Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Assegno sociale

766 views

Published on

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Assegno sociale

  1. 1. 2/4/2014 Alessia Rotta 1 Proposta di Legge Età per l’assegno sociale La deputata Alessia Rotta
  2. 2. 2/4/2014 Alessia Rotta 2 Speranza di vita La speranza di vita è stata introdotta nel sistema pensionistico con effetti sui requisiti anagrafici per conseguire il diritto alla pensione al fine di garantire la stabilità del sistema. L ’ adeguamento del requisito anagrafico agli incrementi della speranza di vita interessa anche l ’ assegno sociale nonché l ’ assegno sociale sostitutivo della pensione d ’ inabilità civile, l’assegno mensile di assistenza agli invalidi parziali e la pensione non reversibile ai sordi.
  3. 3. 2/4/2014 Alessia Rotta 3 Requisito di età per l’assegno sociale Il requisito dei 65 anni per avere diritto all’assegno sociale è valido fino al 2012. A decorrere dal 1° gennaio 2013 il requisito anagrafico per il conseguimento dell ’ assegno sociale viene adeguato all ’ incremento della speranza di vita.
  4. 4. 2/4/2014 Alessia Rotta 4 Dal 1° gennaio 2013 il requisito anagrafico, rapportato agli incrementi della speranza di vita, per l’assegno sociale è elevato a: - 65 anni e 3 mesi dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2017; - 66 anni e 3 mesi dal 1° gennaio 2018. Assegno sociale e prestazioni sostitutive di invalidità civile Requisiti di età per l’accesso 2012 65 anni dal 2013 al 2017 65 anni e 3 mesi 2018 66 anni e 3 mesi
  5. 5. 2/4/2014 Alessia Rotta 5 L ’ adeguamento del requisito anagrafico per il diritto all’assegno sociale alla speranza di vita è errato per i seguenti motivi: - Non esiste alcuna correlazione tra la speranza di vita media e l’assegno sociale che si fonda sullo stato di povertà dei soggetti interessati; - Non è equo basare la sostenibilità del sistema previdenziale sulla riduzione della spesa sociale; - Nel caso specifico i soggetti interessati non sono in condizioni di adeguare l’attività lavorativa alla speranza di vita in quanto non svolgono alcuna attività lavorativa e si trovano in condizioni di indigenza. Assegno sociale e speranza di vita
  6. 6. 2/4/2014 Alessia Rotta 6 Povertà In Italia si registrano due fenomeni: - la concentrazione della ricchezza nel 10% della popolazione che detiene circa il 45% della ricchezza totale; - l ’ aumento della povertà assoluta, la quale è raddoppiata dal 2005 al 2012. Il peggioramento delle condizioni economiche e sociali di una parte della popolazione, la quale è sprovvista di reddito, ci impone di confermare il requisito dei 65 anni per avere diritto all’assegno sociale e, quindi, di abrogare le disposizioni che hanno realizzato una rapporto fittizio tra tale requisito e la speranza di vita delle persone.
  7. 7. 2/4/2014 Alessia Rotta 7 La proposta di legge recita: 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, il requisito anagrafico per il conseguimento dell’assegno sociale di cui all’art. 3, comma 6, della Legge 8 agosto 1995, n. 335 …….. è stabilito in 65 anni, senza l’applicazione degli incrementi di età previsti dall’art. 12, comma 12-bis, del decreto - legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. La proposta di legge conferma l’età dei 65 anni per avere diritto all’assegno sociale ed esclude l’incremento del requisito anagrafico alla speranza di vita. La proposta di Alessia Rotta
  8. 8. 2/4/2014 Alessia Rotta 8 Ai fini del diritto all’assegno sociale vengono valutati i redditi di qualsiasi natura, compresi i redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta (interessi postali e bancari, interessi su titoli ecc.). Per tale categoria di redditi non è possibile effettuare alcun controllo sulle autocertificazioni. Alessia Rotta propone di consentire all’Inps di utilizzare la Banca dati dei conti correnti al fine di erogare le prestazioni assistenziali di competenza dell’Istituto previdenziale nella misura giusta solo alle persone che si trovano in condizioni di indigenza. La Banca dati dei conti correnti al momento è utilizzata solo per i controlli Isee. Welfare equo
  9. 9. 2/4/2014 Alessia Rotta 9 La Banca d’Italia ha rilevato che il 90,1% delle famiglie è titolare di un deposito bancario/postale ed il 70% delle famiglie più povere ha un portafoglio titoli aperto. L’Inps per facilitare le modalità di pagamento delle pensioni ha introdotto: - il beneficio della valuta il primo giorno pagabile del mese per i pensionati che riscuotono la pensione attraverso il deposito bancario o postale; - l’obbligo per i pensionati con importo di pensione superiore a 1.000 euro di riscuotere la pensione con accredito sul proprio conto corrente o su conto di deposito a risparmio. Alla luce di tali informazioni si ritiene rilevante per l’Inps utilizzare la Banca dati dei conti correnti (interessi postali e bancari, interessi su titoli) al fine di verificare la veridicità delle autocertificazioni e realizzare un Welfare equo a beneficio delle persone realmente disagiate.
  10. 10. 2/4/2014 Alessia Rotta 10 Assegno sociale a 65 anni Le persone 65enni sprovviste di reddito possono risolvere i loro problemi di sopravvivenza senza l’aiuto dello Stato?

×