Magazine Protezione Civile - Anno 2 - n. 7 - marzo-aprile 2012

841 views

Published on

Magazine "Protezione Civile"
Informare sull’attività istituzionale del Dipartimento e favorire la circolazione delle notizie all’interno del Servizio Nazionale sui temi di previsione, prevenzione e gestione delle emergenze: è l’obiettivo del magazine bimestrale “Protezione Civile”, un canale di comunicazione rivolto alle componenti e alle strutture operative del Sistema, con particolare riguardo al mondo del volontariato e delle istituzioni.
Il magazine è distribuito ad ogni uscita in 18mila copie tra uffici di ministeri, organizzazioni di volontariato iscritte all'Elenco nazionale, biblioteche, Comuni, Province e Regioni.
_________________________
[source: protezionecivile.gov.it]

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
841
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Magazine Protezione Civile - Anno 2 - n. 7 - marzo-aprile 2012

  1. 1. Periodico bimestrale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile anno 2 n. 7 2PRIMO PIANO Gli Stati Generali del Volontariato di Protezione Civile 2FOCUS 2STORIE Prevenzione del 1994, una grande rischio sismico. alluvione colpisce Il piano nazionale il Piemonte Speciale Stati Generali del Volontariato: inserto staccabile con la relazione conclusivaDAL DIPARTIMENTO: EMERGENZA NAVE CONCORDIA: UN PUNTO DI SITUAZIONE SULLE OPERAZIONI
  2. 2. il rischio sismico tra conoscenza,memoria ed esperienza. Documenti, foto, strumenti, filmati per capire cos’è il terremoto e cosa si può fare per ridurne gli effetti.“Terremoti d’Italia” ci invita a conoscere da vicino uno dei rischi naturali che più in-teressa il nostro Paese in termini di diffusione: il rischio sismico. La mostra puntaa stimolare i cittadini a un ruolo attivo nel campo della prevenzione attraverso vi-deo didattici, documenti, fotografie, filmati storici, strumenti di misura di epoche di-verse, dispositivi antisimici. Due spettacolari tavole vibranti permettono ai visitatoridi vivere in sicurezza l’esperienza del terremoto e di osservarne da vicino gli effetti.Informati su protezionecivile.gov.ite scrivici su ufficio.vol@protezionecivile.it protezionecivile.gov.it
  3. 3. L’editoriale l estate è tempo per la protezione civile una società l’ombra da volontariato è l’espressione più vera di di staccare civile che “I L’ ha voglia e capacità di essere padrona2011, anche quest’anno terra. Con la campagna antincendio del proprio futuro”. Ètutto il Servizio Nazionale è impegnato nella difesa dei boschi: con questo messaggio che il Capo Dipartimento della Protezione Civile Franco Gabrielli ha aperto stagione passata e sugli del per l’occasione facciamo un punto sulla i lavori degli Stati Generali Volontariato, fondamentale dello Stato. Alla lotta agli incendi boschivi interventi della flotta aerea momento di incontro per discutere – in un contesto ampio e condiviso – valori, rappresentanza, ruolisulmodalità sono dedicate anche molte iniziative di sensibilizzazione e territorio operative edal Dipartimento, come i 107 Campi scuola “Anch’io sono la promosse risorse del volontariato. Un’iniziativa condotta ragazzi dai 9 ai 18 anni, e la tradizionale protezione civile” per in modo partecipato grazie anche ai singoli volontari che hanno voluto contribuire alla discussione sul volontariato di campagna “Non scherzate con il fuoco” in collaborazione con Protezione Civile in Italia attraverso la consultazione online, rivolta agli Legambiente. oltre 800mila iscritti alle organizzazioni, e italiana dell’Anno europeo del Dall’8 al 14 luglio si celebra la settimana disponibile su protezionecivile.gov.it. Oltre a un ampio approfondimento di Primo Piano, volontariato: le associazioni di protezione civile contribuiscono con oltre agli Stati Generali del Volontariato dedichiamo l’inserto speciale di questo 400 eventi, esercitazioni e manifestazioni in tutto il paese e, come il numero, che riportapresenti a Roma nella giornata conclusiva del 13 tre Dipartimento, sono la versione integrale del rapporto conclusivo della giorni romana. La sezione Focus si apre con l’intervento del Presidente luglio. Appuntamenti che, come quelli ricordati sopra, saranno del Consiglio Mario Monti alla giornata inauguralepagine facebook di che consultabili sul sito protezionecivile.gov.it e sulle degli Stati Generali, anticipaMagazine, che ospitano anche glicontenuta nel decretolegati a questo la riforma della Protezione Civile spazi di discussione legge approvato dall’Esecutivo emergenza e disabilità e sulla psicologia due progetti in corso su il 30 aprile. Nella sezione facciamo anche il punto sullo ci presentano una del piano dell’emergenza. Per questi mesi estivi, che stato di attuazione Protezione nazionalein particolare un Volontariato sempre più Italia e pubblichiamo Civile ed per la prevenzione del rischio sismico in impegnati nella un’intervista al direttorevoluto proporvi ancheistituzionaliche ci riportano, prevenzione, abbiamo dell’Ufficio Relazioni due temi Elvezio Galanti, che ripercorre con noi ile l’altro per la sua portata storica, a una uno per la sua attualità percorso intrapreso dal Dipartimento per rilanciare gli organi collegiali all’interno del Servizio Nazionale. Per il riflessione sulla possibilità di funzionamento del Sistema in emergenza. 2012, anniversario della protezione riepilogo delle nuove sezione Storie a Dedichiamo la sezione Focus a un civile, dedichiamo la disposizioni per seidichiarazione e finanziamento degli statitappe per la nascita e laa la grandi emergenze italiane, significative di emergenza, mentre definizione del Sistema nazionale. Rampi ripercorriamo in trent’anni dalla vicenda di Alfredino Spazioquell’avvenimento tragico che èin Piemonte delnascitaprimo Storie su questo numero all’alluvione alla base della 1994, di un banco dinazionale per la protezione civile. nella gestione di una calamità Sistema prova della legge n. 225 del 1992 di natura idrogeologica. Aspettiamo foto, contributi e testimonianze sulla Particolarmente ricca, in questo terzo numero, e con aggiornamenti pagina sul piano per l’accoglienza dei migranti, la sezione dedicata alle anche facebook del magazine e su magazine@protezionecivile.it. segnalazioni dal territorio e dal Dipartimento, che potrete ritrovare su P R OT E Z ION E C I V I L E MAGAZINE UFFICIALE DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE P R OT E Z ION E C I V I L E Anno 2 n. 7 marzo/aprile 2012 Impaginazione Silvia Alessandrini Hanno collaborato a questo numero Sergio Castenetto Pubblicazione bimestrale Anno 1 n. 3 Redazione Redazione Elvezio Galanti Impaginazione iscritta al Registro degli Operatori maggio/giugno 2011 Vincenzo Arena Vincenzo Arena Silvia Alessandrini della Comunicazione Sara Babusci Sara Babusci Contatti al n. 20383 del 6.12.2010iscritta al Pubblicazione bimestrale Valeria Bernabei Valeria Bernabei Servizio Comunicazione Fotografi Registro degli Operatori della Francesca Dottarelli Francesca Dottarelli e relazioni con il pubblico Romeo Frisina Editore Comunicazione al n. 20383 del Mariacristina Giovannini Mariacristina Giovannini 00189 -Valente Via Vitorchiano, 2 Matteo Roma Presidenza del Consiglio 6.12.2010 Francesca Patti Sara Iacoboni www.protezionecivile.gov.it Gino Viani dei Ministri-Dipartimento Marianna Schiavon Elena Lombardo magazine@protezionecivile.it della Protezione Civile Cristina Spatola Francesca Patti Editore Riccardo Rita Stampa Contatti Fotografa con il tuo cellulare Direttore responsabile Presidenza del Consiglio Fotografi Schiavon Marianna Del GalloComunicazione istituzionale Servizio Editori il QR Code qui in alto Mariacristina Giovannini dei Ministri-Dipartimento Antonio Arzedi Cristina Spatola e relazioni con il pubblico e accedi direttamente della Protezione Civile Romeo Frisina Veronica Tretter Per info scrivi al Contact Center. alla pagina magazine sul sito Art Director Matteo Valente Compila Roma Via home page 2 00189 - il form in Vitorchiano, protezionecivile.gov.it Maurilio Silvestri Direttore responsabile Gino Viani Art Director www.protezionecivile.gov.it www.protezionecivile.gov.it Barbara Altomonte Maurilio Silvestri magazine@protezionecivile.it
  4. 4. Periodico bimestrale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile anno 2 n. 72PRIMO PIANOGli Stati Generalidel Volontariatodi Protezione Civile2FOCUS 2STORIEPrevenzione del 1994: una granderischio sismico. alluvione colpisceIl piano nazionale il PiemonteSpeciale Stati Generali del Volontariato:inserto staccabile con la relazione conclusiva 2 In questo numero Editoriale 1 Storie 30 Primo corso di guida 37 Piemonte 1994 sicura per i volontari La grande alluvione di protezione civile Primo Piano Stati Generali 4 Dal Territorio Climate in action: 38 del Volontariato Accademia dei 36 un progetto della Cri di Protezione Civile Lincei: il territorio per mitigare gli effetti italiano e il rischio dei cambiamenti Focus idrogeologico climatici Monti: verso la riforma 16 del Servizio Nazionale Venezia “resiliente”: 36 Impararesicuri, 38 convegno internazionale a Roma la sesta Il rilancio degli organi 18 sulla protezione edizione del premio collegiali del Servizio del patrimonio culturale “Vito Scafidi” Nazionale della Protezione Civile Galeata, “La protezione 37 Prevenzione 39 civile di domani” incendi e nuove Prevenzione del rischio 24 procedure, sismico: stato di attuazione Andria, nasce 37 un convegno del piano nazionale il “Servizio Prevenzione” a Caserta 2
  5. 5. Cosenza: intesa 39 Al Giglio corso 41 Sardegna: corso in 42 tra Comune e Forestale di formazione Emergency Managementper la tutela ambientale antinquinamento per dipendenti pubblici Assistenza umanitaria 39 Servizio civile: 41 Il Dipartimento dona tre 43 in emergenza. calendario per mezzi alla Misericordia Un corso per volontari la selezione dei di Pistoia di protezione civile candidati “Donne: valore aggiunto 43 Dal Rischio idro: protocollo 41 nella protezione civile”:Dipartimento d’intesa tra Regione ad Algeri una tavola Calabria e Dipartimento rotonda del PPRD SouthEmergenza nave Concordia: 40 un punto di situazione Il decreto sulla 42 sulle operazioni sicurezza dei volontari di protezione civileCinque Terre: Napolitano, 40 Gabrielli e Clinidiscutono di prevenzione Congo: attivato il 42 Meccanismo Europeo di c Normativa pag. 44 Lettera u e tutela ambientale Protezione Civile pag. 48
  6. 6. 2 Primo PianoStati Generali del Volontariatodi Protezione CivileTre giornate di confronto su valori, rappresentanza, ruoli e modalitàoperative, risorse del volontariato di protezione civile nel nostro PaeseDal 13 al 15 aprile, la Facoltà di Lettere e risorse. Vista l’importanza di un confrontoFilosofia dell’Università degli Studi Roma partecipato e attivo su questi temi, ilTre ha ospitato gli Stati Generali del Dipartimento ha realizzato sul proprio sitoVolontariato di Protezione Civile. Una una consultazione online, chiusa il 10tappa importante del percorso intrapreso aprile e rivolta a circa un milione dida volontariato e istituzioni per discutere i volontari di protezione civile presenti sulgrandi temi del volontariato. territorio italiano. I contributi ricevuti sonoHanno partecipato ai lavori oltre 200 pubblicati sul sito protezionecivile.gov.it edelegati che si sono confrontati su valori, sono stati consegnati ai delegati duranterappresentanza, ruoli e modalità operative, le giornate di lavoro. A incontrarsi i Alla giornata di apertura degli anche il Presidente della esempio di solidarietà e di Stati Generali, il 13 aprile, Repubblica Giorgio Napolitano impegno civile. Oltre 200 i hanno partecipato anche le più che ha salutato i volontari delegati volontari giunti da tutte alte cariche dello Stato. Presente intervenuti, definendoli un le Regioni d’Italia alla tre giorni.4
  7. 7. rappresentanti di organizzazioni nazionali, Alla giornata di apertura del 13 aprile,associazioni locali e gruppi comunali. Gli trasmessa in streaming video sul sitoStati Generali del 2012 si sono realizzati a internet del Dipartimento, sono intervenuti12 anni dall’ultima Conferenza nazionale il Presidente della Repubblica Giorgiodel volontariato di protezione civile, Napolitano, il Presidente del Consigliotenutasi a Orvieto nel marzo 2000, e a 11 Mario Monti, il Presidente dellaanni dall’emanazione del Regolamento Conferenza Stato-Regioni Vascosulla partecipazione delle organizzazioni di Errani e il Presidente della Consultavolontariato nelle attività di protezione Nazionale del Volontariato di Protezionecivile. L’incontro si è svolto, inoltre, in Civile Simone Andreotti. Ad accogliereoccasione del ventesimo anniversario della autorità e delegati il Capo Dipartimentonascita del Servizio Nazionale della Franco Gabrielli.Protezione Civile e del trentennale delDipartimento, e ha consentito una U 13 aprile 2012riflessione generale sul ruolo del “Migliorare la vita di tutti, cominciando dal-volontariato e sui suoi cambiamenti la propria”. Con queste parole il Dipartimentonell’ambito del Sistema di protezione civile ha scelto di presentare il volontariato di pro-in Italia. L’iniziativa ha ricevuto l’alto tezione civile nel video di apertura della pri-patronato del Presidente della Repubblica. ma giornata degli Stati Generali, svolti al-Le tre giornatedegli Stati Generaliper immaginiAd aprire l’incontro il Capo 12 anni dall’ultima Conferenza Ministri, Mario Monti e ilDipartimento, Franco Gabrielli, Nazionale del Volontariato. Il 13 Presidente della Conferenzache ha condiviso l’esigenza del aprile sono intervenuti anche il delle Regioni e delle Provincevolontariato di confrontarsi dopo Presidente del Consiglio dei Autonome, Vasco Errani.
  8. 8. 2 Primo Pianol’Università degli Studi Roma Tre, dal 13 al cio è stato quello di nuove valutazioni e in-15 aprile 2012. Con le stesse parole, dopo dicazioni utili a proseguire il percorso intra-un breve saluto del Magnifico Rettore del- preso insieme ai volontari. Il Capo Diparti-l’Università Guido Fabiani, il Capo Diparti- mento ha quindi sottolineato come in que-mento Franco Gabrielli ha aperto la tre gior- sti Stati Generali i delegati si sarebbero con-ni di lavori alla presenza del Presidente del- frontati su temi scelti dal volontariato stes-la Repubblica, del Presidente del Consiglio so, secondo regole stabilite autonomamen-dei Ministri e del Ministro dell’Interno. te, in linea con l’idea che il volontariato diIn sala gli oltre 200 delegati di organizzazioni protezione civile “non può e non deve es-nazionali, associazioni locali e gruppi co- sere messo sotto tutela” di nessuno, né semunali e i rappresentanti di tutte le compo- ne possono “guidare le scelte e governarenenti e strutture operative del Servizio Na- le decisioni”.zionale della Protezione Civile. Nel suo intervento, Vasco Errani, Presiden-Franco Gabrielli ha chiarito che questo “non te della Conferenza delle Regioni e delle Pro-si configura come un incontro sul volonta- vince Autonome, ha ribadito il ruolo delleriato o per il volontariato ma come un in- Regioni nell’ambito del Sistema di protezio-contro del volontariato”. In questo contesto ne civile. Un ruolo che, dopo la riforma delle istituzioni sono osservatrici attente e inte- Titolo V della Costituzione, è diventato, e de-ressate: dal confronto e dall’analisi l’auspi- ve continuare a essere, strategico nella pre-Il volontariato di protezione civile raccontato in due minuti. La nascita, i valori di riferimento, gli ambiti di in-tervento, le caratteristiche, l’appartenenza al Sistema di protezione civile. “Migliorare la vita di tutti, comin-ciando dalla propria” è il titolo del video presentato il 13 aprile all’apertura dei lavori degli Stati Generali.Realizzato con la tecnica dell’animazione, il filmato è caratterizzato da uno stile semplice ed essenziale.6
  9. 9. 7venzione sul territorio. Allo stesso modo è nelle emergenze passate, e in quelle più re-strategico anche il ruolo delle organizzazio- centi, dall’esondazione dell’Arno a Firenzeni di volontariato che rappresentano “la spi- al terremoto dell’Aquila nel 2009, alle allu-na dorsale” di questa attività di protezione vioni del 2011. “Scegliere di essere volon-civile. Del resto, la giornata inaugurale degli tari di protezione civile non significa solo ri-Stati Generali è stata caratterizzata dal con- spondere ad un pur nobilissimo afflato soli-tinuo richiamo ai valori che animano i vo- daristico” ha sottolineato Monti, ma signifi-lontari di protezione civile: solidarietà, par- ca “capire dove viviamo e voler operare pertecipazione e democrazia. Valori incarnati viverci nel modo migliore”. Il Presidente delda quei primi “angeli del fango” che esisto- Consiglio si è quindi soffermato sulla rilettu-no, oggi come allora, ma si sono saputi or- ra della legge 225/92 – istitutiva del Servi-ganizzare per trasformare la solidarietà spon- zio Nazionale della Protezione Civile – pre-tanea e puntuale in una azione costante, ar- sentata proprio il 13 aprile al Consiglio deimonica e collettiva”, come ha ricordato Si- Ministri, prima di essere sottoposta al con-mone Andreotti, Presidente della Consulta fronto in Conferenza Unificata Stato-Regio-Nazionale delle Organizzazioni Nazionali di ni e quindi al vaglio del Parlamento.Volontariato di Protezione Civile. Della necessità di aggiornare la normativa diIl Presidente del Consiglio dei Ministri Ma- protezione civile ha parlato anche il Caporio Monti ha ricordato il lavoro dei volontari dello Stato, che nel suo saluto si è rivolto aiLe figure e gli scenari in 2D riprendono i colori dell’identità visiva della protezione civile – il blu e l’arancio –giocando con tinte piatte, sfumature e trasparenze. Disponibile per la sola visione sul sito istituzionale del Di-partimento nella sezione “ Comunicazione e media”, il video può essere richiesto in alta definizione, specifi-candone le finalità di utilizzo, al seguente indirizzo di posta elettronica: comunicazione@protezionecivile.it.
  10. 10. 2 Primo Pianovolontari definendoli un esempio di solida- Sono quattro i temi che il volontariato di pro-rietà e di impegno civile. tezione civile ha posto al centro della di-Napolitano ha ricordato i momenti in cui du- scussione: valori, rappresentanza, ruoli erante la sua carriera ha incontrato i volonta- modalità operative, risorse. I delegati, divisiri di protezione civile in qualità di Ministro in quattro gruppi di lavoro secondo il temadell’Interno e di Presidente della Repubbli- da ciascuno prescelto, si sono confrontatica: dal terremoto in Umbria e nelle Marche, sulle quattro tematiche, dando vita a un vi-agli eventi alluvionali in Versilia e in Cam- vace dibattito.pania, dal terremoto all’Aquila agli eventi al- A seguito degli oltre 200, i moderatori di ogniluvionali dello scorso autunno. L’intera gior- gruppo hanno predisposto una relazione sul-nata inaugurale è stata disponibile, in diret- lo specifico tema trattato. Le quattro rela-ta, sul sito del Dipartimento e sulla pagina zioni sono poi confluite in un unico docu-facebook del magazine. Sono state circa mil- mento condiviso con l’Ufficio Volontariato,le le persone che hanno seguito via strea- formazione e comunicazione del Diparti-ming l’apertura degli Stati Generali. mento della Protezione Civile. Il mattino successivo, il 15 aprile, prima diU 14 aprile 2012 essere presentati in plenaria, i risultati sonoLa seconda giornata degli Stati Generali è sta- stati nuovamente condivisi all’interno dei sin-ta interamente dedicata agli addetti ai lavori. goli gruppi. I componenti hanno approvatoAd incontrarsi sono stati i espressioni del volontariato, documenti preparatori, su quattrorappresentanti di organizzazioni straordinaria realtà del nostro argomenti oggetto dell’incontro:nazionali, associazioni locali e Paese. In particolare i delegati valori, rappresentanza, ruoli egruppi comunali: diverse hanno lavorato, sulla base di modalità operative, risorse.8
  11. 11. 9all’unanimità il documento finale, allegato a diviso, un “bene comune”, con idee e nuo-questo numero del nostro magazine. vi spunti di riflessione. Sia da parte dei vo- lontari sia del Dipartimento è emersa l’esi-U 15 aprile 2012 genza di trovare nuove forme e modi di in-A chiudere l’appuntamento, la presentazio- contro tra i istituzioni e volontari di protezio-ne della relazione conclusiva, che ha rac- ne civile. I contributi raccolti nella relazionecolto i contributi dei quattro gruppi di lavo- finale sono stati definiti da Franco Gabrielliro. Hanno introdotto la presentazione dei ri- ricchi e ambiziosi oltre che condivisibili.sultati i delegati moderatori, a cui sono se- Partendo dai valori, il Capo Dipartimento haguiti gli interventi di quattro volontari che riconosciuto come l’autonomia, il profondohanno illustrato la relazione conclusiva al senso dell’identità e la gratuità siano le ca-Capo Dipartimento della Protezione Civile ratteristiche principali dell’attività del volon-Franco Gabrielli, agli oltre 200 delegati del tario. Altrettanto significativo e segno dellamondo del volontariato e ai rappresentanti “profonda maturità” di questa realtà, è l’im-del Servizio Nazionale della Protezione Civi- portanza che i gruppi di lavoro hanno rico-le. Come il Capo Dipartimento ha sottoli- nosciuto alla sicurezza nelle attività di vo-neato, la capacità di generare dalla discus- lontariato.sione tra diversi attori una visione unitaria Altro punto evidenziato durante tutti gli Sta-ha permesso di creare un documento con- ti Generali è la necessità di dare una pienaVista l’importanza di un confronto La seconda giornata è stata personale del Dipartimento, ipartecipato, il Dipartimento dedicata alla discussione tra i gruppi hanno lavorato allaha realizzato una consultazione delegati. Coordinati da due presentazione di proposteon line, chiusa il 10 aprile. moderatori e supportati dal raccolte nella relazione finale.
  12. 12. 2 Primo Pianorappresentatività al mondo del volontariato. comuni durante le calamità. A questo pro-Questo comporta, da un lato, una maggio- posito è fondamentale promuovere, ancorre responsabilità delle organizzazioni di va- di più, esercitazioni e attività di formazionelutare e gestire le proprie capacità operati- e valorizzare il ruolo delle organizzazioni co-ve, dall’altro l’impegno delle istituzioni a coin- me “elemento di contaminazione della co-volgere il volontariato nei processi parteci- munità”, per far crescere la resilienza deipativi. A proposito dell’importanza di dare territori.corpo a nuove forme di rappresentanza, il Gabrielli ha infine ribadito – come riportatoCapo Dipartimento ha preso l’impegno, du- nel contributo del gruppo “ le risorse”– cherante il suo intervento conclusivo, di costi- il volontariato è una struttura operativa e unatuire un Comitato nazionale del volontariato componente strategica del Servizio Nazio-di protezione civile, secondo criteri aggior- nale che trae il proprio valore prima di tut-nati rispetto a quelli previsti dal Dpr to dalle proprie risorse umane. Per questo,194/2001. ha concluso il Capo Dipartimento, soprat-Il Capo Dipartimento ha condiviso il pre- tutto in un momento complicato del Paesesupposto in base al quale per rendere omo- come quello che stiamo vivendo, investiregenee le diverse modalità operative delle va- nel volontariato rappresenta una garanziarie realtà organizzative volontarie, è impor- per il futuro e deve costituire una prioritàtante definire criteri e regole di intervento per le istituzioni. 2Il 15 aprile i volontari hanno Protezione Civile la relazione emersi, in particolare ha assuntopresentato al Capo del conclusiva, approvata l’impegno di costituire il ComitatoDipartimento e ai rappresentati all’unanimità dai delegati. Franco nazionale di protezione civiledelle Servizio Nazionale della Gabrielli ha condiviso gli spunti auspicato nel documento finale.10
  13. 13. 11Il futuro del volontariatodi protezione civileIntervista al Capo Dipartimento della Protezione Civile Franco Gabrielli.Perché gli Stati Generali del Volontariato di Qual è il significato degli Stati Generali delProtezione Civile? Perché insieme ai volon- Volontariato di Protezione Civile in questotari delle organizzazioni di protezione civile momento storico della Protezione Civile? Cre-sentivamo l’esigenza di vederci, di parlarci, di do che se uno sceneggiatore avesse sceltoconfrontarci. 12 anni erano troppi da quel lon- astrattamente un tempo forse non lo avrebbetano 2000 di Orvieto, molte cose erano cam- potuto scegliere così perfetto. In questi mesibiate, molte norme, e quindi c’era lesigenza si sta discutendo di una rivisitazione della leg-di dare un senso a quella generosità, a quel- ge 225, il Paese vive una condizione econo-la capacità di esserci, perché immaginavamo mica estremamente complicata, le risorse sa-che questo volontariato, che era cresciuto ranno sempre più limitate, l’esigenza di tro-quantitativamente, dovesse essere anche sup- vare delle priorità e delle scale di interventoportato qualitativamente. sono più impellenti e allora quale miglior oc- casione per mettere intorno a un tavolo il mon-Qual è la posizione del Dipartimento della do del volontariato per discutere su se stes-Protezione Civile e il ruolo del Capo Diparti- so, e per decidere insieme le strategie per imento rispetto agli Stati Generali? È stato un prossimi anni? Credo che abbiamo fatto be-ruolo di ascolto. Noi volevamo che innanzitut- ne ad assecondare questa volontà, perchéto fossero i volontari, o meglio i delegati di as- vorrei ricordare che questa non è stata unasociazioni, organizzazioni, gruppi comunali, nostra iniziativa, noi ci siamo fatti interpreti dicolonne mobili regionali, a parlarsi a confron- un’esigenza del volontariato, e credo che siatarsi, a discutere, a scontrarsi, e che all’esito di stato utile. Ma confido soprattutto che tuttoquesto confronto riuscissero a mettere in fila una quello di cui si è discusso e si fatto oggetto diserie di priorità di cose sulle quali valeva la pe- confronto in questi giorni, risulterà utile per ilna traguardare un futuro che ovviamente non futuro del nostro volontariato.può non coinvolgerci. Era ed è un ascolto par-tecipato. Il mio è il ruolo di chi insieme al Di- Come definirebbe il ruolo del volontariatopartimento anelava questo tipo di contributo. nell’ambito del Sistema nazionale di prote-È sempre stato molto fiducioso e in questo de- zione civile? Un ruolo ormai maturo, consa-vo ringraziare i colleghi dell’Ufficio I e del Ser- pevole, imprescindibile perché oggi il nostrovizio volontariato, di chi ha lavorato in questi me- volontariato organizzato di protezione civile èsi, e quindi questo mi faceva ben sperare. I ri- un volontariato dal quale l’intero Sistema nonsultati premiano questa positiva aspettativa. può fare a meno.
  14. 14. 2 Primo PianoInterviste ai moderatori dei gruppi di lavoroUna definizione per gli Stati Gene- Un’occasione importante che aspettavamo e credo siano stati un gran-rali del Volontariato di Protezione de successo perché abbiamo scoperto che realtà differenti hanno gliCivile? stessi problemi, hanno lo stesso modo e le stesse necessità di risolver-Simone Andreotti, moderatore del grup- li. Lo abbiamo detto tutti insieme all’unanimità e questo ci darà forzapo “I ruoli e le modalità operative” poi per concretizzare questi grandi temi in atti sul territorio, perché poi queste tematiche che abbiamo trattato hanno influenze sul nostro agi- re quotidiano, che è quello che ci interessa, sul nostro fare per la tute- la del territorio e delle persone.Qual è l’attività svolta all’interno All’interno del gruppo ci siamo dati delle regole molto semplici: fissatidi ogni gruppo? Che regole si è da- gli obiettivi, abbiamo stabilito delle scansioni di tempi, abbiamo datoto il gruppo? spazio per la discussione a tutti i presenti – una cinquantina di rap-Maurizio Coradazzi, moderatore del presentanti delegati. Il rispetto dei tempi è stato determinante per po-gruppo “I valori” ter gestire al meglio il tempo che avevamo a disposizione, non molto in realtà, in maniera produttiva e arrivare a un risultato del nostro lavoro di cui posso definirmi personalmente soddisfatto, così come tutto il gruppo che ha approvato all’unanimità la parte del documento inseri- to nella relazione conclusiva. Abbiamo raggiunto un buon risultato, a livello organizzativo e soprattutto a livello di contributi.Quali le vostre proposte e le criti- Le risorse sono un tema scottante e pungente anche perché di grandecità emerse sul tema trattato? attualità in questo momento. Sicuramente è uno dei temi che rischia diMauro Casinghini, moderatore del spostare l’attenzione anche su altri argomenti che sono poco attinentigruppo “Le risorse” alla protezione civile e alla giornate di lavoro che abbiamo affrontato. La ricerca di nuove risorse e la razionalizzazione delle risorse sono al- l’ordine del giorno da sempre, ma in questo momento di grande diffi- coltà per la nostra collettività lo sono in maniera particolare. Noi, però, siamo partiti da un assunto: che la più grossa risorsa da va- lorizzare e quella di cui non si può assolutamente fare a meno è quel- la oggi qui rappresentata, cioè i volontari con la loro solidarietà, la lo- ro umanità ma soprattutto con la loro professionalità a disposizione di tutta la collettività.12
  15. 15. 13La consultazione online ha garanti- Io credo che questo sia stato un momento sulla carta molto positivo. Nel-to la piena partecipazione a tutti i l’era tecnologica è stato un modo per far partecipare anche i non dele-volontari? gati. Vedendo l’esiguo numero di risposte ricevute mi viene da pensa-Roberto Cotterli, moderatore del grup- re che qualcosa non abbia funzionato. In ogni caso quei pochi spunti chepo “La rappresentanza” sono emersi dai contributi sono coincisi con quelli affiorati durante le discussione, quindi sono stati comunque trattati.Come è cambiato il mondo del vo- Non è facile dire come è cambiato, anche perché non esiste più il volontariatolontariato di protezione civile rispetto di protezione civile di 12 anni fa. Oggi il volontariato è completamenteall’ultima Conferenza nazionale del stravolto, prima era molto basato sulla spontaneità e sul buon cuore, sul-volontariato di protezione civile, di la voglia di fare. Oggi è un volontariato che ha mantenuto comunque tut-12 anni fa? ti quei valori ma è molto più preparato, più specializzato, è un volonta-Luciano Dematteis, moderatore del riato molto più formato grazie anche ad alcune iniziative realizzate colgruppo “I valori” Dipartimento. Ma quasi sempre le stesse associazioni si sono formate, si sono date comunque anche un metodo di formazione che è possibi- le poi mettere in rete per un volontariato sempre più coeso, perché nel- le emergenze se non si è coesi non si va da nessuna parte.“Migliorare la vita di tutti, comin- Sì è uno slogan interessante, che ha fatto riflettere molte persone, mol-ciando dalla propria”. Ogni volonta- ti volontari. Penso che tutti si possono riconoscere in questo concetto,rio può identificarsi con questa af- perché ci si arricchisce giorno per giorno semplicemente facendo il vo-fermazione? lontario dando qualcosa senza ricevere apparentemente assolutamenteStefano Barassi, moderatore del grup- niente. Chi scopre questo fattore importante si arricchisce e quindi nepo “ Le risorse” guadagna la collettività. Penso che sia unaffermazione importante e azzeccata per questa giornata.Quali i valori alla base del volonta- Credo che fondamentalmente siano la libertà, la volontà di associarsiriato di protezione civile? in modo libero per dare un aiuto, un contributo al Paese, alle comuni-Simone Andreotti, moderatore del grup- tà che ci vivono allinterno ed evidentemente la gratuità. Il volontaria-po “ I ruoli e le modalità operative” to di protezione civile si caratterizza per la peculiarità che gli dà la nor- ma – il dpr 194 – che garantisce a questo volontariato di restare pu- ro. In emergenza non si può essere pagati e non si deve essere pagati, viene garantita la tutela del proprio posto di lavoro e questo è un ele- mento fondamentale che ci caratterizza e che non deve essere mai mes- so in discussione.
  16. 16. 2 Primo PianoInterviste ai volontari delegatiAbbiamo chiesto ad alcuni volontari un parere sugli Stati Generali del Volontariato.Queste le loro impressioni.“Gli incontri tra le associazioni di volontariato andrebbero fatti più spesso, per socializzare e mettere in cam-po le idee del mondo del volontariato. Un’idea bellissima gli Stati Generali, in cui noi crediamo molto. Speria-mo di aver fatto un buon lavoro, nel nostro gruppo”.Cristiano Bartolomei, ProcivArci“L’impressione di questa assemblea è più che positiva è una delle cose – dopo l’esperienza in Abruzzo – cheserve a far crescere il volontariato, serve a conoscere le problematiche delle altre associazioni di altre zonedItalia. Spero che ce ne siano anche altre, che tutto quello che poi abbiamo discusso e il punto d’accordo sucui siamo riusciti ad arrivare sia portato nella vita quotidiana”.Egidio Pisanu, Regione Sardegna“È stata un’esperienza bellissima. Devo ringraziare il Dipartimento che ha messo a disposizione queste tre gior-nate e ha dato l’opportunità a tutti i volontari di esprimere il loro parere, con le loro idee e le varie problema-tiche, in quanto l’Italia è vero che è unica però ognuno di noi ha portato un’esperienza diversa.Auspico seguano nuovi incontri in tempi più brevi per confronti molto più opportuni, insieme ad altre personeper continuare la crescita in questa missione in cui tutti volontari credono”.Ettore Perotti, Associazione nazionale carabinieri“È stata un’occasione grandissima per il volontariato. Era un’occasione che aspettavamo da tantissimo tem-po. Abbiamo visto che l’Italia è una – costante dei centocinquanta anni dell’Unità di Italia – però le realtà, lesituazioni sono molto diverse. Gli incontri tra persone di regioni diverse e di formazione diversa arricchiscemolto il volontariato. Io ero nel gruppo della rappresentanza, dove abbiamo espresso quale sono le nostre per-plessità e le nostre aspettative. La nostra perplessità è di non essere stati sino ad oggi considerati allo stes-so livello di tutte le Componenti della Legge 225. Il volontariato sino ad oggi è stato visto come della manodoperaa basso costo, specialmente in questi periodi di crisi.La nostra aspettativa essendo ormai cresciuti, avendo avuto una formazione adeguata, è quella di partecipa-re ai tavoli con pari dignità delle altre componenti”.Marcello Gumina, Regione Emilia-Romagna“Ho lavorato al gruppo dei valori un tema vastissimo, incredibilmente difficile, difficile ma facile a mio avvi-so per un volontario in quanto si è ribadito più volte che un volontario è sicuramente colui che lavora “per mis-sione”. Si è parlato addirittura di virus che sembra ci abbia colpito. Questo mi ha veramente fatto riflettere: silavora con il cuore o con l’anima, altrimenti tutto il resto non può andare avanti, non è la divisa in sé, è quel-14
  17. 17. 15lo che noi abbiamo dentro l’importante. Allo stesso tempo aver partecipato insieme ad altri colleghi di tuttaItalia a unesperienza così importante, di grande crescita e di grande confronto, mi fa pensare veramente cheil Dipartimento, lo Stato siano ancora più vicini a noi, alle nostre innumerevoli fatiche”.Nicoletta Lampioni, Regione Sardegna“Aspettavamo da tanti anni gli Stati Generali, lo chiedevamo in continuazione a tutte le autorità e maggior-mente al Dipartimento. Io ho partecipato anche 12 anni fa a Orvieto, sempre in rappresentanza della RegioneLazio e uscirono dei bei documenti, allora. Però son passati 12 anni e il volontariato è cresciuto molto, cera-vamo persi di vista con le grandi organizzazioni nazionali, che sono cresciute in un modo strepitoso, con le as-sociazioni di volontariato locali. I temi trattati sono stati eccezionali, più di questo penso che il Dipartimentonon poteva fare, perché i valori, la rappresentanza, i ruoli e le modalità e le risorse – un tema molto importante– sono gli argomenti che riguardano il volontariato di protezione civile. Soddisfattissimo di questo incontro. Nelgruppo della rappresentanza di cui ho fatto parte durante il dibattito c’è stata una bella discussione di ungiorno intero. Il risultato è un documento che tutti abbiamo approvato con soddisfazione senza nessuna obie-zione. Spero che nei prossimi giorni vengano fuori delle proposte del Dipartimento”.Pasquale Rossi, Regione Lazio“Limpressione generale è sicuramente positiva e chiediamo che queste iniziative vengano riprodotte con piùfrequenza o che comunque si crei un ambito di discussione anche via web, utilizzando quelle che sono le nuovetecnologie in maniera che ci sia uno scambio sempre più forte, sempre più puntuale di tutte quelle che sono leiniziative che coinvolgono questo importante settore del volontariato che è il volontariato di protezione civile”.Maurizio Lanini, Colonna Mobile della Valle d’Aosta“Nel 2012 stiamo facendo il punto della situazione con degli Stati Generali che ammettono la grandezza del-la nostra Protezione Civile, ma nello stesso tempo, oltre a riconoscere questa grande crescita questi Stati Ge-nerali, segnano anche la necessitàdi vederci più spesso, di organizzarlipiù spesso, tanto è vero che anche dalnostro documento, questa necessi-tà appare molto chiara.È necessario vedersi più spesso, ènecessario avere un momento di col-loquio generale con tutta la Prote-zione Civile italiana, con chi la diri-ge, ma soprattutto con proposte daparte di noi volontari che poi af-frontiamo la quotidianità della pro-tezione civile ogni giorno”.Matteo Perillo, Regione Puglia
  18. 18. 2 FocusMonti: verso la riformadel Servizio NazionaleIl 30 aprile approvato il decreto legge per il riordino della protezione civileP ubblichiamo alcuni passaggi dell’in- del Consiglio traccia il percorso che do- tervento del Presidente del Consiglio vrebbe portare alla riforma della legge 225 Mario Monti, in occasione della gior- del 1992 istitutiva del Servizio Nazionale del-nata inaugurale degli Stati Generali del Vo- la Protezione Civile. Il 19 aprile lo schemalontariato di Protezione Civile, svoltasi pres- di provvedimento viene discusso in Confe-so la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Uni- renza unificata Stato-Regioni. Il 30 aprile ilversità di Roma Tre, il 13 aprile. Consiglio dei Ministri adotta il decreto leggeAlla presenza del Capo dello Stato Giorgio per il riordino della protezione civile. Appa-Napolitano, del Presidente della Conferen- re importante riproporre questi passaggi delza Unificata Stato-Regioni Vasco Errani, del discorso del Presidente del Consiglio MarioPresidente della Consulta Nazionale del Vo- Monti alla luce della necessità, espressa dal-lontariato di Protezione Civile Simone An- lo stesso, di una rilettura e di un aggiorna-dreotti e del Capo Dipartimento della Prote- mento della legge 225, anche in vista dellazione Civile Franco Gabrielli, il Presidente conversione in legge dello stesso decreto.16
  19. 19. 17Q uest’anno (...) ricorrono i trent’anni nare le ordinanze, acquisita l’intesa con le dall’istituzione del Dipartimento del- Regioni territorialmente interessate dal- la Protezione Civile e i vent’anni dal- l’evento calamitoso. Il Capo del Dipartimen-lapprovazione della legge 225/1992 che ha to sarà anche responsabile dell’attuazioneistituito il Servizio Nazionale della Protezio- delle ordinanze, che avranno efficacia im-ne Civile. Proprio questa mattina il governo mediata, se emanate nei venti giorni suc-si è accinto a proporne una rilettura e un ag- cessivi alla dichiarazione dello stato di emer-giornamento al Parlamento e alle Regioni genza. Successivamente, le ordinanze do-che dopo la riforma del Titolo V della Costi- vranno essere emanate previo concerto contuzione sono diventate un interlocutore cen- il Ministero dell’Economia e delle Finanze.trale e imprescindibile del sistema. (...) Lo Viene inoltre confermato e rifinanziato il Fon-schema di provvedimento adottato questa do nazionale di protezione civile, che in ca-mattina dal Consiglio dei Ministri – che ver- so di emergenza potrà essere apposita-rà discusso con la Conferenza unificata – in- mente alimentato. La riforma verrà ora sot-tende riorganizzare la struttura operativa e toposta al vaglio della Conferenza unificata,accelerare i tempi di azione del Servizio Na- prima della definitiva approvazione in Con-zionale della Protezione Civile. L’obiettivo, siglio dei Ministri. Seguirà, ovviamente, ilgià emerso in occasione della riunione ope- vaglio parlamentare. Va ricordato comun-rativa da me promossa a Palazzo Chigi il 6 que che quando le leggi sono buone rie-febbraio, è rafforzare l’efficacia nel monito- scono a dare forma scritta alle caratteristi-raggio e nella gestione delle emergenze. La che migliori di un popolo. Riescono, in al-riforma conferma ed esalta nelle emergen- tre parole, a cogliere le migliori essenze edze il ruolo del Dipartimento della Protezione energie e sanno indirizzarle verso traguar-Civile, in capo alla Presidenza del Consiglio di futuri. La legge italiana di protezione ci-che agisce in coordinamento con Regioni, vile, in questo senso, è un esempio unico.Province, Comuni e gli altri Enti pubblici e Essa, cogliendo la profonda debolezza di unprivati presenti sul territorio. Il Presidente sistema paese spesso inadeguato, in quan-del Consiglio ha però potere di delega del to troppo frammentato, e con lo sguardo ri-potere dintervento al Ministro dell’Interno. piegato su se stesso (...) ha puntato sullaAbbiamo inteso intervenire su alcuni punti costruzione di un sistema che mettesse aparticolarmente delicati: la dichiarazione del- fattor comune le migliori competenze e pro-lo stato di emergenza, infatti, sarà tempo- fessionalità delle istituzioni e della societàralmente limitata e, contestualmente a es- civile, in un’unica rete di coordinamento.sa, verrà identificata l’amministrazione pub- (...) La riforma varata oggi costituisce (...)blica competente a coordinare gli interven- una riforma strutturale, non certo fra le me-ti conseguenti all’evento dopo la scadenza no importanti. Nel riformare la protezionetemporale dell’emergenza. Il ruolo del Di- civile, infatti, il Governo intende richiamarepartimento sarà potenziato a partire dall’at- l’attenzione di tutti i soggetti interessati suitribuzione al suo vertice del potere di ema- valori fondanti del Sistema. 2
  20. 20. 2 FocusIl rilancio degli organi legiali va quindi nella stessa direzione di quella del Dipar-collegiali del Servizio timento che ha ruolo di indirizzoNazionale della e coordinamento del Servizio Nazionale.Protezione Civile Il rilancio degli organi colle-Intervista a Elvezio Galanti, giali che significato ha al-direttore dell’Ufficio Relazioni istituzionali l’interno del Sistema di pro- tezione civile? Rafforzare gli or- gani collegiali centrali signifi-C on la recente riorga- da Zamberletti già nel 1982. ca rafforzare il Servizio Na- nizzazione della Com- Gli organi collegiali corrispon- zionale della Protezione Civi- missione nazionale dono proprio alle “quattro gam- le. Sembra un paradosso, maGrandi Rischi e la convoca- be”: il coordinamento dei soc- proprio attraverso la condivi-zione del Comitato paritetico, corsi è gestito dal Comitato sione degli indirizzi comuni siil Dipartimento della Protezio- operativo, organo che com- migliora il funzionamento dine Civile ha intrapreso un per- prende le strutture operative un sistema complesso e de-corso per rilanciare la funzio- e le componenti del Sistema; centrato. Possiamo immagi-ne degli organi collegiali al- il volontariato oggi è rappre- nare, infatti, la protezione ci-l’interno del Servizio Nazio- sentato limitatamente alle or- vile come un palazzo a quat-nale della Protezione Civile. ganizzazioni di rilievo nazio- tro piani dove troviamo il sin-Per approfondire il tema e ca- nale nella Consulta nazionale daco, il livello provinciale, re-pirne l’importanza, abbiamo del volontariato; la struttura di gionale e nazionale e in cui gliintervistato Elvezio Galanti, di- raccordo con la comunità scien- organi collegiali sono l’ascen-rettore dell’Ufficio Relazioni tifica è la Commissione nazio- sore tra i diversi piani. Infatti,istituzionali del Dipartimento nale Grandi Rischi; le auto- con la riforma del Titolo V neldella Protezione Civile. nomie locali sono rappresen- 2001, la protezione civile di- tate nel Comitato paritetico. venta materia di legislazioneQuali sono gli organi colle- concorrente e il sistema fun-giali del Servizio Nazionale Qual è il loro ruolo principa- ziona attraverso il principio didella Protezione Civile? Co- le? Gli organi collegiali sono il sussidiarietà verticale e oriz-ordinamento dei soccorsi, vo- motore principale della vita zontale: per questo maggiorelontariato, comunità scientifi- del Sistema di protezione civile è il decentramento ammini-ca e autonomie locali sono le perché sono proprio i luoghi strativo, maggiore è il bisogno“quattro gambe” del tavolo del- in cui vengono condivisi gli in- degli organi collegiali.la protezione civile, i quattro dirizzi comuni di previsione,pilastri fondamentali su cui si prevenzione ed emergenza. Soffermandoci sulla Com-regge il sistema immaginato La funzione degli organi col- missione nazionale grandi ri-18
  21. 21. 19schi, organo recentemente ge un’attività autonoma, che teressati. Ma se da un lato le re-riorganizzato dal dpcm del 7 si relaziona a quella dei Cen- gole sono finalizzate a miglio-ottobre 2011, quali sono i tri di competenza o dei servi- rare il funzionamento dellasuoi compiti? La Commissio- zi del Dipartimento, e che ri- macchina e a rafforzare il si-ne nazionale Grandi Rischi è guarda lo studio più ampio stema territoriale di protezionel’elemento terzo rispetto alla sull’interpretazione di un fe- civile, dallaltra hanno l’obiet-comunità scientifica che può nomeno o l’approfondimento tivo di tracciare le basi per lasupportare il Capo Diparti- di temi e lavori scientifici na- protezione civile del futuro.mento nelle decisioni quando zionali e internazionali.sono necessari approfondi- E il futuro per la protezione ci-menti o sono presenti opinio- Passando al Comitato parite- vile qual è? Proseguire la stra-ni divergenti su una stessa tico, convocato per la prima da del decentramento ammi-questione. Proprio questa fun- volta il 4 aprile 2012, quale nistrativo per una comunitàzione viene specificata del sarà la sua attività principale? sul territorio resiliente, cioèdpcm del 7 ottobre 2011, ul- Come ha indicato il Capo Di- cittadini con una percezionetimo provvedimento che ha ri- partimento Franco Gabrielli sa- alta del rischio, capaci di fa-definito organizzazione e com- rà il “luogo delle regole”, re- re un patto con gli ammini-piti della Grandi Rischi. In ge- gole che vanno condivise con stratori locali per poter convi-nerale, la Commissione svol- tutti gli attori che ne sono in- vere con il rischio. Riunione del Comitato operativo nella sede di via Vitorchiano
  22. 22. 2 FocusGli organi gano che rappresenta le organizzazioni na- zionali, una parte del complesso mondo delcollegiali volontariato. Dagli Stati Generali del 13-15Condivisione degli indirizzi maggio 2012 è emerso che, per dare piena rappresentanza alle organizzazioni e gruppidel Servizio Nazionale di volontariato, sarà necessario creare nuo-della Protezione Civile vi luoghi di rappresentanza e confronto che sappiano cogliere le peculiarità di tutte le re- altà del volontariato di protezione civile. U Commissione nazionale per la previ-A ll’interno del Servizio Nazionale del- la Protezione Civile gli organi colle- sione e prevenzione dei grandi rischi giali sono i luoghi in cui vengono con- È la struttura di collegamento tra il Serviziodivisi gli indirizzi comuni di previsione, pre- Nazionale e la comunità scientifica. La suavenzione ed emergenza. La Commissione funzione principale è fornire pareri di carat-nazionale Grandi Rischi, organo deputato al tere tecnico-scientifico su quesiti del Caporaccordo con la comunità scientifica, opera Dipartimento e dare indicazioni su come mi-già dagli anni ‘80, ma è con la legge gliorare la capacita di valutazione, previsio-225/1992 che il suo ruolo viene riconosciu- ne e prevenzione dei diversi rischi.to ufficialmente; l’ultimo dpcm che ne ha ri- La Commissione si articola in un ufficio didefinito organizzazione e funzioni è del 7 ot- presidenza e cinque settori di intervento chetobre 2011. Anche il Comitato operativo ope- riguardano il rischio sismico, vulcanico, me-ra a partire dal 1984, ma è con la legge teo-idrogeologico, idraulico e di frana, chi-225/1992 che assume ufficialmente la dire- mico, nucleare, industriale e trasporti, am-zione unitaria e il coordinamento dell’attività bientale e incendi boschivi. Ogni settore èdi emergenza. Il Comitato paritetico Stato- composto da un referente e da rappresen-Regioni-Enti, previsto dalla legge 401/2001, tanti dei Centri di competenza e altri esperti.è il luogo di incontro e di discussione delle Composizione. Il dpcm del 23 dicembre 2011regole del sistema; il dpcm che ne ha stabi- ne ha nominato i componenti. In particolarelito composizione e funzioni è del 23 set- costituiscono l’ufficio di Presidenza: il Presi-tembre 2011. Per quanto riguarda il volon- dente Emerito on. Giuseppe Zamberletti, iltariato, il dpr 194/2001 ha previsto un Co- Presidente prof. Luciano Maiani e il Vicepre-mitato nazionale di volontariato di protezio- sidente prof. Mauro Rosi.ne civile che ad oggi non risulta ancora isti- I referenti di settore sono: il prof. Domenico Giar-tuito a causa delle difficoltà incontrate nel- dini per il settore del rischio sismico, il prof.l’individuare le rappresentanze previste dal Vincenzo Morra per il settore del rischio vul-decreto. È stata invece costituita con dpcm canico, il prof. Franco Siccardi per il settoredel 25 gennaio 2008 la Consulta nazionale dei rischi meteo-idrologico, idraulico e di fra-del volontariato di protezione civile, un or- na, ling. Francesco Russo per il settore ri-20
  23. 23. 21schi chimico, nucleare, industriale e trasporti ne civile. Ha l’obiettivo di valutare le notizie,e il dott. Roberto Caracciolo per il settore del i dati e le richieste provenienti dalle zone in-rischio ambientale e degli incendi boschivi. teressate allemergenza, definire le strategieFunzionamento. La Commissione si riunisce di intervento e coordinare in un quadro uni-per i singoli settori di rischio o per l’analisi di tario gli interventi di tutte le amministrazioniquestioni interdisciplinari a settori congiun- ed enti interessati al soccorso e all’assisten-ti. Si incontra almeno una volta all’anno, in za alla popolazione.sede congiunta, per verificare le attività svol- Composizione. Comprende rappresentantite e programmare le iniziative. Si riunisce, di del Dipartimento della Protezione Civile e dinorma, nella sede del Dipartimento della Pro- Vigili del Fuoco, Forze Armate, Forze di Poli-tezione Civile. Dura in carica cinque anni. La zia, Corpo Forestale dello Stato, Croce rossaCommissione è stata istituita con la legge n. italiana, strutture del Servizio sanitario na-225 del 1992, all’art. 9, e lultimo provvedimento zionale, Organizzazioni nazionali di volontariato,che ne definisce il funzionamento e lorga- Corpo nazionale del soccorso alpino e spe-nizzazione è il dpcm del 7 ottobre 2011. leologico, Capitanerie di Porto, Ispra - Istitu- to superiore per la protezione e ricerca am-U Comitato operativo bientale, Ingv - Istituto nazionale di geofisicaAssicura la direzione unitaria e il coordina- e vulcanologia, Cnr - Consiglio nazionale del-mento delle attività di emergenza. Si riunisce le ricerche, Enea - Ente per le nuove tecno-nel Dipartimento della Protezione Civile, è logie, l’energia e l’ambiente, Conferenza uni-presieduto dal Capo del Dipartimento ed è ficata Stato-Regioni-Città e Autonomie loca-composto da rappresentanti di Componenti li. Partecipano inoltre rappresentanti di so-e Strutture operative del Sistema di protezio- cietà di servizi e aziende (es. Autostrade per I TAVOLI DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLE REGIONI Sono tre i tavoli di condivisione delle regole delle Conferenza unificata Stato Regioni e Province autonomie locali e governi regionali/province autonome: istituita dal dlgs n.281 del 28 agosto autonome nel sistema di protezione civile. 1997, è la sede congiunta della Conferenza Stato- Commissione speciale per la protezione civile: Regioni e della Conferenza Stato-Città e Autonomie istituita dalla Conferenza delle Regioni e delle Locali; opera per favorire la cooperazione tra l’attività Province Autonome, si configura come un tavolo dello Stato e il sistema delle autonomie e per tecnico delle attività di protezione civile a servizio esaminare le materie e i compiti di comune interesse. dei Presidenti. È un tavolo indipendente dalle attività Comitato paritetico: organo collegiale previsto dalla del Dipartimento anche se opera all’interno della sede legge n. 401 del 2001, è il luogo per la condivisione di Via Ulpiano: la scelta di mettere a disposizione delle regole della protezione civile. Convocato per la spazi e luoghi rispecchia la volontà di condividere prima volta nel 2012, riunisce rappresentanti di beni comuni, pur lasciando spazio allautonomia. Ministeri, Regioni e Province autonome e Enti locali.
  24. 24. 2 Focusl’Italia, Ferrovie dello Stato, Enel). Possono biente, Ministero delle Politiche Agricole epoi essere convocati anche rappresentanti di Forestali e Ministero per gli Affari Regiona-Autorità regionali e locali di protezione civile, li. Per il Dipartimento della Protezione Civi-interessate da specifiche emergenze. le, partecipano il Capo Dipartimento FrancoFunzionamento. Il Comitato dura in carica Gabrielli e il direttore dell’Ufficio Relazionitre anni. Viene convocato dal presidente e istituzionali Elvezio Galanti.opera con la presenza di almeno la metà più Funzionamento. Il Comitato dura in caricauno dei componenti. Nei casi di urgenza o tre anni e viene convocato su disposizioneemergenza il Comitato può operare anche del Presidente. Alle riunioni possono parte-con la presenza dei rappresentanti del Di- cipare, senza diritto di voto, anche altri fun-partimento, Vigili del Fuoco, Forze Armate, zionari delle amministrazioni presenti nel Co-Forze di Polizia, Corpo Forestale, Croce ros- mitato o rappresentanti di altre amministra-sa, Organizzazioni nazionali di volontariato e zioni ed enti pubblici interessati. Le decisio-Conferenza unificata. ni vengono prese con l’assenso di tutti i com- ponenti o della maggioranza dei membri deiU Comitato paritetico Stato-Regioni-Enti due gruppi – rappresentanti della Conferen- locali za Unificata o delle amministrazioni statali.È l’organo del Servizio Nazionale della Pro- Il Comitato paritetico è stato istituito dallart.tezione Civile in cui vengono discusse e con- 5, comma 1, dalla legge n. 401/2001. Com-divise le regole del sistema. In particolare, il posizione e funzionamento sono stati defi-Comitato paritetico ha la funzione di indiriz- niti con il dpcm del 23 settembre 2002 e ilzare, promuovere e coordinare le attività del- dpcm del 20 febbraio 2012 ne ha indivi-le amministrazioni dello Stato, delle Regio- duato i componenti.ni e degli Enti locali. Si occupa, in partico-lare, di determinare i criteri di massima perdefinire programmi di previsione e preven-zione e piani di emergenza, per impiegarein modo coordinato le componenti del Ser-vizio Nazionale e per definire le norme inmateria di protezione civile.Composizione. Il Comitato è presieduto daLorenzo Dellai, Presidente della ProvinciaAutonoma di Trento, ed è composto da rap-presentanti della Conferenza unificata conmembri delle Regioni, Anci – Associazionenazionale comuni italiani e Upi – Unione del-le province d’Italia, e rappresentanti del Mi- Una riunione del Comitato pariteticonistero dell’Interno, Ministero delle Infra- Stato-Regioni-Enti localistrutture e dei Trasporti, Ministero dell’Am-22
  25. 25. 23 LA CONSULTA NAZIONALE DEL VOLONTARIATOHa il compito di fornire supporto alle attività di Malta, Fir-CB, Legambiente, Prociv-Arci,indirizzo e di coordinamento del Dipartimento Psicologi per i popoli, Raggruppamentodella Protezione Civile in relazione al nazionale radiocomunicazione d’emergenza,volontariato. È un soggetto autorevole che da Ucis - Unità cinofile italiane da soccorso,un lato risponde alle esigenze operative, Unitalsi e Vigili del Fuoco in congedo.dall’altro concorre a proporre, stimolare Partecipano ai lavori della Consulta, comeprogetti, idee, riflessioni e proposte sui grandi osservatori, i rappresentanti dellatemi di interesse del volontariato in materia di Croce rossa italiana, del Corpo nazionaleprotezione civile, anche al fine di contribuire del soccorso alpino e speleologico ealla promozione, alla formazione e allo sviluppo dell’Associazione dei Vigili del Fuoco volontari.del volontariato e di accrescere ilcoordinamento con tutte le altre componenti Funzionamento.del Sistema nazionale di protezione civile, con Il Presidente, d’intesa con il Dipartimento,particolare riferimento alle Regioni. È quindi convoca la Consulta ogni volta ne individua laun luogo fondamentale di studio e di confronto necessità e, comunque, almeno tre volte l’anno.tra le associazioni di protezione civile Partecipano alle sedute della Consulta, oltre aidi rilevanza nazionale e il Dipartimento. componenti, il Capo Dipartimento della Protezione Civile, il direttore dell’UfficioComposizione. Volontariato formazione e comunicazione, ilLa Consulta nazionale del volontariato di coordinatore del Servizio volontariato e iprotezione civile, aggiornata con decreto del funzionari del Dipartimento della ProtezioneCapo Dipartimento il 30 luglio 2010, è Civile di volta in volta individuati in relazionecomposta da: Agesci, Afmal - Associazione agli argomenti all’ordine del giorno. IlFatebenefratelli, Ana - Associazione nazionale Presidente della Consulta, in casi specifici, puòalpini, Anc - Associazione nazionale procedere ad audizioni, invitando persone acarabinieri, Anpas - Associazione nazionale offrire il loro contributo alla conoscenza deipubbliche assistenze, Associazione temi trattati. Inoltre, per l’esame di particolariradioamatori italiani, Associazioni specializzate questioni di carattere tecnico-specialistico lain attività acquatiche e subacquee Consulta può istituire e realizzare specifici(Salvamento, Fias, Fin e Fipsas), Autieri d’Italia gruppi di lavoro e workshop formativi.(Anai), Avis, Caritas Italiana, Cngei, Comunità La Consulta nazionale del volontariato didi S. Egidio, Confederazione nazionale delle protezione civile è stata istituita con decretomisericordie d’Italia, Cives - Coordinamento del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25infermieri volontari per l’emergenza sanitaria, gennaio 2008, pubblicato nella GazzettaCisom - Corpo italiano di soccorso Ordine di Ufficiale n. 61 del 12 marzo 2008.
  26. 26. 2 Focus Stacca e sfoglial’inserto con la relazione conclusivadegli Stati Generali del volontariato di protezione civile
  27. 27. SPECIALE Stati Generali del VolontariatoSotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica STATI GENERALI DEL VOLONTARIATODI PROTEZIONE CIVILE Università degli Studi Roma Tre Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia 13-15 aprile 2012 RELAZIONE CONCLUSIVA
  28. 28. PREMESSAGli Stati Generali del Volontariato di protezione civile del 2012 nascono dall’esigenza del volontariato di tro-vare al proprio interno un momento di discussione e di confronto, che non fosse legato all’occasione di unaspecifica emergenza, ma fosse pianificato per tempo e costruito con pazienza in un percorso di analisi, ri-flessione e maturazione.In realtà, la stessa necessità emergeva – in particolare negli ultimi anni – nell’ambito della rete delle Isti-tuzioni, che sempre più manifestavano il bisogno di comprendere interrogativi e propositi del volontariato perconseguire il comune intento di piena integrazione del Sistema di protezione civile.Premessa irrinunciabile per parlare oggi di volontariato di protezione civile nel nostro Paese è la consapevo-lezza di come, in questi decenni, una straordinaria forza, libera e spontanea, abbia saputo crescere, raffor-zarsi e, in parte, trasformarsi per meglio rispondere alle nuove esigenze e ai differenti contesti, senza perde-re in originalità e nella fedeltà dei principi ispiratori. Allo stesso modo non si può prescindere dal riconosce-re l’insostituibilità, nel nostro complesso e delicato Sistema, di un volontariato organizzato e formato, chesempre più sta cogliendo il valore e l’importanza di incentrare la propria azione quotidiana su attività di pre-venzione dei rischi e di coinvolgimento della popolazione in un percorso virtuoso di cittadinanza attiva.In questo contesto, dopo le centinaia di iniziative realizzate nel 2011 da decine di migliaia di volontari di pro-tezione civile sull’intero territorio nazionale per le celebrazioni dell’Anno Europeo del Volontariato, ci ritrovia-mo a Roma per dedicare tre giorni allo studio e al dibattito su quattro temi che, più di altri, richiedono unadisamina urgente con l’obiettivo di disegnare i contorni del futuro del nostro volontariato.Non ci aspettiamo che gli Stati Generali trovino puntuali e adeguate risposte a tutte le domande e le proble-matiche che sono già emerse e ancor più emergeranno dal confronto di queste giornate, ma crediamo e ci au-guriamo di poter individuare insieme il tracciato del percorso necessario alla definizione di nuove strategie edi strumenti efficaci per valorizzare e sostenere i volontari di domani.Ringraziamo l’Università degli Studi di Roma Tre per averci concesso ospitalità in una sede funzionale ed au-torevole, i volontari delegati che saranno i protagonisti dell’iniziativa, gli ospiti che hanno voluto prendere par-te all’apertura e alla conclusione dei lavori e i vertici delle Istituzioni che ci onorano della loro presenza, mani-festando inequivocabilmente la grande attenzione e il quotidiano sostegno al volontariato di protezione civile.
  29. 29. I VALORI Salvaguardare l’autonomia delle organizzazioni di volontariato di protezione ci- vile significa riconoscere che esso è composto da una molteplicità di forme as-sociative, con differenze di specializzazione, di approccio, di sensibilità e di organizza-zione interna e un variegato bagaglio di idee e spunti innovativi. Significa anche tute-lare il diritto all’identità delle associazioni, che si manifesta nel libero uso di diversi em-blemi e divise, che dovranno avere come unico fattore comune il rispetto delle normesulla sicurezza.La forza del volontariato è data infatti dalla differenza che esiste fra organizzazione eorganizzazione, che diventa ricchezza grazie alla leale collaborazione e al senso delleistituzioni e dell’appartenenza alla comunità che caratterizza tutto l’associazionismo diprotezione civile. L’autonomia è il valore che consente al volontariato di esprimere cri-tiche costruttive al sistema, utili a consentirne il costante aggiornamento.Pur tuttavia questo variegato mondo deve mantenere come minimo comune denomina-tore la gratuità dell’intervento, la democraticità della struttura e la prevalenza di volon-tari tra i propri associati. Si riconosce che in questi decenni il volontariato è cresciutoe che alle associazioni di volontariato propriamente dette si sono aggiunte altre formeassociative quali i gruppi comunali, le ONLUS, le associazioni di promozione sociale, leassociazioni sportive dilettantistiche. Sono tutte risorse insostituibili del volontariato diprotezione civile e, a parità di diritti e doveri e percorsi formativi, devono essere inseri-te nel sistema con trasparenza e dignità.Ciò che non è rispondente a questi principi non può essere chiamato volontariato di pro-tezione civile e in tal senso si ribadisce l’importanza dei principi fondamentali conte-nuti negli articoli 9 e 10 del DPR 194 che garantiscono la gratuità dell’azione dei vo-lontari, se correttamente applicati.I valori del volontariato e del suo modo di porsi nel sistema - non autoreferenziale mapropositore di uno stile di vita - vanno promossi tra i giovani investendo soprattutto sul-
  30. 30. l’educazione scolastica, a tutti i livelli, e adoperandosi affinché la protezione civile di-venti materia d’insegnamento.Anche perché essere volontario di protezione civile è momento di crescita personale.Nell’operare la solidarietà il volontario migliora sé stesso: è più ricco per l’incontro av-venuto e allena il proprio carattere per essere, nella vita di tutti i giorni, meno egoista epiù attento ai bisogni degli altri, leale e onesto, rendendo “solida” la propria vita. Il vo-lontario di protezione civile svolge la sua attività come una “missione” e ciò rappresen-ta il fondamento del rispetto che gli deve essere riconosciuto.Solidarietà significa porre come soggetto primario del proprio intervento le persone, ein particolare le categorie più deboli, garantendo il dovuto supporto psicologico e unaiuto che favorisca l’autodeterminazione dei singoli e delle comunità, sostenendoli nelpercorso di recupero della propria autonomia.Il volontario non deve essere visto dalle istituzioni come un mero subordinato ma comeun prezioso apporto di competenze e professionalità qualificate tecniche ma soprattut-to umane, in un sistema che riconosce il valore della sussidiarietà.Sussidiarietà non vuol dire sostituzione o surroga, bensì capacità da parte delle asso-ciazioni di sostenere le istituzioni e la cittadinanza mettendo in campo le proprie risor-se negli ambiti delle attività di protezione civile previste dalla legge, assicurando nelcontempo a ciascun volontario tutela e sicurezza. In tal senso le amministrazioni nondevono chiedere interventi estranei all’azione di protezione civile, evitando che il vo-lontariato diventi strumento per finalità politiche.Pertanto si ribadisce che le uniche attività di protezione civile sono solo ed esclusiva-mente quelle previste dalla legislazione in materia.Questi sono i valori fondamentali che devono ispirare il volontariato di protezione civi-le: per riconoscerli e sostenerli le istituzioni devono garantire il pieno coinvolgimentodelle rappresentanze del volontariato nei processi decisionali operativi e legislativi, fa-vorendone la partecipazione alle scelte a livello comunale, regionale e nazionale.
  31. 31. LA RAPPRESENTANZA Le organizzazioni nazionali di protezione civile come le associazioni lo- cali e i gruppi comunali rappresentano insostituibili ed importanti “luo-ghi” di aggregazione sociale e di cittadinanza condivisa al servizio della comunità,contesti in cui si riscopre il valore dello stare insieme mettendo le proprie energie ecompetenze a favore degli altri.Eppure a questo mondo straordinario non è stata riconosciuta adeguata rappresentati-vità a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale. Ciò ha comportato in manie-ra frequente l’emanazione di leggi e regolamenti sul volontariato che non hanno previ-sto il coinvolgimento attivo del volontariato e non gli hanno offerto spazi di confronto.È diventato ormai urgente individuare nuove forme di rappresentanza con organismi dilivello nazionale e regionale.In particolare è necessario creare un ambito di rappresentanza unica a livello naziona-le che esprima tutto il volontariato: organizzazioni nazionali e volontariato locale, costi-tuto da associazioni e gruppi comunali. Per quest’ultimo sarà necessario prevedere unrappresentante democraticamente eletto per ciascuna Regione e Provincia Autonoma,secondo criteri e modalità omogenei, superando le carenze che ad oggi hanno impedi-to la nascita del Comitato ai sensi del DPR 194.Per garantire la rappresentanza a livello regionale, si chiede al Dipartimento della Pro-tezione Civile, per il naturale ruolo di indirizzo e coordinamento che esercita nell’ambi-to del Servizio nazionale, di fornire alle Regioni linee guida affinché vengano costituitele Consulte Regionali del Volontariato di Protezione Civile, così da assicurare la pienapartecipazione delle associazioni, garanzia anche dell’immediata operatività e della pro-gressiva crescita.È stata anche evidenziata la necessità che le articolazioni territoriali delle organizzazioninazionali, parte integrante dei sistemi locali di protezione civile, non siano escluse dal-le rappresentanze locali solo perché già accreditate negli ambiti di carattere nazionale.
  32. 32. Contestualmente si ravvisa la necessità di stabilire criteri e procedure omogenee su tut-to il territorio per l’iscrizione negli albi regionali e in quello nazionale del volontariato diprotezione civile, tenendo conto delle singole specializzazioni.Adeguate forme di rappresentanza del volontariato di protezione civile sono la condi-zione necessaria affinché ai volontari venga riconosciuta pari dignità, a fianco delle al-tre componenti e strutture operative del sistema, da parte delle istituzioni deputate alcoordinamento. Parimenti la rappresentanza assicura la possibilità di creare occasioniutili allo scambio di informazioni e buone pratiche tra il volontariato in quanto ogni as-sociazione ha “risorse” da mettere a disposizione e condividere con le altre.In sintesi si auspica la tempestiva nascita di un Comitato Nazionale del volontariato diprotezione civile ampio, formato da rappresentanti di tutte le organizzazioni nazionali edai volontari rappresentanti delle realtà regionali, per affrontare i grandi temi comuni atutto il volontariato, in tutte le sue forme e peculiarità.Si auspica contestualmente la nascita di luoghi di rappresentanza più omogenei di di-battito e discussione, dove dar spazio a tematiche operative e questioni che riguardanosolo alcuni pezzi del volontariato, ed in particolare: là dove non ancora esistenti, di Con-sulte regionali del volontariato di protezione civile formate da rappresentanti delle as-sociazioni del territorio iscritte nei relativi elenchi, o rappresentanti delle Consulte pro-vinciali del volontariato, se istituite secondo la stessa logica e filosofia; di una nuovaConsulta delle Organizzazioni Nazionali del Volontariato di Protezione Civile presso il Di-partimento della Protezione Civile. Gli Stati Generali rappresentano l’inizio di un per-corso virtuoso che va in questa direzione.
  33. 33. 3 I RUOLI E LE MODALITÀ OPERATIVE Fermo restando levidente necessità di caratterizzare ed adattare i siste-mi di protezione civile ai contesti territoriali di riferimento, si rende necessaria una mag-giore armonizzazione ed omogeneità dei regolamenti regionali che regolano il concorsodel volontariato di protezione civile. In altre parole è necessario trovare linee guida na-zionali che debbano essere riferimento per i sistemi regionali, al fine di superare l’at-tuale contraddizione che vede oggi regolamenti sul territorio nazionale, non solo diver-si, ma spesso incoerenti e incompatibili tra loro.Questo a partire dai criteri di gestione dei registri e degli albi regionali del volontariato diprotezione civile, sino all’impostazione dei sistemi di attivazione del volontariato locale.È necessario da parte delle Istituzioni, degli Enti regionali e degli Enti locali tutelarel’autonomia del volontariato anche e soprattutto rispettando la sua organizzazione in-terna e la sua catena di comando. In questo senso ancora ci si trova in alcuni casi difronte a regolamenti regionali e ad approcci organizzativi che puntano ad interloquire ecoordinare direttamente le sezioni e/o le squadre di un’organizzazione, sino addiritturaa richiedere per iscriversi nei registri di protezione civile l’elenco nominale dei volonta-ri, con i relativi recapiti per poterli attivare direttamente, saltando tutta lorganizzazio-ne interna di cui le varie forme di volontariato si sono dotate.Rafforzare il volontariato di protezione civile, e quindi tutto il sistema, significa garan-tire il potenziamento delle colonne mobili regionali contestualmente a quelle delle as-sociazioni nazionali. È necessario ribadire l’imprescindibile libertà di ogni organizza-zione di decidere il livello di intervento nel sistema (nazionale/regionale/comunale), co-me la possibilità di dedicare una quota parte delle proprie forze alle colonne regionali,mantenendo contestualmente una capacità di intervento autonoma nazionale sotto ilcoordinamento diretto del Dipartimento della Protezione Civile.In questo senso si auspica quanto prima la concertazione e la stipula di protocolli di
  34. 34. collaborazione specifici tra associazioni nazionali, Enti regione e Dipartimento della pro-tezione civile, al fine di definire con trasparenza e chiarezza, questo contingentamentodelle forze, che permetterebbe alle nazionali interessate ad un percorso di questo tipo,di mettere a disposizione dei vari livelli le proprie forze in modo organico, pianificato edorganizzato. Un principio che può essere esteso ai gruppi comunali e alle associazionilocali che possono sentirsi liberi di scegliere di contingentare le loro forze tra quelle dalasciare a presidio del territorio comunale e quelle da mettere a disposizione per inter-venti nell’ambito territoriale regionale o, tramite la colonna mobile, sul territorio nazio-nale e all’estero.Deve contestualmente essere chiaro e restare fermo che il non partecipare alle colonnemobili regionali per interventi sul territorio nazionale, non può tradursi nellinibizionead essere iscritti nei registri regionali e, quindi, di poter mettere a disposizione le pro-prie forze ed operare sotto il coordinamento regionale sul proprio territorio, un principioche vale tanto per le organizzazioni nazionali, quanto per le associazioni locali, i grup-pi comunali e provinciali.La forza del volontariato di protezione civile è data anche dalle specializzazioni e dallespecificità sempre di più alto profilo. Questo principio deve trovare concreto spazio nel-l’impostazione dei sistemi regionali nonché idonee forme per trovare posto nei registrie negli elenchi che a volte risultano inadeguati, limitandosi a riconoscere come attivitàdi soccorso solo alcune categorie d’intervento connesse a specifici rischi.Accogliere nel sistema nuove forze e nuove energie rappresenta un elemento importan-te per garantire una protezione civile in continua crescita, mettendo lesperienza sulcampo come spartiacque per dare più o meno spazio operativo ad unorganizzazionepiuttosto che unaltra. Un riscontro della reale qualità e dell’effettiva esperienza sul cam-po su cui è necessaria una costante verifica, sia delle nuove associazioni che delle vec-chie, un controllo delle attività di protezione civile, esplicitamente riconosciute dai ri-spettivi enti di riferimento, nell’ultimo triennio.
  35. 35. Le attività di formazione e addestramento rappresentano elementi prioritari per la cre-scita e l’armonizzazione del volontariato di protezione civile. In questo senso, a maggiorragione a seguito dell’emanazione del Decreto Legislativo 81, è necessario un maggio-re supporto da parte delle Istituzioni e degli Enti locali in questa fondamentale attività,in cui il volontariato può essere discente interessato, ma anche docente qualificato. Inparticolare sarebbe utile utilizzare di più le risorse previste dal D.P.R. 194 in questosenso. Una formazione di base comune, fermo restando quindi la diversa formazionespecialistica o connessa alle peculiarità specifiche territoriali e interne alle organizza-zioni, può risultare valido strumento per l’opera di armonizzazione dell’impiego del vo-lontari dal sud al nord del Paese, stimolando la ricerca di linguaggi e procedure semprepiù comuni.Determinare meccanismi di valutazione connessa all’accesso delle organizzazioni al si-stema di protezione civile attraverso una valutazione trasparente del reale valore sulcampo, ovvero sull’esperienza tracciabile, sono elementi che garantiscono qualità ed af-fidabilità, oltre che una maggiore responsabilizzazione del volontariato, prendendosi co-sì tutti i meriti derivanti dall’operare bene e tutta la responsabilità dell’operare male.Un terreno che mette tutti, associazioni nazionali, gruppi comunali e associazioni loca-li sullo stesso piano, innescando una sana competizione che porti ad unire il volonta-riato di qualità, al di là della sua specifica connotazione territoriale. Su questi elemen-ti è utile che le Istituzioni e gli Enti regionali prendano spunto nei loro regolamenti enei criteri di accesso ai registri, un’altra occasione per armonizzare i tanti regolamentidiversi destinati al volontariato che caratterizzano il Paese.Le qualità del volontariato di protezione civile sono indissolubilmente legate alle quali-tà del sistema nazionale di cui sono parte integrante. Non è immaginabile una tuteladel volontariato di protezione civile se contestualmente non si salvaguardano quell’or-ganizzazione istituzionale, quelle risorse e quegli strumenti normativi ed operativi chepermettono al Sistema di protezione civile nazionale di mantenere ed accrescere quel

×