Elementi di SEO

2,230 views

Published on

Principali nozioni di SEO (ottimizzazione per i motori di ricerca) utili per migliorare l'indicizzazione

Published in: Education, Technology, Design

Elementi di SEO

  1. 1. Elementi di SEO di Andrea Spila Corso di scrittura e comunicazione web per bibliotecari Università di Modena e Reggio Emilia
  2. 2. Agenda <ul><li>Acronimi </li></ul><ul><li>Che cosa è il SEO? </li></ul><ul><li>Perché è utile? </li></ul><ul><li>Parole chiave: l’ingrediente base del SEO </li></ul><ul><li>Ottimizzazione on-page </li></ul><ul><ul><li>Title </li></ul></ul><ul><ul><li>Metatag </li></ul></ul><ul><ul><li>Body </li></ul></ul><ul><ul><li>Titoli (Heading: H) </li></ul></ul><ul><ul><li>Attributi ALT (IMG) </li></ul></ul><ul><ul><li>Link ipertestuali </li></ul></ul>
  3. 3. Acronimi <ul><li>SERP: Search Engine Result Page </li></ul><ul><li>SEM: Search Engine Marketing </li></ul><ul><li>PC: Parole Chiave </li></ul><ul><li>FC: Frasi Chiave </li></ul><ul><li>MdR: Motore di Ricerca </li></ul><ul><li>URL: Uniform Resource Locator </li></ul><ul><li>W3C: World Wide Web Consortium (www.w3c.org) </li></ul>
  4. 4. SEO: che cosa è? <ul><li>SEO: Search Engine Optimization </li></ul><ul><li>(ottimizzazione per i motori di ricerca) </li></ul><ul><li>Insieme di attività utili a migliorare il posizionamento delle pagine web sui motori di ricerca </li></ul><ul><li>Comprende ottimizzazione on-page e off-page </li></ul>
  5. 5. SEO: perché è utile? <ul><li>Il 90% delle persone trovano i contenuti sul web tramite i motori di ricerca* </li></ul><ul><li>L’ 84% delle persone non vanno oltre la seconda pagina dei risultati di Google** </li></ul><ul><li>Il 65% delle persone non clicca sui link sponsorizzati* </li></ul>* David Viney, Get to the top on Google ** OneUp.com *** uSwitch.com
  6. 6. Parole chiave: l’ingrediente base <ul><li>L’analisi accurata delle parole chiave è un aspetto essenziale di qualsiasi attività SEO </li></ul><ul><li>Ci sono vari strumenti e risorse per identificare le parole chiave adatte al nostro scopo: </li></ul><ul><ul><li>Google Analytics e altri strumenti statistici </li></ul></ul><ul><ul><li>Concorrenza </li></ul></ul><ul><ul><li>Strumenti software per la ricerca di parole chiave </li></ul></ul><ul><ul><li>Brainstorming </li></ul></ul>
  7. 7. Parole chiave: consigli pratici <ul><li>Usare le PC che usano i vostri utenti </li></ul><ul><li>Evitare preconcetti sulle PC sulle quali ottimizzare </li></ul><ul><li>Concentrarsi sui fatti, non sulle opinioni personali </li></ul>
  8. 8. Parole chiave: uso <ul><li>Tre principi fondamentali per l’uso delle PC: </li></ul><ul><ul><li>Prominenza </li></ul></ul><ul><ul><li>Prossimità </li></ul></ul><ul><ul><li>Densità </li></ul></ul><ul><li>In ogni sezione di testo: </li></ul><ul><ul><li>nome del dominio </li></ul></ul><ul><ul><li>URL </li></ul></ul><ul><ul><li>metatag </li></ul></ul><ul><ul><li>title </li></ul></ul><ul><ul><li>ecc. </li></ul></ul>
  9. 9. Parole chiave: i tre principi <ul><li>Prominenza Una PC che si trova più vicina all’inizio di una data sezione di testo è quella a cui viene data maggiore importanza e rilevanza </li></ul><ul><li>Prossimità Più vicine tra loro sono due parole chiave che costituiscono una frase chiave e maggiore è il peso che viene dato a tale frase chiave </li></ul><ul><li>Densità </li></ul><ul><li>La densità viene calcolata moltiplicando il numero di parole in una frase chiave per la frequenza della frase chiave, diviso il numero totale di parole </li></ul>
  10. 10. Ottimizzazione on-page <ul><li>L’ ottimizzazione on-page indica le tecniche che possiamo utilizzare per migliorare il posizionamento agendo direttamente sul nostro sito </li></ul><ul><li>L’ ottimizzazione off-page riguarda invece fondamentalmente il ranking del sito sulla base del numero e della qualità dei link in ingresso </li></ul>
  11. 11. Ottimizzazione on-page <ul><li>Gli elementi sui quali possiamo agire sul sito sono: </li></ul><ul><ul><li>Title </li></ul></ul><ul><ul><li>Metatag </li></ul></ul><ul><ul><li>Titoli (Heading: H) </li></ul></ul><ul><ul><li>Body </li></ul></ul><ul><ul><li>Link ipertestuali </li></ul></ul><ul><ul><li>Attributi ALT (IMG) </li></ul></ul>
  12. 12. <ul><li>Un elemento fondamentale per motivi di trovabilità e di usabilità </li></ul><ul><ul><li>Nell’algoritmo di Google ha il peso maggiore tra gli elementi on-page (SEO) </li></ul></ul><ul><ul><li>Aiuta gli utenti a decidere se raggiungere la pagina indicizzata dalla pagina dei risultati del motore (SEM) </li></ul></ul><ul><ul><li>Aiuta gli utenti a navigare all’interno del browser (es. come titolo delle schede) </li></ul></ul><ul><ul><li>Viene utilizzato a volte per descrivere la pagina all’interno delle directory </li></ul></ul><ul><li>Si tratta di quattro usi diversi che richiedono scelte diverse, che vanno bilanciate quando si scrive il contenuto del tag </li></ul>Ottimizzazione del tag Title
  13. 13. <ul><li>Quale lunghezza per il tag Title? </li></ul><ul><li>Il W3C propone max 64 caratteri, compresi spazi </li></ul><ul><li>Google taglia a 66 caratteri o all’ultima parola completa </li></ul><ul><li>Yahoo taglia intorno ai 70 caratteri </li></ul><ul><li>La lunghezza massima visualizzata dal browser (nella barra del titolo) varia tra i 75 e i 95 caratteri (IE) </li></ul>Lunghezza del tag Title
  14. 14. Ottimizzazione metatag Description <ul><li><meta name=“description” content=“ Descrizione dei contenuti della pagina ” /> I metatag sono sempre meno importanti dal punto di vista SEO perché molti MdR li ignorano </li></ul><ul><li>Ma ci sono almeno due motivi per dare attenzione al metatag Description : </li></ul><ul><ul><li>Nelle SERP appaiono a volte nello snippet sotto al link (= TITLE) </li></ul></ul><ul><ul><li>Vengono utilizzati per descrivere le pagine delle directory </li></ul></ul>
  15. 15. Esempio di risultato su Google LINK=Title della pagina SNIPPET= Metatag Description
  16. 16. Scrivere una buona Description <ul><li>La Description deve contenere 24-26 parole suddivise in due frasi di lunghezza simile. </li></ul><ul><li>È consigliabile non superare i 180 caratteri (e limitarsi idealmente a 160) </li></ul><ul><li>Inserire nelle due frasi una delle due principali frasi chiave della pagina (una per frase). </li></ul>
  17. 17. Ottimizzazione metatag Keywords <ul><li><meta name=“keywords” content=“ PC1,PC2,PC3,... ” /> </li></ul><ul><li>Google la ignora ma alcuni motori la considerano ancora per cui alcuni autori ritengono che convenga scriverla comunque </li></ul><ul><li>Può essere in ogni caso un utile esercizio di valutazione delle PC sulle quali si basa la pagina </li></ul>
  18. 18. Metatag Keywords: consigli utili <ul><li>Separare le frasi chiave tra loro con una virgola ma senza spazio </li></ul><ul><li>Non usare il maiuscolo </li></ul><ul><li>Usare il plurale </li></ul><ul><li>Non utilizzare più di 50 parole (idealmente 35) </li></ul><ul><li>Assicurarsi che tutte le frasi chiave elencate nel metatag compaiano anche in altri elementi della pagina (TITLE, DESCRIPTION, tag H, attributo ALT e BODY) </li></ul>
  19. 19. Ottimizzazione testo nel BODY <ul><li>Lunghezza ottimale della pagina: 450-600 parole </li></ul><ul><li>Uso del grassetto per evidenziare le principali parole chiave </li></ul><ul><li>Evitare il sottolineato ! </li></ul><ul><li>Suddividere il testo in paragrafi ( tag <p> ) in cui le frasi chiave principali compaiano all’inizio </li></ul>
  20. 20. Ottimizzazione tag Heading (H) <ul><li>Un elemento fondamentale, il più importante (ai fini SEO) dopo il tag TITLE </li></ul><ul><li><h1> Titolo della pagina </h1> </li></ul><ul><li><h2> Sottotitolo della pagina </h2> </li></ul><ul><li>È consigliabile non andare oltre il secondo livello </li></ul><ul><li>Max. 5-7 tag H per pagina </li></ul><ul><li>L’uso di sottotitoli all’interno della pagina è anche utile per aiutare i lettori a orientarsi nella pagina ed effettuare la scansione dei contenuti </li></ul>
  21. 21. Ottimizzazione dell’attributo ALT <ul><li>Considerare i lettori prima dei MdR (la pagina è scritta soprattutto per loro!) </li></ul><ul><li>L’attributo ALT (in IMG) è stato concepito per: </li></ul><ul><ul><li>aiutare gli utenti di browser testuali </li></ul></ul><ul><ul><li>aiutare gli ipovedenti con browser vocali </li></ul></ul><ul><li>Qualche consiglio pratico: </li></ul><ul><ul><li>Inserire un attributo ALT per ogni immagine, ma non per gli spaziatori </li></ul></ul><ul><ul><li>Il testo alternativo deve descrivere l’immagine in modo fedele </li></ul></ul><ul><ul><li>È anche possibile sfruttare gli ALT per inserire PC ma senza esagerare </li></ul></ul><ul><ul><li>Evitare di inserire l’espressione “Immagine di...” </li></ul></ul>
  22. 22. Altri elementi da ottimizzare <ul><li>Breadcrumb (nella parte superiore della pagina) es. Home » Corsi di lingua » Corsi di lingua inglese Un’area dove è possibile inserire molte parole e frasi chiave e che contiene link alle pagine del sito </li></ul><ul><li>Link ipertestuali (interni al sito e verso l’esterno) I link interni sono utili se contengono parole chiave nella descrizione del link. I link che portano a siti esterni sono utili a fini SEO se conducono a siti con PR elevato e di argomento affine. </li></ul>
  23. 23. In sintesi... <ul><li>Nella <HEAD> concentrare l’attenzione su TITLE e metatag DESCRIPTION e KEYWORDS , con particolare attenzione ai primi due elementi </li></ul><ul><li>Nome di dominio e URL sono altre aree da considerare per le PC </li></ul><ul><li>Non perdete di vista altre utili aree come l’attributo ALT delle immagini (tag IMG) </li></ul><ul><li>Non dimenticate di usare i sottotitoli ricchi di parole chiave ( tag Heading: H ) </li></ul><ul><li>Scrivete il testo principale ( BODY ) in modo conciso, ricco di parole chiave e di sinonimi </li></ul>
  24. 24. In conclusione... <ul><li>SCRIVETE PENSANDO </li></ul><ul><li>PRIMA DI TUTTO AI VOSTRI LETTORI </li></ul><ul><li>E POI AI MOTORI DI RICERCA </li></ul><ul><li>( USABILITÀ E TROVABILITÀ ) </li></ul><ul><li>E SCOPRIRETE CHE SPESSO LE DUE ATTIVITÀ NON SONO IN CONFLITTO TRA LORO </li></ul>
  25. 25. <ul><li>Grazie per la vostra </li></ul><ul><li>attenzione! </li></ul>[email_address]

×