il voto elettronico e la valutazione della didattica on line

804 views

Published on

La valutazione della didattica on line all'Università e le sue applicazioni al voto elettronico

Published in: Technology, Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
804
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

il voto elettronico e la valutazione della didattica on line

  1. 1. Proposta per un nuovo sistema di valutazione della didattica da parte degli studenti universitari: LA VALUTAZIONE ON-LINE Premessa La valutazione delle opinioni degli studenti universitari è un obbligo di legge e un indispensabile strumento per capire i punti di forza e di debolezza di una struttura didattica (Facoltà) e di un intero Ateneo. Nell’Università di Macerata la valutazione della didattica è coordinata dall’Ufficio Programmazione e Controllo che è anche Ufficio di supporto al Nucleo di Valutazione d'Ateneo), da anni – per la sommi- nistrazione dei questionari della valutazione due volte l’anno all’approssimarsi della fine di ogni se- mestre – si utilizza la collaborazione di numerosi studenti part-time e del personale tecnico ammini- strativo delle Facoltà. La complessità dell’Offerta formativa, molto diversificata e ricca di insegnamenti/docenti, ha deter- minato numerosi problemi al momento della distribuzione dei questionari: - costi elevati per l’impiego di numerosi studenti part-time (10 -12 studenti l’anno); - costi elevati per la stampa dei questionari realizzati con inchiostri speciali per la lettura ottica dei dati; - costi per la lettura e l'elaborazione dei dati; - problemi connessi con l’organizzazione dell’intera attività di distribuzione (le unità amministrati- ve delle Facoltà sono impegnate per giorni su tale attività e vengono distolte da altre mansioni); - dubbi sui risultati dell’elaborazione dei dati: alcuni questionari potrebbero non essere leggibili oppure le riposte potrebbero essere condizionate dai commenti del docente e da come lo stu- dente part-time presenta l’attività d’indagine; - disagi degli studenti (spesso coinvolti in più lezioni a rispondere al questionario con tempi troppo stringenti, ovvero assenti accidentalmente e quindi impossibilitati a dare il proprio giudizio); - disagi dei docenti per rinunciare a parte della loro lezione. Da tutte queste considerazioni nasce l’idea di una compilazione del questionario via web. È prioritario e preliminare alla proposta che si sia in grado di garantire l’anonimato allo studente e, al tempo stesso, essere sicuri che siano proprio gli studenti frequentanti le lezioni a rispondere alle domande così da consentire la compilazione del questionario una sola volta a semestre per ogni in- segnamento frequentato: senza queste garanzie non avrebbe senso l’indagine via web. Proposta Due volte l'anno, entro un periodo deciso dal Nucleo di Valutazione di Ateneo, si attiva la procedura on-line per la valutazione della didattica:
  2. 2. 1) lo studente si collega a un sito web (opportunamente pubblicizzato con manifesti nelle aule per far sì che l’indirizzo venga conosciuto solo dagli studenti frequentanti) dove immette nome, co- gnome, matricola, codice fiscale: il sistema verifica l'identità dello studente (magari attraverso un collegamento alla banca dati di ESSE3) e lo abilita al passo 2); 2) lo studente seleziona Facoltà, Corso di laurea e Insegnamento (i primi due dati sono inseriti in au- tomatico e gli insegnamenti disponibili sono solo quelli del suo piano di studi) per il quale vuole compilare il questionario (l’anno accademico e il semestre sono inseriti per default dal sistema); 3) Facoltà, Corso di laurea, Insegnamento sono identificati con codici e memorizzati in una tabella (A) insieme alla matricola dello studente che si è appena identificato; 4) il sistema verifica se c’è un duplicato della terna “matricola – codice – insegnamento – seme- stre”: se c’è vuol dire che lo studente ha già risposto al questionario e quindi non può compilarlo di nuovo per quel semestre, mentre in caso contrario lo studente potrà iniziare a rispondere alle domande (ovviamente se lo studente non completa il questionario la registrazione nella tabella (A) è annullata, permettendo così la ripetizione della procedura); 5) le risposte sono memorizzate in una seconda tabella (B) che contiene il codice Facoltà, il codice del Corso di laurea, il codice dell’Insegnamento, il codice del Docente e tutte le risposte alle do- mande ma nessun riferimento allo studente. In questo modo è sempre possibile sapere se uno studente ha compilato il questionario per una pre- scelta materia, non potrà ripeterlo ed è garantito l'anonimato. L’elaborazione dei dati avverrebbe in tempo reale, senza errori e con costi molto contenuti. Una possibile variante potrebbe essere quella di collegare il questionario al sistema di prenotazione on-line degli esami in modo tale che lo studente, contestualmente alla prenotazione ad un esame, possa compilare il questionario per quell’insegnamento. DataBase per identificazione studente (ESSE3 o equivalente) Nome Cognome Matricola Facoltà Corso di laurea
  3. 3. Tabella A (serve per evitare che uno studente compili due volte lo stesso questionario nello stesso semestre all’interno di un certo anno accademico, in giallo la terna che non si può ripetere) Anno accade- Semestre Facoltà Corso di Insegnamento Docente Matricola mico Laurea studente Tabella B (Tabella delle risposte in forma anonima) Anno acca- Semestre Facoltà Corso Insegnamento Docente A1 A2 B1 B2 demico di Lau- rea Oltre ad un evidente risparmio di tempo e denaro (il risparmio complessivo potrebbe essere di poco inferiore ai 20.000 euro l’anno) il sistema consentirebbe di modificare alcune domande: infatti, non tutte le domande del questionario sono stabilite dal Ministero e in minima parte è possibile cambiar- le o aggiungerle.
  4. 4. L’idea di monitorare le opinioni degli studenti direttamente dal web non è completamente nuova dal momento che in altri Atenei (es l’Università Cattolica di Milano) utilizza la piattaforma BlackBorad per questo scopo : http://www3.unicatt.it/pls/unicatt/consultazione.mostra_pagina?id_pagina=13652&id_lingua=3

×