LABORATORIO DI ITALIANO L2Glottodidattica e metodologia ludica in          contesto plurilingue     L’italiano in gioco (2...
Approccio umanistico-affettivo e     funzionale comunicativoI punti di partenza dei due approcci sono: l’attenzione ai bi...
Obiettivi della glottodidattica ludica   Tradurre in modelli operativi i principi    dell’approccio umanistico-affettivo ...
Ludicità nella didattica   L’uso della ludicità nella didattica è un fattore    utile a generare e mantenere la motivazio...
Attività ludica e filtro affettivo I giochi, includendo spesso gli elementi  dell’umorismo, aiutano a creare delle  situa...
Gardner e le intelligenze multipleLe intelligenze, secondo Gardner, l’autore della Multiple  Intelligence Theory, le intel...
   In ogni persona tutti i tipi di intelligenza    coesistono, ma il grado del loro sviluppo varia.   Perciò, in modo da...
COMPETIZIONE     vsCOOPERAZIONE?
Tecniche ludicheLe tecniche ludiche verranno divise in tre  categorie: il gioco, la simulazione la musica.
I giochi da tavoloAlcuni esempi:- il gioco dell’articolo- Gioco infernale!- Indovina l’oggetto- Il gioco dell’oca (due pro...
Altri giochi Cruciverba Visual game Bandierina Grammapoker! … le vostre proposte ( 5 min. di lavoro in gruppo)
L’italiano che bel gioco!Un gioco strutturato da proporre in:- classi plurilivello- classi italofone e non solo…
Il corpo umano… in giocoE ora tocca a voi….                      … giochiamo!
La canzone“Bella” di Jovanotti- proposta didattica Dada (agenda  dettagliata + scheda facilitazione)- proposta strutturata...
La simulazione Drammatizzazione: ripetizione di un  dialogo (es. copione di una scena di un  film); Role taking: assumer...
 Role-making: simulazione con una serie  precisa di istruzione (es. affrontare un  colloquio di lavoro); Roleplay: massi...
Un po’ di teatro insieme… Animaletti! Cerco/offro lavoro
Un po’ gioco e un po’ teatro…LA FAMIGLIA TESTA…                    …. bisogna scattareuna foto ricordo!!!
Italiano L2: obiettivo intercultura
SITOGRAFIA ITALIANO L2: PROPOSTA    DI RISORSE PER LA SCUOLA  MATERIALE DIDATTICO VARIO
E per finire…… valutazione!
Bibliografia di riferimento Caon  F., Rutka S.., La lingua in gioco,  Guerra Edizioni, Perugia, 2004 AA.VV., Istruzioni ...
GRAZIE!a cura di Fernanda LobinaCell. 338.7818099Associazione Interculturale NURwww.assonur.orgassonur@gmail.orgTel. 070.3...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Definitivo metodologia ludica

1,673 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

Definitivo metodologia ludica

  1. 1. LABORATORIO DI ITALIANO L2Glottodidattica e metodologia ludica in contesto plurilingue L’italiano in gioco (2° incontro)
  2. 2. Approccio umanistico-affettivo e funzionale comunicativoI punti di partenza dei due approcci sono: l’attenzione ai bisogni comunicativi e affettivi dello studente, il coinvolgimento nel processo didattico, la rilevanza dell’interazione tra gli allievi (cooperative learning), l’importanza della componente sociale, in cui sono compresi gli aspetti socio- culturali.
  3. 3. Obiettivi della glottodidattica ludica Tradurre in modelli operativi i principi dell’approccio umanistico-affettivo e quello funzionale-comunicativo; mantenere e sviluppare la motivazione allo studio di LS o L2; diminuire le emozioni negative (paura, previsione di insuccesso), creando in classe un ambiente sereno e rilassante; prendere in considerazione i diversi stili d’apprendimento
  4. 4. Ludicità nella didattica L’uso della ludicità nella didattica è un fattore utile a generare e mantenere la motivazione. Le attività ludiformi partono dai bisogni e interessi degli allievi e ne fanno i protagonisti delle stesse. Attraverso le stesse si crea la motivazione intrinseca, nella quale lo studente prova curiosità, desiderio e piacere nell’imparare. Attraverso la realizzazione dei fondamenti della glottodidattica ludica, si cerca anche di diminuire lo stress e l’ansia, che costituiscono la parte del filtro affettivo.
  5. 5. Attività ludica e filtro affettivo I giochi, includendo spesso gli elementi dell’umorismo, aiutano a creare delle situazioni nelle quali uno si sente a proprio agio ed è sicuro di non essere sottoposto al rischio di giudizi malevoli. La diminuzione del filtro affettivo contribuisce all’acquisizione, dunque la padronanza migliore dell’input fornito rispetto all’apprendimento
  6. 6. Gardner e le intelligenze multipleLe intelligenze, secondo Gardner, l’autore della Multiple Intelligence Theory, le intelligenze sono universali cognitivi mediante i quali avviene la conoscenza e si organizza l’azione dell’uomo nel mondo. Si tratta di strategie che vengono coinvolte sempre quando la persona deve risolvere un problema.Gardner ne distingue sette tipi: linguistica logico-matematica cinestetica spaziale ( o visiva) interpersonale (o sociale) musicale intrapersonale
  7. 7.  In ogni persona tutti i tipi di intelligenza coesistono, ma il grado del loro sviluppo varia. Perciò, in modo da evitare l’esclusione degli allievi non dotati di alta intelligenza linguistica, bisogna creare delle strategie didattiche che coinvolgano le attività rispondenti alla varietà delle preferenze nella percezione e apprendimento. Questa necessità viene soddisfatta dalla strategia ludica, la quale prevede la diversità delle tecniche d’insegnamento, rispondenti a più tipi di intelligenza.
  8. 8. COMPETIZIONE vsCOOPERAZIONE?
  9. 9. Tecniche ludicheLe tecniche ludiche verranno divise in tre categorie: il gioco, la simulazione la musica.
  10. 10. I giochi da tavoloAlcuni esempi:- il gioco dell’articolo- Gioco infernale!- Indovina l’oggetto- Il gioco dell’oca (due proposte)
  11. 11. Altri giochi Cruciverba Visual game Bandierina Grammapoker! … le vostre proposte ( 5 min. di lavoro in gruppo)
  12. 12. L’italiano che bel gioco!Un gioco strutturato da proporre in:- classi plurilivello- classi italofone e non solo…
  13. 13. Il corpo umano… in giocoE ora tocca a voi…. … giochiamo!
  14. 14. La canzone“Bella” di Jovanotti- proposta didattica Dada (agenda dettagliata + scheda facilitazione)- proposta strutturata da “Cantachetipassa!”
  15. 15. La simulazione Drammatizzazione: ripetizione di un dialogo (es. copione di una scena di un film); Role taking: assumere ruoli precedentemente affrontati, introducendo poche modifiche (es. acquisto di biglietto ferroviario)
  16. 16.  Role-making: simulazione con una serie precisa di istruzione (es. affrontare un colloquio di lavoro); Roleplay: massima libertà di interpretazione (es. “il mercato” permette a tutta la classe di giocare).
  17. 17. Un po’ di teatro insieme… Animaletti! Cerco/offro lavoro
  18. 18. Un po’ gioco e un po’ teatro…LA FAMIGLIA TESTA… …. bisogna scattareuna foto ricordo!!!
  19. 19. Italiano L2: obiettivo intercultura
  20. 20. SITOGRAFIA ITALIANO L2: PROPOSTA DI RISORSE PER LA SCUOLA MATERIALE DIDATTICO VARIO
  21. 21. E per finire…… valutazione!
  22. 22. Bibliografia di riferimento Caon F., Rutka S.., La lingua in gioco, Guerra Edizioni, Perugia, 2004 AA.VV., Istruzioni per l’uso in classe 1, 2, 3, Bonacci, Roma, 2001 Naddeo, C. M., Trama G., Cantachetipassa!, Alma Edizioni, Firenze, 2004
  23. 23. GRAZIE!a cura di Fernanda LobinaCell. 338.7818099Associazione Interculturale NURwww.assonur.orgassonur@gmail.orgTel. 070.301381

×