07/03/10 - QualEnergia - Il problema Ambientale/energetico (Nicola Pennelli Ing. Tecnotermico)

1,158 views

Published on

07/03/10 - UALENERGIA? AMBIENTE, FONTI, TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO NELLE MARCHE ED IN ITALIA - Il problema Ambientale/energetico (Nicola Pennelli Ing. Tecnotermico). Organizzata dall'Ass. Culturale I Care www.assoicare.org

Published in: Education, Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,158
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
299
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

07/03/10 - QualEnergia - Il problema Ambientale/energetico (Nicola Pennelli Ing. Tecnotermico)

  1. 2. <ul><ul><li>Turdus Philomelos </li></ul></ul>
  2. 3. <ul><li>REGNO </li></ul><ul><li>Animale </li></ul><ul><li>CLASSE </li></ul><ul><li>Uccelli </li></ul><ul><li>ORDINE </li></ul><ul><li>Passeriformi </li></ul><ul><li>FAMIGLIA </li></ul><ul><li>Turdidi </li></ul><ul><li>SPECIE </li></ul><ul><li>Turdus Philomelos </li></ul><ul><li>Linneo </li></ul>
  3. 4. Turdidi
  4. 5. IL PROBLEMA AMBIENTALE
  5. 6. Andamento demografico di alcune specie comuni in Gran Bretannia dal 1966 al 2000 Fonte: Breeding Birds in the Wider Countryside, BTO – Joint Nature Conservation Committee
  6. 7. LA SITUAZIONE EUROPEA <ul><li>“ Delle 524 specie di uccelli europee prese in considerazione in Bird in Europe II, 226 (pari al 43%) hanno uno status di conservazione sfavorevole. Quindi ben una specie su due, in Europa, o è minacciata oppure è in declino . “ </li></ul>Fonte: Studio Bird in Europe II, LIPU Onlus – BirdLife International
  7. 8. Diminuzione degli uccelli di campagna in Europa
  8. 9. <ul><li>Nel mondo esistono circa 9700 specie di uccelli </li></ul>E COSA SUCCEDE NEL MONDO? Fonte: BirdLife International Si stima che il 60% delle specie sia in declino e Il 12% pari a 1186 specie sia minacciato di estinzione
  9. 10. Gli uccelli si estinguono in Brasile, in Indonesia, in Columbia, in Perù, in Cina e in India dove corre la nuova economia globalizzata Lista di paesi con il maggior numero di specie di uccelli globalmente minacciate Fonte: BirdLife International
  10. 11. Fonte: National Geographic
  11. 12. Fonte: Quotidiano LA STAMPA - Torino
  12. 13. IL RISCALDAMENTO GLOBALE PER EFFETTO SERRA
  13. 14. L’AUMENTO DELLE CONCENTRAZIONI DI GAS CLIMALTERANTI
  14. 15. L’AUMENTO DELLE CONCENTRAZIONI DI GAS CLIMALTERANTI
  15. 16. STUDIO DELLA STABILITA’ DEI SISTEMI LA TEORIA DELLE CATASTROFI Sella A Sella B Dosso
  16. 17. LA BOMBA BIOLOGICA
  17. 18. LA BOMBA BIOLOGICA
  18. 19. LA BOMBA BIOLOGICA
  19. 20. IL RAPPORTO DEL CLUB DI ROMA TEORIA SUI LIMITI DELLO SVILUPPO
  20. 21. <ul><li>Se si leggono i giornali o i programmi elettorali dei partiti si deve: </li></ul><ul><li>Costruire nuove centrali elettriche perché la domanda aumenta </li></ul><ul><li>Mettere un pannello solare sopra ogni casa perché è tanto pulito </li></ul><ul><li>Sostituire il petrolio con le rinnovabili (secondo i progressisti)‏ </li></ul><ul><li>Sostituire il petrolio col nucleare (secondo i conservatori)‏ </li></ul>QUALI INTERVENTI IN CAMPO ENERGETICO E AMBIENTALE SONO NECESSARI?
  21. 22. NON VI SEMBRA UN PO’ POCO?
  22. 23. ANALIZZIAMO SERIAMENTE IL PROBLEMA: DI CHI E’ LA COLPA? DEL CLIMA, DELL’INQUINAMENTO? PERCHE’ GLI UCCELLI SI ESTINGUONO
  23. 24. Fonte: Birdlife International Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Uomo Causa naturale Uomo Uomo Uomo Uomo
  24. 25. IL PROBLEMA AMBIENTALE E’ IN MASSIMA PARTE CAUSATO DALL’UOMO O MEGLIO DALLE ATTIVITA’ UMANE Ecco le attività umane maggiormente impattanti: <ul><li>Ciclo delle materie prime dall’estrazione allo smaltimento come rifiuto: Legno; Carta; Vetro; Acciaio; Alluminio; Plastica; ecc. </li></ul><ul><li>Attività legate all’alimentazione: agricoltura; allevamento; pesca; ciclo dell’acqua potabile e da irrigazione; ecc. </li></ul><ul><li>Ciclo dell’energia: approvvigionamento dei combustibili; produzione di energia Elettrica; usi finali di energia nei trasporti, nell’industria e nel settore civile </li></ul>
  25. 26. Innanzi tutto bisogna superare il modello di sviluppo occidentale perché non è sostenibile nel tempo e nei confronti degli altri esseri viventi Come superare la crisi energetico ambientale? Poi bisogna governare la bomba biologica costituita dall’eccessiva crescita demografica umana Infine si devono ridurre tutte le attività umane ridisegnando un modello di progresso e non di sviluppo , basato sulla centralità dell’uomo e dei suoi bisogni reali e non sull’economia e sui prodotti che l’uomo deve per forza consumare
  26. 27. IL PENSIERO DI UN ALTRO GRANDE DEL 900’ “ Questo non è PROGRESSO questo è SVILUPPO ………….. e a me non piace questo SVILUPPO” Pier Paolo Pasolini - 1972
  27. 28. CONCLUSIONI NOI NON ABBIAMO UN PROBLEMA ENERGETICO: NOI POSSIAMO USARE MOLTA PIU’ ENERGIA DI QUANTA NE USIAMO ORA. ENERGIA CHE IN FUTURO POTRA’ ESSERE FORNITA ALL’UOMO ESSENZIALMENTE DALLA FUSIONE NUCLEARE O DA ALTRE TECNOLOGIE INNOVATIVE
  28. 29. CONCLUSIONI OGGI NOI USIAMO SCORRETTAMENTE L’ENERGIA ENTRO FILIERE APERTE CHE PRODUCONO DANNI GRAVI E SPESSO IRREVERSIBILI AGLI HABITAT ED AI I SISTEMI BIOLOGICI NATURALI
  29. 30. IL GIOCO DELLE BUGIE SOSTENIBILI … ..ovvero come la verita’ sia nascosta dal filtraggio dei media !
  30. 31. 3 + 3 = 7 Vero o falso?
  31. 32. Il cavallo ha cinque zampe Vero o falso?
  32. 33. Il cavallo è un suino Vero o falso?
  33. 34. Il Tasso è un roditore Vero o falso?
  34. 35. Il Tasso è una pianta Vero o falso?
  35. 36. Il Tasso è un Mustelide
  36. 37. La famiglia dei Mustelidi
  37. 38. La pianta di Tasso (Taxus Baccata)‏
  38. 39. Il Gruccione è un Coraciforme Vero o falso?
  39. 40. Il Gruccione
  40. 41. Quest'anno la crescita diminuirà dello 0,1 % Fonte: moltissimi telegiornali nazionali e locali
  41. 42. Se finisce il petrolio non abbiamo più energia a sufficienza Vero o falso?
  42. 43. Con le energie rinnovabili possiamo risolvere il problema energetico in modo pulito agli attuali tassi di consumo Vero o falso?
  43. 44. IL PETROLIO E’ GIA’ FINITO Io assolutamente no !! SIETE PREOCCUPATI?
  44. 45. IL PROBLEMA ENERGETICO
  45. 46. INNANZI TUTTO PONIAMOCI ALCUNE DOMANDE: <ul><li>Come usiamo l’energia? </li></ul><ul><li>Come usiamo le materie prime? </li></ul><ul><li>Potremmo usarli meglio? </li></ul>
  46. 47. ECCO ALCUNI ESEMPI
  47. 48. IL MONDO DI NOTTE Fonte: NASA
  48. 49. L’ITALIA DI NOTTE Fonte: NASA
  49. 50. LA VELOCITA’ MEDIA NEL TRAFFICO DELLE AUTO IN EUROPA E’ DI 12 km/h Fonte: Commissione Trasporti UE
  50. 51. UN MONDO DI PLASTICA Fonte: National Geographic
  51. 52. ALL’INFRAROSSO VEDIAMO IL CALORE Fonte: KlimaHaus - BZ
  52. 53. ECCO LE NOSTRE CITTA’ ECCO IL NOSTRO MODELLO DI SVILUPPO UN MIRABILE ESEMPIO DI RISPETTO DELL’AMBIENTE, QUALITA’ DELLA VITA E SFRUTTAMENTO DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI
  53. 54. SPRECHIAMO L’ENERGIA SPRECHIAMO LE MATERIE PRIME
  54. 55. E NONOSTANTE QUESTO SFOGGIO DI ABBONDANZA VIVIAMO MALE
  55. 56. Da prelievi sulle acque del fiume Po effettuati in Italia tra il 2003 e il 2005 dall’istituto Negri è emerso che OLTRE IL 30% DEI CITTADINI TRA 15 E 34 ANNI FA USO DI COCAINA ALMENO UNA VOLTA AL MESE
  56. 57. CIRCA IL 30% DEI CITTADINI FA USO DI PSICOFARMACI, STUPEFACENTI O SOSTANZE PSICOTROPICHE PROIBITE
  57. 58. CERCHIAMO TUTTI UN MESSIA ENERGETICO UN UNICO SALVATORE SOSTITUTO DEL PETROLIO MA ESISTE DAVVERO? L’OCCIDENTE HA CAPITO CHE DEVE ABBANDONARE IL PETROLIO L’OCCIDENTE HA CAPITO ANCHE CHE NON PUO’ CONTINUARE A CONSUMARE TANTA ENERGIA. SIAMO SMARRITI
  58. 59. PARLIAMO SERIAMENTE DI ENERGIA Tecniche del risparmio energetico Cella a combustibile, Ciclo combinato, Digestore anaerobico, Cogeneratore a gas, Caldaia a condensazione, Turbina eolica, Turbina ad aria, Turbina idraulica, Pompa di calore, Collettore solare termico, Pannello fotovoltaico, Concentratore solare, Ciminiera solare, Reattore nucleare a fusione Tecniche dello spreco, Motore a scoppio, Motore Diesel, Caldaia tradizionale, Reattore nucleare a fissione, Ciclo Rankine classico, Ciclo turbogas Tecnologie per l’utilizzo e la trasformazione dell’energia Cultura del risparmio e della rinuncia energetica Idrogeno, Metano, Biogas, Biocombustibile, Alcool, Legna, Caffè, Tabacco, ecc. Cultura dello spreco, Benzina, Nafta, Kerosene, Gas naturale, GPL, ATZ, BTZ Vettori Energetici Risparmio energetico Rinuncia energetica Comunicazione sociale Sole, Biomasse, Ciclo dell’acqua, Vento, Maree, Geotermia, Acquatermia, energia atomica da fusione Pubblicità , Petrolio, Gas naturale, Carbone, Combustibile fissile Fonti Energetiche Pulite A minor impatto ambientale (o a maggior tasso di rinnovabilità)‏ A maggior impatto ambientale (o a minor tasso di rinnovabilità)‏
  59. 60. <ul><li>L’IDROGENO non è IL MESSIA perché non è una fonte energetica ma un vettore energetico. NON ESISTONO GIACIMENTI DI IDROGENO e per produrre l’idrogeno si deve bruciare IL PETROLIO o un’altra fonte energetica. </li></ul><ul><li>IL NUCLEARE DA FISSIONE è PULITO e SICURO ma non è IL MESSIA perché il combustibile fissile non è rinnovabile e prima o poi finirà come il petrolio. Restano anche forti dubbi sui costi e sulle scorie. </li></ul><ul><li>LE RINNOVABILI non sono il MESSIA perché il loro TASSO DI CRESCITA è di gran lunga inferiore alla crescita della domanda. Si potrà andare solo con le rinnovabili quando si abbasserà la domanda al livello di produzione delle rinnovabili. Attualmente ciò significherebbe rinunciare al 87% della domanda. </li></ul>Fonte: IEA - PEAR <ul><li>LA FUSIONE NUCLARE POTREBBE ESSERE IL MESSIA ENERGETICO ma è molto di la’ da venire e NON RISOLVE COMUNQUE IL PROBLEMA AMBIENTALE CHE E’ CAUSATO ANCHE DALLA BOMBA BIOLOGICA E DAL PROLIFERARE DELLE ATTIVITA’ UMANE. </li></ul>
  60. 61. QUINDI NON ESITE IL MESSIA ENERGETICO IL PROBLEMA E’ MOLTO COMPLESSO E VA AFFRONTATO CON GRANDE SERIETA’
  61. 62. IL MESSIA ENERGETICO Fonte: Curve di Hubbert
  62. 64. LA BUGIA DELLA FINE DEL PETROLIO Riserve disponibili secondo IEA a tasso costante di consumo ANNO 2007 - Carbone 133 anni - Petrolio non convenzionale oltre 100 anni - Uranio e radionucleidi fissili oltre 100 anni - Metano 61 anni
  63. 65. NEL FUTURO UN MIX DI TECNOLOGIE - Metano - Carbone - Petrolio non convenzionale (scisti bituminosi) - Rinnovabili: Sole, Vento, Idroelettrico, Biomasse - Nucleare da fissione
  64. 66. LA DOMANDA ENERGETICA MONDIALE
  65. 67. LA BUGIA DELLE RINNOVABILI
  66. 68. LA BUGIA DELLE RINNOVABILI Le rinnovabili non possono sostituire le convenzionali a parità di modello energetico economico di sviluppo Chi afferma che le rinnovabili sostituiranno le energie convenzionali all’interno del modello di crescita occidentale STA DICENDO UNA ENORME BUGIA
  67. 69. LA FAVOLA DEL FOTOVOLTAICO CONSUMO ANNUO ENERGIA ELETTRICA ITALIA = 340 TWh TASSO DI AUMENTO ANNUO = 2% = 7 TWh/anno PROGRAMMA FOTOVOLTAICO ITALIANO DM 19/02/07 Art. 12 – OBIETTIVO NAZIONALE = 3 GW DI FOTOVOLTAICO AL 2016 3 GW DI FOTOVOLTAICO PRODUCONO 3 TWh/ANNO DI ENERGIA MA NEL FRATTEMPO LA DOMANDA SARA’ PASSATA DA 340 A 389 TWh
  68. 70. LA FAVOLA DEL FOTOVOLTAICO NEL 2016 CI VORRANNO BEN 49 TWh/anno IN PIU’ 3 TWH/ANNO LI PRODUCONO I NOSTRI BEI PANNELLI IL VECCHIO CARO PETROLIO MA I RESTANTI 46 CHI LI PRODURRA’?
  69. 71. LE RINNOVABILI E LA DECRESCITA
  70. 72. LE RINNOVABILI E LA DECRESCITA Il mondo politico dei paesi più evoluti (germania-nord europa) sta lentamente comprendendo questi concetti Il Cancelliere Tedesco, Presidente di turno UE, ha sostanzialmente imposto il 31 marzo 2007, agli altri paesi membri, la regola del 20-20-20-20 cioé: Entro il 2020: 20% di aumento delle rinnovabili 20% riduzione di CO2 20% di riduzione dei consumi energetici ( 20% riduzione dei consumi = decrescita )‏
  71. 73. LE RINNOVABILI E LA DECRESCITA Per la prima volta nella storia del pensiero economico e politico occidentale non si parla più di crescita e di aumento indiscriminato del PIL, ma nei fatti e nella sostanza si impone la decrescita dato che la regola del 20-20-20-20 è cogente, ossia comporta l’obbligo di pagare sanzioni pecuniarie per quegli stati membri che non saranno in grado entro il 2020 di ottemperare agli accordi sottoscritti L’Italia ce la farà?
  72. 74. E ALLORA COSA SI DEVE FARE? E’ corretto installare impianti fotovoltaici? Certamente e assolutamente si E’ corretto sviluppare le fonti rinnovabili? Certamente e assolutamente si
  73. 75. Ma tutto ciò è certamente e assolutamente largamente insufficiente
  74. 76. NON CAPISCO C’E’ UNA CONTRADDIZIONE IN TERMINI! SI DEVONO DESTINARE CORRETTAMENTE LE LIMITATE RISORSE DI CUI DISPONIAMO SE HO 1.000 LIRE 700 LIRE LE DEVO DESTINARE ALLO SVILUPPO DI TECNICHE DI DECRESCITA, CHE SONO URGENTISSIME : RINUNCIA ENERGETICA, RINUNCIA AI BENI MATERIALI, ELIMINAZIONE DELLA PUBBLICITA’, RISPARMIO ENERGETICO, CONDIVISIONE DI BENI, PRATICA DEL DONO E DELLA RECIPROCITA’, RIPARAZIONE RESTAURO RECUPERO E RIUSO DEI BENI, RICICLO DEI MATERIALI, DRASTICA RIDUZIONE DEGLI ORARI DI LAVORO COSA SI DEVE FARE VERAMENTE? 250 LIRE LE DEVO DESTINARE ALLO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI PIU’ EFFICIENTI: CALDAIA A LEGNA, BIOMASSE, EOLICO, SOLARE TERMICO, POMPA DI CALORE COL FOTOVOLTAICO 50 LIRE LO DEVO DESTINARE ALLA RICERCA ED ALLO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI MENO EFFICIENTI MA MOLTO PROMETTENTI, TRA LE QUALI IL FAMOSO FOTOVOLTAICO
  75. 77. NON VI SEMBRA CHE CHI COMANDA STIA FACENDO ESATTAMENTE IL CONTRARIO?
  76. 78. CONCLUSIONI IN REALTA’ L’UOMO HA: UN PROBLEMA AMBIENTALE CONSISTENTE NELLA CONTINUA E INARRESTABILE DISTRUZIONE DEGLI ECOSISTEMI OPERATA SISTEMATICAMENTE PER SOSTENERE L’INSOSTENIBILE ECONOMIA DEL PRODUCI - COMPRA - GETTA
  77. 79. CONCLUSIONI IN REALTA’ L’UOMO HA: UN PROBLEMA DEMOCRATICO DA RISOLVERE PERCHE’ LA NUOVA RIVOLUZIONE COPERNICANA CHE CI ATTENDE IN CAMPO TECNICO ED ECONOMICO NON POTRA’ PRESCINDERE DA UNA RIVOLUZIONE IN CAMPO SOCIALE CONSISTENTE DECRESCITA E RINUNCIA AL SUPERFLUO REDISTRIBUZIONE A LIVELLO PLANETARIO DELLE RISORSE ACCESSIBILITA’ DIFFUSA AL NUOVO BENESSERE DRASTICA RIDUZIONE DEI TEMPI DI LAVORO
  78. 80. CONCLUSIONI IN REALTA’ L’UOMO HA: UN ENORME PROBLEMA SOCIALE CONSISTENTE NELLA NOIA E NEL MAL DI VIVERE DEI GIOVANI OCCIDENTALI NELLO SFRUTTAMENTO E NELLA CONTINUA VIOLAZIONE DEI DIRITTI DELL’UOMO NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO NELLA MISERIA INDICIBILE, NELLA SETE, NELLA FAME E NELLE MALATTIE CHE DEVASTANO I PAESI POVERI DEL MONDO SENZA POSSIBILITA’ DI SCAMPO E DI FUTURO, NEMMENO PER I PIU’ DEBOLI I BAMBINI
  79. 81. DOBBIAMO FARE TANTISSIME COSE …… ..rimbocchiamoci le maniche e facciamole insieme……..
  80. 82. Anche se ci sembra di essere tanto importanti……. il mondo va avanti anche senza di noi ! Scattata il 25 maggio 2008 al Castello dell’Aquila

×