Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo

  1. 1. BENESSERE ORGANIZZATIVORiunione _15 marzo 2011Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni - Via Isonzo n.21b - Roma
  2. 2. Il benessereorganizzativo è … “… l’insieme dei nuclei culturali, dei processi, e delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro, promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico, psicologico e sociale delle comunità lavorative”(Avallone, 2005)
  3. 3. Una organizzazione è “insalute” quando concorrono …“… tutte le condizioni in presenza delle quali un’organizzazione è capace, nel suo complesso, di esprimere salute e di mantenere condizioni di benessere e qualità di vita elevate per la propria comunità lavorativa” (Avallone, Paplomatas, 2005)
  4. 4. Quali sono i vantaggi …I vantaggi del Benessere organizzativo per una Pubblica Amministrazione sono: quelli relativi alla salute dei propri dipendenti (riduzione delle assenze per malattie ed infortuni,..); quelli di natura sociale (aumento dell’autostima e della motivazione,.. ); quelli sul piano economico (aumento della produttività ed efficienza economica, aumento della competitività dell’organizzazione, miglioramento dell’immagine istituzionale,…).
  5. 5. Il circolo virtuoso delbenessere organizzativo L’organizzazione Il lavoratore cresce e si sviluppa sta bene Aumenta il suo livello di performance
  6. 6. Il quadro storico …Fine ‘800-Inizi ‘900 ‘800- organizzazione “scientifica” del lavoro - modelli di origine militare (gerarchia, supervisione-controllo) supervisione- specializzazione e addestramento dell’individuo considerato come soggetto passivo del lavoro1930-1930-1940 interesse per malattie e infortuni sul lavoro1940-1940-1950 Scuola delle Relazioni Umane  interesse per il rapporto uomo- uomo-azienda critica della routinizzazione e della parcellizzazione del lavoro come fonte di stress e malessere
  7. 7. Il quadro storico …1950-1950-1960 Attenzione al danno di tipo psichico Early ergonomics (studi su job design, formazione-addestramento, formazione- selezione dei dipendenti)1970-1970-1980 Promozione della salute (Health Promotion) Estensione del concetto di salute alla dimensione organizzativa Influenza del concetto di qualità dal prodotto all’intera organizzazioneDal 1990 Dimensione di causalità circolare tra benessere individuale e condizione organizzativa Risorse umane come patrimonio dell’organizzazione e fattore chiave per efficacia ed efficienza dell’organizzazione
  8. 8. I punti di riferimento sono … Le principali espressioni del nuovo modo di concepire l’organizzazione del lavoro, riservando un ruolo centrale all’individuo, sono: Organizzazione Mondiale della sanità, 1948 – La definizione di Salute Conferenza “Environment and Health” Londra 16–18 Giugno 1999 16– Conferenza europea di Bilbao del 2002, organizzata dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro in collaborazione con la Presidenza dell’Unione europea Accordo europeo del 2004 sullo stress lavoro-correlato - Bruxelles 8 lavoro- ottobre 2004 Comunicazione n. 118/2002 della Commissione Europea in materia di strategie 2002-2006 per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro: si pone tra gli altri obiettivi il continuo miglioramento del benessere fisico,morale e sociale sul luogo di lavoro
  9. 9. Sul piano nazionale …•Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica del 24marzo 2004 sulle “Misure finalizzate al miglioramento delbenessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni”Direttivadel Ministro per le Riforme e le Innovazioni nellaPubblica Amministrazione 19 febbraio 2006 per “unaPubblica Amministrazione di qualità”D. Lgs. N. 81/2008, art. 2, lett. o) “salute: stato dicompleto benessere fisico, mentale e sociale, nonconsistente solo in unassenza di malattia o dinfermità”
  10. 10. In particolare con la Direttiva sulBenessere … il Dipartimento della Funzione Pubblica pone l’attenzione sulla gestione delle risorse umane individuando:  le motivazioni per l’adozione di misure finalizzate ad accrescere il benessere organizzativo  le indicazioni da seguire per accrescere il benessere organizzativo  gli strumenti per l’attuazione della direttiva (manuale e kit sul benessere organizzativo del DFP)
  11. 11. Per accrescere il benessereorganizzativo le amministrazioni devonofare attenzione alle seguenti variabilicritiche: Caratteristiche dell’ambiente nel quale il lavoro si svolge Chiarezza degli obiettivi organizzativi e coerenza tra enunciati e pratiche organizzative Riconoscimento e valorizzazione delle competenze Circolazione delle informazioni Prevenzione degli infortuni e dei rischi professionali
  12. 12. Ed ancora al … Clima relazionale franco e collaborativo Scorrevolezza operativa e supporto verso gli obiettivi Giustizia organizzativa Apertura all’innovazione Stress - l’amministrazione tiene sotto controllo i livelli percepiti di fatica fisica e mentale nonché di stress Presenza di eventuali situazioni conflittuali
  13. 13. Soluzioni operative permigliorare il benessereorganizzativo: Lavorare sull’organizzazione attraverso l’analisi dei fattori di malessere (questionario di rilevazione del benessere, analisi di clima, focus group,..) Adottare piani di miglioramento del benessere che riguardino ruoli e struttura, comunicazione, processi organizzativi, modifica di norme e procedure, innovazione tecnologica Implementare attività formative ad hoc

×