Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

RENA e la Sharing Economy

1,519 views

Published on

L'Associazione RENA è stata partner di Coppa+Landini per l'Explore Talk di luglio 2015 dedicato alla "Sharing Economy". Questa presentazione racconta chi è RENA e quali iniziative sta portando avanti a livello nazionale su questo ambito.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

RENA e la Sharing Economy

  1. 1. • RENA nasce nel 2007 come associazione di ispirazione civica e indipendente. • Visione: vogliamo un Paese aperto a sperimentare politiche innovative, in cui le soluzioni ai problemi siano formulate e gestite in modo più collaborativo e trasparente, nel quale gli attori pubblici e privati si sentano responsabili delle proprie azioni verso la comunità. • Obiettivo: aggregare una consapevole e diffusa domanda di cambiamento, di innovazione, di buona politica, che possa chiedere e ottenere con più forza le riforme necessarie. • Metodo: mettere in rete cittadini e comunità del cambiamento per interpretare in chiave innovativa le sfide occupazionali, culturali e formative nei contesti in cui operiamo.
 RENA in breve
  2. 2. • Apertura sul mondo, alle idee, nei confronti delle persone per mantenersi disponibili al confronto con contenuti e metodi di lavoro all’avanguardia. • Responsabilità delle proprie intenzioni e delle conseguenze delle proprie azioni per migliorare la vita della propria comunità di riferimento. • Trasparenza nelle parole e nelle azioni per accelerare la potenza creativa di un gruppo e aumentarne la credibilità e la capacità di ottenere risultati. • Equilibrio della pluralità delle opinioni, dei bisogni e delle aspettative per consentire una gestione del cambiamento duratura e condivisa Valori: vogliamo un Paese a regola d’ARTE
  3. 3. • La qualità della democrazia -> Vogliamo che l’Italia diventi una democrazia migliore, aperta alle nuove idee e alla partecipazione attiva dei cittadini nella definizione del bene comune.
 • Lo sviluppo delle comunità locali -> Pensiamo che i territori siano protagonisti del cambiamento e vogliamo mettere al loro servizio le conoscenze tecniche e il trasferimento di buone prassi.
 • Formazione e talento -> Investire sull’educazione e sulla conoscenza è prioritario al fine di creare opportunità di crescita per le nuove generazioni, rafforzare la cultura del merito, liberare quel talento di cui ognuno dispone.
 • Innovazione sociale -> Coltivare la creatività dei cittadini e diffondere l’innovazione di metodo delle PA, che devono divenire piattaforme abilitanti delle migliori competenze del Paese. • Cultura -> La cultura è una visione del mondo e insieme un settore socioeconomico in piena trasformazione. Vediamo la cultura come driver di innovazione sociale, nel rapporto dinamico tra settore pubblico e privato. Temi
  4. 4. 5 5 edizioni | 170 partecipanti 28 agosto | 2 settembre 2015 Matera
  5. 5. 6 175 candidature Rieti - centro città 30 ettari 23 selezionati 10 giorni
  6. 6. I primi confini • La sharing economy trasformativa è quella in cui le relazioni sociali cambiano in meglio, si costruiscono legami sociali solidi e duraturi basati sul supporto reciproco e nelle imprese vengono a crearsi elementi dei Commons – cioè delle cooperative – caratterizzati da una gestione collettiva e comunitaria delle risorse o dell’impresa stessa. • La sharing economy transazionale e i suoi processi rinforzano le sperequazioni sociali già esistenti e si basano su relazioni sociali scarse ed effimere. Tutte le transazioni delle imprese che appartengono a questo modello, inoltre, si inseriscono perfettamente nel mercato attuale. L’impresa di questo tipo infatti è una commodity che un ristretto gruppo di proprietari cerca di piazzare sul mercato ricavandone il massimo. Neil Gorenflo - Shereable
  7. 7. I primi confini sharing of productive assets recirculation of goods (eaby) increased utilization of durable assets (zipcar, uber) exchange of services (banche del tempo) Juliet Schor - Boston College
  8. 8. 13
  9. 9. Grazie per l’attenzione. @matteobram
  10. 10. www.progetto-rena.it 
 facebook.com/rena.arte 
 @ProgettoRENA 
 segreteria@progetto-rena.it
  11. 11. Credits • builder by Alex Tai from the Noun Project • Loop by Dmitry Baranovskiy from the Noun Project • treasure map by Ryan Mochal from the Noun Project • Recirculate Vehicle Air by Lloyd Humphreys from the Noun Project • arrows by Stéphanie Rusch from the Noun Project • swap by Evan Shuster from the Noun Project • http://www.collaboriamo.org/la-sharing-economy-transazionale-e-trasformazionale-intervista-con- neal-gorenflo-al-ritorno-dalla-sharing-school/ • http://www.greattransition.org/publication/debating-the-sharing-economy#sthash.M5EIje1t.dpuf

×