Linux vs. Windows - LinuxDay 2010 (Pistoia)

1,078 views

Published on

Linux vs. Windows al LinuxDay 2010 di Pistoia. A cura di Lorenzo Negri.

Published in: Technology, News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,078
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
37
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Linux vs. Windows - LinuxDay 2010 (Pistoia)

  1. 1. LINUXLINUX vs.vs. WINDOWSWINDOWS Lorenzo NegriLorenzo Negri
  2. 2. Gemelli diversi: un computer, due sistemi operativi e l’ utente. Chi vincerà? La grande sfida
  3. 3. GNU/Linux esiste in più di 400 diverse “forme”, tutte uguali e tutte diverse, che sono le Distribuzioni. Windows è più tranquillo: 2000, XP, Vista, Seven e le versioni server. Numeri a confronto
  4. 4. SUPPORTO HARDWARE Windows supporta qualsiasi tipo di periferica per cui siano disponibili i relativi driver. Questi, spesso, non sono integrati nel S.O. ma forniti a corredo. Il kernel Linux integra i driver al suo interno e ad ogni aggiornamento (ultimo è il 2.6.36) espande costantemente il suo supporto hardware.
  5. 5. PERIFERICHE supportate non supportate assenza di driver proprietari assenza di driver proprietari e open source Linux può girare virtualmente su qualunque piattaforma. In pratica ciò è limitato dai produttori hardware, che non rilasciano al pubblico le specifiche dei loro prodotti.
  6. 6. Prima di passare a GNU/Linux è buona norma accertarsi del supporto offerto dal pinguino al proprio computer. stampanti: http://linuxprinting.org/ notebook: http://linux-laptop.net/ MID: http://tuxmobil.org/ audio: http://www.alsa-project.org scanner: http://www.sane-project.org/ .....
  7. 7. SUPPORTO SOFTWARE Su Windows gira un vasto numero di programmi (gratis e non). Su Linux gira un numero ben più elevato di programmi, gratis e non, perchè chiunque può scriverne uno (e sono in tanti..).
  8. 8. Per fare un esempio, Debian, una delle maggiori e più antiche distribuzioni (è del 1993) viene fornita liberamente scaricabile con un corredo di oltre 25.000 (VENTICINQUEMILA!) programmi differenti.
  9. 9. Notevole differenza tra Windows e Linux è il mancato supporto per quest’ ultimo da parte dei programmi commerciali (Office, Photoshop, Cinema 4D, AutoCad...). Anche in questo caso la chiave sta tutta nella volontà della casa produttrice di quel software a renderlo o meno disponibile per il pinguino.
  10. 10. Ma gli conviene? fonte: http://en.wikipedia.org/ NO! (non ancora..)
  11. 11. IL CASO ANDROID Google è riuscita in due anni a ritagliarsi una buona fetta di mercato e non sembra affatto intenzionata a fermarsi.. Android è basato su Linux! fonte: http://en.wikipedia.org/
  12. 12. Mica solo lui.. MeeGo OS (Intel e Nokia) Symbian (Nokia) reso open source Bada OS (Samsung)
  13. 13. L’ utente ne ha davvero bisogno?L’ utente ne ha davvero bisogno? Chi utilizza il computer per studio oppure lavoro e deve per forza adoperare quel detarminato programma ha poche alternative. Gli home users, la grande maggioranza degli utenti pc, invece, possono tranquillamente giocherellare con i sostituti open dei loro vecchi programmi closed.
  14. 14. MS Office → LibreOffice; Photoshop → The GIMP; Illustrator → Inkscape; Publisher → Scribus; AutoCad → Bricscad; 3D Studio Max → Blender; Premiere → Cinelerra; Soundbooth → Ardour. La qualità di questi programmi è molto alta. Sono vere alternative di livello professionale.
  15. 15. Il problema? Dover imparare di nuovo ad usare un programma. La soluzione? Cominciare ad usare quei programmi open direttamente su Windows.
  16. 16. Internet Explorer → Firefox, Chrome; Outlook Express → Thunderbird, Evolution; Windows Media Player → VLC, Totem; Emule → aMule; Bittorrent → Deluge, Transmission, Vuze; VirtualDub → Avidemux; Nero Burning Rom → K3B, Brasero; MSN → aMSN, Jabber, Pidgin; Skype → Skype for Linux. ...e molto ancora
  17. 17. In pratica i due scogli in cui si può incappare passando a GNU/Linux sono l’ eventualità di non poter più usare una periferica hardware, oppure un determinato programma. Ma una volta presa coscienza di questo diventa tutto più facile!
  18. 18. Per rendere mite, quasi trasparente, la migrazione i consigli fondamentali sono: 1. abituarsi su Windows al software Open Source; 2. provare la distribuzione prescelta in Live; 3. più importante ancora, installare GNU/Linux in modalità dual boot; 4. se necessario, virtualizzare Windows.
  19. 19. Una grandissima dote di GNU/Linux è la possibilità di avere in pochi minuti un sistema pronto all’ uso, senza disturbare Windows, attraverso l’ uso delle distribuzioni Live. Tentar non nuoce (e qui è veramente vero!) LIVE
  20. 20. DUAL BOOT È il miglior modo per avere la botte piena e la moglie ubriaca. Si installano entrambi i sistemi operativi in modo da avere sia i programmi irrinunciabili su Windows, che la versatilità e la potenza di Linux. I due convivono senza problemi.
  21. 21. Una schermata di multi–boot
  22. 22. MACCHINA VIRTUALE VirtualBox in azione
  23. 23. Ok, i programmi ci sono. Ma GNU/Linux è semplice da usare? dipende.. Gentoo, Slackware, ArchLinux (brutte e cattive) Ubuntu, Mageia, Fedora, OpenSUSE (belle e buone) USABILITÀ
  24. 24. In rete sono a nostra completa disposizione quantità stratosferiche di materiale didattico su Linux e derivati. E la comunità Open Source, di cui il PtLUG fa parte, è sempre disponibile a venire in aiuto (forum, blog, wiki). SUPPORTO
  25. 25. PERCHÉ GNU/LINUX È gratis e legale. È solido, sicuro, aggiornato e “invecchia bene”... È pressoché immune a virus, spyware, trojan, dialer, rootkit et similia. e....
  26. 26. Se io e te abbiamo una mela e ce le scambiamo, restiamo con una mela a testa; ma se io e te abbiamo un’ idea e ce le scambiamo, abbiamo entrambi due idee. George Bernard Shaw Nobel per la Letteratura 1925

×