Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

ASOC2223 La_programmazione 2021-2027

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Upcoming SlideShare
Data expedition
Data expedition
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 13 Ad
Advertisement

More Related Content

More from A Scuola di OpenCoesione (20)

Recently uploaded (20)

Advertisement

ASOC2223 La_programmazione 2021-2027

  1. 1. Le politiche di coesione nella programmazione 2021-2027
  2. 2. Ogni sette anni, tanto in Italia quanto in Europa, si rinnova un "rito" che coinvolge il Governo, i Ministeri, le Regioni e i soggetti del partenariato istituzionale ed economico-sociale del Paese. Un percorso finalizzato alla elaborazione del documento che definisce governance, obiettivi strategici e programmazione delle risorse. Il risultato di questo lavoro, da cui discende ogni intervento che verrà realizzato nell'ambito della politica di coesione utilizzando i fondi strutturali europei, è l'Accordo di Partenariato (AdP), un documento approvato dalla Commissione europea.
  3. 3. A partire dal 2019 è stata così avviata la discussione relativa al ciclo (o periodo) di programmazione 2021-2027, che ha portato, nel luglio del 2022, all'adozione dell'Accordo di partenariato Italia 2021- 2027. In Italia, inoltre, alla "strategia" di coesione europea definita nell'Accordo e finanziata dai fondi europei si accompagna una strategia nazionale, quella del Fondo per lo sviluppo e la coesione.
  4. 4. L'Accordo di partenariato Italia 2021-2027 si sta progressivamente traducendo in programmi approvati. Man mano che i programmi vengono approvati, sul sito OpenCoesione diventano disponibili i relativi documenti: >>> www.opencoesione.gov.it/it/programmi_2021_2027 I programmi, a loro volta, daranno il via alla definizione di interventi e progetti che saranno pubblicati su OpenCoesione e potranno essere oggetto delle ricerche di monitoraggio.
  5. 5. Lungo il percorso verso l'approvazione dell'AdP, nel corso del 2021 erano stati approvati tutti i Regolamenti UE che hanno definito e inquadrato in modo generale e specifico l’uso dei fondi. Per quanto riguarda invece la politica di coesione finanziata con risorse nazionali, è la legge di Bilancio 2021 (articolo 1, comma 178, l. 178/2020) a dare indicazioni in merito alla strategia di intervento del FSC
  6. 6. Il Regolamento (UE) 2021/1060 è quello che definisce le disposizioni comuni sui fondi, articolando l'azione della politica di coesione comunitaria intorno a cinque Obiettivi strategici di policy (OP). In Italia il Dipartimento per le politiche di coesione ha definito i contenuti dell'Accordo di partenariato a partire da lavori preparatori articolati in cinque tavoli tematici, corrispondenti ai cinque OP: - Tavolo 1: un’Europa più intelligente - Tavolo 2: un’Europa più verde - Tavolo 3: un’Europa più connessa - Tavolo 4: un’Europa più sociale e inclusiva - Tavolo 5: un’Europa più vicina ai cittadini
  7. 7. Per quanto riguarda invece la politica di coesione finanziata con risorse nazionali, la strategia di intervento nell'ambito del Fondo per lo sviluppo e la coesione viene definita in coerenza con i contenuti dell'Accordo di partenariato e del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR)
  8. 8. Tra risorse nazionali ed europee, al 15 luglio 2022 risultano complessivamente assegnati alle politiche di coesione del ciclo di programmazione 2021-2027 in Italia finanziamenti per 147,7 miliardi di euro..
  9. 9. La dotazione più cospicua è quella relativa al Fondo per lo sviluppo e la coesione, per un totale di circa 66,6 miliardi di euro. Nel dicembre del 2020, l’articolo 1, comma 177 della Legge di Bilancio 2021 (n. 178/2020) ha stanziato 50 miliardi di euro. Questa dotazione è stata in seguito modificata. Circa 15,5 miliardi di euro contribuiscono al Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Mentre il 70% delle risorse stanziate a livello europeo sono destinate alle Regioni meno sviluppate (Sicilia, Sardegna e Meridione, tranne l'Abruzzo), per il periodo 2021-2027 è confermato in ambito FSC il riparto territoriale delle risorse assegnate per l’80% alle aree del Mezzogiorno.

×