AngeloMagoga
Centro Territoriale di Supporto           per la disabilità Sensoriale Ha competenza per Treviso e Belluno Si occupa sol...
DI COSA PARLEREMO...Gli ausili (e le strategie) per   la cecità   l‟ipovisione   l‟ipoacusia
PRIMA PARTE
GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIA…ovvero come fare in modo che un non vedente riesca a:                              Gli “scanne...
GLI “SCANNER PARLANTI” Sono macchine per la lettura automatica Grazie alla sintesi vocale interna è  sufficiente posizio...
I LETTORI DI CD/MP3 Sono dispositivi “standard” Servono per riprodurre libri memorizzati in  forma elettronica: CD audio...
IL RICONOSCIMENTO OCR OCR sta per Optical Character Recognition (riconoscimento ottico  dei caratteri) Questi software e...
AGENDA ELETTRONICA                                                        PRONTO! (18 celle) Sono pocket PC con funzioni ...
VOICEMATE   E‟ un‟agenda elettronica parlante   Ha la possibilità di impartire comandi    vocali e una voce guida indica...
SMARTPHONE Lo smartphone è un telefono cellulare a cui  siano state aggiunte funzioni di PDA Una caratteristica interess...
PALMARE (PDA) Leggero e veramente portatile, offre i vantaggi di un  vero e proprio PC; il sistema operativo, infatti,  c...
E A SCUOLA COSA USO?   Gli ausili fin qui esaminati sono “dedicati” ossia    destinati ad un uso specifico e limitato   ...
CONFRONTO TRA BAMBINI VEDENTI E NON VEDENTI        NELL‟APPROCCIO INIZIALE AL COMPUTER            Vedenti                 ...
IL PC A SCUOLA   Accettazione e motivazione all‟uso del PC   Prerequisiti e addestramento     Utilizzo della tastiera (...
IL PC: STRUMENTO DI LAVORO            Abilità                           AusiliScrivere un testo                 (Tastiera)...
DATTILO-BRAILLE ELETTRONICA                 La dattilo-braille elettronica, è una                  apparecchiatura simile...
NOTEX BRAILLE   Sono degli apparecchi compatti e    piuttosto leggeri che danno al non    vedente le principali opportuni...
DISPLAY BRAILLE (BARRA BRAILLE / RIGA BRAILLE)   E‟ un dispositivo di output   Consente di leggere con il tatto    (face...
SCREEN READER   Letteralmente, “lettori” di schermo   Sono software che consentono una    esplorazione in sequenza delle...
LA SINTESI VOCALE                            Consente di leggere per mezzo di                             un altoparlante...
STAMPANTE BRAILLE                             Imprime in rilievo dei punti su un foglio                              di c...
FORNETTO   Si usa per la creazione di    materiali in rilievo   Usando una carta speciale a    microcapsule è possibile ...
LE MAPPE TATTILI
IL PC: STRUMENTO PER “FARE”            Attività                         AusiliUtilizzo dei software            Si utilizza...
ISTRUZIONI PER L‟USO   Come va adattato il PC     Il desktop va tenuto il più pulito possibile     Le icone più utilizz...
ALCUNE (brevi) CONSIDERAZIONI   Datemi un ausilio… che cosa ci vuoi    fare?   Chi decide?   L‟ausilio non risolve i pr...
SECONDA PARTE
CLASSIFICAZIONE (legale) DELL‟IPOVISIONE Lieve   residuo visivo non superiore a 3/10 sui due occhi o su quello migliore ...
QUINDI L‟IPOVEDENTE…   Come vede?   Cosa vede?   Quanto vede?   In quali condizioni vede?       Il problema maggiore è...
POSSIBILI CAUSEOltre alle “normali” disfunzioni visive dovuteall‟invecchiamento esistono alcune patologie checompromettono...
VISIONE „NORMALE‟
CATARATTA
DEGENERAZIONE MACULARE
GLAUCOMA
RETINOPATIA DIABETICA
INGRANDIAMO? Potrebbe essere utile ingrandire i caratteri di un  libro o di una etichetta per permetterne la  lettura In...
IL VIDEOINGRANDITORE Serve per aumentare di un  certo numero di volte i  caratteri o le immagini da  visualizzare L‟ingr...
VARI TIPI Oltre a quello da tavolo,  ingombrante, sono disponibili  altri sistemi che è possibile  collegare al PC o ad u...
VIDEOINGRANDITORI PORTATILI Li possiamo definire lenti d‟ingrandimento  elettroniche Sono caratterizzati dalla possibili...
PRO E CONTRO DEI SISTEMI INGRANDENTIPRO Molto comodi per la lettura di brevi testi Particolarmente utili per la consulta...
LA POSTAZIONE DI LAVOROVa posta attenzione a: Illuminazione (naturale o  artificiale) Colori e contrasti Riflessi e abb...
LA LAVAGNA A TRACCIAMENTO LUMINOSO   Polimetilmetacrilato incluso in cornici dalle quali    viene immessa luce (come in u...
LA LAVAGNA A TRACCIAMENTO LUMINOSO   E‟ uno strumento inclusivo poiché migliora le    condizioni di visibilità a tutta la...
I QUADERNI FACILITATI
E IL PC?
L‟USO DEL PERSONAL COMPUTERI problemi di utilizzo del PC per un ipovedentesono legati:     alla tastiera standard     al...
LA TASTIERASono disponibili tastiere conpulsanti o caratteri ingranditiEsistono con caratteri neri susfondo bianco e vicev...
IL TASTIERONESoluzione economica ma efficace del progetto “Lettura agevolata” del comune di Venezia
IL TASTIERONE…anche bianco su nero!
IL MONITOR Almeno 19” o anche più, ma non troppo a  causa del ridotto campo visivo A bassissima emissione per poter  ess...
I SOFTWARE INGRANDENTI Sono programmi realizzati espressamente per   utenti ipovedenti per consentire loro l‟utilizzo del...
UN ESEMPIO: SUPERNOVA
I SOFTWARE INGRANDENTI QUALITA’ DELL’INGRANDIMENTO: non deve limitarsi  all‟ingrandimento punto per punto, a causa dell‟e...
ADATTAMENTO DEL COMPUTER IMPOSTARE basse risoluzioni sui monitor per avere  oggetti ingranditi REGOLARE l‟aspetto del de...
(Centro) ACCESSO FACILITATO
L‟ACCESSIBILITA‟ DEI SITI WEB                                I siti web devono rispondere ad                             ...
TERZA PARTE
DIVERSI LIVELLI DI SORDITÀ Sordità lieve. 20/40 dB: solo la voce bisbigliata non  viene percepita Sordità media. 40/70dB...
I TRE APPROCCI RIEDUCATIVI
METODO ORALISTATutti i metodi oralisti condividono l‟esclusione, nell‟educazione al linguaggio parlato e scritto, di qual...
METODO MISTONel metodo logopedico misto o bimodale si utilizza l‟italiano segnato (IS): la parola vocale è accompagnata d...
EDUCAZIONE BILINGUE Il bambino viene esposto contemporaneamente alla  lingua vocale ed alla LIS Si utilizza un canale in...
ESPOSIZIONE PRECOCE AL LINGUAGGIO E‟ importante esporre precocemente i bambini ad una  lingua parlata. Il periodo critico...
GLI AUSILI FUNZIONALI Protesi   acustica Impianto   cocleare
SOFTWARE DIAGNOSTICI E RIABILITATIVI   I software diagnostici consentono di    effettuare uno screening sulla capacità   ...
GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIAAvvisatori luminosi                      Telefoni multifunzione                       • Regolazi...
GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIA Sveglia   a vibrazione                          Cuffie wireless                           •  ...
GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIA   Sistema ad induzione amplificata per    portatori di protesi acustiche
LE STRATEGIE COMUNICATIVE   Richiamare l‟attenzione con un cenno   Richiamare l‟attenzione attraverso un    contatto fis...
LE STRATEGIE A SCUOLA1. Disporre gli arredi in modo da favorire l‟alunno   nella lettura labiale (semicerchio)2. Parlare  ...
GLI AUSILI PER LA DIDATTICA(L‟INFORMAZIONE VISIVA)Utilizzare lavagne luminose, computer collegatia videoproiettori, LIM
GLI AUSILI PER LA DIDATTICA(SOFTWARE)Per un non udente possiamo dividerli in:   sw per migliorare le abilità ortografich...
GLI AUSILI PER LA DIDATTICA(SOFTWARE) Visono poi naturalmente tutti gli altri software „normalmente‟ utilizzati in ambito...
RICONOSCITORI DEL PARLATO   Sono strumenti informatici in grado di    ascoltare e trascrivere le parole pronunciate    da...
IL PROGETTO VOICE……per sostenere la VOCE dei sordi conunazione di sensibilizzazione sulle potenzialitàdei sistemi di ricon...
VOICEMEETING Nellesperienza   scolastica linsegnante parla rivolto  alla classe utilizzando un microfono. Una telecamera...
ALTRI PRODOTTI   VoiceTranscribe: prodotto per la sbobinatura    automatica di registrazioni audio (interventi a    confe...
PER SAPERNE DI PIÙ Handitecno    (handitecno.indire.it) Portale   SIVA (portale.siva.it) Progetto   Voice (voice.jrc.it...
RIFERIMENTI   E‟ possibile rivedere questa    presentazione sul sito del Centro    Sensoriali all‟indirizzo              ...
Tecnologia e disabilità sensoriale
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Tecnologia e disabilità sensoriale

3,243 views

Published on

Presentazione sugli ausili per la disabilità sensoriale

Published in: Education
1 Comment
4 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
3,243
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
1
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tecnologia e disabilità sensoriale

  1. 1. AngeloMagoga
  2. 2. Centro Territoriale di Supporto per la disabilità Sensoriale Ha competenza per Treviso e Belluno Si occupa solo di disabilità sensoriale Fornisce informazione, formazione e consulenza sulle nuove tecnologie Prevede il comodato d’uso per gli ausili alle scuole E’ punto demo
  3. 3. DI COSA PARLEREMO...Gli ausili (e le strategie) per  la cecità  l‟ipovisione  l‟ipoacusia
  4. 4. PRIMA PARTE
  5. 5. GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIA…ovvero come fare in modo che un non vedente riesca a:  Gli “scanner parlanti”Leggere un libro  I lettori di CD/MP3  Il riconoscimento OCROrganizzarsi la giornata  Agenda elettronicaPrendere appunti e note  VoicemateFare una telefonata  SmartphoneSentirsi le ultime notizie  Palmare (PDA)
  6. 6. GLI “SCANNER PARLANTI” Sono macchine per la lettura automatica Grazie alla sintesi vocale interna è sufficiente posizionare la pagina sul vetro e dare inizio alla lettura Possiedono un hard disk per cui c‟è la possibilità di memorizzare le pagine lette Audiobook  Integrano al loro interno altre funzioni tra cui la possibilità di leggere e scrivere file nei formati MP3 e CD audio Poet compact € 1.500 Audiobook € 2.580Poet compact
  7. 7. I LETTORI DI CD/MP3 Sono dispositivi “standard” Servono per riprodurre libri memorizzati in forma elettronica: CD audio o MP3 Esistono versioni “dedicate” capaci di leggere e scrivere nei due formati e in più Lettore CD nel formato Daisy 2.02, standard mondiale per la predisposizione di libri audio facilmente navigabili Lettori CD/MP3 € 50 Riproduttore MP3 Plextalk PTR2 € 850Plextalk PTR2
  8. 8. IL RICONOSCIMENTO OCR OCR sta per Optical Character Recognition (riconoscimento ottico dei caratteri) Questi software eseguono lesame di una pagina stampata, acquisita dal computer per mezzo di uno scanner, e la trasformano in un file di testo che è possibile poi leggere e/o modificare Il non vedente può “dare in pasto” il file di testo ad uno screen reader abbinato o meno ad una sintesi vocale Le versioni standard degli OCR solitamente vengono vendute in bundle con uno scanner; l‟accuratezza del riconoscimento migliora con le versioni professionali a pagamento. Una buona alternativa è TopOCR Fine Reader 8.0 € 140 Omnipage 15 € 129
  9. 9. AGENDA ELETTRONICA PRONTO! (18 celle) Sono pocket PC con funzioni di calcolatrice, notes, gestione appuntamenti, database Hanno la possibilità di leggere i file MP3 e i libri in formato Daisy e di registrare la voce Sono dotate di memoria che si può espandere con le normali schedine  Versioni: tastiera QWERTY o braille, con o senza barra braille  Esistono anche sistemi più evoluti con possibilità di utilizzare applicazioni ridotte degli applicativi Office PAC MATE QX 420
  10. 10. VOICEMATE E‟ un‟agenda elettronica parlante Ha la possibilità di impartire comandi vocali e una voce guida indica il livello di menù Funzioni: rubrica telefonica con 650 numeri e possibilità di comporre il numero in multifrequenza accostando Voicemate alla cornetta, memo blocco note, calcolatrice, euroconvertitore, agenda contenente fino a 999 appuntamenti Ha un ampio display, presa per auricolari e può essere connesso al computer Costa € 245
  11. 11. SMARTPHONE Lo smartphone è un telefono cellulare a cui siano state aggiunte funzioni di PDA Una caratteristica interessante di questi dispositivi è la possibilità di installarvi programmi applicativi, che aggiungono nuove funzionalità Uno di questi applicativi può essere un software dotato di sintesi vocale che guidi il non vedente nell‟uso del telefono; solitamente questi software permettono anche la gestione di una rubrica, della posta elettronica, il collegamento a Internet, ecc. Smartphone € 300 Talks 80 € 370 Audiophone € 580
  12. 12. PALMARE (PDA) Leggero e veramente portatile, offre i vantaggi di un vero e proprio PC; il sistema operativo, infatti, consente di utilizzare applicazioni ridotte dei principali software Integrano funzioni di notes, agenda, e-mail, gestione file MP3, registrazione di messaggi vocali, telefonia, ed altro ancora Sono dotati di connessione wireless e Bluetooth  Possono venire utilizzati dai non vedenti qualora equipaggiati con sintesi vocale (es. pocketVoice) Palmare € 400-600 Sintesi vocale € 300
  13. 13. E A SCUOLA COSA USO? Gli ausili fin qui esaminati sono “dedicati” ossia destinati ad un uso specifico e limitato Nelle normali attività scolastiche è preferibile avere uno strumento “general purpose” in grado di svolgere più compiti ed operazioni Riveste pertanto particolare importanza l‟utilizzo del Personal Computer Nell‟uso di questo strumento sono insite alcune problematiche: vediamo quali
  14. 14. CONFRONTO TRA BAMBINI VEDENTI E NON VEDENTI NELL‟APPROCCIO INIZIALE AL COMPUTER Vedenti Non vedenticondivisione degli strumenti postazione individuale adattata input via tastiera alfanumerica einput via mouse, joystick, tastiera tasti-funzioneoutput via immagine grafica e output via barra braille o sintesimovimento vocale (valide per testi)prerequisiti e competenze prerequisiti e competenze elevateelementariautoapprendimento e utilizzo in dipendenza prolungata dall’adultoautonomiail computer è un gioco in ambito il computer è un compito in ambitofamiliare scolastico
  15. 15. IL PC A SCUOLA Accettazione e motivazione all‟uso del PC Prerequisiti e addestramento  Utilizzo della tastiera (cieca) con le dieci dita  Uso di un software di elaborazione testi Organizzazione dell‟attività scolastica  I ruoli  La preparazione dei documenti digitali  Rapporti tra scuola e casa
  16. 16. IL PC: STRUMENTO DI LAVORO Abilità AusiliScrivere un testo (Tastiera) Dattilo-braille elettronica Notex braille• Correggere un testo Display braille• Rileggere un testo Screen reader• Rielaborare un testo Sintesi vocale• Accedere autonomamente alibri e documenti digitalizzatiStampare un testo Stampante braille“Vedere” un disegno FornettoStampare un testo con codice (Stampante in nero)accessibile ai vedenti
  17. 17. DATTILO-BRAILLE ELETTRONICA  La dattilo-braille elettronica, è una apparecchiatura simile a quella normalmente utilizzata dalle persone non vedenti per la scrittura in braille  La differenza da quella tradizionale è rappresentata da una minor pressione nella digitazione e da funzioni aggiuntive quali la stampa (per piccole quantità), il collegamento ad un personal computer, la possibilità di collegare un display in nero
  18. 18. NOTEX BRAILLE Sono degli apparecchi compatti e piuttosto leggeri che danno al non vedente le principali opportunità offerte del computer (scrivere, rileggere, salvare) senza bisogno di periferiche aggiuntive. Hanno una tastiera braille, anziché labituale alfanumerica, e un display braille Sono ottimi per la loro maneggevolezza ma non offrono le prestazioni di un computer; alcuni modelli possono essere collegati al PC e funzionare anche come normale display braille 18 caratteri € 4.100 A causa della mancanza dello schermo, è 32 caratteri € 6.000 difficile condividere con altri il lavoro fatto; a scuola, ad esempio, con strumenti di questo tipo l„alunno rimane isolato
  19. 19. DISPLAY BRAILLE (BARRA BRAILLE / RIGA BRAILLE) E‟ un dispositivo di output Consente di leggere con il tatto (facendo scorrere i polpastrelli sulla barra), il testo che compare sul video, automaticamente convertito in codice Braille Ciascun carattere è rappresentato da una celletta con 8 forellini disposti in due file di 4 Il non vedente può leggere il testo 20 caratteri € 1.500 e procedere tramite dei pulsanti di scorrimento 40 caratteri € 3.500 Il display braille si presenta solitamente con 40 cellette; sono 80 caratteri € 7.000 disponibili anche a 20 o 80 caratteri
  20. 20. SCREEN READER Letteralmente, “lettori” di schermo Sono software che consentono una esplorazione in sequenza delle finestre e delle icone presenti sul video Permettono al non vedente di individuare il focus Le informazioni possono essere trasferite ad una barra braille HAL € 1.050 oppure ad un sintetizzatore vocale Gli screen reader offrono funzioni adatte per specifiche esigenze (navigazione Internet, gestione posta elettronica,...)
  21. 21. LA SINTESI VOCALE  Consente di leggere per mezzo di un altoparlante o di una cuffia qualunque testo  Nonostante la voce sia sempre un po metallica viene usato dai non vedenti che non conoscono il Braille  La sintesi è inoltre particolarmente apprezzata perché consente il controllo istantaneo della tastiera, si può cioè leggere e verificareProfessional € 1.520 immediatamente quello che si staStandard € 1.250 digitando  In pratica, per la persona non vedente, la sintesi vocale sostituisce il video
  22. 22. STAMPANTE BRAILLE  Imprime in rilievo dei punti su un foglio di cartoncino leggero, consentendo così la lettura tattile  Stampa un file di testo con circa 40 caratteri per riga e 30 righe per pagina  I modelli interpunto stampano fronte e retro calcolando automaticamente un certo sfasamento fra i caratteri impressi sui due lati, per impedire che i punti possano coincidere  Queste unità sono costose, rumorose e lenteIndex Everest € 3.300Index Basic S € 2.000
  23. 23. FORNETTO Si usa per la creazione di materiali in rilievo Usando una carta speciale a microcapsule è possibile creare immagini tattili In pratica: si disegna con un pennarello nero sulla capsule- paper e si fa passare il foglio nel Zychem zy-fuse fornetto Dove c‟è il tratto, le microcapsule Zychem zy-fuse € 1.040 “esplodono” e creano in Foglio A4 € 1,2 corrispondenza un rialzo Foglio A3 € 2,4 Si ottiene così una “figura in rilievo”, una sorta di mappa tattile che il non vedente può esplorare
  24. 24. LE MAPPE TATTILI
  25. 25. IL PC: STRUMENTO PER “FARE” Attività AusiliUtilizzo dei software Si utilizzano gli ausili cheapplicativi (es. “Office”) che permettono di superare iabbiano come output il limiti in input ed in outputformato testoNavigazione ed esplorazione Uso di uno screen readerdei siti internet abbinato ad una sintesi vocaleGestione della posta Come sopraelettronica Tuttavia solamente i software ed i siti internet specificatamente progettati rispettando le norme sull’accessibilità possono venire utilizzati
  26. 26. ISTRUZIONI PER L‟USO Come va adattato il PC  Il desktop va tenuto il più pulito possibile  Le icone più utilizzate vanno poste in alto a sinistra  Associare ai collegamenti tasti di scelta rapida Come va predisposta la postazione di lavoro  Deve essere facilmente raggiungibile  Occorrono due tavoli per l‟appoggio degli strumenti
  27. 27. ALCUNE (brevi) CONSIDERAZIONI Datemi un ausilio… che cosa ci vuoi fare? Chi decide? L‟ausilio non risolve i problemi, anzi! …quindi il migliore ausilio è quello che non costa niente e che non si vede Ma poi, serve davvero l‟ausilio?
  28. 28. SECONDA PARTE
  29. 29. CLASSIFICAZIONE (legale) DELL‟IPOVISIONE Lieve  residuo visivo non superiore a 3/10 sui due occhi o su quello migliore  residuo perimetrico binoculare inferiore al 60% Medio-grave  residuo visivo non superiore a 2/10 sui due occhi o su quello migliore  residuo perimetrico binoculare inferiore al 50% Grave  residuo visivo non superiore a 1/10 sui due occhi o su quello migliore  residuo perimetrico binoculare inferiore al 30% Cecità  residuo visivo non superiore a 1/20  residuo perimetrico binoculare inferiore al 3%
  30. 30. QUINDI L‟IPOVEDENTE…  Come vede?  Cosa vede?  Quanto vede?  In quali condizioni vede? Il problema maggiore è rappresentato dal non sapere esattamente queste cose, rendendo incerta la ricerca di soluzioni
  31. 31. POSSIBILI CAUSEOltre alle “normali” disfunzioni visive dovuteall‟invecchiamento esistono alcune patologie checompromettono la capacità visiva.Le più comuni sono: Cataratta Degenerazione maculare Glaucoma Retinopatia diabetica
  32. 32. VISIONE „NORMALE‟
  33. 33. CATARATTA
  34. 34. DEGENERAZIONE MACULARE
  35. 35. GLAUCOMA
  36. 36. RETINOPATIA DIABETICA
  37. 37. INGRANDIAMO? Potrebbe essere utile ingrandire i caratteri di un libro o di una etichetta per permetterne la lettura In questo caso può essere d‟aiuto una (più o meno) semplice lente di ingrandimento
  38. 38. IL VIDEOINGRANDITORE Serve per aumentare di un certo numero di volte i caratteri o le immagini da visualizzare L‟ingrandimento è regolabile tramite una manopola Solitamente è dotato di un vassoio mobile che facilita lo scorrimento dell‟oggetto o del libro sotto la telecamera
  39. 39. VARI TIPI Oltre a quello da tavolo, ingombrante, sono disponibili altri sistemi che è possibile collegare al PC o ad un semplice monitor Questi ultimi sono costituiti da una videocamera autofocus a focale variabile Da tavolo € 1.500 Videocamera € 3.000
  40. 40. VIDEOINGRANDITORI PORTATILI Li possiamo definire lenti d‟ingrandimento elettroniche Sono caratterizzati dalla possibilità di variare l‟ingrandimento, il contrasto, di congelare l‟immagine Possono essere utilizzati anche per firmare Vari prezzi € 600 € 1.500
  41. 41. PRO E CONTRO DEI SISTEMI INGRANDENTIPRO Molto comodi per la lettura di brevi testi Particolarmente utili per la consultazione di contenuti misti (testo e immagini) quali mappe o carte geograficheCONTRO La qualità dell‟ingrandimento non è sempre perfetta Un uso soddisfacente richiede una buona motricità I documenti di partenza devono essere di buon livello L‟uso è affaticante, non adatti quindi alla lettura di testi molto lunghi
  42. 42. LA POSTAZIONE DI LAVOROVa posta attenzione a: Illuminazione (naturale o artificiale) Colori e contrasti Riflessi e abbagliamenti Piano di lavoro (ergonomico) Posizionamento del banco vicino alla lavagna
  43. 43. LA LAVAGNA A TRACCIAMENTO LUMINOSO Polimetilmetacrilato incluso in cornici dalle quali viene immessa luce (come in una fibra ottica) La luce è invisibile fino a quando non raggiunge il tracciato di un pennarello Il tracciato emetterà luce intensa del colore del pennarello Lavagna delle dimensioni 160 x 110 cm
  44. 44. LA LAVAGNA A TRACCIAMENTO LUMINOSO E‟ uno strumento inclusivo poiché migliora le condizioni di visibilità a tutta la classe Permette ad un alunno ipovedente di seguire attività didattiche che prevedono l‟utilizzo di forme di rappresentazione grafica bidimensionale Sostituisce l‟uso della lavagna tradizionale Permette la partecipazione e lo svolgimento di prove di verifica alla pari fra tutti gli alunni E‟ possibile l‟uso in trasparenza
  45. 45. I QUADERNI FACILITATI
  46. 46. E IL PC?
  47. 47. L‟USO DEL PERSONAL COMPUTERI problemi di utilizzo del PC per un ipovedentesono legati:  alla tastiera standard  al monitor con risoluzione normale  alla necessità di continui movimenti (scroll) dello schermoL‟entità di queste difficoltà dipende dal grado e daltipo di ipovisione
  48. 48. LA TASTIERASono disponibili tastiere conpulsanti o caratteri ingranditiEsistono con caratteri neri susfondo bianco e viceversa Possono essere semplificate rispetto alla tastiera tradizionale
  49. 49. IL TASTIERONESoluzione economica ma efficace del progetto “Lettura agevolata” del comune di Venezia
  50. 50. IL TASTIERONE…anche bianco su nero!
  51. 51. IL MONITOR Almeno 19” o anche più, ma non troppo a causa del ridotto campo visivo A bassissima emissione per poter essere guardato da vicino Deve essere testato alla risoluzione di utilizzo
  52. 52. I SOFTWARE INGRANDENTI Sono programmi realizzati espressamente per utenti ipovedenti per consentire loro l‟utilizzo del PC in modo autonomo Consentono di ingrandire le parti dello schermo che, per le dimensioni troppo ridotte degli oggetti, non sono accessibili Dispongono di comandi di gestione che aiutano l‟utente a mantenere il controllo sullintera schermata
  53. 53. UN ESEMPIO: SUPERNOVA
  54. 54. I SOFTWARE INGRANDENTI QUALITA’ DELL’INGRANDIMENTO: non deve limitarsi all‟ingrandimento punto per punto, a causa dell‟effetto „a mosaico‟ FUNZIONALITA’ E COMPLETEZZA DEGLI STRUMENTI DI NAVIGAZIONE: devono consentire di passare velocemente dall‟ingrandimento del particolare alla visione d‟insieme della schermata e viceversa, scegliendo facilmente il punto da consultare STRUMENTI CHE FACILITANO LA LETTURA DI TESTI MOLTO LUNGHI: con vari tipi di scorrimento (verticale e orizzontale), con successione continua della lettura senza salti a fine riga, con la possibilità di isolare una riga alla volta PRESENZA DI UNA SINTESI VOCALE di buona qualità, per la lettura continua dei testi più lunghi
  55. 55. ADATTAMENTO DEL COMPUTER IMPOSTARE basse risoluzioni sui monitor per avere oggetti ingranditi REGOLARE l‟aspetto del desktop: usare combinazioni con caratteri molto grandi e contrasto elevato; eliminare le icone inutili; evitare assolutamente decorazioni o immagini di sfondo PER IL MOUSE utilizzare puntatori più grandi del normale e con vari contrasti e colori (PLF) UTILIZZARE le funzioni di „Accesso facilitato‟
  56. 56. (Centro) ACCESSO FACILITATO
  57. 57. L‟ACCESSIBILITA‟ DEI SITI WEB  I siti web devono rispondere ad alcuni requisiti per poterne permettere la navigazione a tutti  La difficoltà potrebbe consistere nella dimensione dei caratteri, nel colore dello sfondo o del testo, nell‟impossibilità della lettura da parte dello screen reader,… Esiste un consorzio (il W3C) che detta i requisiti Un sito web deve perlomeno passare la validazione automatica proposta da questo consorzio
  58. 58. TERZA PARTE
  59. 59. DIVERSI LIVELLI DI SORDITÀ Sordità lieve. 20/40 dB: solo la voce bisbigliata non viene percepita Sordità media. 40/70dB: la voce emessa a livello di normale conversazione non viene udita perfettamente Sordità grave. 70/90 dB : si percepiscono solo alcuni suoni delle parole anche se pronunciate a intensità elevata Sordità profonda. >90 dB: vengono percepiti solo i suoni più gravi e intensi aventi una notevole componente vibratoria
  60. 60. I TRE APPROCCI RIEDUCATIVI
  61. 61. METODO ORALISTATutti i metodi oralisti condividono l‟esclusione, nell‟educazione al linguaggio parlato e scritto, di qualsiasi uso dei segniPuntano da una parte sull‟allenamento acustico, dall‟altra sul potenziamento della lettura labialePrivilegiano la produzione piuttosto che la comprensioneLa grande differenza con gli altri due metodi non risiede solo nell‟uso dei segni, ma anche nella scelta di quali ambiti del linguaggio privilegiare (comprensione vs. produzione).
  62. 62. METODO MISTONel metodo logopedico misto o bimodale si utilizza l‟italiano segnato (IS): la parola vocale è accompagnata dal segno corrispondente„Bimodale‟ significa doppia modalità: vengono utilizzate la modalità acustico-verbale, poiché si parla, e la modalità visivo-gestuale, perché si segna, ma un‟unica linguaIn pratica, quando si parla con il bambino sordo, si dà un supporto gestuale a tutto quello che viene dettoViene data priorità alla comprensione del linguaggio rispetto alla produzione
  63. 63. EDUCAZIONE BILINGUE Il bambino viene esposto contemporaneamente alla lingua vocale ed alla LIS Si utilizza un canale integro (la vista) La difficoltà sta nell‟esporre precocemente alla LIS il bambino sordo figlio di genitori udenti, che non la conoscono , per cui questa non è veramente una seconda lingua madre La LIS potrebbe essere utilizzata anche per gli udenti in presenza di compromissioni della funzione comunicativa Ultimamente sempre più famiglie si orientano verso questo metodo
  64. 64. ESPOSIZIONE PRECOCE AL LINGUAGGIO E‟ importante esporre precocemente i bambini ad una lingua parlata. Il periodo critico per l‟acquisizione del linguaggio va dalla nascita ai tre anni e mezzo circa La mancata esposizione dei soggetti sordi nei primi anni di vita impedisce il normale sviluppo della lingua che anche nell‟eventualità di essere appresa presenta:  una certa rigidità lessicale  una marcata difficoltà a padroneggiare lessico, grammatica e sintassi della lingua  difficoltà a staccarsi dagli elementi percettivi  una notevole riduzione di informazioni e nozioni relative al mondo ed alla vita in genere
  65. 65. GLI AUSILI FUNZIONALI Protesi acustica Impianto cocleare
  66. 66. SOFTWARE DIAGNOSTICI E RIABILITATIVI  I software diagnostici consentono di effettuare uno screening sulla capacità uditiva dei bambini a partire dai 3-4 anni  I software riabilitativi consentono di programmare sessioni di riabilitazione in cui il bambino o l‟adulto sordo possono interagire col computer per mezzo di un microfono e avere in risposta un feed- back visivo dei segnali emessi
  67. 67. GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIAAvvisatori luminosi Telefoni multifunzione • Regolazione di tono e volume amplificato • Possibilità di varie suonerie e segnalazioni • Chiamata d‟emergenza • Segnalatore di chiamata • Cuscinetto vibrante • Amplificatore mobile
  68. 68. GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIA Sveglia a vibrazione  Cuffie wireless • Regolazione di tono e volume • Alta amplificazione
  69. 69. GLI AUSILI PER L‟AUTONOMIA Sistema ad induzione amplificata per portatori di protesi acustiche
  70. 70. LE STRATEGIE COMUNICATIVE Richiamare l‟attenzione con un cenno Richiamare l‟attenzione attraverso un contatto fisico «Attraversare» la conversazione Interrompere le conversazioni
  71. 71. LE STRATEGIE A SCUOLA1. Disporre gli arredi in modo da favorire l‟alunno nella lettura labiale (semicerchio)2. Parlare  con il viso rivolto verso la luce  di fronte all‟alunno (tutti seduti o tutti in piedi)  ad una distanza ottimale  non mentre si scrive alla lavagna3. Utilizzare anche il linguaggio non verbale4. Adattare la programmazione5. Semplificare i testi
  72. 72. GLI AUSILI PER LA DIDATTICA(L‟INFORMAZIONE VISIVA)Utilizzare lavagne luminose, computer collegatia videoproiettori, LIM
  73. 73. GLI AUSILI PER LA DIDATTICA(SOFTWARE)Per un non udente possiamo dividerli in:  sw per migliorare le abilità ortografiche e la lettura con lesercizio costante e mirato [vai]  sistemi multimediali adattivi che presentano le informazioni attraverso differenti modalità (lingua scritta, filmati in lingua dei segni, disegni e animazioni) [vai]  sistemi basati su micromondi per il potenziamento di abilità di tipo scientifico (risoluzione problemi astratti con rappresentazioni concrete) [vai]
  74. 74. GLI AUSILI PER LA DIDATTICA(SOFTWARE) Visono poi naturalmente tutti gli altri software „normalmente‟ utilizzati in ambito scolastico  Word processor e spreadsheet  Enciclopedie e prodotti multimediali in genere  Sw per mappe (concettuali o mentali) e schemi di vario genereIn ambito educativo si deve puntare su queisoftware che possano andare bene anche perun lavoro di gruppo. In questo modo si favoriscelintegrazione nella classe.
  75. 75. RICONOSCITORI DEL PARLATO Sono strumenti informatici in grado di ascoltare e trascrivere le parole pronunciate dalluomo. In questi casi laiuto al non udente consiste nel fare apparire sullo schermo del computer la trascrizione di quanto pronunciato al microfono. Dragon Naturally Speaking 10
  76. 76. IL PROGETTO VOICE……per sostenere la VOCE dei sordi conunazione di sensibilizzazione sulle potenzialitàdei sistemi di riconoscimento della VOCE Ha contribuito allo studio, allo sviluppo ed alla diffusione di ausili che potessero consentire agli audiolesi di divenire membri più attivi della nostra società. Dopo due anni, è nato un sistema di riconoscimento vocale in grado di sottotitolare, in tempo reale, conferenze, lezioni scolastiche e universitarie, conversazioni telefoniche, trasmissioni e spettacoli dal vivo.
  77. 77. VOICEMEETING Nellesperienza scolastica linsegnante parla rivolto alla classe utilizzando un microfono. Una telecamera riprende linsegnante, la lavagna, lambiente scolastico. Microfono e telecamera sono collegati ad un personal computer che, utilizzando VoiceMeeting crea sul monitor una immagine sottotitolata dalle parole pronunciate dallinsegnante. Limmagine può essere proiettata su grande schermo e messa a disposizione dellintera classe. Si raggiunge così lobiettivo di trasmettere a tutti gli alunni della classe, le stesse informazioni, con le stesse parole, nello stesso istante.
  78. 78. ALTRI PRODOTTI VoiceTranscribe: prodotto per la sbobinatura automatica di registrazioni audio (interventi a conferenze, lezioni universitarie…). Permette la revisione della trascrizione mantenendo la corrispondenza del testo scritto con la voce che lo ha generato. Utilizza sistemi di correzione rapida per aumentare la produttività dell‟operatore. VoiceSubtitler: prodotto per la realizzazione dei sottotitoli di un filmato. Crea i sottotitoli ed i time code, permettendo di visualizzare, tramite Windows Media Player, un filmato sottotitolato.
  79. 79. PER SAPERNE DI PIÙ Handitecno (handitecno.indire.it) Portale SIVA (portale.siva.it) Progetto Voice (voice.jrc.it) IPRASE (www.iprase.tn.it) FIADDA (www.fiadda.it) ENS (www.ens.it) AIES (www.aies.it)
  80. 80. RIFERIMENTI E‟ possibile rivedere questa presentazione sul sito del Centro Sensoriali all‟indirizzo cti.besta.it menù a destra “Ausili e sussidi” Per ulteriori approfondimenti sulle tematiche presentate è possibile consultare il sito Handitecno all‟indirizzo www.handitecno.indire.it

×