Società Internazionale di Biourbanistica
Presentazione del Segni Seed
Segni, 5 Luglio 2013
Dott. Stefano Serafini
stefano....
SEGNI SEED
LABORATORIO
ESPLORATIVO
DI SERVICE DESIGN
PER LO SVILUPPO
DELLA CITTA’ DI SEGNI
14-20 Luglio 2013 / Segni (Roma)
Registrata nel 2011, la Società Internazionale di
Biourbanistica è una comunità interdisciplinare di
studiosi e profession...
La ISB pubblica una
rivista peer-reviewed
in inglese
Journal of
Biourbanism (JBU)
www.journalofbiourbanism.
org
Eleni Trac...
Geographic Information
Systems for Smart Cities
Copal Publishing (India)
Biophilic Design. Theory and practice, by Antonio Caperna, Stefano Serafini, Eleni Tracada
Integrazione sistemica
Il service design applicato alla trasformazione urbana e
sociale attraverso l’implementazione di pr...
I. IDEA & APPROCCIO
Service design
Il service design è un’attività di progettazione ed
organizzazione rivolta a persone, infrastrutture,
elementi comunicativ...
Service design
per una città
La città offre molti e diversi servizi ai suoi cittadini.
Lo scopo delle metodologie del service design è
quello di progettare in armonia con i bisogni dei
beneficiari (clienti o p...
Service design per Segni
Diversi buoni progetti, alcuni in cantiere, altri già in
atto. Potenzialità importanti da sviluppare.
Situazione di stallo...
Sono diversi gli aspetti dello sviluppo della città sui
quali il laboratorio si potrebbe concentrare per
fornirne una valu...
Il laboratorio
Il team internazionale
Perrine Sebastian Shauna Yulia
Yulia Kryazheva
Architetto, designer
(Amsterdam, Paesi Bassi)
Laureata al MArch di Novosibirsk, è un architetto e designer...
Sebastian Olma, PhD
Economista delle organizzazioni,
filosofo (Amsterdam, Paesi Bassi)
Sebastian Olma, PhD, si è formato i...
Shauna Jin
Designer industriale, ricercatrice PhD
(TU Delft, Paesi Bassi)
Dopo aver conseguito la sua laurea breve in Inge...
Perrine Rousselet
Graphic designer
(Parigi, Francia)
Perrine Rousselet si è laureata nel 2003 con un Master in
Progettazio...
Il team italiano
Angelo Gentili
Architetto restaturatore
(Artena, Roma)
Angelo si è laureato in Architettura e si è specializzato in
restau...
Angelo Abbate
Architetto, graphic designer
(Lanuvio, Roma)
Si laurea in architettura nel 2004 alla II Università
degli Stu...
Guglielmo Minervino
Urbanista
(Paola, Cosenza)
Laureatosi nel 2012 all’Università la Sapienza di Roma
in Pianificazione de...
Stefano Serafini
Filosofo e psicologo
(Roma)
Ha studiato filosofia presso l’Università Pontificia San
Tommaso d’Aquino e P...
Progettazione per tutti
a Segni
Isabella T. Steffan
Architetto
(Milano)
Fondatrice dello studio Steffan, Isabella è ergonomo
europeo certificato, speciali...
Christiaan Zandstra
Architetto
(Amsterdam, Paesi Bassi)
Christiaan ha studiato presso la Saxion University,
l’Accademia di...
Angelica Fortuzzi, PhD
Architetto
(Roma)
Laureatasi in architettura presso l’Università di Roma
Tre, dove ha anche consegu...
Grazie per
l’attenzione!
www.biourbanism.org
www.biourbanistica.com
Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed
Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed
Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed
Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed
Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed
Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed

1,009 views

Published on

Presentazione del Segni Seed Segni, 5 Luglio 2013
Dott. Stefano Serafini
stefano.serafini@biourbanism.org

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,009
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
19
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Società Internazionale di Biourbanistica - Presentazione del Segni Seed

  1. 1. Società Internazionale di Biourbanistica Presentazione del Segni Seed Segni, 5 Luglio 2013 Dott. Stefano Serafini stefano.serafini@biourbanism.org
  2. 2. SEGNI SEED LABORATORIO ESPLORATIVO DI SERVICE DESIGN PER LO SVILUPPO DELLA CITTA’ DI SEGNI 14-20 Luglio 2013 / Segni (Roma)
  3. 3. Registrata nel 2011, la Società Internazionale di Biourbanistica è una comunità interdisciplinare di studiosi e professionisti il cui scopo è generare una nuova cornice epistemologica per gli studi urbani. La società ha membri in Europa (Italia, Regno Unito, Olanda, Belgio, Norvegia, Svezia, Grecia), USA, Australia, Russia).
  4. 4. La ISB pubblica una rivista peer-reviewed in inglese Journal of Biourbanism (JBU) www.journalofbiourbanism. org Eleni Tracada, PhD editor in chief
  5. 5. Geographic Information Systems for Smart Cities Copal Publishing (India)
  6. 6. Biophilic Design. Theory and practice, by Antonio Caperna, Stefano Serafini, Eleni Tracada
  7. 7. Integrazione sistemica Il service design applicato alla trasformazione urbana e sociale attraverso l’implementazione di principi biourbanistici (Progetto Artena, Segni SEED, LEPUS)
  8. 8. I. IDEA & APPROCCIO Service design
  9. 9. Il service design è un’attività di progettazione ed organizzazione rivolta a persone, infrastrutture, elementi comunicativi e materiali di un servizio, per migliorarne qualità e livello di interazione fra fornitori e beneficiari.
  10. 10. Service design per una città La città offre molti e diversi servizi ai suoi cittadini.
  11. 11. Lo scopo delle metodologie del service design è quello di progettare in armonia con i bisogni dei beneficiari (clienti o partecipanti), in modo tale da offrire un servizio user-friendly, competitivo, e adeguato a chi ne usufruisce.
  12. 12. Service design per Segni
  13. 13. Diversi buoni progetti, alcuni in cantiere, altri già in atto. Potenzialità importanti da sviluppare. Situazione di stallo e di crisi del modello passato (crisi economica e sociopolitica). Distacco fra istituzioni e cittadinanza, e fra cittadini e cittadini. C’è bisogno di un’idea chiara e condivisa di ciò su cui la città dovrebbe focalizzare l’attenzione, e delle ragioni del disinteresse, se non della resistenza, nei confronti della città come unità. Perché Segni?
  14. 14. Sono diversi gli aspetti dello sviluppo della città sui quali il laboratorio si potrebbe concentrare per fornirne una valutazione: - Archeologia/storia - Interesse economico - Cultura - La questione del marrone segnino - Turismo - Viabilità - Accessibilità CERCARE IDEE, BUON SENSO, PROPOSTE
  15. 15. Il laboratorio
  16. 16. Il team internazionale Perrine Sebastian Shauna Yulia
  17. 17. Yulia Kryazheva Architetto, designer (Amsterdam, Paesi Bassi) Laureata al MArch di Novosibirsk, è un architetto e designer con la passione di sviluppare vitalità e resilienza di luoghi, società, prodotti. Ha lavorato a svariati progetti architettonici, di rinnovamento urbano, service design, sviluppo software, consulenza creativa e formazione per tutta Europa. Quest’ampia esperienza in diversi ambiti professionali ne ha fatto un’esperta nelle tecniche di design thinking, un approccio alla soluzione di problemi complessi. Fra i suoi lavori ricordiamo: lo sviluppo di una summer school per la Open University di Skolkovo (Mosca, Russia), la collaborazione al Progetto Artena (Italia), una serie di ricerche sulla qualità sociale delle abitazioni popolari nei quartieri di periferia (Paesi Bassi/Russia), il workshop “Excursion in the Design process” (Vilnius, Lituania), lo sviluppo di un sistema di educazione online per le scuole elementari dei Paesi Bassi.
  18. 18. Sebastian Olma, PhD Economista delle organizzazioni, filosofo (Amsterdam, Paesi Bassi) Sebastian Olma, PhD, si è formato in Germania, Stati Uniti e Inghilterra (Goldsmiths, University of London). E’ uno studioso e un esperto internazionale impegnato a interfacciare creatività e business. Sebastian è abituato a collegare governi, società e organizzazioni al potenziale innovativo dei social network. Ad es., lavora come consulente per diversi Land tedeschi per la creazione e l’implementazione di programmi colaborativi fra le industrie creative e le Piccole Medie Imprese tradizionali. Ha aiutato un ampio spettro di società per tutta Europa ad affinare le proprie strategie d’innovazione. Per l’Università di Amsterdam ha creato il Creative Industries Research Centre, le cui ricerche pionieristiche sono diventate lo standard del Dutch Research Council (NWO).
  19. 19. Shauna Jin Designer industriale, ricercatrice PhD (TU Delft, Paesi Bassi) Dopo aver conseguito la sua laurea breve in Ingegneria Meccanica e Progettazione Architettonica al MIT di Boston, Shauna si è concentrata sulla progettazione sostenibile e a misura d’uomo presso il Politecnico di Delft, dove è ricercatrice candidata al PhD. Attualmente lavora in Vietnam per esplorare la collaborazione cross-culturale e la progettazione interdisciplinare nel campo del product design, al confine fra business, formazione, e organizzazioni benefiche. A tale scopo ha fondato Future Living Studio, un centro temporaneo di progettazione per connettere le competenze progettuali locali con quelle estere, alla ricerca di un futuro più sostenibile. La sua eclettica formazione riflette il suo grande interesse per progetti interdisciplinari che mettono insieme progettazione, arte, cultura, sostenibilità, tecnologia, e teoria. Specializazioni / campi di ricerca 1Progettazione sostenibile 2Progettazione per i mercati emergenti 3Collaborazione progettuale cross-culturale 4Service design
  20. 20. Perrine Rousselet Graphic designer (Parigi, Francia) Perrine Rousselet si è laureata nel 2003 con un Master in Progettazione della Comunicazione, presso il Central Saint Martins College di Londra. Dopo una internship presso Vogue Hommes International, è entrata al Print Studio Architectural Association di Londra. I suoi interessi per l’architettura, le città e il paesaggio hanno trovato sponda al suo rientro in Francia, dove ha lavorato con l’arch. Yves Lion al progetto dell’ambasciata di Francia a Beirut. Il suo compito era gestire la comunicazione grafica dello studio. Con la copertina di uno sei suoi libri dedicata alla mostra “What Saint-Germain tomorrow?” ha vinto il premio Città di Parigi nel 2010. Nello stesso anno comincia a insegnare presso Foundry Image Bagnolet, sviluppando allo stesso tempo il suo design studio a Belleville, Parigi. Nel 2012 ha lavorato con i suoi studenti al progetto ReVue – uno studio per osservare e comprendere le dimensioni sociali del quartiere parigino di Bagnolet, e tradurre tale esperienza in una storia visuale.
  21. 21. Il team italiano
  22. 22. Angelo Gentili Architetto restaturatore (Artena, Roma) Angelo si è laureato in Architettura e si è specializzato in restauro e conservazione dei beni architettonici presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperto in interventi urbani di recupero, processi partecipativi, norme urbanistiche, ha partecipato a diversi convegni e workshop in Italia, e ha lavorato come restauratore presso i cantieri governativi del Palazzo del Quirinale, e al restauro della Scuola delle Arti e dei Mestieri di S. Giacomo al Corso, Roma. Ha svolto stage di restauro presso i più importanti siti archeologici nazionali, quali la Domus Aurea, il Colosseo, e gli scavi di Pompei. Ha uno speciale interesse nella biourbanistica e nella revitalizzazione sociourbana dei centri storici italiani, e ha sempre coltivato l’impegno civico, con lo scopo di migliorare la società in cui vive coinvolgendo le realtà locali. E’ la spina dorsale del Progetto Artena.
  23. 23. Angelo Abbate Architetto, graphic designer (Lanuvio, Roma) Si laurea in architettura nel 2004 alla II Università degli Studi di Napoli, e nel 2005 fonda Studiomatico, una sinergia fra professionisti con vocazione per l’interior design. Dal 2006 è project manager per una general contractor holding, mentre la sua attività professionale e personale continua a spaziare dalla progettazione architettonica al graphic design, dalla direzione creativa alle arti visive, in una produzione incentrata sulla ricerca estetica. Dal 2012 collabora con la Società Internazionale di Biourbanistica, ed è cofondatore del Biophilic Design Studio. Nel 2013 cura la pubblicazione dell’artista finlandese Marco Casagrande, Biourban Acupuncture: Treasure Hill of Taipei to Artena, che ha appena presentato al MAK di Vienna.
  24. 24. Guglielmo Minervino Urbanista (Paola, Cosenza) Laureatosi nel 2012 all’Università la Sapienza di Roma in Pianificazione della Città del Territorio e dell’Ambiente, Fac. Di Architettura, è Responsabile di Gestione Ambientale presso aziende e PA, e certificato ECDL GIS di livello specialistico. Ha collaborato alla campagna archologica di scavi 2006 presso le pendici Nord-Est del Palatino (Fori Imperiali) di Roma. Per il Ministero dei Beni Culturali ha lavorato al sistema di catalogazione dei centri storici della Calabria. Membro dell’Istituto Nazionale di Urbanistica è segretario organizzativo della Biennale dello Spazio Pubblico. Si è interessato dell’inquinamento sonoro, con rilievi, campagne di monitoraggio, e studi d’impatto acustico. Membro della Società Internazionale di Biourbanistica, è il ninja del Progetto Artena.
  25. 25. Stefano Serafini Filosofo e psicologo (Roma) Ha studiato filosofia presso l’Università Pontificia San Tommaso d’Aquino e Psicologia presso la Sapienza di Roma. Fondatore e direttore del Gruppo Salingaros. Fondatore, segretario e direttore di ricerca della Società Internazionale di Biourbanistica. Iniziatore e cofondatore del Progetto Artena per la rinascita dei Borghi d’Italia. Ha fondato e diretto società editoriali, formative, turistiche e congressuali, e attualmente gestisce una società di comunicazione, consulenze strategiche e sviluppo. Ha pubblicato volumi e saggi e tenuto conferenze e workshop su tematiche filosofiche, politiche, biourbanistiche e culturali in diversi Paesi, dagli USA alla Federazione Russa.
  26. 26. Progettazione per tutti a Segni
  27. 27. Isabella T. Steffan Architetto (Milano) Fondatrice dello studio Steffan, Isabella è ergonomo europeo certificato, specializzatasi fin dagli anni ‘70 nella progettazione “per tutti”. E’ stata presidente dell’Istituto Italiano Design e Disabilità - IDD (ora Design for All Italia). Consulente per il Ministero della Cultura francese (Observatoire interministeriel de l’accessibilité), insegna sui temi dell’accessibilità e del turismo residenziale presso il Politecnico, l’Università Cattolica, e l’Università Bicocca di Milano. Attualmente si occupa di progettazione e ricerca nel campo della fruibilità ambientale, di verifiche della normativa e usabilità di prodotti, ambienti, servizi, percorsi e manufatti urbani, per committenti pubblici e privati, in particolare strutture ricettivo-turistiche interessate ad adeguarsi al mercato dei diversamente abili, degli anziani, e dei bambini. E’ cofondatrice di ENAT – European Network for Accessible Tourism, e promotrice della rete “Flag of Towns and Cities fo All”
  28. 28. Christiaan Zandstra Architetto (Amsterdam, Paesi Bassi) Christiaan ha studiato presso la Saxion University, l’Accademia di Architettura di Amsterdam, la Fondazione del Principe Carlo in Londra, e il Royal Dutch Institute di Roma, conseguendo un master in Restauro presso l’Università di Vrije. Socio di IAA Architecten Amsterdam, ha lavorato per importanti studi internazionali come Krier – Kohl (Berlino), Beltman (Enschede) e la municipalità di Oldenzaal. Parla fluentemente Olandese, Inglese, Tedesco, Italiano e Francese, e ha studiato lingue classiche antiche (greco, latino, ebraico) e la lingua russa. E’ un esperto di universal design, personalmente interessato al problema, poiché disabile.
  29. 29. Angelica Fortuzzi, PhD Architetto (Roma) Laureatasi in architettura presso l’Università di Roma Tre, dove ha anche conseguito il Dottorato di ricerca in progettazione urbana, è specializzata in processi partecipativi. Ha lavorato presso l’Università di Glasgow come borsista di ricerca HCM Marie Curie sul design collaborativo e i sistemi informatici per l’analisi e la progettazione urbana. Ha pubblicato diversi studi sulla partecipazione, l’interazione della città con I sistemi informatici, e sulle esperienze di rigenerazione urbana, in particlare le ricadute del programma “Die Soziale Stadt” su Berlino. Membro attivo della Società di Biourbanistica, sta approfondendo al suo interno le tematiche del design thinking e del placemaking.
  30. 30. Grazie per l’attenzione! www.biourbanism.org www.biourbanistica.com

×