volto possono essere solcati da piccole rughe
  56. 56. Sbrigati Parole: “Sbrigati”, “Dai fai presto”, “Forza, andiamo”, “Non ho tempo di..” Toni di voce: Veloce come una mitragliatrice, emissione delle parole spesso tanto rapida da mischiarle Gesti: Tamburella con le dita, agita i piedi o il corpo, si dimena nella sedia e guarda spesso l’orologio Corpo: Movimento generale del corpo, a volte agitazione Espressioni facciali: Frequenti e rapidi cambiamenti nella direzione dello sguardo
  57. 57. Drivers! il workshop
  58. 58. Lemony Snicket Park©
  59. 59. Un Parco Giochi ispirato ai racconti di Lemony Snicket “una serie di sfortunati eventi”
  60. 60. Il vs. Committente (Conte Olaf)
  61. 61. La vs. Impresa (Orfani Baudelaire)
  62. 62. ...potreste essere soggetti a qualche “sfortunato evento”
  63. 63. Il Committente è esigente...
  64. 64. Elementi da costruire ● 667 Viale Oscuro ● Casa Baudelaire (con cunicolo) ● Casa di Olaf ● Carosello Caligari ● Acquario Anwhistle ● Caffè Salmonella ● Lago Lacrimoso ● Casa Zia Josephine ● Emporio Ultima Chance ● Grotta della Gorgone ● Hotel Climax (10 piani) ● Biglietteria Lemony Snicket P.
  65. 65. Svolgimento ● 10 min. Creazione Team e Backlog ● Partenza costruzione (3 iterazioni) ● 3 x 10 min. costruzione ○ Organizzatevi al meglio per l’obiettivo ○ Seguite le indicazioni del Committente (anche durante la costruzione) ● 5 min. Disposizione finale costruzioni
  66. 66. Pronti ?
  67. 67. Costruzione in corso... 10 min...
  68. 68. Cosa ci portiamo a casa?
  69. 69. Autorizzazioni ogni messaggio “Spinta” ha un antidoto detto Autorizzazione
  70. 70. Autorizzazione Sei abbastanza bravo così come sei “Sii Perfetto”
  71. 71. Autorizzazione Piaci a te stesso “Compiaci”
  72. 72. Autorizzazione Sii aperto riguardo ciò che vuoi e a ciò che senti, ed esprimi i tuoi desideri “Sii forte”
  73. 73. Autorizzazione Vai avanti e fai ciò che desideri “Sforzati”
  74. 74. Autorizzazione Prenditi il tempo necessario “Sbrigati”
  75. 75. La consapevolezza delle spinte proprie e dell’altro permette di Non entrare in, o cessare un comportamento spinta Non entrare in, o cessare un conflitto di spinte con l’altro Non entrare in, o cessare una collusione di spinte con l’altro Contrattualizzare con se stesso e con il collega un progetto realistico Utilizzare consapevolmente e costruttivamente le performance acquisite nel comportamento spinta
  76. 76. Grazie ...domande?

×