D ic e m b r e 2 0 0 1                                                                                                    ...
In copertina:Una splendida ripresa della ViaLattea effettuata da Roque de                                                 ...
SOMMARIOAlmanacco                     Predire i                                                       InquinamentoPianeti ...
4           ALMANACCO                                                                            I l cielo di  L’ALMANACCO...
5                         Data      A.R.  Decl.         D.A.    Elong. Magn. Sorge Tram Il giorno 21 è al nodo discendente...
6I satelliti                                                                          unoccultazione di Saturno da        ...
LA COMETA C/2000 WM1 (LINEAR)                                                                                             ...
8                                               Data          Sorge Tram                    A.R.            Dec        Mag...
9    Lorbita della    C/2000 WM1    a cura di Giovanni GreattiLorbita della C/2000 WM1 (LINEAR), Gregorio E. Drayer. [http...
10                  NOTIZIARIOE’ COSTRUITO DAANSALDO IL PIU’ POTENTE“OCCHIO” ASTRONOMICODEL MONDOI   l Large Binocular Tel...
11La Linear S4 al                                               Il gruppo di ricerca era interessato a        precisione a...
12del tipo Nakhlite cadde nel 1911 ad AbuHommos in Egitto. La leggenda diceche una delle pietre abbia colpito educciso un ...
13                 SITO DEL MESEIl Sito dell’ AAVSO                                                                Oggi lA...
14Manuale Osservativo in HTMLIntroduzioneCapitolo 1 - PreparazioneCapitolo 2 - Fare le osservazioniCapitolo 3 - Le Stelle ...
15                 INQUINAMENTO LUMINOSOCara Redazione,                              luminosi che illuminano le vie del pa...
16notare circondandosi di luci diffuse in       articolate su eccessivi livelli e di difficileogni direzione (luci che agl...
17fondamentale per la cultura, sia                  inquinate in mezzo al mare. Potrebbe perciòumanistica che scientifica,...
18                   SISTEMA SOLAREReport preliminare                                                      Asher-McNaugt 1...
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Astroemagazine n21
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Astroemagazine n21

1,129 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,129
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Astroemagazine n21

  1. 1. D ic e m b r e 2 0 0 1 21 Astroemagazine the first italian astronomical e-zine Leonidi 2001: un report preliminare I calendari lunari di CUMAAstroemagazine n° 21 – Dicembre 2001 Sul web: http://astroemagazine.astrofili.org Gli Osservatori Astronomici Pontifici a Roma Il sito dell’AAVSO X EP H EM 2p http://astroemagazine.astrofili.org
  2. 2. In copertina:Una splendida ripresa della ViaLattea effettuata da Roque de AstroemagazineLos Muchachos (2400 m s.l.m.) the first italian astronomical e-zinea La Palma (Isole Canarie - Spagna)da Giuseppe Marino e Claudia n° 21 – Dicembre 2001Russo Gruppo del Gruppo AstrofiliCatanese. Compositazione edelaborazione digitale diSaverio Cammarata.Direttore tecnico e WebMaster: EDITO RIALETrisciani Damiano Cari lettori,Coordinatore Editoriale: la notizia di questo mese è senza dubbio la partenza, entro pochissimoPiter Cardone tempo, del Large Binocular Telescope (LBT) da Milano, dove è statoEditor PDF e Webmaster: realizzato negli stabilimenti dellAnsaldo, a Mestre, dove si imbarcherà per ilSalvatore Pluchino Texas e, infine, verrà trasportato in Arizona. Si tratta, per il nostro Paese, del più grande progetto concernenteFondatori:Fabio De Sicot, Mirko Sotgiu lastronomia osservativa dopo il Telescopio Nazionale Galileo (TNG) delle Canarie. LItalia, in questo nuovo telescopio, ha una partecipazione di tuttoPromoters: rispetto, il 25%, pari solo a quella dellArizona State University e di unSalvatore Pluchino, Saverio Cammarata,Marco Galluccio consorzio di enti di ricerca tedeschi. Ciò consente allItalia non solo di confermarsi come una grane potenzaCollaboratore linguistico: scientifica nel campo dellastronomia mondiale (suggellata dalla PresidenzaSimonetta De Rosa dellIAU, lUnione Astronomica Internazionale di Franco Pacini), ma anche diRedazione: gestire in prima persona due tra i telescopi più grandi e di modernaDamiano Trisciani, Salvatore Pluchino, Fabio concezione.De Sicot, Piter Cardone, Luca Zanchetta,Gabriele Profita, Ippolito Forni, Tony Scarmato, AstroEmagazine, ben conscia dellimportanza di questo avvenimentoMarco Galluccio, Saverio Cammarata, Luca (purtroppo non esistevamo ancora allepoca del TNG...:-)), ha preparatoIzzo, Mauro Facchini, Andrea Tasselli, Riccardo uno speciale sul Large Binocular Telescope impreziosito dalle intervisteRenzi, Mirko Sotgiu, Davide Nava, FedericaPirovano, Roberto Benatti, Antonio Catapano, allastronomo Franco Pacini (vice presidente del LBT Corporation Board ofRaffaello Lena, Roberto Lodigiani, Lorenzo Directors) e allIngegnere Luciano Miglietta, Coordinatore del team diLovato, Massimiliano Razzano, Valerio Zuffi, ingegneri che ha realizzato il LBT!!Marco Cai, Luca Ricci.Hanno collaborato a questo numero: Ringraziando i due stimati interlocutori per la loro disponibilità e, perDavide Nava, Saverio Cammarata, Giovanni lorganizzazione delle interviste, la gentile Sabrina Ragone della Accento, viGreatti, Matteo Chinellato, Piter Cardone,Gabriele Profita, Albino Carbognai, Raffaello aspettiamo numerosi allappuntamento con il nuovo anno, che si aprirà conLena, Franco Ruggieri, Luigi Ruffini, Tullio un numero di AstroEmagazine... "col botto"!Aebisher, fabio De Sicot, Mario magi, ValerioZuffi, Mauro Facchini, Salvatore Pluchino,Daniele Vigano, Enrico Perissinotto, fabrizio La RedazionePiermaria, Paolo Candy, Pietro Ducci, SergioSaltamonti, Valerio Fosso, Bruno Cirillo, AlbertoTonelli, Luca Arcoraci, Modesto GabrieliFrancescato, Stefano Brambillasca, ElenaGandini, Alessandro MaggiSu Internet:http://astroemagazine.astrofili.orgE-Mail: astroemagazine@astrofili.orgTutto il materiale pubblicato su questo numeropuò essere riprodotto solo dietro autoriz-zazione formale rilasciata dall’autoredell’articolo, e con citazione obbligatoria dellafonte. astrofili.org
  3. 3. SOMMARIOAlmanacco Predire i InquinamentoPianeti Gamma Burst pag.12 Luminosodi Davide Nava pag.4 Risposte allaLa Luna di Dicembre Il sito dell’ “let t era apert a” pag.15di Saverio Cammarata pag.5Satelliti di Giovedi Davide Nava pag.6 AAVSO di Gabriele Profita pag.13 Rapporto ISTIL pag.16Pioggie di meteore Report preliminare Il Bolide del 4 Nov 2001di Saverio Cammarata pag.6 sulle Leonidi 2001 di A.Carbognani, E. Aime,La C/2000 WM1 F. Scarpa pag.26 L’astronomia “disegnata” Il quintetto di Stephan di Luigi Ruffini pag.28 Gli Osservatori Astronomicidi Giovanni Greatti pag.7 Pontifici a Roma di Albino Carbognani pag.18Comete Impatti sulla Luna?di Saverio Cammarata pag.9Notiziario Certezze e incertezze di Raffaello Lena pag.20 I calendari lunari di Tullio Aebischer pag.29 di CUMA AstroLinux: XEphem 2° PuntataIl Large Binoc ularTelescope pag.10 di Fabio De Sicot pag.34 di Franco Ruggieri pag.21 Astronauti ca di Saverio Cammarata pag.38 AeM Tecnica Spazio alle foto! LA FOTOGRAFIA ASTRONOMICALinear S4 al Subaru pag.11Meteoriti marziane pag.11 3° Parte di Valerio Zuffi AeM Digit@le pag.43 CCD Gallery di Mario Magi pag.39La prima atmosfera Posta e Annunci pag.51extrasolare pag.12 di S.Pluchino e M.Facchini pag.47
  4. 4. 4 ALMANACCO I l cielo di L’ALMANACCO D i c e mb re DI ASTROEMAGAZINE a cura di Davide Nava Data A.R. Decl. D.A. Elong. Magn. Sorge Tram h min ° " ° h min h min Dalla tabella qui a sinistra èMercurio 1 16 18 -21 56 4,6 2W -1,1 6 24 15 28 possibile avere le effemeridi dei 6 16 52 -23 34 4,6 1E -1,2 6 45 15 34 pianeti per tutto il mese di 11 17 26 -24 42 4,6 4E -1,0 7 05 15 34 Dicembre (in bianco) e per i primi 16 18 01 -25 17 4,7 6E -0,9 7 23 15 56 dieci giorni di Gennaio (in giallo). 21 18 36 -25 16 4,8 9E -0,8 7 38 16 12 26 19 11 -24 38 5,0 12 E -0,8 7 50 16 30 Legenda A.R.:ascensione retta 31 19 45 -23 22 5,3 15 E -0,8 7 58 16 51 Decl.:declinazione 6 20 23 -21 24 5,6 18 E -0,7 8 13 17 18 D.A.:diametro apparente 11 20 48 -18 42 6 19 E -0,6 8 07 17 35 Elong.:elongazione Magn.:magnitudineVenere 1 15 44 -18 57 10,1 11 W -3,9 5 35 15 07 Sorge/Tramonta:gli istanti del 6 16 10 -20 24 10,0 9W -3,9 5 48 15 06 sorgere e del tramonto sono 11 16 36 -21 37 10,0 8W -3,9 6 00 15 08 calcolati per la città di Milano (lat. 16 17 03 -22 34 9,9 7W -3,9 6 12 15 10 45° 27 59" N,long. 9° 11 30" E). 21 17 30 -23 14 9,9 6W -3,9 6 22 15 15 N.B.: i tempi indicati sono in T.U. 26 17 58 -23 36 9,9 5W -3,9 6 32 15 21 (Tempo Universale), per ottenere 31 18 25 -23 40 9,9 3W -3,9 6 40 15 29 il tempo locale bisogna 6 18 58 -23 20 9,9 2W -3,9 7 01 15 41 aggiungere 1 ora quando vige lora 11 19 25 -22 44 9,9 1W -3,9 7 05 15 52 solare, 2 ore quando vige lora legale. Le effemeridi di posizione Marte 1 21 48 -14 43 7,4 75 E +0,4 11 18 21 29 dei pianeti si riferiscono a 0h T.U. 6 22 02 -13 23 7,2 74 E +0,4 11 07 21 29 11 22 15 -12 00 7,0 72 E +0,5 10 55 21 28 Mercurio 16 22 29 -10 34 6,8 71 E +0,6 10 43 21 28 E invisibile per quasi tutto il 21 22 43 -9 07 6,6 70 E +0,6 10 31 21 28 mese poiché è vicino al Sole, 26 22 56 -7 38 6,4 68 E +0,7 10 19 21 28 solo verso lultima decade del 31 23 10 -6 07 6,3 67 E +0,7 10 07 21 27 mese si renderà visibile a sud- 6 23 26 -4 18 6,1 65 E +0,8 10 01 21 33 ovest subito dopo il tramonto 11 23 39 -2 46 5,9 64 E +0,9 9 48 21 33 del Sole per circa 1 ora. Il giorno 4 è in congiunzione Giove 1 7 02 +22 35 45,5 144 W -2,6 18 01 9 15 superiore e il 6 è allafelio. Il 2 è 6 7 00 +22 39 46,0 150 W -2,6 17 39 8 53 in congiunzione con Antares (3° 11 6 58 +22 43 46,3 156 W -2,7 17 17 8 32 54 N), il 15 con la Luna (1° 37 16 6 55 +22 47 46,6 161 W -2,7 16 54 8 10 S) e il 23 con Sigma Sag (1° 18 21 6 52 +22 51 46,9 167 W -2,7 16 32 7 48 N). Il giorno 1 è nella 26 6 49 +22 55 47,0 173 W -2,7 16 09 7 26 costellazione dello Scorpione 31 6 46 +22 59 47,0 179 W -2,7 15 46 7 04 per poi passare in quella 6 6 43 +23 04 46,0 175 E -2,7 15 15 6 51 dellOfiuco fino al giorno 13 ed 11 6 40 +23 08 45,7 169 E -2,7 14 52 6 28 infine in quella del Sagittario. Il diametro varia da 4,6" (inizio 1 4 41 +20 19 20,6 176 W +0,4 15 52 6 44 mese) a 5,3" (fine mese). LaSaturno 6 4 40 +20 16 20,6 177 E +0,4 15 27 6 18 magnitudine è di -0,7 per tutto 11 4 38 +20 13 20,6 172 E +0,4 15 05 5 56 il mese. 16 4 36 +20 11 20,5 166 E +0,5 14 44 5 35 21 4 34 +20 08 20,5 161 E +0,5 14 23 5 13 Venere 26 4 33 +20 06 20,4 155 E +0,5 14 02 4 52 E visibile a sud-est al mattino 31 4 32 +20 04 20,3 150 E +0,6 13 41 4 30 mezzora prima del sorgere del 6 4 30 +20 02 20,2 144 E +0,7 13 18 4 22 Sole fino a metà mese per poi 11 4 29 +20 00 20,1 138 E +0,7 12 58 4 01 rendersi invisibile a causa del progressivo avvicinamento al Sole. Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  5. 5. 5 Data A.R. Decl. D.A. Elong. Magn. Sorge Tram Il giorno 21 è al nodo discendente. h min ° " ° h min h min Il 9 è in congiunzione con Antares (5° 06 N) e il 14 con la Luna (50 Urano 1 21 35 -15 04 3,4 72 E +6,1 11 07 21 12 S). Fino al giorno 4 è nella 11 21 36 -14 58 3,4 63 E +6,2 10 28 20 34 costellazione della Bilancia, passa 21 21 38 -14 50 3,3 53 E +6,2 9 50 19 57 in quella dello Scorpione fino al 31 21 40 -14 42 3,3 43 E +6,2 9 11 19 20 giorno 9,poi in quella dellOfiuco 11 21 42 -14 32 3,3 32 E +6,2 8 40 18 43 fino al giorno 23 ed infine in quella del Sagittario. Il diametro Nettuno 1 20 35 -18 31 2,4 58 E +7,6 10 22 19 57 apparente passa da 10,1" (inizio 11 20 36 -18 28 2,4 48 E +7,6 9 43 19 19 mese) a 9,9" (fine mese). La 21 20 37 -18 27 2,4 38 E +7,6 9 05 18 41 magnitudine è di -3,5 per tutto il 31 20 39 -18 18 2,4 28 E +7,6 8 26 18 03 mese. 11 20 40 -18 13 2,4 17 E +7,6 7 56 17 25 Plutone 1 16 58 -12 51 0,1 12 E +13,9 6 21 16 45 Marte è visibile per tutto il mese 16 17 01 -12 56 0,1 13 W +13,9 5 25 15 48 a sud nella prima parte della notte. 31 17 03 -12 59 0,1 25 W +13,9 4 28 14 51 In questo mese si verificano 16 17 04 -13 01 0,1 35 W +13,9 3 57 14 17 numerose congiunzioni tra il pianeta rosso e le stelle delle costellazioni che attraversa nel suo moto apparente nel cielo: il giorno 3 è in congiunzione con L a L u n a d i Dic e m b r e 2 0 0 1 Mu Cap (38 S), il 7 con Iota Aqr a cura di Saverio Cammarata (51 N), il 16 con Sigma Aqr (12 N), il 20 con la Luna (4° 21 N), il gg Sorge Tram A.R. Dec. Mag Distanza Fase 24 con Lambda Aqr (30 S) e il 27 04 20:12:46 10:46:45 07h 32m 37.35s +23° 54 06.3" -11.7 372671 km 0.888 con 81 Aqr (3 S). Fino al giorno 4 05 21:24:24 11:33:27 08h 33m 19.16s +22° 08 04.5" -11.3 371190 km 0.806 è nella costellazione del 06 22:37:46 12:12:40 09h 32m 13.21s +18° 59 52.0" -11.0 370368 km 0.709 Capricorno, poi passa in quella 07 23:50:51 12:46:08 10h 28m 40.05s +14° 44 31.0" -10.5 370116 km 0.600 08 --: -- : -- 13:15:46 11h 22m 43.58s +09° 40 22.6" -10.1 370359 km 0.486 dellAcquario. Il diametro varia da 09 01:02:58 13:43:22 12h 14m 59.03s +04° 06 29.1" -9.5 371053 km 0.373 7,4" (inizio mese) a 6,3" (fine 10 02:14:20 14:10:33 13h 06m 18.00s -01° 38 33.8" -8.9 372198 km 0.267 mese). La magnitudine passa da 11 03:25:26 14:38:51 13h 57m 36.12s -07° 16 44.0" -8.2 373831 km 0.174 +0,5 (inizio mese) a +1,0 (fine 12 04:36:30 15:09:48 14h 49m 43.11s -12° 30 22.2" -7.3 375996 km 0.098 mese). 13 05:47:06 15:44:56 15h 43m 13.40s -17° 02 21.4" -6.3 378722 km 0.042 14 06:55:45 16:25:39 16h 38m 16.73s -20° 37 02.1" -5.1 381986 km 0.010 15 08:00:09 17:12:46 17h 34m 31.41s -23° 01 55.8" -4.0 385693 km 0.000 Giove per tutto il mese è visibile a 16 08:57:58 18:06:01 18h 31m 06.01s -24° 09 47.5" -5.3 389673 km 0.013 est tutta la notte. Il 30 è al nodo 17 09:47:48 19:03:57 19h 26m 53.00s -23° 59 54.8" -6.4 393689 km 0.046 ascendente e il 31 è alla minima 18 10:29:40 20:04:26 20h 20m 50.15s -22° 37 50.0" -7.3 397458 km 0.097 distanza dalla Terra (4,1875 UA 19 11:04:40 21:05:32 21h 12m 18.43s -20° 13 26.7" -8.1 400682 km 0.163 pari a 626 milioni di km). Il 20 11:34:22 22:06:07 22h 01m 08.75s -16° 58 28.8" -8.7 403080 km 0.239 giorno 3 (1° 36 S) e il 30 (1° 15 21 12:00:21 23:05:54 22h 47m 38.26s -13° 04 29.3" -9.3 404415 km 0.324 S) Giove è in congiunzione con la 22 Luna allapogeo; distanza: 404520 km Luna. Per tutto il mese è nella 23 12:46:36 00:05:15 00h 16m 07.59s -03° 59 30.9" -10.2 403319 km 0.510 costellazione dei Gemelli. Il 24 13:09:18 01:04:55 00h 59m 46.67s +00° 54 04.4" -10.6 400833 km 0.604 25 13:33:19 02:05:49 01h 44m 16.11s +05° 50 24.2" -10.9 397190 km 0.697 diametro equatoriale passa da 26 14:00:04 03:08:48 02h 30m 33.99s +10° 39 34.6" -11.3 392624 km 0.783 45,5" (inizio mese) a 47" (fine 27 14:31:14 04:14:22 03h 19m 36.30s +15° 09 12.5" -11.6 387459 km 0.861 mese), mentre quello polare passa 28 15:08:50 05:22:13 04h 12m 08.91s +19° 03 39.7" -11.9 382088 km 0.926 da 42,5" (inizio mese) a 44" (fine 29 15:54:59 06:30:40 05h 08m 33.56s +22° 04 18.8" -12.2 376937 km 0.972 mese). La magnitudine è di -2,3 30 16:51:08 07:36:39 06h 08m 30.26s +23° 51 43.6" -12.6 372417 km 0.997 per tutto il mese. 31 17:56:50 08:36:40 07h 10m 47.22s +24° 10 04.0" -12.5 368872 km 0.996 Saturno, è visibile a est per tutta L a L u n a d i Ge n n a io 2 0 0 2 la notte poichè il giorno 3 è in opposizione al Sole e nello stesso 01 19:09:23 09:28:25 08h 13m 34.12s +22° 52 18.1" -12.2 366530 km 0.969 giorno raggiunge la minima 02 20:24:53 10:11:43 09h 14m 59.66s +20° 03 10.3" -11.8 365477 km 0.915 distanza dalla Terra (8,0806 UA pari a 1209 milioni di km). Il giorno 1 si verificaAstroemagazine 21 Dicembre 2001
  6. 6. 6I satelliti unoccultazione di Saturno da parte della Luna visibilegioviani dallItalia: un fenomeno da osservare data la sua rarità. IlQui Qui a destra, il giorno 17 è in congiunzione con Aldebaran (3° 40 N) e ildiagramma mostra laposizione dei satelliti 28 con la Luna (28 S). PerGalileiani di Giove per il tutto il mese è nella costellazione del Toro a nordmese di Dicembre.Sull’asse delle ordinate di Aldebaran e dellammasso(verticale) sono aperto delle Iadi. Il diametro equatoriale varia da 20,6"rappresentati i giorni delmese, mentre sull’asse delle (inizio mese) a 20,3" (fineascisse (orizzontale) vi è mese), mentre quello polare varia da 18,9" (inizio mese) al’elongazioneplanetocentrica Est o Ovest 18,7" (fine mese). Ladei quattro satelliti. magnitudine è di -0,2 per tutto il mese.Le due linee rosse verticalial centro rappresentano inscala il disco di Giove, Urano E visibile a sud nella primamentre le quattro lineecolorate in verde, bianco, parte della notte per tutto ilviola ed azzurro mese. Il giorno 19 è in congiunzione con la Luna (3°raffiguranorispettivamente: Callisto, 45 N). Per tutto il mese èGanimede, Europa ed Io. nella costellazione del Capricorno circa 2° a nord delle stelle Gamma e Delta con le quali forma un triangolo di cui esso è il vertice. Il diametro apparente è di 3,3" e la magnitudine è di +6,2 per tutto il mese. Nettuno E visibile a sud-ovest nella prima parte della notte subito Piogge di meteore a cura di Saverio Cammarata dopo il tramonto del Sole per tutto il mese. Il giorno 18 è in congiunzione con la Luna (3° Data Nome sciame ZHR A.R. DEC 33 N). Per tutto il mese è nella costellazione del Capricorno a metà strada tra le stelle Upsilon 09/12/2001 Puppidi-Velidi 15 9h00m - 48° e Omicron. Il diametro è di 2,4" 14/12/2001 Geminidi 75 7h28m 32° e la magnitudine è di +7,8 per 23/12/2001 Ursidi 5 14h28m 78° tutto il mese. 26/12/2001 Puppids-Velidi 15 9h20m - 65° Plutone E invisibile per tutto il mese a causa della sua vicinanza Note allastro del giorno: il giorno 7 è La pioggia più interessante e che vale la pena di tentare di in congiunzione con il Sole. Il osservare è sicuramente quella delle Geminidi, che a volte giorno 14 è in congiunzione con riescono a dar vita a degli spettacoli degni di nota. la Luna (8° 39 S). Per tutto il mese è nella costellazione Queste meteore sono originate dallasteroide Fetonte ed anche se dellOfiuco meno di 3° a nord- lo ZHR teorico segnalato è solo di 75, esso è puramente indicativo ovest della stella Eta Oph. Il (spesso lo ZHR delle Geminidi supera le 110 meteore per ora). diametro apparente è di 0,1" e la magnitudine è di +13,9 per tutto Non mi resta che augurarvi cieli sereni e buone osservazioni! il mese. Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  7. 7. LA COMETA C/2000 WM1 (LINEAR) 7 di Giovanni Greatti g.greatti@libero.itaLa scoperta: Dopo la metà del Dicembre cura di Saverio Cammarata2000, il team LINEAR ha annunciato lascoperta di un oggetto asteroidalemediante unimmagine ottenuta il 16Dicembre. La magnitudine dichiarata fudi 17.8. La posizione disponibilerilasciata al "Central Bureau forAstronomical Telegrams" (lente per leosservazioni delle comete e asteroidi)per determinare lorbita, che gli furilasciata per effettuare questeosservazioni, fu data unitamente aquelle di un altro oggetto LINEARrilevato nelle date del 16 e 18Novembre. In modo interessante,T.B.Spahr (Smithsonian AstrophysicalObservatory, M.te Hopkins) osservòloggetto il 20 Dicembre e rilevò uachioma di 10 arcosecondi e una debolecoda che si estendeva per 10-20arcosecondi in direzione RA 45°.Pertanto loggetto fu realmentedichiarato come una cometa.Localizzazione: Il IAUC 7546(20/12/2000) e lMPEC 2000-Y20(20/12/2000) hanno quindi annunciatola scoperta della cometa C/2000 WM1(LINEAR) che ha la potenzialità diraggiungere la visibilità ad occhio nudotra la fine del 2001 e linizio del 2002. Fig.1 - Immagine di Michael Jäger del 16/11/2001. Esposizione di 8 minuti ottenutaAd oggi, la cometa è di magnitudine 12. utilizzando una camera Celestron Schmidt e film TP hyp. Limmagine è significativa e rivelaLa WM1 è in ottima posizione per gli una vicina anti-coda che si estende verso il basso, mentre una corta, diffusa coda principaleosservatori dellEmisfero Nord ed è si estende a breve distanza dalla chioma verso la parte superiore destra.visibile nel cielo mattutino. La cometa Copyright © 2001 by Michael Jäger (Austria)aumenterà la sua luminositàrapidamente nel suo motoin direzione Sud. Leprevisioni indicano cheraggiungerà la 4.a-5.amagnitudine circa quandosarà ben visibile per gliosservatori dellEmisferoNord nel cielo diDicembre 2001. Lacometa continuerà il suospostamento verso Sud eraggiungerà il picco dellamagnitudine, la 4.a, ametà Gennaio 2002,quando sarà posizionata acirca 54° di Declinazionee sarà un oggettoprincipalmentedellEmisfero Sud. Lacometa si muoverà quindi Fig.2 - Immagine ottenuta da S. Garzia, M. Maestrutti, e G. Sostero il 14/10/2001.verso Nord dando agli E la combinazione di unesposizione di 20-60 secondi ottenuta con un riflettore 0.45 m. f/4.5 e una cameraosservatori di entrambi gli CCD ST6V. Le due immagini sulla destra illustrano i contorni di luminosità tra la cometa e la coda.emisferi la possibilità di Copyright © 2001 by Giovanni Sostero (Remanzacco Observatory, Italy)osservarla durante la suadiminuzione di luminosità.Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  8. 8. 8 Data Sorge Tram A.R. Dec Mag Dist (UA)Carta di localizzazione per la C/2000 WM1 04 dic 2001 14:44:51 02:08:46 01h 09m 05.0s -05° 30 27" 4.7 0.3181(LINEAR) per tutto il mese di Dicembre 2001.A fianco, una tabella con le effemeridi. 05 dic 2001 14:45:27 01:44:29 01h 00m 56.8s -08° 57 49" 4.7 0.3213 06 dic 2001 14:46:05 01:20:22 00h 52m 55.4s -12° 18 55" 4.7 0.3260 07 dic 2001 14:46:46 00:56:27 00h 45m 01.8s -15° 32 04" 4.7 0.3321La cometa raggiungerà il suo perielio il 08 dic 2001 14:47:32 00:32:45 00h 37m 16.7s -18° 35 56" 4.6 0.339622/01/2002 alla distanza di 0.55 UA. 09 dic 2001 14:48:23 23:46:00 00h 29m 40.8s -21° 29 40" 4.6 0.3483Le previsioni di luminosità per questa 10 dic 2001 14:49:20 23:22:58 00h 22m 14.6s -24° 12 49" 4.6 0.3580cometa sono estremamente "rozze". La 11 dic 2001 14:50:24 23:00:07 00h 14m 58.4s -26° 45 14" 4.6 0.3688cometa potrebbe essere visibile a occhio 12 dic 2001 14:51:36 22:37:28 00h 07m 52.2s -29° 07 03" 4.6 0.3805nudo o potrebbe sminuire e non essere un 13 dic 2001 14:52:58 22:14:57 00h 00m 56.1s -31° 18 39" 4.6 0.3929oggetto significativo. Ad oggi, le 14 dic 2001 14:54:31 21:52:34 23h 54m 10.0s -33° 20 29" 4.6 0.4060previsioni indicano che non dovrebbe 15 dic 2001 14:56:17 21:30:16 23h 47m 33.6s -35° 13 07" 4.6 0.4197essere una cometa spettacolare. E 16 dic 2001 14:58:20 21:07:59 23h 41m 06.5s -36° 57 11" 4.6 0.4339raccomandabile che losservatore sia ben 17 dic 2001 15:00:41 20:45:38 23h 34m 48.3s -38° 33 18" 4.6 0.4486lontano dalle città e sappia esattamente 18 dic 2001 15:03:26 20:23:09 23h 28m 38.4s -40° 02 05" 4.6 0.4636dove osservare lo "spot" della C/2000 19 dic 2001 15:06:40 20:00:25 23h 22m 36.2s -41° 24 08" 4.6 0.4790WM1 (LINEAR). 20 dic 2001 15:10:32 19:37:16 23h 16m 41.2s -42° 39 58" 4.6 0.4947 21 dic 2001 15:15:14 19:13:28 23h 10m 52.7s -43° 50 08" 4.6 0.5106Riferimenti: 22 dic 2001 15:21:05 18:48:40 23h 05m 09.9s -44° 55 05" 4.6 0.5266http://encke.jpl.nasa.gov/ 23 dic 2001 15:28:43 18:22:14 22h 59m 32.1s -45° 55 14" 4.6 0.5429http://cometography.com/lcomets/2000w 24 dic 2001 15:39:26 17:52:51 22h 53m 58.7s -46° 50 57" 4.6 0.5593m1.html 25 dic 2001 15:57:44 17:15:59 22h 48m 28.9s -47° 42 35" 4.6 0.5757 26 dic 2001 16:29:29 16:47:14 22h 43m 02.1s -48° 30 24" 4.5 0.5923 27 dic 2001 --: --:-- --: --: -- 22h 37m 37.5s -49° 14 41" 4.5 0.6089 28 dic 2001 --: --:-- --: --: -- 22h 32m 14.5s -49° 55 37" 4.5 0.6256 29 dic 2001 --: --:-- --: --: -- 22h 26m 52.5s -50° 33 25" 4.5 0.6422 30 dic 2001 --: --:-- --: --: -- 22h 21m 30.9s -51° 08 13" 4.5 0.6589 31 dic 2001 --: --:-- --: --: -- 22h 16m 09.3s -51° 40 08" 4.4 0.6755 01 gen 2002 --: --:-- --: --: -- 22h 10m 47.1s -52° 09 18" 4.4 0.6922 02 gen 2002 --: --:-- --: --: -- 22h 05m 24.0s -52° 35 45" 4.4 0.7087Astroemagazine 21 Dicembre 2001 effemeridi a cura di Saverio Cammarata
  9. 9. 9 Lorbita della C/2000 WM1 a cura di Giovanni GreattiLorbita della C/2000 WM1 (LINEAR), Gregorio E. Drayer. [http://gdrayer.tripod.com] Copyright 2001 © Gregorio E.Drayer. Giovanni Greatti nasce a Milano nel 1962; diplomato in elettronica Le comete di Dicembre industriale, si occupa di"electronic design" ed è laureando in Ingegneria Informatica presso il Politecnico di a cura di Saverio Cammarata Milano.Astrofilo sin dal lontano 1973, si dedica allosservazione di pianeti, comete e meteore. Collabora con la Effemeridi della cometa 19P Borrelly Sezione Meteore dellUnione Astrofili Italiani e dal 2000 è responsabile della Data Sorge Tram A.R. Dec Mag Dist(UA) Sezione Ricerca Meteore di 04 dic 2001 22:26:42 15:31:58 11h 42m 00.1s +33° 41 21" 10.4 1.2958 Astrofili.Org. Recentemente fondatore e 08 dic 2001 22:15:19 15:31:04 11h 51m 43.8s +34° 27 16" 10.6 1.2918 presidente del Gruppo Astrofili Plejadi. 12 dic 2001 22:02:58 15:30:05 12h 00m 56.6s +35° 15 14" 10.7 1.2883 16 dic 2001 21:49:32 15:29:05 12h 09m 36.8s +36° 05 25" 10.9 1.2854 20 dic 2001 21:34:55 15:28:06 12h 17m 42.0s +36° 57 53" 11.0 1.2831 24 dic 2001 21:19:00 15:27:11 12h 25m 10.5s +37° 52 40" 11.2 1.2816 28 dic 2001 21:01:38 15:26:25 12h 32m 00.4s +38° 49 41" 11.3 1.2809 01 gen 2002 20:42:40 15:25:54 12h 38m 09.7s +39° 48 49" 11.5 1.2811 Cammarata Saverio è nato nel 1982 e Effemeridi della cometa C/2000 SV74 Linear vive a Randazzo(CT) alle pendici dellEtna sotto un cielo stupendo. Fin da Data Sorge Tram A.R. Dec Mag Dist(UA) piccolo si è interessato alle scienze in 04 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 23h 14m 43.9s +56° 41 11" 13.9 3.2932 genere ma già alletà di 12 anni 08 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 23h 10m 41.6s +56° 18 36" 13.9 3.3179 cominciava a mostrare interesse per i 12 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 23h 07m 20.0s +55° 56 46" 13.9 3.3444 fenomeni celesti. 16 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 23h 04m 37.3s +55° 36 13" 13.9 3.3723 Ora da qualche anno 20 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 23h 02m 31.1s +55° 17 24" 13.9 3.4015 si interessa 24 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 23h 00m 59.0s +55° 00 42" 13.9 3.4315 allastronomia in 28 dic 2001 --:--:-- --:--:-- 22h 59m 58.6s +54° 46 23" 13.9 3.4621 modo un pò più serio ed è articolista di 01 gen 2002 --:--:-- --:--:-- 22h 59m 27.6s +54° 34 43" 13.9 3.4931 astroemagazine non che suo promoter. Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  10. 10. 10 NOTIZIARIOE’ COSTRUITO DAANSALDO IL PIU’ POTENTE“OCCHIO” ASTRONOMICODEL MONDOI l Large Binocular Telescope (LBT) partirà a fine anno dal porto di Mestre destinato al deserto dell’Arizona, dove entrerà in funzionenel 2004 per scrutare i confini del cosmoconosciutoE’ made in Italy il più potente telescopio delmondo. Si chiama LBT (Large BinocularTelescope) ed è l’ultimo gioiello deglistabilimenti milanesi di Ansaldo-CamozziEnergy Special Components. La sua destinazionefinale è il monte Graham, nel desertodell’Arizona, a 3.200 metri di quota, dove dal2004 scruterà i confini del cosmo conosciuto.L’ambizioso progetto LBT, iniziato nel 1989,appartiene al consorzio LBT Corporation, i cui di precisione superficiale di 25 nanometri, e sono in grado di percepire inazionisti, che detengono pariteticamente il 25%, maniera nitida perfino una candela accesa sulla Luna. La rivoluzione stasono l’Osservatorio di Astrofisica di Arcetri proprio negli specchi: gli astro-fisici hanno infatti dimostrato che è più(Firenze), l’Università dell’Arizona, il Max efficace l’utilizzo di più specchi che di uno solo di grandi dimensioni.Plank Institut in Heidelberg, l’Universitàdell’Ohio (12.5%) e la Research Corporation La struttura del telescopio, il cui dimensionamento non ha pari al mondo, sarà(12,5%), in collaborazione con l’Università di alta all’incirca 30 metri e verrà assemblata sulla sommità del monte Graham.Notre Dame. Obiettivo dei partners scientifici Solo la struttura portante del LBT peserà 600 tonnellate e i sostegnisarà quello di utilizzare LBT per sondare i reggeranno un peso superiore alle 15 tonnellate.confini del cosmo conosciuto; indagare il centrodelle galassie e il luogo del Big Bang; catturarele prime immagini sugli oltre 50 pianeti al difuori del nostro sistema solare, già scoperti dal1996 ad oggi.Costo dell’occhio astronomico LBT: 100 milionidi dollari, oltre duecentoventi miliardi di lire.Somma che comprova l’impegno per la ricercascientifica da parte dell’Italia, ma anche unaelevata capacità industriale. Infatti, l’Ansaldo-Camozzi Energy Special Components,specializzata nella produzione di generatori avapore, sistemi di saldatura robotizzata ecomponenti meccanici di grandi telescopi, è trale società al mondo più all’avanguardia per lacostruzione dei telescopi. Nei suoi stabilimentisono già stati realizzati il VLT (Very LargeTelescope), in funzione nel deserto cileno diAtacama, a 1.200 chilometri dalla capitale delCile, Santiago; il TNG (Telescopio NazionaleGalileo) alle Canarie e infine l’NTT (NewTecnology Telescope) in Cile.Realizzato secondo i parametri tecnologici piùall’avanguardia, il telescopio binoculare LBT èun grande convogliatore di luce, dotato di 2specchi parabolici primari di otto metri equaranta centimetri di diametro, posizionati conuna distanza tra gli assi di 14 m. Tali specchi, ipiù grandi al mondo, sono lavorati con un grado Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  11. 11. 11La Linear S4 al Il gruppo di ricerca era interessato a precisione al dato della sua temperatura stabilire la temperatura alla quale il di formazione proprio perché tale ghiaccio di ammoniaca della cometa si allineamento è una caratteristica cheSubaru Telescope era formato, in modo da chiarire, per lappunto, a che distanza dal Sole tale viene per così dire "fissata" allatto del congelamento della molecola.di Piter Cardone cometa si fosse originata. Per arrivare a Questa nuova metodica di studio apre un tale dato, i ricercatori hanno studiato nuovo filone di ricerca nellaT utti ricorderete la Cometa Linear lemissione di radiazione determinazione della dinamica di C/1999 S4, quella, per intenderci, elettromagnetica dovuta al rilascio di formazione delle comete e sullo studio che ha allietato gli occhi degli energia che una molecola di NH2 perde della distribuzione dei corpi cometariastrofili nellestate del 2000 e che si è dopo essere stata eccitata da radiazioni nella nebulosa protosolare. E chissà cheframmentata praticamente sotto gli occhi altamente energetiche come i raggi UV tali studi non portino presto a clamorosedi noi tutti e del Telescopio Spaziale solari. Essendo lHN2 nientaltro che una novità in campo bioastronomico...Hubble. Ebbene, gli studi effettuati sulla e molecola di ammoniaca (NH3) spogliata SCOPERTE NUOVEcoda di polveri e gas emessa dalla di un atomo di idrogeno dalla radiazionecometa nel suo avvicinamento al Sole solare, i dati hanno permesso di ottenere METEORITI(ricordiamo che la cometa è transitata a informazioni sulle molecole di NH3 checirca 60 milioni di km dalla Terra) hanno costituscono la cometa, ed hannocontribuito a chiarire ulteriormente permesso di indicare per questa, conalcuni importanti aspetti delle primissimefasi di vita del nostro Sistema Solare. buona approssimazione, una temperatura di formazione pari a 28 +/- 2 Kelvin MARZIANEUn team di ricercatori giapponese che ha (circa -245°C), quale quella che, nella di Matteo Chinellatoutilizzato lo spettrografo ad alta nebulosa protosolare, era possibiledefinizione (HDS) al fuoco del Subaru trovare proprio tra le orbite di Saturno ed MAROCCO - Una nuova meteoriteTelescope alle Hawaii, ha infatti potuto Urano. marziana, dal nome NWA 480 ( Northstabilire (ricerca pubblicata sul numero Il potere di risoluzione dello spettrografo West Africa ), è stata scoperta neldel 2 Novembre di Science), usato nellesperimento è stato in grado di Novembre 2000 nel deserto marocchinoinnanzitutto, che la Linear 1999 S4 si è discernere la piccolissima differenza tra al confine con l’Algeria. La massa totaleformata molto più vicino alla Terra delle gli spettri di emissione della molecola di questa meteorite è di soli 28 grammi,altre comete, nello spazio compreso tra le nei due stati quantici chiamati orto- e ricoperta completamente da una crosta diorbite di Saturno ed Urano, invece che, para- (dovuti allallineamento degli spin fusione nera. La meteorite è del tipocome nella stragrande maggioranza dei degli atomi di idrogeno costituenti la Achondrite Shergottite, cioè un basalto marziano. Le meteoriti marziane provengono da un probabile impatto di un grosso asteroide sulla superficie di Marte, dal quale si sono staccati dei grossi pezzi di suolo marziano spediti al di fuori dell’atmosfera marziana. L’età delle meteoriti marziane và dai 1,3 miliardi di anni ai 700 milioni di anni per il tipo shergottite. Al momento sono state scoperte 27 meteoriti marziane, comprese quelle scoperte in Antartide. Un’immagine al link: http://www.jpl.nasa.gov/snc/ nwa480_1.jpg - Copyright Photo © Bruno Fectay & Carine Bidaut Un’altra meteorite marziana, questa volta del tipo Achondrite Nakhlite, è stata scoperta in Marocco nel Dicembre 2000. La meteorite ha un peso totale di 104 grammi ed è ricoperta da una crosta nera completa e con orientazione della pietra. Il nome della meteorite è NWA 817. Le Nakhliti sono molto più rare delle Shergottiti, ed hannocasi, oltre Nettuno. molecola) ed ha permesso di risalire con una età molto più vecchia, di circa 1,3 miliardi di anni. La prima meteorite Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  12. 12. 12del tipo Nakhlite cadde nel 1911 ad AbuHommos in Egitto. La leggenda diceche una delle pietre abbia colpito educciso un cane.Un’immagine al link:http://www.jpl.nasa.gov/snc/nwa817_3.jpg - Copyright Photo ©Bruno Fectay & Carine BidautOsservata la prima atmosferaextrasolaredi Piter Cardone non cè il pianeta, ma quello che si è esso un satellite o un centro a terra) neC he sia la volta buona che una osservato durante il transito è stato un indica uno in atto. notizia come quella che è oggetto aumento della percentuale di sodio, pari Su Physical Review Letters (87, 171102, di questa nota sia confermata? a circa l1%, che poteva essere spiegato 2001), è stato pubblicato uno studio nelNoi crediamo di si, visto che gli con la presenza di tale elemento quale si teorizza lemissione di un burstargomenti a suo supporto sono nellatmosfera del pianeta che ha filtrato i di neutrini antecedente il GRB vero eabbastanza forti. Sul prossimo numero raggi di luce diretti verso la Terra. proprio. Tale modello si basa sullideadellAstrophysical Journal verrà Dal 1995, anno in cui è stato scoperto il che il jet relativistico, nellattraversare lapubblicato un lavoro che riporta la prima primo pianeta extrasolare, ad oggi, stella prima di fuoriuscirne e rivelarsi,rilevazione dellesistenza di unatmosfera nessuno aveva mai osservato la presenza possa essere alterato da onde di shocksu un pianeta orbitante attorno ad unaltra di atmosfere sulle dozzine di pianeti interne alla stella stessa. Linterazione trastella. Fondamentale (e come dubitarne?) extrasolari scoperti, e soprattutto nessuno i protoni accelerati da tali onde e fotoniè stato ancora una volta lHubble Space riteneva che lHubble Space Telescope X produrrebbe elettroni ad altissimaTelescope ed il suo spettrografo. Il fosse in grado di realizzare un simile energia (dai 5 TeV in su) e neutrinipianeta, che è di circa il 30% più grande exploit. Un altro prezioso tassello nel muonici, che sarebbero i veri indicatoridi G iove, orbita in 3.5 giorni attorno a quadro della carriera di questo del fenomeno in atto e potrebbero essereuna stella, classificata con la sigla HD incredibile strumento. utilizzati per predirne linizio.209458, di classe spettrale simile a quella Predire idel Sole, che dista dalla nostra stella Secondo i calcoli degli autori di questocirca 150 anni luce. studio, losservazione del flash di neutriniPer osservare latmosfera di un pianeta dovrebbe essere agevole con rivelatori diorbitante attorno ad una stella si devonoessenzialmente osservare righe diassorbimento nello spettro della stella Gamma Ray neutrini da 1 km3 di volume, proprio come lesperimento AMANDA attualmente in costruzione. Infine, iche siano dovute ad elementicaratteristici dellatmosfera del pianeta. Il Bursts? ricercatori indicano che il flash di neutrini potrebbe avvenire anche pergruppo di ricerca che ha utilizzato di Piter Cardone stelle di grande massa o rotanti moltolHubble, guidato da David Charbonneau lentamente, nelle quali il jet relativistico I(CalTech), Timothy Brown (National l modello maggiormente accettato che si osserva come GRB potrebbe nonCenter for Atmospheric Research), per spiegare le esplosioni cosmiche verificarsi perché incapace di fuoriuscireRobert Noyes (Harvard-Smithsonian note come Gamma Ray Bursts dalla stella e rivelarsi. In questo caso, ilCenter for Astrophysics) e Ronald ipotizza lemissione di fireballs flash di neutrini potrebbe essereGilliland (Space Telescope Science relativistiche durante il collasso del utilizzato anche come indicatore deiInstitute) ha osservato lo spettro della nucleo di una stella. Tali fireballs, cosiddetti GRB "oscuri", sottraendo alstella al momento del transito tra essa e inoltre, sono spesso collimate in jets che numero di flash di neutrini osservati illa Terra del pianeta ed ha potuto producono i GRB che si osservano. La numero di GRB che si mostrano aglichiaramente individuare la firma del difficoltà di verificare tale modello sta osservatori mediante jet collimati.sodio sotto forma di righe di nellelusività di queste esplosioni dovutaassorbimento. La stella presenta già di alla loro durata, generalmente tantoper sé una certa quantità di sodio nella breve da non permettere di predisporre isua atmosfera, che è chiaramente visibile telescopi a terra o nello spazio pernel suo spettro quando tra noi e la stella lanalisi ottica quando un rivelatore (sia Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  13. 13. 13 SITO DEL MESEIl Sito dell’ AAVSO Oggi lAAVSO è diventata la più grande associazione del suo genere, ha soci sparsi nel mondo in più di quaranta paesi, e ha la sua sede centrale a Cambridge, nel Massachusetts.di Gabriele Profita gaprofit@tin.it Liscrizione allAAVSO è aperta a chiunque nutra un forte interesse verso losservazione delle stelle variabili e che abbiaI l sito del mese si presenta estremamente interessante, si unetà maggiore o uguale a 16 anni. (comunque le osservazioni tratta del sito ufficiale dellAAVSO, lassociazione condotte da ragazzi quindicenni sono sempre bene accette, ma americana degli osservatori di stelle variabili. non è possibile per loro liscrizione).Ma prima di esaminare il sito, fra laltro ricchissimo di I costi di iscrizione sono alla portata di tutti, partono infatti dacontenuti e risorse, vediamo un po di capire meglio cosè 15$ annui, e si differenziano per i ragazzi fra 16 e 20 anni, ilAAVSO, come funziona, e qual è la sua filosofia. soci di età oltre i 20 anni ed i soci sostenitori (questi ultimi pagano quindi una quota superiore agli altri, cioè di 100$ lanno). Lesis tenza di unassociazione come lAAVSO è motivata dal fatto che le stelle variabili sono così numerose da non poter essere seguite tutte contemporaneamente dagli astronomi professionisti, ed è proprio in questo campo che unastrofilo, anche con una modesta attrezzatura come un semplice binocolo 7x50 o 10x50 (questo ovviamente fornito di treppiede), e quindi senza la necessità di spendere milioni per lacquisto di un telescopio, può farsi valere! Sono migliaia le stelle variabili interessanti di magnitudine inferiore alla 10a e quindi osservabili anche attraverso un binocolo, non si ha che limbarazzo della scelta;comunque consiglio vivamente a chi si cimenta per la prima volta, di seguire variabili a breve periodo in modo da potersi rapidamente costruire una valida curva di luce e verificare subito i risultati ottenuti, di certo sarà di stimolo per le future e più faticose osservazioni di variabili a lungo periodo. Per chi si avvicinasse per la prima volta a questo tipo di osservazione non cè di che temere, infatti lAAVSO ha messo a disposizione degli utenti del proprio sito e dei propri soci degli appositi manuali online Fig.2 - Il manuale AAVSO per l’osservazione visuale delle stelleLAAVSO, è unorganizzazione scientifica no-profit (proprio variabili.come Astrofili.org! ;-)), costituita sia da astronomiprofessionisti che da astrofili che ripongono un grande di cui vi anticipo i contenuti generali nel box seguente. Dopointeresse nellosservazione delle stelle variabili e nel loro questa, spero abbastanza esauriente, presentazionestudio. Questa associazione è nata nel 1911 nell Harvard dellAAVSO, passiamo a dare uno sguardo più approfondito alCollege Observatory, per coordinare le osservazioni di stelle sito vero e proprio:variabili condotte per la maggior parte da astrofili. Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  14. 14. 14Manuale Osservativo in HTMLIntroduzioneCapitolo 1 - PreparazioneCapitolo 2 - Fare le osservazioniCapitolo 3 - Le Stelle variabiliCapitolo 4 - Calcolare il giorno giuliano e loraCapitolo 5 - Pianificare la sessione osservativaCapitolo 6 - Inviare i dati osservativi allAAVSOCapitolo 7 - Osservazione campioneAppendice 1 - Campioni di curve di luce a lungo termineAppendice 2 - Comitati dell AAVSO Fig.3 - Il generatore di curve di luce.Appendice 3 - Risorse aggiuntive pianificate sulle variabili più significative; sono classificatiLentrata del sito si presenta sobria e ricca di collegamenti che secondo le possibilità strumentali ossia visuale, CCD, solare eci riportano alle varie sottosezioni dellAAVSO; saltando la di fotometria fotoelettrica. Questi a loro volta sono suddivisi asezione "About AAVSO", scopriamo già il primo link seconda del tipo di variabile che intendiamo seguire, inclusi iinteressante, la variabile del mese, cliccando sul link ci Gamma Ray Burst (GRB).ritroviamo a sapere tutto ma proprio tutto, sulla variabile del Per quanto riguarda i programmi osservativi visuali sonomese, nel caso di Novembre 2001 si tratta di R Cygni, una presenti oltre 4000 stelle, a voi limbarazzo della scelta!gigante rossa, variabile a lungo periodo (429.2 giorni) che al Lultima sezione che analizzeremo sarà quella delle "Starminimo si trova a mag. 13,9 e al minimo a ben mag.7.5! Charts", dove potrete trovare mappe stellari dettagliatissimeOvviamente nella pagina in questione sono forniti tutti i grafici studiate appositamente per losservazione delle stelle variabili:delle curve di luce ed è esposto in modo estremamente le mappe si suddividono in Preliminary Charts, Standard Chars,dettagliato come osservare questa particolare variabile, inoltre Constellation Finder e CCD Charts.sono disponibili le carte stellari per la sua facileindividuazione.Nella sezione successiva si parla invece di come contribuirecon le proprie osservazioni alla ricerca scientifica, e sonospiegati tutti i parametri e le modalità che vanno seguitescrupolosamente per poter inviare i propri risultati allAAVSOanche per uneventuale pubblicazione dei risultati.Ed è proprio qui che potrete consultare online il manuale perlosservazione delle variabili, oppure effettuare il download informato PDF (13 Mb!) per consultarlo comodamente offline emagari stamparlo. Le preliminary charts come suggerisce il nome sono delleMa veniamo ad una delle caratteristiche peculiari di questo mappe a basso ingrandimento che ci consentono di individuaresito: nella sezione "Accessing Data" troverete lutilissimo "light larea dove si trova la variabile, con le standard charts invececurves generator", cioè una pagina che contiene un form grazie lingrandimento più elevato vi consentirà di localizzareal quale potrete avere immediatamente la curva di luce di una direttamente la stella variabile allinterno di un campo stellarestella variabile (se già presente nel database). con magnitudini più elevate.Questa funzione è stata in seguito implementata come plugin Le mappe che vi saranno fornite saranno delle GIF in bianco eallinterno del software Xephem, la cui recensione dovrebbe nero (studiate appositamente per la stampa, e per questo in altaessere presente in questo numero di Astroemagazine. risoluzione), e le variabili saranno contrassegnate con unRimanendo nella stessa sezione del sito, si potranno trovare i apposito simbolo.dati relativi alle altre variabili, e scoprire le novità grazie a Come è visibile nellimmagini il supporto in linea non manca"News Flashes", potremo così essere sempre informati su cosa ed è persino possibile ordinare un CD-Rom che contiene giàavviene nel mondo delle variabili, e magari spostare il nostro tutte le carte, con lunico difetto di non poter essere aggiornatoobbiettivo su una stella correntemente sotto osservazione in come le cartine online.modo da poter avere lonore di apparire fra gli osservatori. Detto questo spero di aver acceso in voi il desiderio diLasciando la precedente sezione passiamo invece agli cominciare ad osservare le variabili, chissà che un giorno non"Observing Programs": in questa sezione troverete i programmi ci sarà il vostro nome fra gli osservatori più importantiosservativi, già pronti per essere utilizzati sia dai principianti dellAAVSO!che dagli osservatori più esperti. Vi chiederete ora cosa sianoquesti programmi osservativi, si tratta di osservazioni giàAstroemagazine 21 Dicembre 2001
  15. 15. 15 INQUINAMENTO LUMINOSOCara Redazione, luminosi che illuminano le vie del paese Ma come è possibile che si arrivi avi scrivo in riferimento alla lettera gettando luce a 360 gradi difficilmente negare lesistenza del problemaaperta di Piter Cardone: sono astrofilo mi viene da pensare che i nuovi impianti dellinquinamento luminoso? Siamoda svariati anni e anche io sono assillato da inaugurare rispetteranno la legge sicuri di non avere anche noi delledal problema dellinquinamento sullinquinamento luminoso. responsabilità? E corretto lamentare iluminoso e cerco di combatterlo come Cordiali saluti e cieli sereni danni che linquinamento luminosoposso; principalmente parlando del causa allecosistema, oppure questoproblema con le persone, i miei vicini di Enrico Mariani rifarsi ai danni ambientali è solo uncasa, i miei colleghi di lavoro (ricordo MA131062@libero.it mezzo, quasi un pretesto, per difendereche quando raccolsi in ufficio le firme un interesse particolare? Cosa fare inper far proporre la legge Regionale in concreto?Lombardia tenni un piccolo corso ai miei Innanzitutto è bene sgombrare il campocolleghi durante lora di pausa mensa). dalle ambiguità. Si dice che Caro Piter,Io non ho letto larticolo su Famiglia linquinamento luminoso è diverso dalle seguono alcune considerazioni relativeCristiana di Zichichi, comunque la cosa, altre forme di inquinamento ambientale, allarticolo sull"Esimio Professore".così come è stata presentata, mi lascia acustico, dellacqua ecc. perché, mentre Condivido quanto da te scritto; cercheròincredulo e demoralizzato. per queste la riduzione degli effetti comunque di raccogliere il tuo invito edA prescindere dal fatto che anche io non nocivi è possibile solo con un aumento essere il più possibile (auto)critico, dalnutro simpatie per lesimio professore, dei costi, la riduzione del livello di momento che viene addiritturapurtroppo Piter Cardone ha ragione: inquinamento luminoso si realizza screditata, da una personalità che gode"lesimio professore ne sa sicuramente di conseguendo allo stesso tempo un della fiducia di un pubblico numeroso, lapiù di una spaurita folla di astrofili che risparmio. tesi base che linquinamento luminosovogliono solo rigettare lumanità nel Conseguenza di questo modo di vedere il sia effettivamente nocivo.buio". problema, è che linquinamento luminoso Credere che lalterazione del naturaleMa io voglio credere che la gente che ha risulta essere un problema più facilmente ciclo di alternanza luce-buio non causiletto larticolo forse ha partecipato a risolvibile rispetto alle altre forme di danni allambiente sembramanifestazioni o letto articoli inquinamento. Pertanto il suo obiettivamente molto difficile dasullinquinamento luminoso e spero che impressionante tasso di crescita sarebbe dimostrare. Il senso di onnipotenzasia anche in grado di capire che lesimio dovuto ad una qualche forza misteriosa, conferito dallapparire in televisione,professore questa volta non è poi così o quantomeno meglio se quella di Stato, rendetanto esimio. ad una miopia e mancanza di buon senso evidentemente dimentichi del metodoLa mia proposta sarebbe quella di che sembrerebbero concentrarsi proprio scientifico che invece sarebbe richiestoscrivere una lettera da far pubblicare su su questo fenomeno (!), mentre per altre da affermazioni come quelle delFamiglia Cristiana per confutare tutte forme di inquinamento constatiamo che Professor Zichichi; la qual cosa è tantoquelle cose sbagliate dette da Zichichi e alcuni meccanismi di riduzione e/o più grave se tali affermazioniquindi sensibilizzare maggiormente la controllo sono stati posti in atto. provengono dallautore di un libro sugente sul problema dellinquinamento Ma siamo proprio sicuri che funzioni Galilei.....!luminoso (che non si riduce solo a degli così? La Pizzeria che cerca di farsiinnoqui fasci di luce) che non è poi cosìbanale come Zichichi vuol far credere.La cosa potrebbe essere fatta da un Almeno due terzi della popolazione mondiale e ilorganismo nazionale o più come lUAI, 99% di coloro che vivono nei Paesi Occidentaliche tante battaglie ha fatto controlinquinamento luminoso e sicuramente non hanno mai potuto osservare un "vero" cielovanta una notevole competenza e stellato a causa dellinquinamento luminosocredibilità sul problema. Estratto del Comunicato Stampa dellANSALe leggi ci sono a livello regionale, mapurtroppo credo che difficilmente E quanto risulta nel Primo atlante mondiale dellinquinamento luminoso (Firstverranno fatte applicare, soprattutto nel World Atlas of Artificial Night Sky Brightness) messo a punto da due astronomiprivato. E così molti comuni continuano delluniversità di Padova, Pierantonio Cinzano e Fabio Falchi, in collaborazionead ignorarle ed a illuminare il cielo con lamericano Chris Elvidge del NOAA. Latlante è in via di pubblicazionesprecando soldi pubblici, ma soprattutto sulla rivista della Royal Astronomical Society. Alcuni dati contenutirisorse che appartengono allumanità. nellAtlante: Metà della popolazione mondiale, il 97% della popolazione degliNel comune dove abito (Tradate) ho Stati Uniti e il 96% di quella europea vedono il cielo notturno come se ci fosserecentemente letto che in una delle sempre la Luna piena; Oltre due terzi della popolazione statunitense, metà diprossime serate verrà inaugurata quella europea e un quinto di quella mondiale vivono in luoghi dove non hannolilluminazione nottura a due nuovi la possibilità di vedere la Via Lattea a occhio nudo; Il 40% della popolazioneedifici pubblici: io non so ancora come statunitense, un sesto di quella europea e un decimo di quella mondiale non hasaranno illuminati, ma la cosa comunque mai visto un cielo abbastanza buio da poter adattare locchio umano alla visionemi preoccupa, perché quando vado in notturna. (Fonte: ANSA)giro la sera per il paese e vedo globi Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  16. 16. 16notare circondandosi di luci diffuse in articolate su eccessivi livelli e di difficileogni direzione (luci che agli astrofilisembrano inutili) fa un ben preciso PLENILUNIO, MA SENZA LUNA interpretazione. Alla base ci deve comunque essere uncalcolo di convenienza, confrontando i cambio culturale. Ad esempio unazione Diffuso oggi il Rapporto ISTIL 2001 sullo stato del cielo notturnocosti dellilluminazione (impianto, formativa sui bambini che frequentano la in Italia: 7 italiani su 10 vivono in un perenne “pleniluniolampadine, energia ecc.) con i maggiori scuola elementare, quando sonoguadagni che potrà conseguire in quanto artificiale” causato dall’inquinamento luminoso. maggiormente disposti ad ascoltare eattira più clienti. Il fatto è che siamo in non ancora completamente influenzatipresenza di quella che gli economisti dalla culturaISTIL 2001 presentato sabato al Congresso Annuale di Cielobuio Il rapporto di massa che porterà moltidefiniscono una "diseconomia esterna di di loro ad apprezzare i fasci di luce notturno è disponibile ufficialmente da Coordinamento per la protezione del cieloproduzione", cioè una situazione in cui proiettatisito www.istil.it oggi nel verso il cielo dalle discoteche,unazione intrapresa da ununità porterà i risultati più gratificanti.economica comporta un costo per altri. Saluti.... 28 novembre 2001. Padova, L’inquinamento luminoso prodotto dall’Nel nostro caso, laumento di produzione illuminazione delle città causa per sette italiani su dieci un vero e propriodella pizzeria comporta un inquinamento “plenilunio artificiale”: infatti Marchesi Giuseppe il cielo notturno nel luogo ove essi vivono è piùluminoso che si traduce in un costo luminoso di quanto si misura nelle notti prossime al plenilunio in siti astronomicicollettivo (maggiore rischio di incidenti non inquinati. E’ uno dei risultati del Rapporto ISTIL 2001 - Stato del cielosulla strada lungo la quale si trova la notturno e inquinamento luminoso in Italia, presentato sabato scorso al Congressopizzeria, minori possibilità per gli Annuale di Cielobuio s voltosi all’Osservatorio Astronomico di Brera-Merate eastrofili di osservare il cielo notturno, disponibile da oggi nel sito Internet www.istil.it. L’Istituto di Scienza e Tecnologiaecc.). Tuttavia il costo privato non dell’Inquinamento Luminoso (ISTIL) è un ente senza fini di lucro che ha comeriflette interamente il costo sociale, scopo lo sviluppo e la promozione della ricerca scientifica sull’inquinamentopoiché la pizzeria responsabile non è luminoso nonché lo sviluppo e la diffusione di tecnologie e metodi per limitare ipenalizzata per il suo contributo ad un suoi effetti sull’ambiente. Cielobuio, Coordinamento per la protezione del cielopeggioramento della qualità del buio notturno, è la attiva associazione che ha promosso la legge contro l’inquinamentonotturno. luminoso della Regione Lombardia n.17 del 27 Marzo 2000, considerata laAnche il prezzo della pizza andrà a migliore legge di questo tipo attualmente in vigore in Italia e una delle migliori nelremunerare i fattori produttivi (il lavoro mondo. In suo onore è stato dato questo nome ad un pianetino recentementedel pizzaiolo, la farina....) e il rischio scoperto (13777 - Cielobuio).dimpresa, ma non quel costo sociale Il Rapporto ISTIL 2001 è stato patrocinato dall’International Dark-Skyvisto in precedenza: il prezzo pagato dal Association, l’organizzazione che combatte l’inquinamento luminoso nel mondo,cliente è in realtà inferiore a quello che ed è basato su misure ottenute con i satelliti del Defence Meteorological Satellitepaga lintera società; esso è in pratica Program dell’aeronautica militare statunitense. Lo hanno preparato l’astronomomantenuto ad un livello artificialmente Pierantonio Cinzano e il fisico Fabio Falchi dell’ISTIL in collaborazione con ilbasso, così che si finisce per usare una geofisico Christopher Elvidge del NOAA National Geophysical Data Center. Dallequantità troppo elevata della risorsa (il misure delle emissioni di luce artificiale fatte con satelliti, tenendo conto dellabuio). propagazione della luce nellatmosfera, i tre ricercatori hanno ottenuto una serie diCome si vede linquinamento luminoso mappe che mostrano lestensione e lintensità dellinquinamento luminoso in Italia,va trattato alla stessa stregua delle altre la luminosità del cielo, la visibilità delle stelle, la perdita di visibilità ed una serieforme di inquinamento, le cui di indicatori della situazione in cui si trova la popolazione e il territorio nelleproblematiche sono state quantomeno regioni e nelle province. Alcuni risultati del Rapporto ISTIL 2001 erano statirecepite dai governi dei Paesi evoluti. anticipati in occasione della nona edizione della Giornata nazionale controAnche in questo caso, per abbassare il l’Inquinamento Luminoso (13 ottobre 2001; si veda il comunicato stampa sulivello di degrado raggiunto, ci sono www.istil.it). I tre studiosi sono noti per aver di recente completato il primo atlantecosti (come per le altre forme di mondiale della brillanza artificiale del cielo notturno, che apparirà a Dicembreinquinamento più evidenti): riprogettare nella prestigiosa rivista scientifica della Royal Astronomical Society.impianti, sostituirli, modificare alcune L’alterazione della quantità naturale di luce presente nell’ambiente notturnoabitudini di vita, cancellare progetti e provocata dall’immissione di luce artificiale è un vero e proprio inquinamento. Perpossibilità occupazionali ecc.). Quanto il Dizionario Devoto - Oli inquinamento significa “alterazione di un qualsiasisopra per sgombrare il campo elemento o di una qualsiasi sostanza naturale” e per lo Zingarelli 2001dallequivoco che ridurre linquinamento “introduzione nell’ambiente di sostanze o di fattori fisici in grado di provocareluminoso sia (più) facile e porti risparmi disturbi o danni all’ambiente stesso”. E “disturbi” all’ambiente e alla salute degliimmediati. esseri che ci vivono (animali, piante e uomo) l’inquinamento luminoso ne produceE invece realistico mutuare quanto di tanti, documentati da centinaia di studi scientifici e rapporti. Sono ancora poco notipositivo è stato fatto nel controllo di perché questo campo di studi si è sviluppato da poco tempo (un parziale elencoaltre forme di inquinamento bibliografico si trova su http://debora.pd.astro.it/cinzano/refer/node8.html).(regolamentazioni, tassazioni, incentivi Spiegano Pierantonio Cinzano e Fabio Falchi, autori del Rapporto: “L’aumentoecc.), cercando di evitare gli errori della luminosità del cielo notturno è soltanto uno dei molti effetti dell’commessi, soprattutto quando le inquinamento luminoso, ma è il più noto perché è molto evidente. E’ grave perchéregolamentazioni si sono dimostrate mette in gioco la percezione del Universo attorno a noi, sul quale il cielo stellatoeccessivamente complesse, costituisce l’unica “finestra” disponibile per la popolazione. Ci sottrae un elementoAstroemagazine 21 Dicembre 2001
  17. 17. 17fondamentale per la cultura, sia inquinate in mezzo al mare. Potrebbe perciòumanistica che scientifica, e una sembrare che queste aree non sianocomponente importante del patrimonio inquinate, ma in montagna la trasparenza del cielo èpaesaggistico. Costituisce infine un maggiore che a livello del mare e quindi siinutile spreco energetico ed economico. dovrebbero osservare stelle piùCon il ritmo di crescita attuale deboli. Non si osservano perché in realtàdellinquinamento luminoso, dell’ordine quelle montagne sono inquinate,del 10% all’anno in Italia, i problemi da come è evidente nella mappa di destra cheesso prodotti non faranno che aggravarsi mostra la perdita di magnitudine.rapidamente.”Le regole della legge control’inquinamento luminoso della RegioneLombardia n.17 del 27 Marzo 2000possono essere utilizzate ovunque, anchefuori dalla Lombardia, come guida aduna corretta illuminazione che minimizzil’impatto sul cielo notturno. ConcludePierantonio Cinzano: “E’ auspicabile chele organizzazioni degli illuminotecnici,dei produttori di energia elettrica e deiproduttori di apparecchi di illuminazioneabbandonino la difesa di praticheilluminotecniche inadeguate che nongarantiscono una appropriata limitazionedell’inquinamento luminoso (es. lanorma UNI 10819) e indirizzino losviluppo dell’illuminotecnica verso ilrispetto dell’ambiente prendendo lemosse proprio da questa ottima legge.”Ulteriori informazioniPer altre informazioni www.istil.itUlteriori informazioni sugli altri studisull’inquinamento luminoso del Dr.Cinzano e colleghi si trovano suwww.inquinamentoluminoso.it/dmsp/ ewww.inquinamentoluminoso.it/istil/pressSull’Atlante mondiale della brillanzaartificiale del cielo notturno si vedaanche la nota ANSAhttp://wwww.ansa.it/notiziari/scienza/20010919002531980889.html ).Qui a destra: Visibilità delle stelle e perditadi visibilità.Didascalia: La mappa in alto mostra lavisibilità delle stelle in Italia e la mappa inbasso mostra la perdita di magnitudine ossiail peggioramento della visibilità delle stelleprodotto dall’inquinamento luminoso.Credits: P. Cinzano, F. Falchi (University ofPadova), C. D. Elvidge (NOAANational Geophysical Data Center, Boulder).Copyright ISTIL 2001.Scala dei colori: nella mappa di sinistra ognilivello colorato della scala corrisponde a0.25 magnitudini, l’unità usata dagliastronomi per indicare la luminosità dellestelle; nella mappa a destra ogni livelloindica una perdita di 0.2 magnitudini. Si notiche in alcune zone delle alpi c’e’ la stessavisibilità stellare che c’e’ nelle zone non Astroemagazine 21 Dicembre 2001
  18. 18. 18 SISTEMA SOLAREReport preliminare Asher-McNaugt 1766 10:01 1699 17:31 1866 18:19 Corrente UTsulle Leonidi 2001 Lyytinen-Van 1500 1766 9000 15 000 ZHR 1633, 1666, 1699, Correntedi Albino Carbognani Versione del 27 novembre 2001 Flandern 1866 10:28 18:15 UTQ uestanno losservazione delle Leonidi è stata favorita dallassenza della Luna e, in generale, dalle buone condizioni meteo. Purtroppo, dallelenco dei luoghi Brown-Cooke 2000 8500 1766, 1799, 1833 ZHR Correnteprivilegiati, manca lItalia. Dal nostro paese, già svantaggiatodal punto di vista temporale, solo pochi hanno potuto compiere 13 UTosservazioni, per lo più al centro-sud. Al nord il cielo era 1300 ZHRgeneralmente coperto con nebbia e piogge sparse e soloqualche zona di cielo sereno a nord-est. Tab1- Sintesi delle previsioni per il 18 novembre dell’attivitàLa "pioggia" di Leonidi cè stata, ma lattività dello sciame si è delle Leonidi 2001. L’anno in corrispondenza della corrente simantenuta sotto alle previsioni, con uno ZHR (tasso orario riferisce al periodo d’emissione dei meteoroidi dalla P/55zenitale) che, al massimo, è arrivato a 3000/5000 meteore l’ora, Temple-Tuttle.contro un valore atteso di 15000. In ogni caso l’attività dellosciame è stata di tutto rispetto, nel 1999 lo ZHR massimo era Il programma utilizzato richiede di individuare,dell’ordine di 3700 meteore/h, mentre nel 2000 si è assestato approssimativamente, il numero e la posizione dei picchisulle 480 meteore/h. Dalle zone in cui i picchi d’attività visibili e di scegliere la forma del picco base che può esserecadevano nel periodo notturno (Asia orientale, Australia e gaussiano o lorentziano, sono entrambe curve simmetriche aAmerica), sono stati osservati numerosi bolidi, spesso con campana ma la seconda va a zero meno rapidamente dellatracce persistenti per alcuni minuti, come si era prima: dopo queste operazioni si ottiene il risultato, sotto formainaspettatamente verificato anche nel 1998. Ci sono numerose grafica ma con i parametri numerici che servono, cometestimonianze di suoni elettrofonici generati dai bolidi più posizione, intensità e larghezza dei picchi. La scelta del numeroluminosi, dalla magn. -8/-10 in giù. Il meccanismo e della posizione dei massimi ha un certo marginedell’elettrofonia, su cui ora non posso dilungarmi, spiega come d’arbitrarietà: dopo averne effettuato un certo numero lasia possibile udire un suono contemporaneamente alla deconvoluzione migliore si sceglie in base al coefficiente dicomparsa del bolide, inoltre si tratta di un campo di studi in cui correlazione. Quest’ultimo è un numero compreso fra zero ec’è spazio per gli astronomi non-professionisti. uno, più è vicino ad uno, migliore la deconvoluzione.La missione "Leonid Multi-Instrument Aircraft Campaign", Cominciamo con l’analizzare i dati dellinternational Meteorsponsorizzata dalla NASA, ha raccolto numerosi spettri Organization (IMO), riportati in Fig.1. L’andamento dello ZHRd’ottima qualità, sia della testa sia delle scie delle meteore che mostra due massimi pronunciati e questo esclude le previsionipermetteranno dettagliati studi sulle loro condizioni fisiche di Brown e Cooke, che prospettavano un unico, largo, massimocome mai è stato possibile fino ad ora. Molti degli spettri, attorno alle 13 UT. Restano in campo le previsioni d’Asher-infatti, oltre a mostrare le linee in emissione d’ossigeno e McNaught (AMcN) e Lyytinen-Van Flandern (LVF).azoto, mostrano righe e bande molecolari non identificate. Il 19novembre alle 00:18:58 UT e stato osservato, da DavidPalmer, un flash da impatto di quarta magnitudine sullasuperficie lunare (vicino a Sinus Media). Losservazione e stataconfermata da David Dunham e Tony Cook. Altri 9 impatti piudeboli, sempre registrati da Palmer, attendono una osservazioneindipendente per poter essere confermati. Come si vede leLeonidi 2001 lasceranno il segno del loro passaggio in diversebranche della planetologia.Quella che segue è un’analisi preliminare dei dati raccolti daalcune delle maggiori organizzazioni internazionali,attualmente disponibili in rete. Prima di tutto è bene fare unriepilogo delle previsioni sull’attività delle Leonidi per il 18novembre 2001 (vedi Tab.1).Per l’analisi dei dati raccolti bisogna tenere presente che loZHR osservato è la somma (in termini tecnici si tratta di unaconvoluzione), dei contributi delle singole correnti dimeteoroidi emesse dalla cometa durante il passaggio alperielio, quindi è indispensabile poter separare i vari contributi,in altre parole eseguire una deconvoluzione. Sul mercato sono Fig.1 – Dati grezzi sullo ZHR delle Leonidi 2001 dalle 3 alledisponibili vari software che compiono quasi automaticamente 23 UT del 18 novembre 2001, si noti la piccola dimensionel’operazione richiesta come, ad esempio, Microcal Origin 6.0. delle barre d’errore. Dati IMO. Astroemagazine 21 Dicembre 2001

×